Proibizionismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il XVIII emendamento della costituzione degli Stati Uniti, che introdusse il divieto di fabbricazione e vendita di bevande alcoliche nel territorio statunitense

Con il termine proibizionismo s'intende per antonomasia il periodo fra il 1919 e il 1933 in cui negli Stati Uniti, tramite il XVIII emendamento e il Volstead Act, venne sancito il bando sulla fabbricazione, vendita, importazione e trasporto di alcool[1]; il proibizionismo in questo senso è conosciuto anche come The Noble Experiment[2].

Più specificatamente per proibizionismo oggi s'intende, nella sua accezione più comune e generale, quello in vigore dal 1937[3] sui derivati della cannabis[4], contestato dal movimento antiproibizionista che ne chiede la legalizzazione o anche la liberalizzazione. Ci si può comunque riferire, con questo termine, ad ogni interdizione al consumo o alla vendita di determinate sostanze definite illecite da parte di governi o enti sovranazionali come l'ONU, col fine dichiarato di tutelare la salute pubblica e quella individuale dei cittadini. In questa chiave un proibizionismo è attualmente in vigore per sostanze come l'oppio, l'eroina, la cocaina, i derivati della cannabis e molte altre, a seconda della zona geografica e del contesto culturale. Può comunque essere anche interpretata in questo senso ogni proibizione proveniente "dall'alto", come ad esempio quella in vigore sulla prostituzione.

I proibizionismi possono essere generalmente distinti in due tipologie: quelli più blandi, che proibiscono solo la vendita ed il traffico della sostanza considerata illecita e quelli a regime di tolleranza zero, dove anche il semplice consumo è sanzionato, amministrativamente o penalmente.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il proibizionismo nacque negli USA su forte pressione delle così dette società di temperanza, gruppi religiosi[5] e gruppi politici caratterizzati in genere da un forte moralismo e fondamentalismo rispetto alle posizioni sostenute[6][7][8][9][10]: alcuni di questi erano il Woman's Christian Temperance Union, l'Anti-Saloon League, l'American Temperance Society, la Daughters of Temperance, il Prohibition Party, lo Scientific Temperance Federation e la New York Society for the Suppression of Vice (la quale, ad esempio, in una causa intentata dalla stessa, riuscì a far bandire l'Ulisse di James Joyce dagli Stati Uniti in quanto il protagonista, nel corso della storia, si masturba).

Quest'ultima società inoltre, tramite il fondatore Anthony Comstock[11], dopo anni di pressioni al Congresso degli Stati Uniti riuscì a far promulgare una legge che proibiva la spedizione a mezzo posta di stampe erotiche di ogni tipo (libri, riviste, foto, giornali, perfino pubblicazioni riguardo al controllo delle nascite e testi di biologia che mostrassero rappresentazioni accurate del corpo umano)[12][13][14] e addirittura di corrispondenza epistolare privata con accenni o riferimenti di natura sessuale[12][13][14]; vi fu persino un tentativo di vietare nei musei le statue e i quadri di nudo.

La prima Società di Temperanza sorse nel 1789 presso una comune agricola; il fenomeno prese piede quando, dal 1808 in poi, alcuni di questi movimenti riuscirono a trasformarsi in organizzazioni nazionali, capaci d'influenzare fortemente, tramite i loro voti, la politica di Washington. L'American Temperance Society ad esempio, fondata nel 1826, godette del rinnovato interesse del periodo per la religione e la moralità: dopo 12 anni dalla fondazione contava più di 8.000 gruppi locali ed oltre un milione e mezzo di affiliati. Nel 1839 erano stampati diciotto differenti giornali di temperanza e, nel medesimo tempo, molte chiese protestanti iniziarono a promuovere la "temperanza". Fra i numerosi scopi "religiosi" di queste società vi erano in primo piano il bando di ogni bevanda alcolica e del gioco d'azzardo, oltre ad una forte castità dei costumi che contemplava temi spazianti dal sesso a pagamento alla lunghezza delle gonne (a Norphelt, nell'Arkansas, furono proibiti i rapporti sessuali "sconvenienti e lascivi" perfino tra coppie sposate, oltre al sesso pre-matrimoniale[15][16]).

