Anna Oxa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Anna Oxa
Fotografia di Anna Oxa
Nazionalità Italia Italia
Albania Albania
Genere Musica leggera
Pop rock
Periodo di attività 1978 – in attività
Etichetta RCA Italiana, CBS, Columbia, Sony BMG, EMI, Cose di Musica e suoni coscienti)
Album pubblicati 23
Studio 18
Live 2
Raccolte 3
Sito web

Anna Oxa, nome d'arte di Iliriana[1] Hoxha (Bari, 28 aprile 1961), è una cantante e conduttrice televisiva italiana.

Di origini italo-albanesi, ha iniziato ad esibirsi, già da bambina, nei pianobar della sua città, con l'accompagnamento al pianoforte del maestro barese Sabino Sciannelli, mentre a 15 anni ha inciso il suo primo 45 giri, per una piccola etichetta barese, contenente la canzone "Fiorellin del prato", brano scritto da Mario Panzeri anni prima.

Ha debuttato nel 1978 con l'album Oxanna e il singolo Un'emozione da poco, uno dei brani più noti del suo repertorio insieme ad altre canzoni come È tutto un attimo, Donna con te, Quando nasce un amore, Senza pietà, Tutti i brividi del mondo e Ti lascerò.

Nella sua carriera da interprete ha pubblicato una gran quantità di album collaborando con artisti come Fausto Leali, Ivano Fossati e Roberto Vecchioni. Ha partecipato per quattordici volte al Festival di Sanremo, risultandone vincitrice in due occasioni: la prima nel 1989 con Ti lascerò, in duetto con Fausto Leali, e la seconda nel 1999 da solista con Senza pietà.

Parallelamente alla carriera discografica ha avuto anche saltuarie esperienze come conduttrice televisiva, presentando i varietà RAI del sabato sera Fantastico 9 con Enrico Montesano e Fantastico 10 con Massimo Ranieri, il Festival di Sanremo 1994 e altre trasmissioni.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nasce a Bari il 28 aprile 1961, figlia di un profugo albanese originario di Kruja, [2] e di una casalinga italiana. La Oxa ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza nel quartiere barese di San Pasquale. Anna Oxa si è diplomata al "Liceo artistico Giuseppe De Nittis" di Bari. Da diversi anni è vegana.[3]

Anni Settanta[modifica | modifica sorgente]

Anna Oxa nel 1978, anno dell'uscita del suo primo singolo, Un'emozione da poco

Il 26 gennaio 1978 ha debuttato, sponsorizzata da Ivano Fossati, al Festival di Sanremo, cantando Un'emozione da poco, brano scritto per lei dall'artista genovese insieme al bassista Guido Guglielminetti: si presenta vestita da punk con un look androgino creato per lei da Ivan Cattaneo. Si è classificata seconda, dopo aver conquistato il primo posto della categoria «Interpreti».

Il 45 giri con lato A Un'emozione da poco e con lato B Questa è vita (cover di Livin' Thing degli Electric Light Orchestra), tratto dall'album Oxanna, ha raggiunto subito la vetta della classifica italiana e raggiunto la quattordicesima posizione della classifica di fine anno nel 1978.[4] Dato il successo, ne sono state prodotte delle versioni per il mercato estero (tra cui quello spagnolo e tedesco).

Quell'estate ha partecipato al Festivalbar, con Fatelo con me (anche questa scritta da Ivano Fossati), di cui esistono una versione integrale più lunga, poi inclusa nel suo primo 33 giri, e una versione sfumata più breve, spesso inserita nelle compilation per motivi di spazio. Questo singolo, il 45 giri Fatelo con me / Pelle di serpente, ha ottenuto un discreto successo[5] ed è stato estratto, come il precedente, da Oxanna, il primo album dell'artista.

In questo periodo ha iniziato a collaborare con Lucio Dalla e l'amico Rino Gaetano (due duetti con quest'ultimo sono stati pubblicati nel 2008, in un cofanetto dedicato al cantautore scomparso). In seguito è uscito il singolo Il pagliaccio azzurro (cover in italiano di Till It Shines di Bob Seger), che ha lanciato il secondo album dell'artista, semplicemente intitolato Anna Oxa, uscito nel 1979 per la RCA Italiana.

