Giuseppe Calò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giuseppe Calò

Giuseppe Calò, soprannominato Pippo (Palermo, 30 settembre 1931), è un criminale italiano, legato a Cosa Nostra. A lui si fa riferimento come il "cassiere di Cosa Nostra" perché era pure fortemente coinvolto nel lato finanziario dell'organizzazione, soprattutto nel riciclaggio di denaro sporco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Palermo, ha lavorato come commesso in un negozio di vendita di tessuti ed in seguito lavorò anche come macellaio e barista. All'età di diciotto anni, Calò si segnalò per aver inseguito e ferito a colpi di pistola l’assassino del padre[1]. Per queste sue "qualità", all'età di 23 anni venne affiliato nella cosca mafiosa di Porta Nuova dal suo associato Tommaso Buscetta e iniziò numerose attività in imprese legali come rappresentante di tessuti a Palermo, aprì un bar e si occupò di una pompa di benzina[2].

Attività criminale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 Calò venne scelto come nuovo capo della cosca di Porta Nuova in seguito alla morte di vecchiaia del boss Giuseppe Corvaia[2]. In questo periodo Calò divenne il principale fiancheggiatore del boss Luciano Leggio e del suo vice Salvatore Riina: l'omicidio del procuratore Pietro Scaglione venne eseguito dagli stessi Leggio e Riina nel territorio della cosca di Calò, che fornì anche i suoi uomini per il sequestro del costruttore Luciano Cassina ordinato da Riina[3]. Nel 1974, quando venne ricostruita la "Commissione", Calò entrò a farne parte come capo del mandamento di Porta Nuova, che comprendeva le cosche di Borgo Vecchio, Palermo centro e Porta Nuova.

All'inizio degli anni settanta Calò si trasferì a Roma. Sotto la falsa identità di Mario Aglialoro, investì in beni immobiliari e operò nel riciclaggio di denaro per conto delle cosche dello schieramento dei Corleonesi, legandosi alla Banda della Magliana, a frange eversive dell'Estrema destra e ad ambienti finanziari, in particolare con i faccendieri Umberto Ortolani, Ernesto Diotallevi e Flavio Carboni; inoltre Calò era in stretti rapporti d'amicizia con l'onorevole Francesco Cosentino[4]. Nel primo periodo a Roma Calò si occupò inizialmente del gioco clandestino e poi, insieme al boss Stefano Bontate, controllò la distribuzione dell’eroina ai gruppi malavitosi di Testaccio, della Magliana e di Ostia-Acilia; dopo l'uccisione di Bontate, il traffico di eroina dalla Sicilia a Roma continuò, controllato soltanto da Calò[5].

In particolare Calò, grazie alle sue conoscenze negli ambienti finanziari, si avvaleva di Roberto Calvi e Licio Gelli per il riciclaggio di denaro sporco, che veniva investito nello IOR e nel Banco Ambrosiano, la banca di Calvi[6][7]. Nel 1981, a seguito del fallimento definitivo del Banco Ambrosiano, Calvi cercherà di salvare il denaro investito da Calò per conto degli altri boss andato perduto nella bancarotta, però i suoi tentativi falliranno e nel 1982 Roberto Rosone, vicepresidente del Banco Ambrosiano subentrato a Calvi, sopravvisse ad un agguato compiuto da esponenti della banda della Magliana legati a Calò; Calvi partì per Londra, forse per tentare un’azione di ricatto dall’estero verso i suoi precedenti alleati politici, tra cui l'onorevole Giulio Andreotti, ma il 18 giugno 1982 venne ritrovato impiccato sotto il Blackfriars Bridge[7][8].

Calò organizzò il 23 dicembre 1984 l'esplosione di una bomba sul treno Napoli-Milano con 17 morti e 267 feriti (la cosiddetta Strage del Rapido 904 o strage di Natale), per deviare l'attenzione dell'opinione pubblica dalle rivelazioni date dal pentito Tommaso Buscetta.

