Mark van Bommel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mark van Bommel
Mark van Bommel 2.jpg
Mark van Bommel nel 2010
Dati biografici
Nome Mark Peter Gertruda Andreas van Bommel[1][2]
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 186[3] cm
Peso 86[3] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 12 maggio 2013
Carriera
Giovanili
1990-1992 RKVV Maasbracht RKVV Maasbracht
Squadre di club1
1992-1999 Fortuna Sittard Fortuna Sittard 153 (13)
1999-2005 PSV PSV 169 (46)
2005-2006 Barcellona Barcellona 24 (2)
2006-2011 Bayern Monaco Bayern Monaco 123 (11)
2011-2012 Milan Milan 50 (0)
2012-2013 PSV PSV 28 (6)
Nazionale
2000-2012 Paesi Bassi Paesi Bassi 79 (10)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Argento Sudafrica 2010
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 maggio 2013

Mark Peter Gertruda Andreas van Bommel (Maasbracht, 22 aprile 1977) è un ex calciatore olandese, di ruolo centrocampista.

Dal 2010 al 2012 è stato capitano della Nazionale olandese, con cui ha partecipato a due Mondiali, ottenendo un secondo posto nel 2010, e a un Europeo. Risulta uno dei pochi giocatori ad aver vinto i campionati nazionali di ben 4 Paesi diversi (Paesi Bassi, Spagna, Germania ed Italia).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È il genero di Bert van Marwijk,[4] suo allenatore al Fortuna Sittard[5] ed ex commissario tecnico della Nazionale di calcio dell'Olanda, avendone sposato la figlia Andra[6] nel 2001.[5] La coppia ha tre figli: due maschi (Thomas e Ruben) e una femmina (Renee).[2]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocatore dotato di un fisico possente, tatticamente molto duttile, può essere utilizzato come centrocampista difensivo, centrocampista centrale e all'occorrenza anche come centrocampista offensivo.[4][7] Forte nei contrasti[8] e abile nel recuperare palla,[9] è dotato di buona precisione nei passaggi e nei lanci lunghi per gli attaccanti e inoltre possiede un tiro potente,[9] che gli consente di segnare dalla media e lunga distanza[1][4][8] e, in particolare ai tempi del PSV Eindhoven, anche su punizione.[9]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Esordi[modifica | modifica sorgente]

Van Bommel ha iniziato la carriera al RKVV Maasbracht, squadra dilettantistica della sua città natale, prima di firmare un contratto professionistico con il Fortuna Sittard nel 1992. Il 15 maggio 1993 ha esordito tra i professionisti contro il Cambuur, subentrando a Rafael Losada al 71º minuto di gioco.[10] Grazie all'esordio avvenuto all'età di 16 anni e 23 giorni, è diventato il terzo più giovane debuttante nella Eredivisie dopo Wim Kras (15 anni e 290 giorni) e Michel Mommertz (16 anni e 9 giorni).[11][12]

Nella stagione seguente in Eerste Divisie van Bommel ha trovato più spazio (13 presenze in campionato) e l'anno successivo è diventato titolare[9] della squadra che ha vinto il campionato di seconda divisione olandese conquistando così la promozione in Eredivisie.[13]

Nelle successive 4 stagioni con il Fortuna Sittard ha collezionato oltre 100 presenze in Eredivisie e ha raggiunto la qualificazione alla Coppa Intertoto 1998, dove ha esordito il 18 luglio 1998 contro il Vorskla, e la finale della Coppa d'Olanda 1998-1999, persa contro l'Ajax, che van Bommel ha dovuto saltare per squalifica.[1][13][14] Alla fine della stagione 1998-1999 ha vinto il riconoscimento come "Talento dell'anno del campionato olandese".[15][16]

PSV Eindhoven[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999 è stato ingaggiato dal PSV Eindhoven, con cui ha esordito il 14 agosto 1999 conto l'MVV, segnando un gol.[17] Durante la prima stagione al PSV Eindhoven ha debuttato in Champions League[18] il 23 agosto 1999 nel ritorno del terzo turno preliminare contro lo Zimbru Chişinău.[19]

Il 10 maggio 2003 ha realizzato la prima quaterna in carriera nel 7-0 contro l'Excelsior[20] e il 10 agosto dello stesso anno è stato autore del gol del 2-1 del PSV contro l'Utrecht (3-1 il risultato finale), che ha determinato la vittoria della Supercoppa d'Olanda 2003.[21]