Anche questo secondo album è stato apprezzato dal pubblico, in particolare per il 45 giri Il pagliaccio azzurro / La sonnambula, che ha raggiunto la ventunesima posizione della classifica italiana.[6] All'interno dell'Lp è presente anche una cover in lingua italiana di Because the Night di Patti Smith. L'album è stato promosso con la partecipazione della Oxa come protagonista del film musicale Maschio, femmina, fiore, frutto, diretto da Ruggero Miti e uscito nel 1979. All'interno del film, ristampato in formato DVD nel 2008, la cantante si esibisce in tutti i pezzi del disco.

Anni Ottanta[modifica | modifica sorgente]

Anna Oxa nel 1980.

Nel 1980 ha lanciato il singolo Controllo totale, cover di Total Control, canzone portata al successo internazionale da The Motels, contenuto nel Q-Disc omonimo, Controllo totale e nel 45 giri estratto, assieme a Metropolitana. Dopo il suo terzo album, l'artista ha lanciato nel 1981 un ultimo 45 giri firmato dalla RCA Italiana, Toledo - Proprio tu, scritto per lei da Amedeo Minghi e Marco Luberti; quest'ultimo però si rivela un "flop" per la scarsa promozione effettuata dalla RCA Italiana, probabilmente perché era già a conoscenza del fatto che non avrebbe rinnovato il contratto in scdenza.

Infatti la cantante firmerà entro il termine dell'anno un nuovo importante contratto con l'etichetta discografica CBS. Una curiosità su questo ultimo singolo RCA della cantante: il master originale del 45 giri è andato perduto, pertanto la versione di "Toledo" che è inclusa nelle compilation e nelle raccolte della Sony Music non è altro che un provino, nel 45 giri originale il testo è diverso in alcuni punti, il take della cantante e l'arrangiamento è differente, il "tempo" è inferiore a quello del provino tant'è che la durata del brano originale è di 04:02 contro i 03:43 del provino. Nel 1982 è tornata per la seconda volta al Festival di Sanremo, completamente trasformata, con capelli biondi e un'immagine che già strizza l'occhio al look sexy che di lì a poco l'ha caratterizzata per quasi un ventennio.

Al Festival ha presentato Io no, scritta da Mario Lavezzi ed Oscar Avogadro, contenuta in un 45 giri assieme a Cammina e del quale è stato realizzato un video musicale. Il brano non ha convinto pienamente la CBS a permetterle di pubblicare un intero album. Nello stesso anno, la cantante si è sposata con il cantautore Franco Ciani e ha inciso un secondo 45 giri con la stessa casa discografica, Fammi ridere un po' / Ed Anna pensò, con il quale ha iniziato a convincere il pubblico nel suo nuovo modo di fare musica; lasciando quasi definitivamente la chiave rock.

Nel 1983, nonostante la bocciatura delle giurie selezionatrici le abbia precluso una nuova partecipazione al Festival con il brano Navigando, è uscito l'album Per sognare, per cantare, per ballare, che ha preso il titolo dal testo del brano di apertura, Hi-Fi, contenuto nel primo 45 giri estratto, assieme a Senza di me. Senza di me, cover del brano "What About Me" dei Moving Pictures, è inoltre stata scelta come colonna sonora del film di Natale del 1983 di Carlo Vanzina.

Nel 1984, sempre prodotta da Lavezzi, ha pubblicato l'album La mia corsa e ha partecipato al Festival di Sanremo, per la terza volta, interpretando Non scendo. Dall'album sono stati estratti due 45 giri di grande successo: il primo, Non scendo / Primo amore come stai, lanciato con la partecipazione al Festival, mentre un secondo è stato, Eclissi totale / Tornerai: con il primo pezzo ha contribuito a far vincere, insieme ad altri colleghi di scuderia, la manifestazione Azzurro 1984. Nel 1985 è stata la volta della collaborazione con Roberto Vecchioni, con la presentazione di A lei a Sanremo (a cui prende parte per la quarta volta, la seconda consecutivamente) e l'uscita, subito dopo, dell'album Oxa.

Dalla collaborazione con Vecchioni sono nati alcuni dei suoi più rappresentativi successi, come Parlami (anch'essa dal nuovo album), che l'ha portata ai vertici della manifestazione Azzurro ed è contenuta in un 45 giri estratto dall'album assieme a Piccola piccola fantasia, non inclusa nel disco. Mentre il long playing contiene anche Capelli d'argento, il primo dei due brani dedicati al padre nel corso della sua carriera, entrambi i singoli estratti, A lei e Parlami, presentano il medesimo lato B inedito, Piccola piccola fantasia, caratterizzato da un testo piuttosto ardito, considerato inadatto a far parte del 33 giri. La stampa tedesca, intanto, l'ha eletta miglior voce femminile d'Europa.[7].