L'arresto[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 marzo 1985 Calò venne arrestato nel suo appartamento in via Tito Livio a Roma nel quartiere Balduina, mentre era in compagnia del mafioso Antonino Rotolo[9]. L'11 maggio la polizia perquisì un edificio rustico presso Poggio San Lorenzo di Rieti, acquistato da Calò attraverso il suo prestanome Guido Cercola: vennero trovati alcuni chili di eroina, un apparato ricetrasmittente, delle batterie, alcuni apparecchi radio, antenne, cavi, armi e diversi tipi di esplosivo[10].

Calò fu uno delle centinaia di accusati al Maxiprocesso che cominciò l'anno seguente dove fu accusato di associazione mafiosa, riciclaggio di denaro e della strage del Rapido 904.
Nel 1987 al termine del Maxiprocesso fu ritenuto colpevole e gli fu inflitta una pena di due ergastoli.

Il caso Calvi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1997 Calò e altri quattro (il faccendiere Flavio Carboni, la sua ex fidanzata Manuela Kleinszig, l'ex affarista della banda della Magliana Ernesto Diotallevi e Silvano Vittor) coinvolti nell'omicidio di Roberto Calvi furono indagati ed il loro processo, cominciato nell'ottobre 2005, si è concluso nel giugno 2007 con l'assoluzione degli imputati per «insufficienza di prove» da parte della Corte d'Assise[11]. Sul caso rimane invece aperta l'indagine-stralcio presso la procura di Roma sui mandanti dell'omicidio che vede indagate una decina di persone tra cui Licio Gelli, l'ex capo della P2[11].

Il caso Pecorelli e il rapporto con la Banda della Magliana[modifica | modifica wikitesto]

Secondo alcuni collaboratori di giustizia, Calò sarebbe uno dei responsabili dell'omicidio del giornalista Mino Pecorelli (assassinato il 20 marzo 1979 a Roma) per via dei suoi legami con la banda della Magliana.

« La tesi accusatoria nel processo prospettava che il delitto sarebbe stato deciso dal senatore Andreotti il quale, attraverso l’on. Vitalone, avrebbe chiesto ai cugini Salvo l’eliminazione di Pecorelli. I Salvo avrebbero attivato Stefano Bontate e Gaetano Badalamenti, i quali, attraverso la mediazione di Giuseppe Calò, avrebbero incaricato Danilo Abbruciati e Franco Giuseppucci di organizzare il delitto che sarebbe stato eseguito da Massimo Carminati e da Michelangelo La Barbera. »
(Documento del Senato della Repubblica[12])

Dopo tre gradi di giudizio, nell’ottobre del 2003, la Corte di Cassazione di Perugia emanò una sentenza di assoluzione "per non avere commesso il fatto" nei confronti di Calò, imputato insieme a Giulio Andreotti, Claudio Vitalone e Gaetano Badalamenti (accusati di essere i mandanti) e per Massimo Carminati e Michelangelo La Barbera da quella di essere gli esecutori materiali dell'omicidio, bollando le testimonianze dei collaboratori di giustizia come non attendibili.[13][14].

Il legame di Calò con la Banda della Magliana è testimoniato anche dai rapporti con Danilo Abbruciati (boss della Banda ucciso a Milano nell'attentato a Roberto Rosone): infatti Calò era il principale fornitore di eroina alla Banda. Sempre Abbruciati uccise poi Domenico Balducci, usuraio di Roma, che riciclava denaro sia per conto della Banda, sia per conto di Calò. Si dice che i motivi dell'uccisione siano in un favore fatto da Danilo Abbruciati proprio a Pippo Calò che aveva deciso di chiudere il rapporto con Domenico Balducci.