Nella stagione 2004-2005 con il PSV Eindhoven ha raggiunto la semifinale della Champions League, persa contro il Milan.[22] Quell'annata è risultata la migliore dal punto di vista realizzativo per van Bommel che è stato il secondo miglior marcatore stagionale della propria squadra con 19 reti (14 in campionato, 3 in Coppa d'Olanda e 2 in Champions League) dietro a Vennegoor of Hesselink (24).[23]

Nelle 6 stagioni trascorse al PSV Eindhoven ha vinto 4 campionati olandesi, 3 Supercoppe d'Olanda e una Coppa d'Olanda. Inoltre nel 2001 e nel 2005 è stato anche nominato "Calciatore olandese dell'anno".[15][16]

Barcellona[modifica | modifica sorgente]

Mark van Bommel festeggia la vittoria della Liga 2005-2006

Nel 2005, alla scadenza del contratto con il PSV Eindhoven,[9] è stato acquistato a parametro zero dal Barcellona,[24] fresco vincitore del campionato spagnolo. Prima di trasferirsi in Spagna ha imparato lo spagnolo in un convento nei pressi di Eindhoven.[1][2]

Con Frank Rijkaard alla guida del club catalano, il giocatore ha esordito in maglia blaugrana il 13 agosto 2005 nella gara di andata della Supercoppa di Spagna contro il Betis Siviglia,[25] subentrando a Giuly al 70º minuto di gioco.[26] In totale nella stagione 2005-2006 ha disputato 24 partite nella Liga (di cui 17 da titolare) segnando due gol, 9 in Champions League, 3 in Coppa del Re, segnando in entrambe le manifestazioni una rete, e una in Supercoppa di Spagna.[24] Con la squadra catalana ha vinto il campionato, la Champions League (giocando titolare nella finale del 17 maggio 2006 contro l'Arsenal[27]) e la Supercoppa di Spagna.[24]

All'inizio della stagione seguente van Bommel è stato convocato per la partita di ritorno della Supercoppa di Spagna vinta contro l'Espanyol[28] ma non è stato schierato in campo[24] e pochi giorni più tardi è stato ceduto ai tedeschi del Bayern Monaco.

Bayern Monaco[modifica | modifica sorgente]

Mark van Bommel con la maglia del Bayern Monaco nel 2009

Il 26 agosto 2006 il direttore generale del Bayern Monaco Uli Hoeneß ha annunciato il prossimo trasferimento di van Bommel alla squadra tedesca,[29] che è stato perfezionato due giorni dopo.[30]

Ha esordito con la maglia della squadra bavarese il 9 settembre 2006 nella gara di Coppa di Germania contro il St. Pauli, vinta per 2-1 dopo i tempi supplementari.[18][31] Il 16 settembre 2006 ha debuttato in Bundesliga in casa dell'Arminia Bielefeld (sconfitta per 2-1), realizzando dopo 6 minuti il primo gol con la maglia del Bayern Monaco.[18][32]

Il 21 febbraio 2007 ha segnato la rete del definitivo 3-2 nella gara di andata degli ottavi di finale della Champions League 2006-2007 in casa del Real Madrid, festeggiata con un "gesto dell'ombrello" rivolto ai tifosi avversari.[33][34] Per questo gesto è stato inizialmente squalificato per una giornata dalla UEFA e multato di 6.200 euro, oltre ad essere stato obbligato a mettersi a disposizione della UEFA stessa per promuovere il fair play nel corso di una delle competizioni giovanili di quell'anno.[35] Successivamente la giornata di squalifica è stata annullata, ma van Bommel ha comunque saltato la gara di andata di quarti di finale contro il Milan per la squalifica a seguito dell'espulsione per doppia ammonizione subita nella vittoriosa gara di ritorno contro il Real Madrid.[36]

Nell'aprile 2008 van Bommel si è rotto il naso in uno scontro con Mladen Petrić durante la finale di Coppa di Germania 2007-2008 vinta contro il Borussia Dortmund,[37] ma ha deciso di rimandare l'operazione[38] a fine stagione[39] disputando comunque le successive partite senza una maschera protettiva.[40]

A partire dalla stagione 2008-2009 è diventato il capitano del Bayern Monaco. È stato così il primo giocatore non tedesco a essere eletto capitano della squadra bavarese.[18][41]

