Apollonia Vitelli-Corleone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Apollonia Vitelli
Apollonia Vitelli conosce Michael Corleone
Apollonia Vitelli conosce Michael Corleone
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
Autore Mario Puzo
1ª app. in Il padrino
Ultima app. in Il padrino
Interpretata da Simonetta Stefanelli
Voce orig. Nella Gambini
Sesso Femmina
Parenti Michael Corleone (marito)

Apollonia Vitelli-Corleone è un personaggio del romanzo di Mario Puzo Il padrino e del film omonimo, dove è interpretato dall'attrice italiana Simonetta Stefanelli.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Poco dopo l'arrivo di Michael Corleone in Sicilia, mentre il figlio di Don Vito passeggiava nelle campagne, incontra un gruppo di donne, e tra esse scorge Apollonia. Dopo un breve corteggiamento si sposano.

Dopo parecchi mesi, Apollonia è uccisa con un attentato dinamitardo indirizzato a Michael. L'attentato, che avviene su una Alfa Romeo 6C, era stato organizzato da una fidata guardia del corpo di Michael, Fabrizio. Nel libro Apollonia era incinta al momento dell'esplosione. La bomba è stata talmente forte che Michael, pur trovandosi parecchio distante dall'auto, dopo aver urlato: "No no, Apollonia!", finì in uno stato di incoscienza per circa una settimana.

Dopo la morte di Apollonia, Michael ritornò negli Stati Uniti e sposò Kay Adams, il suo vecchio amore, che non sapeva nulla del matrimonio con Apollonia.

In una scena tagliata del secondo film, Michael vendica la morte di Apollonia uccidendo Fabrizio con una bomba messa nella sua auto, a New York. Nel romanzo, invece, Fabrizio viene ucciso nella sua pizzeria di Buffalo, da un assassino, che gli chiede di vedere un tatuaggio sul suo petto. L'assassino allora, verificata la sua identità, gli dice: "Fabrizio, Michael Corleone ti invia i suoi ossequi", prima di sparargli in testa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]