Purple Gang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Template-info.svg
Membri della Purple Gang.

La Purple Gang era una banda criminale di origine ebraica che operava principalmente a Detroit dal 1927 al 1932. I membri erano principalmente figli di immigrati di bassa estrazione socio-economica, tendenzialmente ebrei di origine russa.

Fin dall'inizio si distinsero per il loro comportamento violento. Il nome derivò da un episodio accaduto quando ancora giovani compivano atti vandalici per Detroit: un macellaio vittima della gang, rivolgendosi alla polizia, disse:" Quei ragazzi non sono come i loro coetanei, sono senza colore" ed il poliziotto rispose "Sì, sono marci, sono violacei come la carne andata a male, sono una Purple Gang";

Quando entrò in vigore la legge sul proibizionismo, la banda capì la potenzialità di affari nel commercio clandestino di alcolici. Comandavano essenzialmente i quattro fratelli Abe, Joe, Raymond e Isadore Bernstein. Rubavano i carichi di bottiglie anche ad altre bande consolidate e spesso uccidevano tutti.

La Purple Gang venne anche usata come terrorismo da di alcuni sindacalisti corrotti in una guerra tra sindacati, la "Cleaners and Dyers War".

Anche Al Capone a Chicago iniziò ad acquistare da loro il whisky canadese per evitare di iniziare una guerra sanguinosa con la gang. Per diverso tempo i membri della gang ebbero una particolare immunità dai controllo della polizia, fino a quando la banda sparì per faide interne, principalmente in quello che venne definito il "Massacro di Collingwod".

La Purple Gang è anche nominata nel film "Agente 007 - Missione Goldfinger". Il suo boss Helmut M. Springer è presente ad una riunione con Goldfinger, per essere poi ucciso da Oddjob, l'autista di Goldfinger, mentre lo portava all'aeroporto, a causa del suo rifiuto di partecipare all'Operazione Grande Slam.