Sono stati realizzati due videoclip per altri due pezzi tratti da questo disco: Digli e Colori.[8] Nel 1986 ha partecipato per la quinta volta (la terza consecutiva) al Festival di Sanremo, con È tutto un attimo, diventato uno dei suoi più grandi successi, tratta dall'album omonimo. Ha interpretato il brano dal vivo, in virtù del nuovo regolamento, lasciando il segno sia con la performance strettamente vocale e provocando scandalo a causa dell'ombelico in mostra.[9] Durante l'estate partecipa al Festivalbar con L'ultima città (sempre dall'album È tutto un attimo).

L'LP contiene anche Aspettando Qazim, il secondo dei due brani dedicati al padre, e si chiude con Anna Goodbye (uno dei quattro brani inediti che contengono il suo nome nel titolo - ma inciderà anche una cover di Anna verrà di Pino Daniele, negli anni novanta). Dall'album è stato estratto un 45 giri con i pezzi È tutto un attimo / Tenera immagine, a distanza di anni È tutto un attimo è uno degli album più apprezzati della Oxa; ne sono state fatte parecchie ristampe e si trova facilmente nei negozi di dischi. Nel 1988, ancora a Sanremo (a cui prende parte per la sesta volta), ha presentato Quando nasce un amore, inserito nell'album Pensami per te, uno dei suoi lavori fondamentali, segnato da un cambio di produzione (a Lavezzi subentrano infatti Piero Cassano e Adelio Cogliati), il primo lavoro ad uscire anche in CD.

Il disco contiene pezzi importanti e di grande successo come Oltre la montagna e Pensami per te. In quello stesso anno ha debuttato alla conduzione televisiva nello show televisivo del sabato sera Fantastico, affiancata da Enrico Montesano. Alla fine del 1988 è uscita la prima edizione della raccolta di successi intitolata Fantastica Oxa, che comprende, oltre a Navigando e Le tue ali (uno dei brani di punta dell'album La mia corsa) tutti i singoli del periodo CBS (eccetto Fammi ridere un po' , che comparirà per la prima volta in una sua raccolta, nonché in versione CD soltanto nel 2007, nella raccolta della Sony BMG intitolata Le più belle di..., insieme al suo lato B inedito, Ed Anna pensò, cronologicamente il primo brano della Oxa ad avere il suo nome di battesimo nel titolo), il medley aggiornato di Un'emozione da poco/Pagliaccio azzurro (unico retaggio del periodo RCA), la chiccha Gino, le parole e l'interpretazione di Caruso di Lucio Dalla, che per la prima volta la vede cimentarsi con l'impegnativo repertorio dei cantautori, che poi celebrerà, qualche anno più tardi, con due interi album.

La raccolta ottiene ottimo successo, tanto da comparire nella classifica degli album più venduti dell'anno.[10]. Nel 1989, alla sua settima partecipazione, ha vinto il Festival di Sanremo in coppia con Fausto Leali, con il brano Ti lascerò. I due rappresenteranno anche l'Italia all'Eurovision Song Contest, con un altro duetto, Avrei voluto, classificandosi al nono posto. Le collaborazioni di Anna Oxa e Fausto Leali sono state inserite in due 45 giri ognuno riportante la versione strumentale e quella cantata. Poco dopo è stata pubblicata la ristampa di Fantastica Oxa, con l'aggiunta del trionfo sanremese e senza Le tue ali.

Avrei voluto è stata invece inserita nell'album successivo, Tutti i brividi del mondo, uscito poco prima dell'estate del 1989, che ha raggiunto la settima posizione della classifica italiana e risultato il trentaduesimo più venduto in Italia in quell'anno.[11] Il lavoro è stato promosso, oltre che dalla title-track, in una serie di concerti assieme allo storico gruppo musicale dei New Trolls, con il cui batterista, Gianni Belleno, la Oxa, in crisi con Ciani, ha iniziato una relazione, ufficializzata solo tempo dopo. Sempre nello stesso anno ha condotto nuovamente Fantastico, assieme a Massimo Ranieri, Giancarlo Magalli, Alessandra Martines e Nino Frassica.[12]

Anni Novanta[modifica | modifica sorgente]

Nel 1990 ha partecipato per l'ottava volta al Festival calcando il palco del Palafiori, con Donna con te, brano inizialmente assegnato a Patty Pravo la quale optò per non interpretare il pezzo solo all'ultimo momento.[13] Il nuovo pezzo, oltre che in singolo 45 giri con la versione strumentale, è stato incluso nel suo primo lavoro live, il doppio album Oxa - Live con i New Trolls, contenente anche la versione registrata in studio del pezzo sanremese. L'album, per lo più incentrato sul recente Tutti i brividi del mondo, ha visto la cantante e il gruppo alternarsi sul palco, ciascuno con i propri cavalli di battaglia.

