David Icke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Icke

David Icke (Leicester, 29 aprile 1952) è uno scrittore britannico, tra i più noti autori e fautori di varie teorie del complotto.

È noto per le sue congetture su "chi e che cosa davvero controlla il mondo". Il nocciolo del suo pensiero è costituito dall'idea che l'universo sia in realtà una matrice olografica e che un gruppo segreto di umanoidi rettiliani, riuniti nella Fratellanza Babilonese (Babylonian Brotherhood) detta anche "Fratellanza del Serpente", controlli l'umanità attraverso altre dimensioni; e che molte figure di primo piano della politica e dello spettacolo - fra cui George W. Bush, la Regina Elisabetta II, Bill Clinton, Tony Blair, Kris Kristofferson, Bob Hope, e il cantante country Boxcar Willie - siano dei rettiliani.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Icke, originario delle Midlands inglesi, nacque in una famiglia operaia e trascorse la sua giovinezza in una casa popolare, in condizioni disagiate. Non concluse gli studi per giocare a calcio per il Coventry City F.C. e successivamente con il Hereford United, in cui ottenne il ruolo di portiere. Nel 1973, a 21 anni, fu costretto a ritirarsi dall'attività sportiva a causa dell'artrite e di alcuni infortuni che ne compromisero la carriera.

Trovato lavoro in un giornale locale a Leicester divenne giornalista, per poi trasferirsi dapprima in una radio locale, poi in una rete televisiva regionale e infine in una nazionale. Chiamato alla BBC come telecronista calcistico, lavorò per diversi anni nella redazione sportiva dell'emittente. Lasciata la BBC, divenne attivista del Partito Verde Britannico, raggiungendo in breve la posizione di portavoce nazionale.

Nel marzo del 1990, Icke affermò di aver ricevuto «un messaggio dal mondo spirituale» attraverso una medium. Questa gli avrebbe detto che egli era un guaritore mandato a sanare la Terra, che era stato scelto per il suo coraggio e che era stato indirizzato allo sport per imparare la disciplina. Secondo la visione, avrebbe lasciato la politica e sarebbe divenuto famoso, scrivendo cinque libri in tre anni, finché un giorno ci sarebbe stato un grande terremoto in cui «il mare reclamerà la terra», a causa del cattivo comportamento degli esseri umani che starebbero abusando delle risorse terrestri.

Quando Icke disse alla dirigenza dei Verdi quel che aveva sentito, venne immediatamente espulso dal partito[1]. In un'intervista nello show di Terry Wogan nel 1991, due sue controverse affermazioni (prima si autoproclamò Figlio della Divinità e successivamente disse che la Gran Bretagna sarebbe stata devastata dalle maree e dai terremoti) furono accolte con risa dal pubblico in studio mentre i giornalisti, con aria a volte ironica a volte preoccupata, si chiedevano se Icke fosse malato di mente.

I suoi sostenitori affermano che in realtà stava descrivendo tutti gli esseri umani come figli di Dio, o di un'altra divinità, e che la confusione nacque dal suo sforzo volto a spiegare la propria apoteosi. Dopo esser stato ampiamente ridicolizzato, scomparve dalla vita pubblica per un breve periodo. Icke stesso scrisse che per diversi anni non poté camminare lungo la strada senza venire additato e deriso dalla gente, e che tale esperienza lo aiutò a trovare il coraggio di sviluppare le sue idee, poiché non temeva più quello che la gente pensava di lui.

« Uno dei miei più grandi timori era quello di essere ridicolizzato dal pubblico come se fossi un bambino. E questo è davvero accaduto. Come presentatore televisivo, ero rispettato. La gente mi riconosceva per strada e mi stringeva la mano, parlandomi in modo educato. Ma una notte, improvvisamente, sono stato trasformato in 'Icke il pazzo' ed ormai non posso più attraversare una via della Gran Bretagna senza essere deriso: questo è un incubo! Mio figlio ne è rimasto devastato psicologicamente in quanto non immaginava che il padre potesse essere considerato ridicolo dall'oggi al domani. »
(Dichiarazioni di David Icke[2])

Attualmente egli vive a Ryde, nell'Isola di Wight, ha pubblicato numerosi libri riguardo alla teoria della cospirazione globale. Icke tiene spesso anche tournée in tutto il mondo in cui illustra le sue teorie ma anche gli aspetti più giornalistici di esse, discutendo dell'attuale situazione mondiale e dei suoi retroscena, dal disastro dell'11 settembre 2001 alla guerra in Iraq, dal conflitto israelo-palestinese alla crisi economico-petrolifera.

