Tredici colonie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nel 1775, l'Inghilterra aveva il dominio sulle zone indicate in rosso e rosa sulla mappa e la Spagna su quelle arancione. La zona rossa è quella relativa alle 13 colonie aperte agli insediamenti dopo la proclamazione del 1763.

Le Tredici Colonie furono delle colonie dipendenti dall' Impero britannico, situate sulla costa orientale dell'America Settentrionale fondate fra il 1607 (Virginia) ed il 1732 (Georgia). Anche se la Gran Bretagna possedeva numerose altre colonie in Nord America e nelle Indie Occidentali, le colonie che si riferiscono alle Tredici Colonie sono quelle che formarono il primo nucleo degli USA a seguito della rivoluzione americana che proclamarono la loro indipendenza il 4 luglio 1776, ancora oggi solennemente festeggiato dagli statunitensi come Giorno dell'Indipendenza.

Le colonie[modifica | modifica sorgente]

I documenti contemporanei indicano le tredici colonie britanniche del nord America in ordine geografico da nord a sud.

Altre suddivisioni prima del 1730[modifica | modifica sorgente]

Colonie del nord America 1763-76
  • Colonia di Jamestown: 1° insediamento inglese in nord America fondato nel maggio 1607.
  • Colonia di Plymouth: fondata nel 1620 dai Padri Pellegrini dopo l'approdo a Cape Cod. Plymouth venne annesso alla Massachusetts Bay Colony con la pubblicazione della Massachusetts Bay charter del 1691.
  • Maine: fondata nel 1622. (Un tentativo precedente di fondare Popham Colony sull'isola di Sagadahoc, nel Maine, nel 1607 venne abbandonato dopo un solo anno.) La Massachusetts Bay colony si annesse il Maine durante la Guerra civile inglese, ma con la Restoration, il Maine riebbe la sua autonomia nel 1664. Il Maine fu ufficialmente annesso alla Massachusetts Bay Colony con la pubblicazione della Massachusetts Bay charter del 1691.
  • colonia del Maryland:costituita nel 1632.
  • colonia del Rhode Island: fondata nel 1636 da alcuni dissidenti puritani.
  • colonia di New Haven: fondata alla fine del 1637, New Haven venne annessa alla colonia del Connecticut con la pubblicazione della Connecticut Charter nel 1662, come punizione del re Carlo II d'Inghilterra per aver ospitato i giudici che condannarono a morte suo padre Carlo I.
  • Provincia della Carolina: fondata nel 1663. La Carolina venne divisa in nord Carolina e sud Carolina nel 1712. Entrambe le colonie divennero possedimenti personali del re d'Inghilterra nel 1729.
  • Colonia del New Jersey: fu fondata e divisa nel 1674 in due colonie separate, West Jersey e East Jersey, poi riunite nel 1702.
  • Colonia della Pennsylvania:costituita nel 1680 su iniziativa di William Penn.
  • Dominio del New England: creato da Giacomo II mediante l'accorpamento del Maine, New Hampshire, Massachusetts Bay, Plymouth, Rhode Island, Connecticut, New York, East Jersey e West Jersey in una singola grande entità politico-territoriale nel 1685. L'esperimento venne sospeso con la Glorious Revolution del 1688-89, ma le nove ex colonie si riunirono nel 1689.
  • Colonia del Delaware: costituitasi nel 1712 per distacco dalla Pennsylvania.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ L'attuale stato del Vermont venne conteso fra le colonie di New York e New Hampshire. Dal 1777 al 1791, esistette come Repubblica del Vermont.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cooke, Jacob Ernest et al., ed. Encyclopedia of the North American Colonies. Scribner's, 1993. 3 vol; 2397 pp.
  • Gipson, Lawrence. The British Empire Before the American Revolution (15 volumes) (1936-1970), Pulitzer Prize; highly detailed discussion of every British colony in the New World
  • Greene, Evarts Boutelle. Provincial America, 1690-1740. 1905. online
  • Osgood, Herbert L. The American Colonies in the Seventeenth Century. 4 vol Columbia University Press, 1904-07. online
  • Vickers, Daniel, ed. A Companion to Colonial America. Blackwell, 2003. 576 pp.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]