Tranne Senza di me, eseguita per intero, ma con alcune modifiche nella struttura del testo, tutti i singoli e i brani sanremesi della Oxa sono stati riproposti in un unico medley, comprendente anche alcuni successi della band, in chiusura di concerto. L'album live raggiunge la vetta delle classifiche tanto da comparire nella classifica degli album più venduti dell'anno.[14]. Il singolo Donna con te ha ottenuto un buon successo, raggiungendo la settima posizione della classifica dei singoli italiana.[15]. Nel 1992, dopo aver dato alla luce la prima figlia, Francesca, ha pubblicato Di questa vita, album contenente pezzi scritti da Gianni Belleno su testi di Fabrizio Berlincioni e uscito dopo due anni di silenzio e completo ritiro dalle scene; un grande ritorno anche nelle classifiche di vendite.[16].

Dall'album è stato estratto il singolo Mezzo angolo di cielo, inciso in 45 giri e del quale è stato realizzato il videoclip, che visto il successo è stato pubblicato anche in versione remix in formato 45 giri e maxi. L'album è il primo ad uscire per l'etichetta Columbia Records, dopo il fallimento della CBS, rilevata dal colosso Sony. Nello stesso anno ha condotto poi su TMC la trasmissione Viaggio al centro della musica. Nel 1994 ha partecipato nuovamente al Festival di Sanremo, stavolta nelle vesti di conduttrice, accanto a Pippo Baudo e Cannelle.[17]

In questo periodo (1993/1994) sono stati pubblicati ben due album di cover di brani scritti dai maggiori cantautori italiani, tra i quali Pino Daniele, Fabrizio De Andrè e Claudio Baglioni, da lei reinterpretati, il primo intitolato Cantautori ed il secondo intitolato Canta Autori; ottenendo grande riscontro nelle vendite.[18]. Sempre nel 1993 è uscito un altro album, intitolato Do di petto, contenente invece i suoi brani più noti, in remake completamente riarrangiati, senza dimenticare un altro classico, Ancora di Eduardo De Crescenzo, che apre il disco. Lo spettacolo per promuovere questo nuovo lavoro è stato portato nei più importanti teatri d'Italia, tra cui il Teatro Sistina di Roma, ricevendo riscontri entusiastici, tanto più che Anna Oxa è reduce da una delicata operazione alle corde vocali. Questo lavoro è culminato con l'uscita, nel 1995, di una VHS intitolata Anna Oxa in concerto.

Nel 1996 è uscito l'album Anna non si lascia, disco trainato dal singolo Spot, con il quale ha partecipato al Festivalbar 1996. L'album dai sapori ricercati entra comunque nella top100 delle vendite di dischi dell'anno.[19]. Altro brano di punta è Anna non si lascia, brano che ha dato il titolo all'album contenente anche molti brani presentati in varie trasmissioni televisive come Seia e Bianca luna. Nel 1997 ha partecipato per la nona volta, dopo sette anni di assenza, al Festival di Sanremo piazzandosi al secondo posto con il brano Storie.[20] Contemporaneamente è uscita l'omonima raccolta Storie - I miei più grandi successi, comprendente il brano sanremese e quasi tutti i brani più famosi del periodo CBS, diventata nel frattempo Columbia, non senza avere prima ristampato su CD gli album incisi tra 1983 e 1986.

L'album è risultato tra i più venduti di quella stagione e ha raggiunto la settima posizione della classifica italiana degli album.[21] L'album ha ottenuto un buon successo anche all'estero, visto che in seguito all'eccellente riscontro delle vendite in Italia[22] ne fu realizzata una versione in spagnolo dal titolo Historias. Nel 1998 è stata scartata alle selezioni del Festival di Sanremo, alle quali ha presentato il brano Chissà. La sua unica apparizione televisiva in questa stagione è stata nel programma di Canale 5. "Una madre di Nome Teresa", trasmessa a settembre, nella quale, oltre ad interpretare l'Ave Maria di Gounod, ha rivestito nuovamente il ruolo di conduttrice in un collegamento da Tirana.

