Franco Citti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Citti nel film Il Decameron (1971)

Franco Citti (Roma, 23 aprile 1935) è un attore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Franco Citti nel film Accattone (1961)

Scoperto da Pasolini (il fratello Sergio era suo collaboratore abituale) che ne fece il protagonista di Accattone (1961), interpretò per lui altri importanti film, quali Mamma Roma (1962), al fianco di Anna Magnani, Edipo re (1967), Il Decameron (1971), i Racconti di Canterbury (1972) e Il fiore delle Mille e una notte (1973).

Ha inoltre recitato in altri film di differenti registi, quali Seduto alla sua destra (1968) di Zurlini, Todo modo (1976) di Petri, La luna (1979) di Bertolucci, Casotto (1977) e Il minestrone (1981) del fratello Sergio, Il padrino (1972) e Il padrino - Parte III (1990) di Francis Ford Coppola.

Nel 1998 ha esordito nella regia dirigendo, «con la fraterna collaborazione di Sergio Citti» (come recitano i titoli di testa), se stesso e Fiorello in Cartoni animati che, a causa di difficoltà distributive, è uscito nelle sale solo nel 2005.

Ha partecipato inoltre al documentario di Laura Betti Pier Paolo Pasolini e la ragione di un sogno (2001).

È stato attivo anche in teatro (I giganti della montagna e Tamerlano, nel 1989, per la regia di Carlo Quartucci) e in televisione (I promessi sposi, 1989, di Salvatore Nocita).

Nel 1997 Franco Citti ha subito un primo ictus. In seguito è stato vittima di svariati altri ictus e ora è semiparalizzato, si muove a fatica e non è autosufficiente.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Regista e sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Franco Citti e Claudio Valentini, Vita di un ragazzo di vita, SugarCo, 1992.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 243947771 LCCN: n93091037