Il 20 febbraio 2010, nella gara esterna contro il Norimberga, ha giocato la 100ª partita personale in Bundesliga.[18][42] Nella stagione successiva i rapporti fra lui e l'allenatore Louis van Gaal hanno iniziato a deteriorarsi da quando quest'ultimo ha incominciato a escludere dai titolari il centrocampista olandese[43] per far spazio al giovane Toni Kroos e al neo acquisto Luiz Gustavo, prelevato dall'Hoffenheim nel gennaio 2011.[44] Così van Bommel ha deciso di chiedere la risoluzione del contratto in essere con la società bavarese che sarebbe scaduto nel giugno 2011.[45]

Con il Bayern Monaco ha disputato in totale 187 partite[46] nelle quali ha segnato 16 gol e ha vinto due volte il double Bundesliga-Coppa di Germania (nelle stagioni 2007-2008 e 2009-2010) e una Coppa di Lega nel 2007. Nella stagione 2009-2010 inoltre ha raggiunto la finale della Champions League, persa contro l'Inter.[47]

Milan[modifica | modifica sorgente]

Il 25 gennaio 2011 il sito ufficiale del Bayern Monaco ha annunciato la cessione a titolo gratuito al Milan.[45] Con la società rossonera van Bommel ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2011[48] scegliendo la maglia numero 4[49] in onore dell'ex centrocampista rossonero Demetrio Albertini,[50] di cui era stato compagno di squadra ai tempi del Barcellona.

Ha disputato la sua prima partita con il Milan il 26 gennaio 2011 nella gara dei quarti di finale di Coppa Italia al Ferraris di Genova contro la Sampdoria (1-2).[51] Tre giorni dopo, il 29 gennaio 2011, ha esordito in Serie A contro il Catania,[52] partita vinta 2-0 dai rossoneri nella quale è stato espulso per doppia ammonizione al 54º minuto di gioco.[53] Il 7 maggio 2011 ha vinto lo scudetto con i rossoneri a due giornate dal termine del campionato grazie allo 0-0 contro la Roma.[54] Il 17 maggio 2011 ha rinnovato il contratto con il Milan, in scadenza a fine stagione, fino al 30 giugno 2012.[55]

Il 6 agosto 2011 ha vinto la Supercoppa italiana con il Milan battendo l'Inter a Pechino per 2-1.[56]

Il 12 maggio 2012 ha annunciato l'addio al Milan per tornare a giocare in patria al PSV Eindhoven.[57] In totale nell'anno e mezzo in rossonero ha disputato 50 partite.

Ritorno al PSV Eindhoven[modifica | modifica sorgente]

Il 14 maggio 2012 van Bommel ha firmato un contratto annuale con il PSV.[58] Con la squadra di Eindhoven ha vinto subito la Supercoppa nazionale, ottenuta il 5 agosto seguente grazie alla vittoria per 4-2 contro l'Ajax.[59] Il 23 agosto seguente ha segnato la sua prima rete da quando è tornato alla società olandese, in occasione della partita d'andata dei play-off di Europa League contro i montenegrini dello Zeta Golubovci (5-0).[60][61] Ha invece realizzato il suo primo gol in campionato il 2 settembre 2012 nel 5-1 contro l'AZ Alkmaar. In stagione, nella quale il PSV è arrivato al secondo posto in campionato alle spalle dell'Ajax e ha raggiunto la finale di Coppa d'Olanda, ha totalizzato 35 presenze e segnato 8 gol.

Il 12 maggio 2013 dopo l'ultima partita di Eredivisie 2012-2013 contro il Twente, nella quale è stato espulso per doppia ammonizione,[62] ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato.[63]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Van Bommel ha esordito nella Nazionale olandese il 7 ottobre 2000 contro Cipro,[1] partita conclusasi 4-0 per gli olandesi nella quale ha sostituito Paul Bosvelt al 76º minuto di gioco.[64]

Nel biennio 2002-2003 ha preso parte alle prime 7 partite delle qualificazioni all'Europeo 2004 ma non ha potuto disputare le seguenti né prendere parte alla fase finale in Portogallo a causa prima di un'operazione per guarire un'ernia inguinale[65] e poi di un infortunio al tendine d'Achille.[1][66]

Nal 2006 ha partecipato ai Mondiali in Germania, dove è sceso in campo in tutti gli incontri della sua squadra tranne nell'ultima giornata della fase a gironi contro l'Argentina, a qualificazione per gli ottavi già ottenuta.[67][68]

