Il padrino (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il padrino (The Godfather)
Padrino.jpg
Una scena del gameplay
Sviluppo Electronic Arts
Pubblicazione Electronic Arts
Data di pubblicazione marzo 2006
Genere Azione
Piattaforma Microsoft Windows, PlayStation 2, Nintendo Wii, PlayStation Portable, Xbox 360, PlayStation 3

Il padrino è un action-game sviluppato dalla Electronic Arts, tratto dall'omonimo film. Il gioco vanta un'ottima grafica ed un immenso free-roaming per la New York degli anni quaranta. Nel 1991 venne rilasciato un gioco per pc basato sulla trilogia e sviluppato dalla US Gold.

Ne è stato prodotto un sequel, intitolato Il padrino II.

Progetto del videogioco[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004, la EA Games, software house americana, cominciò a sviluppare il videogioco de Il padrino, tratto dal celebre film di Francis Ford Coppola e dall'omonimo libro di Mario Puzo.

Pochi mesi prima di morire, Marlon Brando - Don Vito Corleone nella pellicola - concesse la sua immagine per il videogioco. Così tutti gli attori del film si prestarono per il progetto, tranne Al Pacino, alias Michael Corleone, e Francis Ford Coppola, in quanto hanno considerato il gioco violento e diseducativo. È presente anche il celebre tema principale della trilogia tratto dalla colonna sonora originale di Nino Rota. Il gioco viene ambientato in quattro capitoli: il primo nel 1945, poi nel 1946, nel 1950 e nel 1955 sino al battesimo del nipote di Michael Corleone.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il prologo del gioco inizia nel 1936, quando Johnny Trapani, che gestisce un panificio di Little Italy con la moglie Serafina, viene ucciso da Don Barrese per la sua fedeltà ai Corleone e i suoi buoni rapporti con alcuni pezzi grossi della Famiglia. Suo figlio, Turi Corleone, allora dodicenne, è accecato dalla rabbia, ma prima che possa commettere qualche sciocchezza viene fermato da Don Vito Corleone che gli promette che un giorno, quando sarà grande, potrà vendicarsi.

Alcuni anni dopo, nel 1945, durante il matrimonio della figlia Connie, Don Corleone riceve la supplica di Serafina di allontanare il figlio dalle brutte compagnie che sta frequentando e di prenderlo sotto la propria ala protettiva per farlo entrare nella Famiglia.

Don Vito incarica del compito il suo fedele sicario Luca Brasi, che salva Turi dal pestaggio dei suoi ex-complici e lo inizia al mondo della malavita organizzata insegnandogli a riscuotere il pizzo, a sparare e a destreggiarsi al meglio nel mare di criminalità che caratterizza le strade di New York. Il primo incarico ufficiale di Turi Corleone consiste nell'affiancare Paulie Gatto e Monk Malone nel raid punitivo contro i balordi che hanno aggredito la figlia di Amerigo Bonasera, cominciando a mettersi in luce fin dall'inizio. Un giorno accompagna Luca Brasi all'incontro con Virgil Sollozzo e Bruno Tattaglia, e appena l'incontro si conclude con l'uccisione del suo mentore riesce ad uccidere l'assassino a fare ritorno al quartiere Little Italy dove informa Monk del terribile accaduto. Nello stesso momento Don Vito subisce l'attentato per mano dei sicari assoldati da Sollozzo, e la sorella di Monk, Frankie, viene presa in ostaggio dagli assassini. Turi riesce a salvare la ragazza e a portare in tempo il Don all'ospedale entrando nella famiglia Corleone con il grado di picciotto, quindi riceve da Peter Clemenza l'incarico di sorvegliare l'edificio per timore che Sollozzo possa tentare qualche brutto tiro ai danni del Padrino. Ancora una volta Turi salva sia Don Vito che Frankie, di cui si è ormai innamorato, da un agguato dei Tattaglia, famiglia rivale dei Corleone.