L'anno successivo è stata ammessa nuovamente tra i partecipanti della manifestazione presentando il brano Senza pietà, risultando vincitrice del Festival di Sanremo 1999.[23] Il brano tratto dall'album omonimo Senza pietà, che ha raggiunto la settima posizione della classifica italiana degli album.[24] Durante l'estate è stato pubblicato un nuovo singolo, Camminando camminando, duetto con il cantante e attore portoricano Chayanne, con cui ha partecipato al Festivalbar 1999.[25] Il singolo è stato realizzato anche in una versione in lingua spagnola per il mercato estero, intitolata Caminando caminando e inclusa come ultimo brano dell'album, edito in Spagna con il titolo Sin compassion.

Si tratta del primo long playing di inediti pubblicato direttamente dalla major Sony BMG, che, rilevando la RCA, ha acquisito tutti i diritti anche sulle prime incisioni della cantante. La Sony BMG, oltre a ristampare su compact disc i primi tre lavori dell'artista (i due album Oxanna e Anna Oxa, e il Q-Disc Controllo totale) separatamente, aveva già realizzato, l'anno prima dell'uscita di Senza pietà, nel 1998, anche un doppio CD intitolato Anna Oxa - Gli anni 70, con la chicca Questa è vita (lato B del primo 45 giri, Un'emozione da poco). Di fatto, è proprio questa versione deluxe, contenente anche un libretto con foto e testi, a costituire il primissimo prodotto pubblicato direttamente dalla major, anche se si tratta soltanto di una raccolta, tra l'altro promossa soltanto dall'etichetta e non dalla diretta interessata.

Anni 2000[modifica | modifica sorgente]

Anna Oxa al FestivalBar 2003

Nel 2001 è avvenuto un ennesimo cambio di look e musica con L'eterno movimento, brano che dà il titolo all'album omonimo, L'eterno movimento, caratterizzato da arrangiamenti dal sound internazionale e variegato. La Oxa ha lanciato il singolo Io sarò con te prima di pubblicare il disco, mentre il secondo singolo estratto, anch'esso intitolato L'eterno movimento, è stato presentato al Festival di Sanremo 2001.[26] L'album è entrato nelle classifiche italiane pur non raggiungendo i risultati dei precedenti, raggiungendo la ventiseiesima posizione.[27] Nel settembre dello stesso anno ha presentato con Giorgio Panariello lo show Torno sabato, occupandosi anche di interventi canori.[28]

Anna Oxa nel 2008

Allo spettacolo fa eco l'uscita di un nuovo album Collezione, contenente l'inedito La panchina e il New York Times, riproponendo, oltre a Tutti i brividi del mondo del 1989, tutti i successi posteriori all'uscita delle due raccolte precedenti, nonché due vecchi pezzi in versione live. È stata sposata dal 1999 al 2002 con Behgjet Pacolli, divenuto nel febbraio 2011 presidente del Kosovo elezione però ritenuta anticostituzionale.

Nel 2003 è la volta di Cambierò, brano di lancio dell'album Ho un sogno, con cui ha iniziato una nuova epoca musicale, che la vede in veste di cantautrice e le vale il Premio Lunezia come miglior autrice femminile dell'anno. La presentazione di Cambierò al Festival di Sanremo ha portato a dodici le sue partecipazioni alla manifestazione canora ligure.[29]. L'album risulta essere uno dei più venduti del festival.[30], tanto che dopo poche settimane, otterrà il disco d'oro.[31]. Durante l'estate ha preso parte invece al Festivalbar con la canzone Il muro.

Nel 2004 è stata impegnata nel tour teatrale al fianco di Fabio Concato, caratterizzato dalla particolarità che vede i due cantanti interpretare per lo più le medesime canzoni, dell'una e dell'altro, ciascuno a suo modo, ottenendo grande successo di pubblico e critica,[32] tanto che la casa discografica ha pubblicato una raccolta doppia, intitolata Mie, che la cantante non promuove però direttamente. Da questa tournée è stato pubblicato un cd singolo contenente la versione live e la versione strumentale del brano In trattoria di Concato, interpretata con lui in duetto.