Dopo alcune esclusioni dalla Nazionale decise da van Basten dopo il Mondiale, van Bommel ha annunciato di non voler più rappresentare il suo paese fino a quando van Basten sarebbe stato il CT della Nazionale olandese,[1][8][18] rifiutando quindi la convocazione ricevuta per le gare contro Bulgaria e Albania,[69] valide per le qualificazioni agli Europei 2008.[70]

Van Bommel durante la partita contro la Germania agli Europei 2012

È tornato regolarmente a giocare in Nazionale nel 2008, quando van Marwijk ha sostituito van Basten.[6][18] Nel 2010 ha preso parte ai Mondiali in Sudafrica dove ha giocato tutte e 7 le partite dell'Olanda,[71] compresa la finale persa ai supplementari contro la Spagna.[72]

Nel settembre del 2010 è diventato il capitano della Nazionale olandese a seguito del ritiro dal calcio del precedente capitano, Giovanni van Bronckhorst.[73]

Dopo aver preso parte alle qualificazioni all'Europeo 2012, disputando 8 delle 10 partite degli Oranje, è stato convocato da van Marwijk per la fase finale in Polonia e Ucraina,[74] dove van Bommel ha giocato le prime due gare dell'Olanda contro Danimarca (0-1) e Germania (1-2) mentre è stato escluso nella terza e ultima contro il Portogallo, che è stata persa per 2-1 decretando così l'eliminazione degli olandesi.[75]

Il 20 giugno 2012, pochi giorni dopo l'eliminazione dall'Europeo 2012, van Bommel ha ufficializzato il suo addio alla Nazionale olandese per "lasciare spazio ai giovani di talento per risollevare la squadra in vista dei mondiali del 2014".[76] In totale con la maglia oranje ha disputato 79 partite, di cui le ultime 16 come capitano, e ha segnato 10 gol.

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 12 maggio 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1992-1993 Paesi Bassi Fortuna Sittard ED 1 0 CO  ?  ? - - - - - - 1+ 0+
1993-1994 1D 13 0 CO  ?  ? - - - - - - 13+ 0+
1994-1995 1D 31 7 CO  ?  ? - - - - - - 31+ 7+
1995-1996 ED 27 0 CO  ?  ? - - - - - - 27+ 0+
1996-1997 ED 19 0 CO  ?  ? - - - - - - 19+ 0+
1997-1998 ED 31 1 CO  ?  ? - - - - - - 31+ 1+
1998-1999 ED 31 5 CO  ?  ? CI 4 0 - - - 35+ 5+
Totale Fortuna Sittard 153 13  ?  ? 4 0 - - 157+ 13+
1999-2000 Paesi Bassi PSV ED 33 6 CO 1 0 UCL 5 0 - - - 39 6
2000-2001 ED 32 7 CO 4 0 UCL+CU 6+5 2+0 SO 1 0 48 9
2001-2002 ED 23 4 CO 3 0 UCL+CU 2+5 0+2 SO 1 0 34 6
2002-2003 ED 28 9 CO 3 0 UCL 5 0 SO 1 0 37 9
2003-2004 ED 23 6 CO 1 0 UCL+CU 2+6 0+1 SO 1 1 33 8
2004-2005 ED 30 14 CO 4 3 UCL 14 2 - - - 48 19
2005-2006 Spagna Barcellona PD 24 2 CR 3 1 UCL 9 1 SS 1 0 37 4
2006-2007 Germania Bayern Monaco BL 29 6 CG 3 1 UCL 8 1 - - - 40 8
2007-2008 BL 27 2 CG 6 0 CU 13 1 CdL 2 0 48 3
2008-2009 BL 29 2 CG 3 0 UCL 9 1 - - - 41[46] 3
2009-2010 BL 25 1 CG 5 0 UCL 10 1 - - - 40 2
2010-gen. 2011 BL 13 0 CG 2 0 UCL 3 0 SG 0 0 18 0
Totale Bayern Monaco 123 11 19 1 43 4 2 0 187 16
gen.-giu. 2011 Italia Milan A 14 0 CI 2 0 - - - - - - 16 0
2011-2012 A 25 0 CI 2 0 UCL 6 0 SI 1 0 34 0
Totale Milan 39 0 4 0 6 0 1 0 50 0
2012-2013 Paesi Bassi PSV ED 28 6 CO 3 1 UEL 3 1 SO 1 0 35 8
Totale PSV Eindhoven[17] 197 52 19 4 53 8 5 1 274 65
Totale carriera 536 78 45+ 6+ 115 13 9 1 705+ 98+