Poco tempo dopo, assieme a Peter Clemenza, uccide Paulie Gatto, che aveva tradito il Don schierandosi dalla parte di Sollozzo e permettendo l'agguato, si reca poi a Los Angeles per punire Jack Woltz: è arrivato il momento di colpire al centro della faccenda; Michael Corleone deve uccidere Virgil Sollozzo e il capitano McCluskey che gli aveva tirato un pugno precedentemente. Riuscirà a supportarlo nell'omicidio vendicando Luca Brasi, e nel frattempo elimina per ordine di Peter Clemenza e Sal Tessio alcuni dei più noti esponenti delle famiglie rivali.

Tutto ciò gli vale il plauso e la stima dei capi della Famiglia, oltre che un notevole avanzamento di grado, e per i suoi servigi viene premiato con un appartamento a Midtown dove va' a vivere con Frankie. Le sue azioni però lo rendono un bersaglio delle famiglie rivali, e un brutto giorno Frankie viene rapita dai sicari agli ordini di Bruno Tattaglia ed in seguito verrà uccisa dallo stesso Bruno in una chiesa di Brooklyn.

Turi riesce ad ottenere la propria vendetta grazie a Sonny, pestando a sangue uno degli uomini che avevano partecipato alla spedizione e uccidendo successivamente lo stesso Bruno Tattaglia gettandolo in un forno crematorio.

Poco tempo dopo il ragazzo assiste all'uccisione di Sonny nell'agguato al casello autostradale, e al meeting organizzato tra le Cinque Famiglie incontra Don Barrese, che tuttavia non lo riconosce. Quando Michael diviene capofamiglia gli giura fedeltà e per suo conto partecipa ad una missione assieme a Monk che si conclude con la morte di un federale e la scoperta di una terribile verità: il federale era il complice di Don Barrese, ed insieme avevano organizzato tutti i giri di corruzione tra le famiglie rivali a quella di Barrese, un dei tanti traditori è Monk. Turi, dopo l' uccisione di Monk deve uccidere, insieme a Willy Cicci, Salvatore Tessio, nel club Embassy, locale dei Barrese. Durante il battesimo di Michael Francis Rizzi, Turi deve, su ordine di Michael, uccidere: con Clemenza Don Stracci, con Willi Cicci Don Cuneo, con Rocco Don Philip Tattaglia, nel club saint Sebastian e con Al Neri Don Barrese. Dopo l'uccisione dei capi delle quattro famiglie, Turi deve entrare nelle quattro roccaforti e distruggerle per poi essere nominato Don Corleone. Per diventare Padrino di New York bisogna avere tutti i locali di Brooklin, del New Jersey, di Hell's Kitchen, di Midtown e di Little Italy e distruggere tutte le casseforti , quindi il gioco deve essere completato al 100%.

Grafica[modifica | modifica sorgente]

Su console, il gioco presenta una veste grafica di prim'ordine, con ampia cura dei dettagli e soprattutto di ogni minimo movimento dei personaggi - giocanti e non - del gioco. La versione per computer risente invece pesantemente della potenza dell'elaboratore. I veicoli (probabilmente a causa dell'ambientazione del gioco, anni '40 e '50 a New York) sono solo 5 modelli guidabili sempre mentre altri (carro funebre, macchina dei gangster, ambulanza) in momenti specifici della trama o non guidabili. Oltre a ciò, la manovrabilità delle auto è piuttosto scadente, ma probabilmente per le sopracitate motivazioni storiche. Oltre a tutto questo, vi è un gran numero di opzioni per personalizzare in ogni dettaglio il proprio personaggio (ad eccezione dei vestiti, ridotti ad una trentina più combinazioni diverse di colore e motivo), anche se ciò può spiazzare i giocatori meno esperti o coloro che preferiscono buttarsi subito nel vivo dell'azione. Fortunatamente, è possibile creare casualmente l'intero corpo o i singoli particolari (guance, bocca, capelli eccetera) e modificare in seguito l'aspetto dell'alter ego digitale del giocatore.

Sonoro[modifica | modifica sorgente]

Il sonoro è affidato all'orchestra di Henry Mancini. Le musiche, a tono con i ritmi del gioco, contribuiscono a dare a quest'ultimo un tocco di realismo e di attinenza al film in più. Come per la grafica, l'audio della versione PC è condizionato dall'hardware a disposizione, anche se in maniera molto minore rispetto alla grafica.