Scoperta e smantellamento di un laboratorio clandestino per la produzione di birra a Detroit

Va detto che l'alcol era soggetto, specie in quel periodo, ad un eccesso di consumo che aveva delle conseguenze spesso devastanti a livello sociale, in particolar modo quando mescolato alla povertà estrema e alla criminalità[17]. Si trova infatti causa prima del forte ascendente che le Società di Temperanza avevano soprattutto nei confronti delle donne, nel fatto che molte di loro erano costrette a subire maltrattamenti e violenze a causa di mariti o padri in stato di ubriachezza, ormai completamente dipendenti dalla sostanza; è accertato infatti che in alcuni soggetti l'assunzione di grossi quantitativi di alcol può aumentare l'aggressività, cosa su cui le Leghe fecero molto conto riuscendo a fare proselitismi anche al di fuori dell'ambito religioso, a causa dell'esperienza diretta negativa che i futuri affiliati avevano avuto con la sostanza[18][19][20].

All'inizio del Novecento e dell'era industriale s'insinuò inoltre la percezione che l'uso di alcol portasse a carenze sul lavoro, all'assenteismo, allo spendere i soldi in bevande alcoliche piuttosto che in beni generati dal sistema produttivo: fra i nomi eccellenti che in questo periodo si dichiararono favorevoli alla proibizione totale ci sono John D. Rockefeller, Henry Ford ed Henry Joy[21][22], i quali aderirono all'Anti-Saloon League apportando enormi quantità di denaro.

Con tali fondi a disposizione la Anti-Saloon League fra tutte ottenne in questo periodo una grande visibilità e un potere in grado di esercitare forti pressioni sulla politica nazionale. Le campagne per il regime "dry" (asciutto) iniziarono ad essere incentrate sui numeri: "I liquori sono responsabili del 25% della miseria, del 37% del depauperamento, del 45,8% della nascita di bambini deformi, del 25% delle malattie mentali, del 19,5% dei divorzi e del 50% dei crimini commessi nel nostro Paese", citano le statistiche del Congresso fornite dalla Anti-Saloon League nel 1914[23][24].

Nello stesso clima di moralismo inviso ad ogni tipo di uso, anche moderato, di qualsiasi sostanza alterante in cui venne bandito tramite l'Harrison Narcotics Act del 1914 l'uso dell'oppio, venne sancito il bando sull'alcol tramite il Volstead Act del 1919 e il XVIII emendamento degli Stati Uniti, entrato in vigore il 16 gennaio 1920. La sera del 15 gennaio in tutti gli Stati Uniti decine di migliaia di persone si riversarono nei negozi per fare rifornimento delle ultime bottiglie legalmente in vendita.

Il Senatore Andrew Volstead, che promosse la legge, dichiarò all'indomani dell'entrata in vigore: "I quartieri umili presto apparterranno al passato. Le prigioni e i riformatori resteranno vuoti. Tutti gli uomini cammineranno di nuovo eretti, tutte le donne sorrideranno e tutti i bambini rideranno. Le porte dell'inferno si sono chiuse per sempre"[25][26].

Dal giorno successivo il prezzo dell'alcol schizzò alle stelle, facendo nascere il conseguente mercato nero.

Il 21Club di New York, famoso speak-easy ai tempi del proibizionismo

Già a mezzanotte e tre quarti del 15 gennaio, a Chicago, una banda armata assaltò un treno e rapinò un carico di whiskey dal valore di 100.000 dollari, dando così ufficialmente i natali al contrabbando e al mercato nero sugli alcolici[27]; le prime conseguenze logiche della proibizione, di qualunque sostanza, sono infatti la sua comparsa (spesso in forma adulterata, impura e realmente pericolosa in quanto non soggetta a controlli sanitari e qualitativi) sul mercato nero relazionato al traffico criminale, oltre al suo aumento esponenziale di valore in quanto la proibizione sancisce un'apparente rarità del prodotto che i narcotrafficanti, istituiti in cartelli, mantengono in piedi così come i prezzi standardizzati[28][29][30].