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Paesi Bassi Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-10-2000 Nicosia Cipro Cipro 0 – 4 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 -
11-10-2000 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 2 Portogallo Portogallo Qual. Mondiali 2002 -
15-11-2000 Siviglia Spagna Spagna 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
28-2-2001 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Turchia Turchia Amichevole -
24-3-2001 Barcellona Andorra Andorra 0 – 5 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 1
28-3-2001 Oporto Portogallo Portogallo 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 -
25-4-2001 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Cipro Cipro Qual. Mondiali 2002 -
15-8-2001 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
1-9-2001 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2002 -
5-9-2001 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 5 – 0 Estonia Estonia Qual. Mondiali 2002 2
13-2-2002 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
27-3-2002 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
21-8-2002 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
7-9-2002 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2004 -
16-10-2002 Vienna Austria Austria 0 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
12-2-2003 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
29-3-2003 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Euro 2004 -
2-4-2003 Tiraspol Moldavia Moldavia 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 1
7-6-2003 Minsk Bielorussia Bielorussia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
20-8-2003 Bruxelles Belgio Belgio 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
6-9-2003 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Austria Austria Qual. Euro 2004 -
10-9-2003 Praga Rep. Ceca Rep. Ceca 3 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2004 -
18-2-2004 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
31-3-2004 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Francia Francia Amichevole -
28-4-2004 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Grecia Grecia Amichevole -
18-8-2004 Stoccolma Svezia Svezia 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1
3-9-2004 Utrecht Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Amichevole 1
8-9-2004 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Mondiali 2006 -
9-10-2004 Skopje Macedonia Macedonia 2 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2006 -
13-10-2004 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Mondiali 2006 -
9-2-2005 Birmingham Inghilterra Inghilterra 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26-3-2005 Bucarest Romania Romania 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2006 -
30-3-2005 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Armenia Armenia Qual. Mondiali 2006 -
4-6-2005 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Romania Romania Qual. Mondiali 2006 -
1-3-2006 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Ecuador Ecuador Amichevole -
27-5-2006 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Camerun Camerun Amichevole -
4-6-2006 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 1 Australia Australia Amichevole -
11-6-2006 Lipsia Serbia e Montenegro Serbia e Montenegro 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2006 - 1º turno -
15-6-2006 Stoccarda Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Costa d'Avorio Costa d'Avorio Mondiali 2006 - 1º turno -
25-6-2006 Norimberga Portogallo Portogallo 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2006 - Ottavi -
20-8-2008 Mosca Russia Russia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
6-9-2008 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Australia Australia Amichevole -
10-9-2008 Skopje Macedonia Macedonia 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2010 -
11-10-2008 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Islanda Islanda Qual. Mondiali 2010 -
15-10-2008 Oslo Norvegia Norvegia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2010 1
19-11-2008 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Svezia Svezia Amichevole -
11-2-2009 Radès Tunisia Tunisia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
28-3-2009 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 0 Scozia Scozia Qual. Mondiali 2010 -
1-4-2009 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 0 Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2010 -
6-6-2009 Reykjavík Islanda Islanda 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 2010 1
10-6-2009 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Norvegia Norvegia Qual. Mondiali 2010 -
14-11-2009 Pescara Italia Italia 0 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
18-11-2009 Heerenveen Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 0 Paraguay Paraguay Amichevole -
3-3-2010 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
1-6-2010 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 1 Ghana Ghana Amichevole -
5-6-2010 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 6 – 1 Ungheria Ungheria Amichevole 1
14-6-2010 Johannesburg Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Danimarca Danimarca Mondiali 2010 - 1º turno -
19-6-2010 Durban Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Giappone Giappone Mondiali 2010 - 1º turno -
24-6-2010 Città del Capo Camerun Camerun 1 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2010 - 1º turno -
28-6-2010 Durban Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Slovacchia Slovacchia Mondiali 2010 - Ottavi -
2-7-2010 Port Elizabeth Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Brasile Brasile Mondiali 2010 - Quarti -
6-7-2010 Città del Capo Uruguay Uruguay 2 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 2010 - Semifinale -
11-7-2010 Johannesburg Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 dts Spagna Spagna Mondiali 2010 - Finale - 2º posto
3-9-2010 Serravalle San Marino San Marino 0 – 5 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2012 - cap.
7-9-2010 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 1 Finlandia Finlandia Qual. Euro 2012 - cap.
8-10-2010 Chişinău Moldavia Moldavia 0 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2012 - cap.
12-10-2010 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 4 – 1 Svezia Svezia Qual. Euro 2012 - cap.
9-2-2011 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 3 – 1 Austria Austria Amichevole - cap.
2-9-2011 Eindhoven Paesi Bassi Paesi Bassi 11 – 0 San Marino San Marino Qual. Euro 2012 - cap.
6-9-2011 Helsinki Finlandia Finlandia 0 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2012 - cap.
7-10-2011 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 0 Moldavia Moldavia Qual. Euro 2012 - cap.
11-10-2011 Solna Svezia Svezia 3 – 2 Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 2012 - cap.
15-11-2011 Amburgo Germania Germania 3 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - cap.
29-2-2012 Londra Inghilterra Inghilterra 2 – 3 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - cap.
26-5-2012 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Bulgaria Bulgaria Amichevole - cap.
30-5-2012 Rotterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Slovacchia Slovacchia Amichevole - cap.
2-6-2012 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 6 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Amichevole - cap.
9-6-2012 Charkiv Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Danimarca Danimarca Euro 2012 - 1º turno - cap.
13-6-2012 Charkiv Paesi Bassi Paesi Bassi 1 – 2 Germania Germania Euro 2012 - 1º turno - cap.
Totale Presenze (14º posto) 79 Reti (41º posto) 10

