Emilio Barzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emilio Barzini (o Barrese)
Don Emilio Barzini (Barrese nella versione italiana originale del primo film) presiede il meeting tra i boss
Don Emilio Barzini (Barrese nella versione italiana originale del primo film) presiede il meeting tra i boss
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
Soprannome

Il lupo

Autore Mario Puzo
1ª app. in Il padrino
Interpretato da Richard Conte
Voci italiane
Sesso Maschio
Professione Boss dell'omonima famiglia
Affiliazione Famiglia Barzini

Emilio Barzini è un personaggio di finzione nel romanzo di Mario Puzo Il padrino. Nell'omonimo film di Francis Ford Coppola è interpretato da Richard Conte. Nella prima edizione italiana del film e nell'omonimo videogioco si chiama Emilio Barrese.

La vita[modifica | modifica sorgente]

Don Barzini è il boss di una delle cinque famiglie di New York, ed esercita il potere in competizione con Don Vito Corleone. Ha interessi nel traffico di droga, nel gioco d'azzardo e nella prostituzione, oltre che nel Nevada, a Las Vegas. A differenza di Corleone e Ottilio Cuneo, non è considerato un "Mustache Pete" e gode di un grande rispetto fra i capi mafiosi più giovani.

È rispettato anche dalla famiglia Corleone, al punto che è fra gli invitati al matrimonio di Connie Corleone. Tuttavia, quando Don Vito rifiuta il suo appoggio nel traffico di eroina, Barzini segretamente cospira con le altre famiglie per far guerra ai Corleone, forzandole a far pace e ad aprire il loro territorio al traffico di droga. Contatta Carlo Rizzi con un piano per attirare Santino Corleone ad un casello autostradale, dove Santino cade in un agguato e viene ucciso. Don Corleone, come conseguenza dell'uccisione del figlio, accetta di dare la sua protezione all'affare della droga e di non rompere la pace, a patto di far rientrare a New York l'altro figlio, Michael, che si trovava in Sicilia.

Non ancora soddisfatto, Barzini inizia a conquistare il territorio dei Corleone a New York, e corrompe il caporegime dei Corleone a Brooklyn, Salvatore Tessio, per organizzare un'altra conferenza di pace, dove Michael avrebbe dovuto essere ucciso. I Corleone, però, erano a conoscenza da tempo dei progetti di Barzini, e il giorno dell'incontro Barzini (come i boss delle altre famiglie) viene assassinato dal picciotto dei Corleone Al Neri, che, travestito da poliziotto, uccise il Don e la sua guardia del corpo nei pressi del tribunale di New York.

Nel videogioco del 2006, Barzini uccide Johnny, il padre del protagonista, causando un sentimento di vendetta. Nel gioco Barzini viene ucciso dal protagonista, sempre di fronte al tribunale, aiutato da Al Neri.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]