Frederick Keinszig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Frederick Keinszig
Keinszig in fuga dai sicari di Vincent Mancini
Keinszig in fuga dai sicari di Vincent Mancini
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
1ª app. in Il padrino - Parte III
Ultima app. in Il padrino - Parte III
Interpretato da Helmut Berger
Voce italiana Roberto Del Giudice
Sesso Maschio
Professione banchiere
Affiliazione Chiesa cattolica

Frederick Keinszig è un personaggio di finzione del film Il padrino - Parte III di Francis Ford Coppola. È interpretato da Helmut Berger.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Frederick Keinszig è un ricco e potente banchiere svizzero, noto negli Anni Sessanta e Settanta con il nome di "Banchiere di Dio". Fortemente influente all' interno della Banca Vaticana, è uno stretto collaboratore dell'Arcivescovo Gilday, capo dell' istituzione della Santa Sede.

È membro di un illecito giro di denaro riciclato guidato dal subdolo Licio Lucchesi, a capo dei vertici del potere in Italia, Gilday e Don Altobello.

Nel 1979 tenta di coprire uno scandalo bancario dietro al quale vi sono i suoi soci in affari, i quali rifiutano l'entrata di Michael Corleone alla gestione dell'Internazionale Immobiliare, controllata in parte dal Vaticano.

Nascostosi a Londra per sfuggire dai suoi nemici, viene scoperto dai sicari di Don Corleone, i quali lo soffocano, e ne impiccano il corpo morto sotto un ponte.

Realtà storica[modifica | modifica sorgente]

Il personaggio è ispirato alla figura del banchiere milanese Roberto Calvi; da notare inoltre che il cognome scelto per questo personaggio è assai simile a quello di Manuela Kleinszig, compagna di Flavio Carboni, con il quale era stata imputata per l'omicidio dello stesso Calvi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]