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Fortuna Sittard: 1994-1995
PSV Eindhoven: 1999-2000, 2000-2001, 2002-2003, 2004-2005
PSV Eindhoven: 2000, 2001, 2003, 2012
PSV Eindhoven: 2004-2005
Barcellona: 2005, 2006
Barcellona: 2005-2006
Bayern Monaco: 2007
Bayern Monaco: 2007-2008, 2009-2010
Bayern Monaco: 2007-2008, 2009-2010
Bayern Monaco: 2010
Milan: 2010-2011
Milan: 2011

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Barcellona: 2005-2006

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1998-1999
2000-2001, 2004-2005
2005

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g (EN) Van Bommel, footballdatabase.com. URL consultato il 23-05-2011 (archiviato dall'url originale il 09-02-2009).
  2. ^ a b c Fatih Demireli, Luckless card player from Maasbracht, bundesliga.de, 26-02-2008. URL consultato il 28-01-2011.
  3. ^ a b (NL) Mark van Bommel, psv.nl. URL consultato il 18-07-2012.
  4. ^ a b c Paolo Camedda, Protagonisti Mondiali: Mark Van Bommel, la diga olandese, goal.com, 06-07-2010. URL consultato il 25-01-2011.
  5. ^ a b (EN) Duncan White, Mark van Bommel revels in seek and destroy mission at World Cup, Irish Independent, 06-06-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  6. ^ a b Maurizio Crosetti, Stile Van Marwijk un tipo alla Bearzot contro i tecnici guru, la Repubblica, 05-07-2010. URL consultato il 26-01-2011.
  7. ^ Nicola de Mola, Nuovo colpo del Milan: dal Bayern arriva van Bommel, ilquotidianoitaliano.it, 25-01-2011. URL consultato il 26-01-2011.
  8. ^ a b c Fabio Ornano, Mark Van Bommel, tuttomondiali.it, 20-02-2010. URL consultato il 26-01-2011.
  9. ^ a b c d e (EN) 6 - Mark van Bommel, fifa.com. URL consultato il 27-01-2011.
  10. ^ (NL) Fortuna Sittard 1-1 Cambuur Leeuwarden, vi.nl. URL consultato il 26-01-2011 (archiviato dall'url originale il 18-09-2012).
  11. ^ (NL) Jongste IJslandse prof ooit wil naar Nederland, vi.nl, 28-09-2007. URL consultato il 26-01-2011 (archiviato dall'url originale il 30-05-2012).
  12. ^ (NL) Wijnaldum jongste Feyenoord-debutant, nos.nl, 08-04-2007. URL consultato il 26-01-2011.
  13. ^ a b (NL) De eeuwige top ‘54 - 2. Mark van Bommel, fortuna-online.nl. URL consultato il 26-01-2011.
  14. ^ (NL) Erik Door, Speler: Mark van Bommel, v-bal.nl, 27-06-2007. URL consultato il 26-01-2011.
  15. ^ a b (NL) Taco van den Velde, 'Van Marwijk geloofwaardig door selecteren schoonzoon', vi.nl, 26-08-2008. URL consultato il 27-01-2011 (archiviato dall'url originale il 13-04-2013).
  16. ^ a b (EN) Allard Doesburg e Karel Stokkermans, Netherlands - Player of the Year and Other Awards, rsssf.com. URL consultato il 27-01-2011.
  17. ^ a b (NL) Mark van Bommel, psvweb.nl. URL consultato il 27-01-2011.
  18. ^ a b c d e f g (EN) Sebastian Bisch, traduzione di Angus Davison, Ten things about... Mark van Bommel, bundesliga.de. URL consultato il 28-01-2011.
  19. ^ (EN) Van Bommel makes fiftieth appearance, psv.nl, 04-05-2005. URL consultato il 28-01-2011.
  20. ^ (EN) Van Bommel show against Excelsior, psv.nl, 10-05-2003. URL consultato il 27-01-2011.
  21. ^ (NL) PSV 3-1 FC Utrecht, vi.nl. URL consultato il 27-01-2011 (archiviato dall'url originale il 13-04-2013).