Opere complottiste[modifica | modifica sorgente]

Gli illuminati[modifica | modifica sorgente]

Icke a partire dagli anni novanta propugna la sua teoria, secondo cui il mondo sarebbe dominato da una ristretta cerchia di eletti, gli illuminati, legati ai protocolli dei Savi di Sion, un falso pubblicato in forma di opuscolo nel 1905 che immagina una cospirazione ebraica.

Icke ha pubblicato sedici libri esponendo le sue opinioni, che sono in genere considerate un insieme di New Age (malgrado le sue smentite)[3], cospirazionismo politico ed apocalittico, mescolate con quello che alcuni considerano una visione antisemita. Michael Barkun, nel suo studio del 2003 sulla sottocultura della cospirazione, A Culture of Conspiracy: Apocalyptic Visions in Contemporary America, scrive che Icke è «il più fluente degli autori cospirazionisti, e dà ai suoi scritti una chiarezza raramente trovata in testi del genere».

Il cuore delle idee di Icke è la credenza che il mondo sia sotto il controllo di un governo segreto. Nel 1996, nel suo libro ... and the truth will set you free ( e la verità vi renderà liberi), affermò che questo governo era finanziato da banchieri e affaristi come i Rothschild e Rockefeller, sebbene in seguito abbia chiarito che considera gli ebrei membri della classe dirigente non ebrei, ma lucertole. Secondo il giornalista inglese Simon Jones, Icke affermò che:

« La gente comune è indotta in massa a credere che la normale causa degli eventi del mondo siano le conseguenze di forze politiche note, o eventi casuali e incontrollabili. Tuttavia, la storia dell'umanità è manipolata ad ogni livello... Ora potreste chiedervi fino a quali terribili attività questa gente possa arrivare. Icke ha la risposta. Questi individui organizzano incidenti in tutto il mondo, che poi richiedono una risposta dall'opinione pubblica (bisogna fare qualcosa), e in cambio permettono a questi potenti di fare qualsiasi cosa questi abbiano desiderato fare sin dall'inizio. »
(Dichiarazioni di Icke a Simon Jones[4])

L'aspetto New Age della filosofia di Icke, scrisse Jones, prevede che la gente viva in una coscienza multidimensionale e che si dovrebbe abbandonare la falsa esistenza fornita dal governo mondiale, che porterà la gerarchia al collasso. Icke cita nelle sue opere in particolare la prima guerra mondiale e seconda guerra mondiale, l'Olocausto, l'attentato di Oklahoma City, l'attentato del volo Pan Am 103, il conflitto in Bosnia e gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 come esempi di eventi causati dal governo segreto. Arrivando addirittura a teorizzare un controllo e una responsabilità da parte di esso sulla maggior parte degli eventi negativi degli ultimi due secoli.

I rettiliani[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999, Icke scrisse e pubblicò The Biggest Secret: The Book That Will Change the World, nel quale affermò che il pianeta sarebbe controllato da un Nuovo Ordine Mondiale, manovrato da una razza di umanoidi rettiliani chiamati la Fratellanza Babilonese (Babylonian Brotherhood). Egli ha scritto:

« Le mie ricerche [nota: scritto resaerch nel testo originale] suggeriscono che è da un'altra dimensione, la quarta dimensione inferiore (lower fourth dimension), che il controllo e la manipolazione sarebbero orchestrati. Altre persone sanno che lo è dalla dimensione astrale (lower astral dimension), la leggendaria casa dei demoni e delle entità [nota: scritto antities nel testo] nei loro rituali di magia nera... »
(D. Icke, The Biggest Secret: The Book That Will Change the World)