Dopo un tour dalle atmosfere prettamente etniche e spirituali, nel 2006 ha partecipato per la tredicesima volta al Festival di Sanremo con il brano Processo a me stessa, che nel testo porta la firma di Pasquale Panella con arrangiamenti in bilico tra opera ed etno-music. In contemporanea è stato pubblicato l'album live intitolato La musica è niente se tu non hai vissuto, pubblicato dalla EMI, contenente anche il brano sanremese e la title-track, che ha raggiunto la ventinovesima posizione della classifica italiana.[33] Il disco contiene dunque l'inedito omonimo La musica è niente se tu non hai vissuto e due cover, una di Björk e una di Peter Gabriel incise live: The Dance e Trans-form-açaò, e riceve dopo poco il festival il disco d'oro per le vendite.[34].

In seguito ha vissuto un periodo di forte ricerca spirituale e musicale culminato in spettacoli, nelle chiese d'Italia, incentrati sulla sua voce come strumento, al di là di ogni barriera linguistica e stilistica. Un viaggio nelle diverse espressioni ed epoche musicali, che comprende brani sacri del Medioevo, brani in sanscrito antico, mantra tibetani, momenti africani; e decise volontariamente di lasciare le scene televisive. Sempre nel 2006 si è unita in matrimonio per la terza volta, con Marco Sansonetti sua ex guardia del corpo, unione durata fino alla fine del 2008. Oltre che alle tappe dei suoi tour, ha presenziato il 21 giugno 2009 alla manifestazione Amiche per l'Abruzzo, concerto evento allo stadio San Siro di Milano in favore alle vittime del Terremoto dell'Aquila del 2009. Ha partecipato all'iniziativa benefica, ideata da Laura Pausini, ma ha vietato l'inclusione della sua performance nel DVD per questione di problemi di audio e volume della musica.

2010: Il ritorno con Proxima e nuovi progetti[modifica | modifica sorgente]

Il 2010 ha segnato l'ennesima svolta artistica: Adele Di Palma si è occupata del ritorno sulle scene dell'artista, che il 15 marzo 2010 è apparsa in televisione come ospite nel talent show Amici di Maria De Filippi, annunciando il suo nuovo album dal sound pop-inglese e duettando con la concorrente leccese Emma Marrone in Quando nasce un amore. Il ritorno della cantante ha smosso le case discografiche, tanto che nel corso di quell'anno sono uscite sul mercato nuove raccolte, box cd e la ristampa dell'album del 1990.

La Oxa è salita sul palco del Festival Gaber il 24 luglio 2010 a Viareggio assieme ad altri noti artisti della musica italiana, per rendere omaggio al cantautore Giorgio Gaber, con il quale nel 1993 ha inciso il brano Si può. Il 20 agosto 2010 è stato lanciato il nuovo singolo Tutto l'amore intorno, con la partecipazione vocale a fine pezzo di Ivano Fossati, che ne è anche l'autore, nella programmazione radiofonica.[35]. Il 28 settembre 2010 è uscito Proxima, l'album del ritorno con inediti d'autore e con produzione indipendente (etichetta Cose di Musica e suoni coscienti). Alla realizzazione del disco hanno partecipato autori come Pacifico, Francesco Bianconi, Paolo Enrico Archetti Maestri e Mara Redegheri. La prima performance avviene sul palco di X-Factor 4 con Tutto l'amore intorno ed è diretta da Luca Tommassini. Il disco ha raggiunto la quarta posizione della classifica italiana degli album.[36]

È partito il 1º novembre 2010 il Proxima tour, che ha toccato tutte le principali città italiane in noti teatri. L'11 novembre è stato poi lanciato in radio il secondo singolo estratto da Proxima, Scarpe con suole di vento. Nel dicembre successivo è stata ufficializzata la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2011[37][38][39] con il brano La mia anima d'uomo. Nella serata dedicata all'Unità d'Italia, l'artista si è esibita in una versione internazionale di O sole mio. In occasione della partecipazione a Sanremo è stata pubblicata una riedizione di Proxima contenente il nuovo brano, la sua versione di O sole mio e In the Sunlight, versione inglese di Dopo la neve.

Dopo qualche altra data in concerto, l'artista si è impegnata a portare in giro per l'Italia dei seminari da lei stessa tenuti, dal titolo L'evoluzione del suono tra mente, colore e materia; accompagnata dalla ricercatrice Fiorella Rustici, lo stilista Giovanni Cavagna e l'elaboratore del suono Roberto Pacco. Negli ultimi mesi del 2011 viene reso noto che Anna riprende a collaborare per nuovi progetti con Marco Falagiani con il quale aveva collaborato per gli arrangiamenti dei suoi tour dal 1999 al 2004 e per la produzione dell'album Ho un sogno.