  22. ^ Paolo Menicucci, Ci pensa Ambrosini, è finale, uefa.com. URL consultato il 27-01-2011.
  23. ^ (NL) PSV 2004/05 - Selectie - Totaal, vi.nl. URL consultato il 27-01-2011.
  24. ^ a b c d (EN) Van Bommel on verge of move to Bayern Munich, fcbarcelona.cat, 20-08-2006. URL consultato il 27-01-2011.
  25. ^ (ES) Van Bommel: "Hay calidad para jugar con dos equipos distintos", AS, 14-08-2005. URL consultato il 28-01-2011.
  26. ^ (ES) Goleada de impacto (0-3), elentorno.com, 14-08-2005. URL consultato il 28-01-2011.
  27. ^ Barcelona 2-1 Arsenal, uefa.com, 17-05-2006. URL consultato il 09-07-2011.
  28. ^ (ES) Ezquerro, Van Bommel y Belletti, las novedades, fcbarcelona.cat, 19-08-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  29. ^ (EN) Bayern sign midfield ace Mark van Bommel, fcbayern.telekom.de, 26-08-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  30. ^ (EN) Van Bommel completes switch to Bayern, fcbayern.telekom.de, 28-08-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  31. ^ (EN) Keeper's blunder saves holders' blushes, fcbayern.telekom.de, 10-09-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  32. ^ (EN) Weary Reds outfought by battling Bielefeld, fcbayern.telekom.de, 17-09-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  33. ^ Roberto De Ponti, Il Real vince, ma Capello s'arrabbia lo stesso, Corriere della Sera, 21-02-2007. URL consultato il 28-01-2011.
  34. ^ Filippo Maria Ricci, Van Bommel chiude l'ombrello, La Gazzetta dello Sport, 22-05-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  35. ^ Van Bommel salta il Milan, uefa.com, 13-03-2007. URL consultato il 28-01-2011.
  36. ^ Van Bommel: squalifica dimezzata, uefa.com, 2103-2007. URL consultato il 28-01-2011.
  37. ^ (EN) Mark van Bommel with broken nose, bundesliga.de, 20-04-2008. URL consultato il 28-01-2011.
  38. ^ (EN) Richard Bright, Kahn rallies Bayern for big Uefa Cup push, The Daily Telegraph, 24-04-2008. URL consultato il 28-01-2011.
  39. ^ (EN) Klose out of meeting with champions Stuttgart, fcbayern.telekom.de, 25-04-2008. URL consultato il 28-01-2011.
  40. ^ (EN) Van Bommel vows to play through the pain, fcbayern.telekom.de, 22-04-2008. URL consultato il 28-01-2011.
  41. ^ (EN) Van Bommel named new Bayern captain, fcbayern.telekom.de, 08-08-2008. URL consultato il 25-01-2011.
  42. ^ (EN) Die Zahlen zur Punkteteilung in Nürnberg, fcbayern.telekom.de, 20-02-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  43. ^ Van Bommel: al Milan a causa di van Gaal, Rai Sport, 26-01-2011. URL consultato il 22-06-2011.
  44. ^ Van Bommel spiega: via dal Bayern per colpa di Van Gaal, Sky Sport, 26-01-2011. URL consultato il 22-06-2011.
  45. ^ a b (DE) Mark van Bommel wechselt zum AC Mailand, fcbayern.telekom.de, 25-01-2011. URL consultato il 25-01-2011.
  46. ^ a b Nel conteggio è esclusa una presenza nella Supercoppa di Germania, in quanto edizione non ufficialmente riconosciuta del torneo.
  47. ^ Roberta Radaelli, Milito fa il Principe, Inter Regina d'Europa, uefa.com, 22-05-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  48. ^ MVB, iniziali "DOC", acmilan.com, 25-01-2011. URL consultato il 25-01-2011.