Dopo l'istituzione del Proibizionismo, infatti, milioni di americani vollero continuare a bere e erano disposti a pagare quanto richiesto dal mercato nero per farlo; il prezzo degli alcolici aumentava di dieci volte dopo l'acquisto all'ingrosso in paesi dov'era ancora legale, come il Canada o il Messico, e il conseguente contrabbando in territorio statunitense. Sovente gli alcolici arrivavano con barche via mare, altre volte (fenomeno questo che, a un certo punto, divenne molto diffuso) venivano direttamente istituiti laboratori clandestini, perfino nei boschi, dove si realizzavano birra o surrogati del whiskey e di altri superalcolici, chiamati generalmente "Moonshine", adulterati con vari coloranti e liquidi da taglio.

All'inizio le bottiglie venivano vendute in negozi di generi comuni, che tenevano una modesta quantità da parte a fronte dell'elevato margine di guadagno comparato al rischio; in seguito iniziarono a fiorire in tutti gli Stati Uniti i così detti "Speak-easy", sorte di club con ingresso tramite parola d'ordine dove si poteva bere tranquillamente.

Nel 1920, anno dell'entrata in vigore del Proibizionismo, nella sola New York erano presenti 32.000 Speak-easy, contro i soli 15.000 bar legittimi di prima della proibizione[31][32].

Proibizionismo e criminalità[modifica | modifica sorgente]

Al Capone, il gangster che fu il più importante boss del traffico di alcolici

Il Proibizionismo e i "ruggenti anni venti" furono indissolubilmente collegati alla nascita del fenomeno noto come gangsterismo[33], periodo la cui figura di spicco fu Al Capone; la sua fortuna infatti, così come quella di molti altri criminali conclamati e non[34][35][36], fu raggiunta tramite i proventi del traffico di alcol, sfruttando la proibizione e la conseguente crescita esponenziale del prezzo, oltre al fatto che essendo la sostanza in questione non controllata e illecita era possibile utilizzare metodi estranei al comune mercato per imporre il proprio prodotto e/o ottenere condizioni più favorevoli in generale.

All'inizio Capone si rifornì da importatori della Florida, di New York, di Detroit o dai distillatori clandestini di Chicago, per poi rivendere gli alcolici agli Speak-easy, ovvero locali in cui si vendevano bevande alcoliche al pubblico illegalmente, spesso in regime di esclusiva: questo garantiva all'esercizio commerciale prezzi più favorevoli e tagliava, a favore dell'offerente, la concorrenza di altre bande criminali[37][38][39]. Anche l'esclusiva, a differenza che nel mercato legale, era ottenuta con mezzi spesso coercitivi, applicando una legge propria che esulava da governo e polizia, la quale tra l'altro veniva sistematicamente corrotta[40][41][42][43]. Fra le bande iniziarono violenti scontri a colpi di Thompson nelle strade delle città allo scopo di guadagnare territorio (esattamente come accade fra le bande di oggi legate al narcotraffico); chi avesse voluto entrare nel mercato avrebbe dovuto armarsi e strutturare un'organizzazione criminale per competere con quelle esistenti.

Si trattava di un giro d'affari nell'ordine dei miliardi di dollari dell'epoca, esentasse; Capone era il numero uno del business nella città di Chicago, con un accertamento fiscale datato 1927 di oltre cento milioni di dollari[39][44][45]. I proventi del "narcotraffico" di Capone venivano reinvestiti in altre attività, legali e illegali, servirono a pagare la sua candidatura in politica e il controllo che egli esercitava sul Municipio, perfino nella figura del Sindaco William "Big Bill" Hale Thompson, Jr.[46][47][48], e sulla polizia.

"Ho fatto i soldi fornendo un prodotto richiesto dalla gente. Se questo è illegale, anche i miei clienti, centinaia di persone della buona società, infrangono la legge. La sola differenza fra noi è che io vendo e loro comprano. Tutti mi chiamano gangster. Io mi definisco un uomo d'affari"[49], ebbe a dichiarare Capone durante una delle frequenti interviste che ormai rilasciava come personaggio pubblico.