Secondo Icke, il DNA "ibrido rettile-umano" dei rettiliani permetterebbe loro di cambiare dalla forma originaria a quella umana se questi consumano del sangue umano. Icke stese un parallelo con la miniserie TV degli anni ottanta V - Visitors in cui la Terra è conquistata da rettiloidi alieni camuffati da umani. Il gruppo rettiliano secondo Icke comprenderebbe molti personaggi importanti e in pratica ogni leader mondiale, dalla defunta Regina madre inglese a George H.W. Bush, Bill Clinton, Harold Wilson, Tony Blair, e persino Bob Hope. Queste persone o sono essi stessi rettiliani, o lavorano per loro in quella che Icke chiama «sindrome dalla personalità multipla simile a schiavitù»:

« I Rothschild, i Rockefeller, la Famiglia Reale inglese e le famiglie dominanti della politica e dell'economia negli USA e nel resto del mondo vengono dalle STESSE discendenze. Non è perché sono snob, è per mantenere al meglio la loro struttura genetica: il DNA rettiliano-mammifero che gli permette di cambiare forma (shape-shifting»
(D. Icke)

Icke ha scritto che la famiglia Rothschild avrebbe pianificato l'ascesa al potere di Adolf Hitler per puntare al controllo di Israele, terra considerata sacra per gli Illuminati. I personaggi-rettiliani, secondo Icke sarebbero dediti a sacrifici umani, avidi di sangue umano e di violenze carnali su dei minorenni e manipolerebbero la gente con riti satanisti e con l'ingegneria sociale. Icke descrisse lo shape-shifting come un «Fenomeno riportato da testimoni che hanno visto persone (molto spesso in posizioni di potere) trasformarsi di fronte ai loro occhi, da una forma umana a una forma rettiliana e poi ritornare a quella originale».

Icke in un'intervista affermò[5] che Christine Fitzgerald, una confidente della Principessa Diana confidò a lui che Diana stessa credeva che la famiglia reale inglese fosse collegata ai rettiliani e che loro stessi fossero in grado di trasformarsi. Icke da allora ha pubblicato un gran numero di altri testi sugli stessi temi. I suoi ultimi lavori vedono in George W. Bush, anch'egli un rettiloide, uno dei ruoli centrali in quella che Icke definisce la cospirazione dell'11 settembre (9/11 conspiracy).

Accuse di antisemitismo[modifica | modifica sorgente]

Le teorie di Icke sono state attaccate come antisemite in quanto i suoi argomenti sulla presa del potere rettiliana e i riferimenti a noti banchieri ebrei richiamerebbero le teorie sulle cospirazioni giudaiche. Icke ha fermamente negato che i suoi rettili rappresentino gli ebrei. «Non sono un antisemita!», ha dichiarato al The Guardian, «Ho grande rispetto per il popolo ebraico».[6]

Egli ha affermato che i rettiliani non sarebbero umani, e quindi nemmeno ebrei, ma entità extradimensionali che prendono il controllo delle menti umane. La sua teoria prevede che la razza bianca sia la più suscettibile all'influenza rettiliana e in particolare le persone bianche con gli occhi azzurri.[7] Ciò nonostante, le affermazioni di Icke a proposito di una organizzazione di banchieri ebrei che avrebbe pianificato l'Olocausto e finanziato l'ascesa di Hitler sono viste come antisemite, non solo dai gruppi ebraici, e gli hanno fatto guadagnare anche il sostegno di alcuni gruppi affini al neonazismo, in particolare quello di Combat 18, un movimento skinhead di portata mondiale.

Icke ha citato numerose pubblicazioni neonaziste e di estrema destra nelle sue pubblicazioni. Simon Jones fa notare che la bibliografia di ... and the truth will set you free contiene The Spotlight, pubblicato originariamente dalla disciolta Liberty Lobby, che Icke definisce eccellente e On Target, pubblicato dalla Australian League of Rights, che ha organizzato le conferenze per il negazionista dell'Olocausto David Irving. Jones scrive:

« È facile marchiare David Icke come un uomo confuso ed ignorante, manipolato da estremisti per presentare la loro filosofia in una forma socialmente accettabile. Ma Icke capisce chiaramente le implicazioni delle sue parole. »
(Intervista a Icke di Simon Jones[4])

Nel rispondere ad una domanda fattagli durante una delle sue conferenze, Icke disse a Jones:

« Penso che la gente debba avere il diritto di credere, di leggere e di avere accesso a tutte le informazioni, per formarsi una propria opinione su cosa pensare. Se qualcosa non ha senso, e se qualcosa non accade, verrà mostrato come insensato sotto le luci dell'arena pubblica »
(D. Icke a Simon Jones)

