Franco Citti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Citti nel film Accattone (1961), di Pier Paolo Pasolini

Franco Citti (Roma, 23 aprile 1935) è un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Viene scoperto da Pier Paolo Pasolini per il quale impersona il protagonista del suo film Accattone. L'anno seguente è Tommaso in Una vita violenta di Paolo Heusch e Brunello Rondi. Nel 1967 è Edipo nel film Edipo Re. L'anno dopo è un trafficante d'armi in Somalia nel film di denuncia Seduto alla sua destra di Valerio Zurlini. Tornerà nuovamente a essere diretto da Pasolini. È un cannibale in Porcile (1969), Ser Ciappelletto ne Il Decameron (1971), Satana ne I racconti di Canterbury (1973) e un demone ne Il fiore delle Mille e una notte (1974). Nel 1970 è il protagonista del film Ostia, esordio alla regia del fratello Sergio. Interpreterà per lui altri film, scritti dal fratello assieme all'amico Vincenzo Cerami, come Storie scellerate (1973), Casotto (1977) e Il minestrone (1981).

Nel 1998 ha esordito nella regia dirigendo, «con la fraterna collaborazione di Sergio Citti» (come recitano i titoli di testa), se stesso e Fiorello in Cartoni animati, ultimo respiro della poetica pasoliniana, dove Citti torna quasi a rivestire il ruolo di Accattone. Ha partecipato inoltre al documentario di Ivo Barnabò Micheli A futura memoria (1985) e a quello di Laura Betti Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno (2001).

È stato attivo anche in teatro (I giganti della montagna e Tamerlano, nel 1989, per la regia di Carlo Quartucci) e in televisione (I promessi sposi, 1989, di Salvatore Nocita).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel film Il Decameron (1971)

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Citti e Claudio Valentini, Vita di un ragazzo di vita, SugarCo, 1992.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 243947771 LCCN: n93091037