Nel 1929 il Congresso votò un ampliamento alla legge sul Proibizionismo: ritenendo che la stessa non avesse funzionato, per quasi un decennio, a causa della sua blandezza[5], si approvò una norma che stabiliva pene detentive anche per chi consumasse alcol, mentre fino a quel momento erano vietate solo la produzione, l'importazione e la vendita. La teoria era che, se si arrestava chi beveva, ci sarebbero state meno vittime dell'alcol e dei crimini correlati.

Fino a quel momento, innegabilmente, gli unici che stavano traendo guadagno a vario titolo dalla proibizione erano coloro i quali l'avevano concepita e coloro i quali la sfruttavano per evaderla.

Sequestro e sversamento nelle fogne di un barile di alcool durante il proibizionismo

Si aprì così una fase di forte belligeranza fra la polizia e le bande criminali, in risposta a efferati atti di sangue come la Strage di San Valentino e al conseguente malcontento dell'opinione pubblica, che iniziava a domandarsi se proibire una sostanza fosse il modo più razionale per arginare gli eventuali problemi collegati al suo consumo[50]. Il 14 febbraio 1929, infatti, la banda di Al Capone tese un agguato per sterminare quella del concorrente Bugs Moran: travestiti da poliziotti i suoi uomini fecero irruzione in un garage al 2122 di North Clark Street, sede del quartier generale della North Side Gang, organizzazione capeggiata in passato da Dean O'Banion e guidata poi da George "Bugs" Moran, principale concorrente di "Big Al" nel mercato degli alcolici; allineati i sette presenti lungo un muro, come per un normale controllo di polizia, li fucilarono alla schiena. L'episodio resta a tutt'oggi uno dei più cruenti regolamenti di conti della storia della malavita e destò all'epoca un forte scandalo nell'opinione pubblica.

Venne istituito un regime di tolleranza zero nei confronti della "droga" e degli "spacciatori": la polizia sparava in modo sensazionalistico ai barili sui camion, spaccava a manganellate le bottiglie nei locali sotto gli occhi dei media, ingaggiava frequenti conflitti a fuoco in strada con i gangster. Le vittime fra gli agenti furono molte, così come quelle fra i cittadini inermi, ai quali bastava un gesto equivoco per finire sotto i proiettili della polizia: la Commissione Wickersham, istituita dal Presidente USA Hoover, documentò decine di casi di vittime civili[51][52].

Al Capone venne imprigionato per evasione fiscale ad Atlanta nel 1932, ma molti altri che avevano fatto fortuna col business dell'alcol proibito continuarono a mantenere in piedi il loro impero per decenni, come Lucky Luciano, o provvidero a renderlo completamente legale, come Joseph P. Kennedy, Sr., contrabbandiere di alcol negli anni della proibizione e padre del futuro Presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy[36][53]. I più grossi finanziatori dell'Anti-Saloon League (coloro i quali avevano apportato i maggiori capitali e quindi il maggior potere all'istituzione, ossia Henry Bourne Joy della casa automobilistica Packard e il magnate del petrolio John D. Rockefeller[21][54][55]) avevano appoggiato la Temperanza perché ritenevano che gli operai non avrebbero bevuto prima di lavorare o sul posto di lavoro, aumentando e rendendo più efficiente la produttività, e perché avrebbero speso i loro soldi in beni prodotti dalle imprese, piuttosto che sperperarli nei bar.

Pauline Sabin, fondatrice della Women's Organization for National Prohibition Reform, associazione che propugnava la fine del proibizionismo

La verità era però che chi voleva bere, dopo l'entrata in vigore del Proibizionismo, poteva tranquillamente bere ancora, che i lavoratori scarsamente produttivi a causa dell'alcol lo erano ancora meno a causa dei beveroni adulterati che ingerivano (è dovuta al Proibizionismo, ad esempio, l'insorgenza dell'avvelenamento da alcol del legno[56]) e che tramite la proibizione e il relativo decuplicarsi dei prezzi correlato al mercato nero, i cittadini spendevano per bere molti più soldi di prima.

Joy e Rockefeller uscirono quindi dalla Anti-Saloon League e confluirono nella neonata Association Against the Prohibition Emendament[25][55]. Joy ebbe a dichiarare "Ho fatto un errore. Mi sono stupidamente sbagliato. L'America deve aprire gli occhi"[57].