Nel 1999, i libri di Icke vennero rimossi dai negozi Indigo in tutta la provincia canadese dell'Ontario, e diverse date del suo tour di conferenze vennero annullate per le proteste del Consiglio Ebraico Canadese. La University of Toronto concesse di tenere la conferenza programmata, nonostante la presenza di 70 contestatori, tra cui i rappresentanti del Partito dei Verdi dell'Ontario, esternamente al Hart House Theatre. Un docente di legge della University of Toronto, il Professor Edward Morgan scrisse il 30 settembre 1999 al rettore dell'università Robert Pritchard:

« Essendo stato coinvolto in un certo numero di importanti casi in Canada relativi alla letteratura dell'odio, è mia opinione che questo sia precisamente il tipo di materiale diffamatorio di cui la Corte Suprema si è occupata mettendola al bando nel Codice Criminale. Le pubblicazioni mostrano i classici tratti antisemiti, e sono piene di riferimenti a società segrete che portano avanti cospirazioni globali, condotte da uno stereotipo dell'ebreo manipolatore. Il materiale che ho visto non ha posto sul mercato canadese delle idee! »
(Edward Morgan[8])

Sumari Communications, che organizzò il tour, negò le accuse:

« Io contesto l'assunto antisemita perché la comunità ebraica ha scelto di isolare frasi antisemite nei libri di David che sono a loro volta citazioni da autori ebrei, usate per provare le sue teorie. Nessuno obbliga quella gente a essere qui, ma è importante che lo possano fare. Si chiama libertà, e David non ha nemmeno menzionato gli ebrei nelle sue conferenze. »
(Nota ufficiale di Sumari Communications)

Il giornalista inglese Louis Theroux, recensendo il lavoro di Jon Ronson Them: Adventures with Extremists, ha chiesto cautela nelle accuse di antisemitismo ad Icke:

« Non solo potrebbe essere ingiusto verso Icke, ma implicando che sia così pericoloso da meritarsi una censura, i censori danno una patina di serietà a idee che sono, diciamocelo, veramente, veramente idiote. »
(Louis Theroux)

David Icke nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Il fumettista Mark Millar ha tratto dalla visione del mondo di Icke diverse trame e personaggi della serie Marvel Comics Ultimates (versione Ultimate dei Vendicatori). Icke ha contribuito involontariamente anche al nome di una razza aliena chiamata Chitauri, sostanzialmente una frangia ribelle di Skrull. Questi personaggi, alieni lucertoloidi mutaforma, comparvero per la prima volta sul numero due di The Fantastic Four (Vol. 1) nel gennaio 1962.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The ten worst sportsmen in politics in The Observer, 5 settembre 2004. URL consultato il 28 novembre 2013.
  2. ^ (EN) Jon Ronson, Beset by lizards (part two) in The Guardian, 17 marzo 2001. URL consultato il 28 novembre 2013.
  3. ^
    « Vedo all'interno del movimento New Age elementi che dicono alla gente cosa pensare e cosa fare. Non si tratta di suggerimenti, ma quasi di ordini. Vedo della censura nella New Age, atta a tenere lontano ogni potenziale minaccia ai suoi sempre più numerosi e consistenti dogmi e se le persone che ora si svegliano ad una nuova realtà vengono risucchiate da tutto ciò, una forma di controllo del pensiero rimpiazzerebbe un'altra. »
    (David Icke, E la verità vi renderà liberi)
  4. ^ a b (EN) simon-jones.org.uk, http://www.simon-jones.org.uk/articles/david_icke.htm. [collegamento interrotto]
  5. ^ (EN) Rick Martin, David Icke Interview: Aliens among us, metatech.org, 30 luglio 1999. URL consultato il 28 novembre 2013.
  6. ^ (EN) Jon Ronson, Beset by lizards in The Guardian, 17 marzo 2001. URL consultato il 28 novembre 2013.
  7. ^ (EN) David Hicke, It's all a "Jewish Plot"? No way., davidicke.com. (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2002).
  8. ^ (EN) http://varsity.utoronto.ca:16080/archives/120/oct12/news/anti.htm. [collegamento interrotto]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 5769309 LCCN: nr91017265