Anna Oxa e Mithos Agency tornano a collaborare, dopo i grandi successi sanremesi e televisivi degli anni novanta e dei primi anni 2000 compreso Torno sabato; ciò sancisce la rottura definitiva con Adele di Palma e la rappresentazione manageriale di Anna da parte di Gianni Strano ed il suo staff. L'artista sta lavorando con il musicista ed autore Marco Falagiani (con il quale aveva già collaborato nel 2003) ad un album, che vedrà la luce nel 2013. Intanto il 6 marzo è partito dal Teatro Verdi di Montecatini Terme I Grandi successi in tour, dove la cantante si esibirà in 30 grandi successi della sua carriera in versione originale, portando questo tour in giro per l'Italia per tutta l'estate.

Dopo questi concerti invernali ed estivi, accetta l'invito di Milly Carlucci a partecipare in gara a "Ballando con le stelle" e dal 5 di ottobre sotto la guida di Samuel Peron, diventa una delle ballerine del cast, attirando anche critiche di una certa importanza[40]. Nella puntata del 9 novembre, la cantante subisce una lesione al ginocchio durante la diretta del programma e, dopo alcune settimane in cui è messa momentaneamente fuori gara, comunica durante la semifinale di non poter rientrare in gara per gli irrisolti problemi legati alla sua caduta.

Partecipazioni a manifestazioni canore[modifica | modifica sorgente]

Festival di Sanremo[modifica | modifica sorgente]

Edizione Artista Brano Autori Categoria Posizione Premi
Festival di Sanremo 1978 Anna Oxa Un'emozione da poco Ivano Fossati, Guido Guglielminetti Interpreti 2 Premio Primo Posto Giovani
Premio secondo Posto "Interpreti"
Festival di Sanremo 1982 Anna Oxa Io no Oscar Avogadro, Mario Lavezzi Unica Finalista
Festival di Sanremo 1984 Anna Oxa Non scendo Oscar Avogadro, Mario Lavezzi Campioni 7
Festival di Sanremo 1985 Anna Oxa A lei Roberto Vecchioni, Mauro Paoluzzi Campioni 7
Festival di Sanremo 1986 Anna Oxa È tutto un attimo Adelio Cogliati, Franco Ciani, Mario Lavezzi, Umberto Smaila Campioni 5
Festival di Sanremo 1988 Anna Oxa Quando nasce un amore Adelio Cogliati, Franco Ciani, Piero Cassano Campioni 7
Festival di Sanremo 1989 Anna Oxa & Fausto Leali Ti lascerò Franco Fasano, Fausto Leali, Franco Ciani, Fabrizio Berlincioni, Sergio Bardotti Campioni 1 Premio Primo Posto
Festival di Sanremo 1990 Anna Oxa Donna con te Danilo Amerio, Luciano Boero Campioni Finalista
Festival di Sanremo 1997 Anna Oxa Storie Depsa, Marco Marati, S. Monetti, Angelo Valsiglio, Fio Zanotti Campioni 2 Premio Secondo Posto
Festival di Sanremo 1999 Anna Oxa Senza pietà Claudio Guidetti, Alberto Salerno Campioni 1 Premio Primo Posto
Festival di Sanremo 2001 Anna Oxa L'eterno movimento Laurex, Giuseppe Fulcheri Campioni 10
Festival di Sanremo 2003 Anna Oxa Cambierò Marco Falagiani, Marco Carnesecchi, Anna Oxa Campioni 14
Festival di Sanremo 2006 Anna Oxa Processo a me stessa Pasquale Panella, Anna Oxa, Alessandra Miori Donne Non finalista
Festival di Sanremo 2011 Anna Oxa La mia anima d'uomo Lorenzo Imerico, Anna Oxa, Roberto Pacco Artisti Non finalista Premio AFI

Festivalbar[modifica | modifica sorgente]

Altre manifestazioni canore[modifica | modifica sorgente]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Anna Oxa.