Altro motivo fondamentale per il cambio di fronte dei grossi imprenditori, oltre al riscontro delle incoerenze della proibizione, fu che il Governo degli Stati Uniti, avendo perso svariati miliardi di dollari l'anno con la cancellazione della tassazione sulle bevande alcoliche, fu costretto a istituire una nuova tassa che penalizzava le grandi imprese e i contribuenti più ricchi. Passarono così al fronte antiproibizionista anche colossi come la dirigenza di General Motors e il presidente della banca J.P. Morgan Guarantee Trust Co., Charles Hamilton Sabin[58][59].

Anche la moglie di quest'ultimo, Pauline Morton Sabin[60][61], fu una grande sostenitrice della Temperanza, affermando: "Sono favorevole pensando ai miei ragazzi. Penso che un mondo senza liquori sarebbe un bel mondo"[62].

Dopo l'esplosione degli Speak-easy e del Whiskey, più pratico da trasportare della meno potente birra, nelle neonate fiaschette da tasca, molte donne iniziarono a cambiare idea[60]. Nel maggio 1929 la Sabin organizzò un incontro presso un albergo di Chicago, rivolto a mogli e madri di famiglie dell'alta società; in quell'occasione dichiarò: "Non vogliamo che i nostri ragazzi crescano nell'atmosfera degli Speak-easy. Prima del proibizionismo i miei figli non avevano accesso all'alcol, ora lo trovano ovunque". Da quell'esperienza nacque la WONPR, Women Organization for National Prohibition Reform, lega antiproibizionista che dopo due anni contava 300.000 adesioni, dopo quattro anni un milione e mezzo[62][63][61][64].

Franklin Delano Roosevelt, il Presidente degli Stati Uniti che promosse il "Repeal", l'abolizione del Proibizionismo sugli alcoolici

La Sabin tenne perfino un discorso al Congresso degli Stati Uniti, dove venne applaudita da tutti i Parlamentari[62], molti dei quali, avendo raggiunto quella posizione tramite le Società di Temperanza, non osavano parlare contro la proibizione per quanto fossero convinti della sua erroneità e pericolosità sociale. Il Presidente Hoover, eletto nel 1928, non volle prendersi la responsabilità di abrogare la legge, limitandosi a istituire la Commissione Wickersham per indagare sui risultati della proibizione. Si dovette aspettare Roosvelt che, nella campagna elettorale del 1932, dichiarò di voler cancellare il Proibizionismo, ottenendo l'appoggio della Sabin e di tutto l'elettorato a lei collegato.

Alle ore 17.27 (Eastern Time) di martedì 5 dicembre 1933, si sancì la fine del XVIII Emendamento e del Volstead Act[65]: milioni di Americani poterono acquistare l'alcol liberalizzato e regolarmente tassato, facendo impennare le entrate del Governo: vennero anche creati circa un milione di posti di lavoro collegati all'industria degli alcolici.