Musiche[modifica | modifica sorgente]

Le musiche del gioco sono state composte da Bill Conti. Il tema principale composto da Nino Rota è rimasto invariato ed è stato inserito sia nella schermata principale, sia durante la guida di un'auto. Escluso il tema principale, tutte le musiche sono state realizzate da Conti ed affidate all'orchestra di Henry Mancini.

Obiettivi del gioco[modifica | modifica sorgente]

In questo videogioco, il giocatore deve eseguire i vari ordini dei personaggi per proseguire nel gioco.

Portando a termine le varie missioni, il nostro personaggio passa di grado partendo da manovalanza fino a diventare lui stesso il padrino di New York. Inoltre bisogna prendere possesso dei vari negozi, per far pagare il pizzo ai negozianti cercando anche di appropriarsi dei racket nascosti dietro alcune attività di facciata. Buona parte delle missioni sarà composta dall'uccisione dei personaggi più in vista delle famiglie rivali o all'aiuto o il salvataggio dei membri della nostra famiglia. Vi sono inoltre gli omicidi su commissione da compiere per conto di vari personaggi esistenti nel film (Salvatore Tessio, Peter Clemenza, Al Neri) e non (The Trojan).

Il gioco è stato ufficialmente messo in commercio nel marzo 2006. Accolto caldamente dai giocatori di tutto il mondo, Il padrino ha ottenuto un buon successo, ma non eccezionale come si prevedeva.

Il 10 aprile 2009 è stato messo in vendita il sequel del gioco, Il padrino II.

In altri paesi europei era già disponibile all'inizio del 2008 la versione per Playstation 3 Il padrino: The Don's Edition, che si differenzia dalla precedente versione nei seguenti punti:

  • Parco macchine utilizzabili portato da 5 a 12.
  • Aumento del numero di Racket e attività commerciali da poter conquistare.
  • Le ville delle altre 4 famiglie sono molto diverse da quella dei Corleone.
  • Possibilità di poter ingaggiare uno scagnozzo e una banda composta da 4 sicari di livello pari o inferiore al proprio.
  • Introduzione di personaggi come Fredo Corleone (che appare 3 volte nel gioco), Moe Greene, il sergente Ferriera, i mafiosi di Chicago, fotografi che scattano tue foto quando ti vedono con lo scopo di far aumentare la tensione della polizia.
  • Revisione del sistema di corruzione della polizia, con la possibilità di poterli tenere sotto ricatto e far abbassare la tensione gratis.
  • Aggiunta di missioni al gioco che lo prolungano del 20% - 25%, possibilità di lavorare nel racket del contrabbando con i camion, missioni di distruzione dei laboratori della droga di Virgil Sollozzo, e altre missioni che rendono più completa e longeva la trama del gioco.

Il titolo pubblicato il 10 aprile 2009 in Italia col nome di Il Padrino Blackhand Edition è la perfetta copia de Il Padrino: The Don's Edition, se non per il fatto che è stato meglio sviluppato per supportare il SIXAXIS della Playstation 3 e i Nunchuk del Nintendo WII. Inoltre sono stati tolti 4 magazzini, uno dei Barrese nella nave ancorata al porto di Hell's Kitchen, uno degli Stracci nel New Jersey di fronte alla base della famiglia Stracci dove si trova la ferrovia, due dei Cuneo, uno a Little Italy nella parte est, e uno a Hell's Kitchen a nord del porto, inoltre il magazzino di Sollozzo a Midtown non è più usufruibile come proprietà da poter sfruttare ma rimane vuoto.

Il videogioco è anche disponibile per Playstation Portable, anche se drasticamente semplificato per ragioni di potenza. Infatti, il free-roaming è rimpiazzato da un gameplay strategico alla Risiko, in cui il giocatore può sferrare a turno attacchi ai racket delle famiglie rivali cercando di impadronirsene, e giocare delle "carte" pagando una certa somma in dollari, le quali hanno effetti differenti, come ridurre la tensione della polizia o fortificare i racket che possedete contro le rappresaglie delle altre famiglie.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]