  49. ^ A Genova con Emanuelson e Van Bommel, acmilan.com, 25-01-2011. URL consultato il 27-01-2011.
  50. ^ Pietro Mazzara, Ecco perché van Bommel ha preso il quattro, milannews.it, 28-01-2011. URL consultato il 06-02-2011.
  51. ^ Antonio Farinola, Doppio Pato, Milan in semifinale, la Repubblica, 26-01-2011. URL consultato il 26-01-2011.
  52. ^ Ibra-Robinho, che Milan! In dieci batte il Catania, Corriere dello Sport, 29-01-2011. URL consultato il 29-01-2011.
  53. ^ Gaetano De Stefano, Ibra chiama Robinho. Il Milan vola anche in dieci, La Gazzetta dello Sport, 29-01-2011. URL consultato il 29-01-2011.
  54. ^ Gaetano De Stefano, Milan campione d'Italia. A Roma basta lo 0-0, La Gazzetta dello Sport, 07-05-2011. URL consultato il 07-05-2011.
  55. ^ A.C. Milan comunicato ufficiale, acmilan.com, 17-05-2011. URL consultato il 17-05-2011.
  56. ^ Gaetano De Stefano, Ibra-Boateng: Inter a terra. Festa Milan in Supercoppa, La Gazzetta dello Sport, 06-08-2011. URL consultato il 06-08-2011.
  57. ^ Van Bommel: "Non è un addio, è un arrivederci", acmilan.com, 12-05-2012.
  58. ^ (NL) Mark van Bommel keert terug bij PSV, psv.nl, 15-05-2012.
  59. ^ Berend Scholten, La Supercoppa olandese è del PSV, uefa.com, 05-08-2012. URL consultato il 06-08-2012.
  60. ^ Zeta 0-5 PSV, uefa.com, 23-08-2012. URL consultato il 24-08-2012.
  61. ^ Europa League: Athletic e PSV super, Sport Mediaset, 23-08-2012. URL consultato il 24-08-2012.
  62. ^ Van Bommel, ritiro ed espulsione, Sport Mediaset, 13-05-2013. URL consultato il 13-05-2013.
  63. ^ (NL) Mark van Bommel kondigt afscheid aan, psv.nl, 12-05-2013. URL consultato il 13-05-2013.
  64. ^ (NL) Cyprus 0 - 4 Nederland, wereldvanoranje.nl. URL consultato il 28-01-2011.
  65. ^ (EN) Van Bommel pain for PSV, uefa.com, 30-08-2003. URL consultato il 28-01-2011.
  66. ^ L'Olanda chiama Bosvelt, uefa.com, 31-05-2004. URL consultato il 28-01-2011.
  67. ^ (EN) Netherlands 0-0 Argentina, fifa.com, 21-06-2006. URL consultato il 29-01-2011.
  68. ^ Luca Valdiserri, Argentina Olanda è sempre spettacolo, Corriere della Sera, 22-06-2006. URL consultato il 29-01-2011.
  69. ^ Alessandro de Calò, Nazionale, non ci sto più dentro, La Gazzetta dello Sport, 04-10-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  70. ^ (EN) Van Bommel frozen out by Van Basten regime, ESPN Soccernet, 01-10-2006. URL consultato il 28-01-2011.
  71. ^ (EN) Mark van Bommel - Statistics - Main statistics, fifa.com. URL consultato il 28-01-2011.
  72. ^ (EN) Netherlands 0:1 Spain, fifa.com, 11-07-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  73. ^ (EN) Van Bommel named Oranje captain, fifa.com, 02-09-2010. URL consultato il 28-01-2011.
  74. ^ Berend Scholten, Bouma e Willems nella rosa olandese, uefa.com, 26-05-2012. URL consultato il 18-06-2012.
  75. ^ Tom Kell, Ronaldo-show, Olanda al tappeto, uefa.com, 17-06-2012. URL consultato il 18-06-2012.
  76. ^ Marco Frattino, Olanda, van Bommel dice addio alla nazionale, tuttomercatoweb.com, 20-06-2012. URL consultato il 21-06-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]