Migliaia di affiliati a bande criminali correlate al mercato nero dell'alcol videro andare in fumo, da un giorno all'altro, un business da miliardi di dollari[37][66].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Jennifer Rosenberg, Prohibition in history1900s.about.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  2. ^ (EN) Nebraska Prohibits Alcohol The "Noble Experiment" in nebraskastudies.org. URL consultato il 30 marzo 2014.
  3. ^ anno di emanazione del Marijuana Tax Act
  4. ^ (EN) Bill St. Clair, The Lie of Cannabis Prohibition, 10 marzo 2001. URL consultato il 30 marzo 2014.
  5. ^ a b (EN) David J. Stewart, PROHIBITION Was a Good Thing! in jesus-is-savior.com, 5 dicembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2014.
  6. ^ Joseph R. Gusfield, Symbolic Crusade: Status Politics and the American Temperance Movement, University of Illinois Press, 1986.
  7. ^ (EN) Fundamentalism in Enciclopedia Britannica. URL consultato il 30 marzo 2014.
  8. ^ (EN) What was the temperance movement? in Answers.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  9. ^ (EN) Alcohol and Crime: The Prohibition Experiment - The Temperance Movement in law.jrank.org. URL consultato il 30 marzo 2014.
  10. ^ (EN) Temperance in prettygoodbritain.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  11. ^ (EN) History: Comstock leads anti-obscenity crusade in xroads.virginia.edu. URL consultato il 30 marzo 2014.
  12. ^ a b (EN) Erik Loomis, Alterdestiny: Forgotten American Bastard Blogging: Anthony Comstock in alterdestiny.blogspot.com, 31 gennaio 2008. URL consultato il 30 marzo 2014.
  13. ^ a b (EN) James R. Petersen, The Century of Sex in New York Times. URL consultato il 30 marzo 2014.
  14. ^ a b (EN) History Hoydens: The New York Society for the Suppression of Vice in historyhoydens.blogspot.com, 7 marzo 2008. URL consultato il 30 marzo 2014.
  15. ^ (EN) The Revolution in Manners and Morals in xroads.virginia.edu. URL consultato il 30 marzo 2014.
  16. ^ (EN) 1920s Timeline (PDF) in webmoose.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  17. ^ (EN) Avelardo Valdez, Charles D. Kaplan e Russell L. Curtis, Aggressive crime, alcohol and drug use, and concentrated poverty in 24 U.S. urban areas, vol. 33, n. 4, The American Journal of Drug and Alcohol Abuse, 2007, pp. 595-603. ISSN 0095-2990. URL consultato il 30 marzo 2014.
  18. ^ (EN) Alcohol, Violence, and Aggression. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  19. ^ (EN) Violence and Alcohol Statistics. URL consultato il 30 marzo 2014.
  20. ^ (EN) Alcohol and Violence Research in alcoholism.about.com, 1° ottobre 2010. URL consultato il 30 marzo 2014.
  21. ^ a b (EN) National Prohibition of Alcohol in the U.S in potsdam.edu. URL consultato il 30 marzo 2014.
  22. ^ (EN) Serendipity: The Great Scheme: Alcohol-based fuels, Ford, Rockefeller, and Prohibition in dgrim.blogspot.com, 26 giugno 2007. URL consultato il 30 marzo 2014.
  23. ^ (EN) Bob Ramsey, Captain Hobson - The Father of American Prohibition in druglibrary.org, novembre 1995. URL consultato il 30 marzo 2014.
  24. ^ (EN) Thomas Dahlheimer, Indigenous Peoples Rights Activist: Solving The Alcohol Abuse Epidemic in thomas-dahlheimer.blogspot.com, 7 dicembre 2008. URL consultato il 30 marzo 2014.
  25. ^ a b (EN) Harry G. Levine e Craig Reinarman, Temperance, Prohibition, Alcohol Control in drugtext.org. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2012).
  26. ^ (EN) Prohibition: The Power Is In The People in WowEssays.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  27. ^ Guido Blumir e Silvia Ziche, Marihuana. Uno scandalo internazionale, Einaudi, 2002. ISBN 9788806160791.
  28. ^ (EN) The Unintended Consequences of Prohibition in associatedcontent.com, 2 gennaio 2008. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2009).
  29. ^ (EN) Drug War Crimes: The Consequences of Prohibition in The Independent Institute. URL consultato il 30 marzo 2014.
  30. ^ (EN) Drug Prohibition in the United States: Costs, Consequences, and Alternatives. Part 1 in drugpolicy.org. URL consultato il 30 marzo 2014.
  31. ^ (EN) The Speakeasy at 1220 Fifth in Museum of the City of New York. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2009).
  32. ^ (EN) Barry Popik, The Big Apple: Speakeasy (Speak-easy), 11 gennaio 2009. URL consultato il 30 marzo 2014.