Le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1995, nel processo per gli omicidi di Piersanti Mattarella, Pio La Torre e Michele Reina, Calò venne condannato all'ergastolo insieme ai boss Salvatore Riina, Michele Greco, Bernardo Brusca, Bernardo Provenzano, Francesco Madonia e Nenè Geraci[15]. Sempre nel 1995, nel processo per l'omicidio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, del capo della mobile Boris Giuliano, e del professor Paolo Giaccone, Calò venne condannato all'ergastolo insieme a Bernardo Provenzano, Salvatore Riina, Bernardo Brusca, Francesco Madonia, Nenè Geraci e Francesco Spadaro[16]. Nel 1996 Calò venne nuovamente condannato all'ergastolo per l'omicidio del giudice Antonino Scopelliti insieme ai boss Salvatore Riina, Francesco Madonia, Giuseppe Giacomo Gambino, Giuseppe Lucchese, Bernardo Brusca, Salvatore Montalto, Salvatore Buscemi, Nenè Geraci e Pietro Aglieri[15].

Nel 1997, nel processo per la strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie e la scorta, Calò venne condannato all'ergastolo insieme ai boss Salvatore Riina, Pietro Aglieri, Bernardo Brusca, Raffaele Ganci, Nenè Geraci, Benedetto Spera, Nitto Santapaola, Bernardo Provenzano, Salvatore Montalto, Giuseppe Graviano e Matteo Motisi[17]. Lo stesso anno, nel processo per l'omicidio del giudice Cesare Terranova, Calò ricevette un altro ergastolo insieme a Michele Greco, Bernardo Brusca, Salvatore Riina, Nenè Geraci, Francesco Madonia e Bernardo Provenzano[18].

Zio Carlo[modifica | modifica wikitesto]

La figura di Calò ha ispirato il personaggio di Zio Carlo nel libro Romanzo criminale, scritto nel 2002 da Giancarlo De Cataldo e riferito alle vicende realmente avvenute della Banda della Magliana. Dal libro è stato tratto il film del 2005 Romanzo criminale, diretto da Michele Placido, nel quale Zio Carlo è interpretato da Gigi Angelillo, e, nel 2008, il regista Stefano Sollima realizza la serie televisiva Romanzo criminale dove i panni del personaggio sono vestiti da Adriano Chiaramida.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1970-1982 I corleonesi alla ribalta - Il terrorismo nero e rosso - La storia di Pepino Impastato
  2. ^ a b Il Viandante - Sicilia 1962
  3. ^ E LEGGIO SPACCO' IN DUE COSA NOSTRA - la Repubblica.it
  4. ^ xiv_023n016.pdf
  5. ^ Motivazione della sentenza per il processo per l'omicidio di Roberto Calvi - Tribunale di Roma.
  6. ^ Mannoia: " Gelli riciclava in Vaticano i soldi di Riina "
  7. ^ a b Il caso Calvi, un mistero italiano
  8. ^ 1970-1982:Banchieri,faccendieri e massoni
  9. ^ RICICLAVA I SOLDI DELLE COSCHE SULLA MAFIA SA PIU' DI BUSCETTA - Repubblica.it
  10. ^ LA 'CENTRALE' DELL' EROINA IN UNA VILLA DI DON CALO' - Repubblica.it
  11. ^ a b Processo Calvi, la sentenza dopo 25 anni, assolti Pippo Calò e gli altri imputati, articolo de "la Repubblica" del 6 giugno 2007
  12. ^ Senato della Repubblica XIV LEGISLATURA Documenti.
  13. ^ Omicidio Pecorelli: nessuna prova contro Andreotti in La Repubblica, 1º agosto 2000. URL consultato il 4 luglio 2012.
  14. ^ Corte di cassazione, Sentenza 24 novembre 2003, n. 45276, eius.it. URL consultato il 5 luglio 2012.
  15. ^ a b Sportello Scuola e Università della Commissione Parlamentare Antimafia
  16. ^ Delitto Dalla Chiesa: ottavo ergastolo a Riina
  17. ^ Sentenza Strage - CONDANNE ALL'ERGASTOLO
  18. ^ Ecco chi uccise Terranova
Predecessore Capomafia di Porta Nuova Successore
Giuseppe Corvaia 1969 - 1995 sconosciuto
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie