Bert van Marwijk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bert van Marwijk
Bert van Marwijk 004.jpg
Dati biografici
Nome Lambertus van Marwijk
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista, attaccante)
Ritirato 1988 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1969-1975 Go Ahead Eagles Go Ahead Eagles 146 (16)
1975-1978 AZ Alkmaar AZ Alkmaar 69 (20)
1978-1986 MVV MVV 167 (11)
1986-1987 Fortuna Sittard Fortuna Sittard 8 (1)
1987-1988 Assent Assent 17 (0)
Nazionale
1975 Paesi Bassi Paesi Bassi 1 (0)
Carriera da allenatore
1982-1986 MVV MVV (Giovanili)
1986-1990 Meerssen Meerssen (Giovanili)
1990-1991 Herderen Herderen
1991-1995 RKVCL Limmel RKVCL Limmel
1995-1998 Meerssen Meerssen
1998-2000 Fortuna Sittard Fortuna Sittard
2000-2004 Feyenoord Feyenoord
2004-2006 Bor. Dortmund Bor. Dortmund
2006-2008 Feyenoord Feyenoord
2008-2012 Paesi Bassi Paesi Bassi
2013-2014 Amburgo Amburgo
Palmarès
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Argento Sudafrica 2010
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 giugno 2012

Lambertus "Bert" van Marwijk (Deventer, 19 maggio 1952) è un allenatore di calcio ed ex calciatore olandese.

Ha anche ricoperto il ruolo di commissario tecnico della nazionale di calcio olandese, con la quale ha raggiunto il secondo posto ai campionati mondiali di calcio del 2010. È il suocero dell'ex centrocampista del PSV Eindhoven e della nazionale olandese Mark van Bommel.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Ricoprendo il ruolo di centrocampista ed attaccante, ha disputato un totale di 390 partite nella massima divisione olandese.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Ha ottenuto anche una convocazione da giocatore nella Nazionale olandese.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Le prime importanti esperienze da allenatore, Bert le ha vissute dal 2000 in poi: alla guida del Feyenoord, squadra olandese, è riuscito anche a vincere una Coppa UEFA, nel 2002. Nel luglio del 2004 è diventato il coach del Borussia Dortmund. Tuttavia, da allenatore del club tedesco, non ha avuto grande fortuna: già nel dicembre nel 2006, la società e van Marwijk dichiarano di voler consensualmente rescindere il contratto che li lega al termine della stagione 2006/2007. L'allenatore lascia però la panchina del club già il 18 dicembre dello stesso anno.

Il 14 luglio del 2007, dimostrando d'essere ancora molto legato al suo vecchio team, l'olandese dichiara di voler tornare ad allenare il Feyenoord una seconda volta, dopo che svariati allenatori, fra cui Co Adriaanse, avevano rifiutato l'incarico. L'allenatore aiuta la squadra a ripartire da zero, contribuisce alla sua completa rifondazione dopo la drammatica stagione 2006/2007, in cui i Kameraden erano finiti al settimo posto nella classifica della massima serie olandese. Quattro importanti giocatori vengono portati al club olandese da van Marwijk (Tim de Cler, Giovanni van Bronckhorst, Kevin Hofland e Roy Makaay), con l'obiettivo comune di riportare il Feyenoord agli antichi splendori.

Dopo gli Europei 2008 lascia il Feyenoord e succede a Marco Van Basten sulla panchina della nazionale olandese. Sotto la sua guida, gli olandesi raggiungono di nuovo dopo 32 anni la finale di un mondiale di calcio, ma vengono battuti dalla Spagna ai tempi supplementari.

Rimane il commissario tecnico della nazionale olandese anche per le qualificazioni per gli Europei 2012, ottenendo il primo posto nel girone, grazie a nove successi su dieci gare disputate.

Termina gli Europei ultimo nel girone con 0 punti e al termine degli stessi annuncia le dimissioni da C.T. degli Orange[1] nonostante fosse stato ugualmente confermato dalla Federcalcio olandese (KNVB)[2] la quale lo ringrazia "per aver compiuto un lavoro straordinario portando la squadra alla finale mondiale e al primo posto nel ranking FIFA".[3]

Il 22 settembre 2013 firma un contratto biennale con l'Amburgo. Qui ritrova il connazionale Rafael van der Vaart. Il 15 febbraio 2014, con la squadra penultima in classifica, viene esonerato.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
AZ: 1977-1978
Fortuna Sittard: 1983-1984

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]
Feyenoord: 2007-2008
Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]
Feyenoord: 2001-2002

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine di Orange-Nassau - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Orange-Nassau

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bert van Marwijk stopt als bondscoach
  2. ^ Alessandra Bocci, L'Olanda in cerca del c.t.: Ronald Koeman o Gullit? in La Gazzetta dello Sport, 29 giugno 2012, p. 19.
  3. ^ Troppa delusione, Bert van Marwijk lascia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]