  33. ^ (EN) Roaring 20s Gangster Links, davidpietrusza.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  34. ^ (EN) Joseph Kennedy, Sr. in Answers.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  35. ^ (EN) Andy McCutcheon, The Rum Runners in lavidaocean.com, 6 settembre 2009. URL consultato il 30 marzo 2014.
  36. ^ a b (EN) Cecil Adams, What is the true source of the Kennedy family's wealth? in straightdope.com, 1° giugno 1990. URL consultato il 30 marzo 2014.
  37. ^ a b (EN) Prohibition and the Gangsters in historylearningsite.co.uk. URL consultato il 30 marzo 2014.
  38. ^ (EN) John Simkin, Al Capone in spartacus.schoolnet.co.uk. URL consultato il 30 marzo 2014.
  39. ^ a b (EN) Alcohol and Al Capone in xroads.virginia.edu. URL consultato il 30 marzo 2014.
  40. ^ (EN) Police Corruption in gangresearch.net. URL consultato il 30 marzo 2014.
  41. ^ (EN) Police Corruption in drugpolicy.org. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2002).
  42. ^ (EN) 1920s' Prohibition: Moonshine, Bootleggers, and Speakeasies. URL consultato il 30 marzo 2014.
  43. ^ (EN) Did Alcohol Prohibition increase crime? in druglibrary.org. URL consultato il 30 marzo 2014.
  44. ^ (EN) Historical Trivia Questions and Answers in triviaplaying.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  45. ^ (EN) Who is Al Capone? in wisegeek.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  46. ^ (EN) William Hale Thompson in myalcaponemuseum.com, dicembre 2009. URL consultato il 30 marzo 2014.
  47. ^ (EN) William Hale Thompson Facts, information, pictures in Encyclopedia.com. (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2009).
  48. ^ Al Capone in liceoberchet.it. URL consultato il 30 marzo 2014.
  49. ^ Andrew Sinclair, "Prohibition. The Era of Excess", Faber & Faber, London, 1962, pag. 233
  50. ^ (EN) St. Valentine's Day Massacre with Pictures - 1929 - Al Capone True Crime Story in mysterynet.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  51. ^ (EN) Wickersham Commission in law.jrank.org. URL consultato il 30 marzo 2014.
  52. ^ Wickersham Commission, "Report on the Enforcement of the Prohibition Laws of the United States", 71st Congress, 3rd Session, H.D. 722, Vol.1, pp. 149-223
  53. ^ (EN) Robert Warinner, Politics/kennedy fortune in tafkac.org, 11 febbraio 1997. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 1° luglio 2002).
  54. ^ (EN) Prohibition People and Terms in ProhibitionRepeal.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  55. ^ a b (EN) David J. Stewart, Anti-Saloon League Quitters! in jesus-is-savior.com. URL consultato il 30 marzo 2014.
  56. ^ (EN) Stanton Peele, Was Prohibition of alcohol good for us? in peele.net, 30 settembre 2010. URL consultato il 30 marzo 2014.
  57. ^ Jon Roper, The Contours of American Politics: An Introduction, Wiley, 2002. ISBN 9780745620619.
  58. ^ (EN) Bayberry Land Biography Charles Hamilton Sabin 1868-1933 (PDF) in town.southampton.ny.us. (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2006).
  59. ^ (EN) David E. Kyvig, Honorée Fanonne Jeffers, Repealing National Prohibition, Kent State University Press, 2000. ISBN 9780873386722.
  60. ^ a b (EN) Bayberry Land Biography Pauline Morton Smith Sabin Davis 1887-1955 (PDF) in town.southampton.ny.us. (archiviato dall'url originale il ).
  61. ^ a b (EN) Caryn E. Neumann, The End of Gender Solidarity: the History of the Women's Organization for National Prohibition Reform in the United States, 1929-1933 in Journal of Women's History, vol. 9, n. 2, 1997. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  62. ^ a b c (EN) David J. Hanson, Repeal of Prohibition in the U.S in potsdam.edu. URL consultato il 30 marzo 2014.
  63. ^ (EN) Women's Organization for National Prohibition Reform. URL consultato il 30 marzo 2014.
  64. ^ (EN) Women's Organization for National Prohibition Reform (WONPR), Pennsylvania Division, Records in Hagley Museum and Library. (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2009).
  65. ^ (EN) David Wilma, Prohibition ends on December 5, 1933. in HistoryLink.org, 7 giugno 2001. URL consultato il 30 marzo 2014.
  66. ^ (EN) Why did prohibition fail? - Gangsters, Widespread illegal drinking, lack of support, impossibility of enforcement, corruption. in courseworkbank.co.uk. URL consultato il 30 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2003).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Film sul proibizionismo
Altro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]