Luca Brasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luca Brasi
Luca Brasi prende le istruzioni da don Vito Corleone per infiltrarsi e ottenere informazioni su Virgil Sollozzo
Luca Brasi prende le istruzioni da don Vito Corleone per infiltrarsi e ottenere informazioni su Virgil Sollozzo
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
Autore Mario Puzo
1ª app. in Il padrino
Interpretato da Lenny Montana
Voci italiane
Sesso Maschio
Professione Soldato numero uno della famiglia Corleone
Affiliazione Famiglia Corleone

Luca Brasi è un personaggio di finzione del romanzo Il padrino di Mario Puzo. Nell'omonimo film di Francis Ford Coppola è interpretato dal culturista Lenny Montana. Nella versione classica italiana è doppiato da Guido Celano mentre nella riedizione del 2008 è doppiato da Mario Bombardierij.

Biografia del personaggio[modifica | modifica sorgente]

Nei primi tempi[modifica | modifica sorgente]

Luca Brasi è un criminale assai temuto che vive nella parte est di New York. Si costruisce una fama di terrificante assassino, ricattatore e ladro in pochissimo tempo, e senza complici. A seguito di questo episodio, finisce in prigione, dove tenta il suicidio, ma viene in fretta scagionato da Vito Corleone, un emergente boss della mafia, che lo impiega in operazioni di assassinio e intimidazione.

Brasi diviene ben presto un solido pilastro su cui poggia il potere di don Corleone, il suo più implacabile e sadico esecutore, nonché l'unico uomo in grado di renderlo nervoso. Durante gli anni trenta, Brasi uccide a colpi di ascia due sicari di Chicago mandati da Al Capone, amico di Salvatore Maranzano (un rivale in affari di don Corleone) e, pochi anni più tardi, quando il boss viene colpito da sicari quasi fatalmente, interviene eliminando sei uomini con una violenza talmente crudele da divenire leggendaria.

Tuttavia, l'assenza di prove certe non permise un'incriminazione di Brasi in tribunale.

Uomo robusto e possente, con una perenne espressione di rabbiosa violenza stampata in fronte, Brasi è in grado di spaventare una folla intera solo con lo sguardo. L'unico uomo che teme è proprio Don Corleone.

« Luca Brasi era davvero un uomo da spaventare il diavolo in persona. Piccolo, tozzo, dal cranio massiccio, la sua presenza faceva suonare le campane a martello. La faccia portava il marchio della violenza. Gli occhi erano castani ma, senza il calore tipico di quel colore, erano di un marrone implacabile. La bocca non era tanto crudele quanto senza vita: sottile e della tinta della carne di vitello." »
(tratto da Il padrino)

Nella serie cinematografica[modifica | modifica sorgente]

Compare al matrimonio di Connie Corleone, nell'intento di prepararsi un discorso di ringraziamento per don Vito Corleone; in questa occasione viene preso in giro per il suo aspetto da Kay Adams. Dopo aver finalmente parlato con Don Vito, il 24 dicembre 1945, Luca Brasi viene mandato in missione segreta dal boss come infiltrato nella famiglia Tattaglia, per scoprire le risorse di Virgil Sollozzo. Colpito di sorpresa durante il colloquio con i Tattaglia, viene pugnalato ad una mano e viene strangolato, dopodiché il suo cadavere viene gettato in un fiume.

« È all'uso calabrese, significa che Luca Brasi dorme con i pesci. »
(Peter Clemenza parla con Santino Corleone della morte di Luca Brasi mentre scarta un cartoccio appena recapitatogli e contenente un paio di pesci)

A lui succede al rango di guardia personale del boss l'ex poliziotto Al Neri.

14 anni dopo la sua morte , il nome di Luca Brasi compare con lo status di "deceduto" durante l'inchiesta del senato contro Michael Corleone, più precisamente nella piantina che raffigura tutti volti e i ranghi dei membri passati e presenti sotto il regime della Famiglia Corleone.[1]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Durante le prove de Il padrino, Lenny Montana dimostrò un forte nervosismo, accompagnato sul momento da balbuzie, ogni volta che doveva pronunciare il discorso solenne di Luca Brasi di fronte a Marlon Brando, che, in un'occasione, entrò in scena con un cartello attaccato in fronte su cui aveva scritto: "Vai a fare in....". Francis Ford Coppola, per attenuare il problema, scrisse appositamente la scena in cui Luca Brasi prova e riprova il discorso accanto al tavolo di Michael Corleone e di Kay Adams.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 14-06-2014, http://www.thegodfathertrilogy.com/CorleoneFamilyOrgChart.jpg.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]