Conduzioni e Partecipazioni in tv[modifica | modifica sorgente]

  • Fantastico 9 (Rai 1, 1988-1989)
  • Fantastico 10 (Rai 1, 1989-1990)
  • Viaggio al centro della musica (TMC, 1992-1993)
  • Festival di Sanremo (Rai 1, 1994)
  • Una Madre di Nome Teresa (Canale 5, 1998)
  • Torno sabato - La lotteria (Rai 1, 2001-2002)
  • Amici di Maria De Filippi (canale5 marzo 2010) Anna duetta con Emma Marrone "Quando nasce un amore"
  • Ti lascio una canzone (Rai1 ottobre 2010) Anna interpreta un medley (Ti lascerò/Quando nasce un amore/Tutti i brividi del mondo) con i ragazzi del programma e poi esegue il singolo in promozione "Tutto l'amore intorno"
  • Io Canto (canale5 novembre 2010) Anna interpreta con i ragazzi del programma i brani "Ti lascerò","Quando nasce un amore","Senza pietà" e il nuovo singolo "Scarpe con suole di vento"
  • I Migliori Anni (Rai1 ottobre 2011) Anna canta: Un'emozione da poco, Quando nasce un amore, Ti lascerò (di nuovo in coppia con Fausto Leali)
  • La prova del cuoco La Lotteria (gennaio 2013) Anna canta un medley piano e voce accompagnata dal m° Fio Zanotti (Quando nasce un amore/Ti lascerò/Tutti i brividi del mondo) e su richiesta della conduttrice Antonella Clerici canta su base "Donna con te"
  • I Migliori Anni (Rai1 febbraio 2013) Anna interpreta: Un'emozione da poco,Tutti i brividi del mondo, Senza pietà,Quando nasce un amore
  • L'Arena (Rai1 Marzo 2013) Anna Oxa ospite della trasmissione di Massimo Giletti in diretta dal teatro Ariston di Sanremo interpreta un medley (Donna Con Te/Senza pietà/Tutti i brividi del mondo) e esegue piano e voce accompagnata dal m° Marco Falagiani, "Quando nasce un amore"
  • Amici di Maria De Filippi (canale5 aprile/maggio 2013) Anna duetta con Verdiana "È tutto un attimo" e "Tutti i brividi del mondo"
  • Ballando con le stelle (Rai 1, 2013)

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Autori per Anna Oxa[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Voce Anna Oxa nell'Enciclopedia Treccani online
  2. ^ Madre Teresa, Anna Oxa e John Belushi: i più famosi dal Paese delle Aquile. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  3. ^ La vegana Anna Oxa con lo chef al seguito a Sanremo. Eliminata. URL consultato il 27 marzo 2011.
  4. ^ I singoli più venduti nel 1978 in Italia su Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  5. ^ Successi con la F su Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  6. ^ I successi con la P su Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  7. ^ YouTube
  8. ^ anna oxa"diario di un lp-digli" - YouTube
  9. ^ Beniamino Placido, Inventiamo una festa anche per San Romolo in la Repubblica, 16 febbraio 1986, p. 25. URL consultato il 21 marzo 2011.
  10. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1988.htm.
  11. ^ Gli album più venduti nel 1989 in Italia da Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  12. ^ "Fantastico 10": L'accordo è fatto in la Repubblica, 28 luglio 1989, p. 35. URL consultato il 21 marzo 2011.
  13. ^ Maria Pia Fusco, Aragozzini: "Questo è il mio Festival!" in la Repubblica, 17 febbraio 1990, p. 25. URL consultato il 21 marzo 2011.
  14. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1990.htm.
  15. ^ I successi con la D su Hit Parade Itala. URL consultato il 21 marzo 2011.
  16. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1992.htm.
  17. ^ Ernesto Assante, Sanremo, rieccoli! in la Repubblica, 23 febbraio 1994, p. 31. URL consultato il 21 marzo 2011.
  18. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1993.htm.
  19. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1996.htm.
  20. ^ Maria Pia Fusco, Jalisse, una vittoria annunciata in la Repubblica, 23 febbraio 1997, p. 9. URL consultato il 21 marzo 2011.
  21. ^ Gli album più venduti in Italia del 1997 su Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  22. ^ http://www.hitparadeitalia.it/hp_yenda/lpe1997.htm.
  23. ^ Maria Pia Fusco, Anna Oxa regina a Sanremo in la Repubblica, 28 febbraio 1999, p. 38. URL consultato il 21 marzo 2011.
  24. ^ Gli album più venduti in Italia nel 1999 su Hit Parade Italia. URL consultato il 21 marzo 2011.
  25. ^ Pietro D'Ottavio, E le signore di Sanremo saliranno sul palco dei Fori in la Repubblica, 3 giugno 1999, p. 5. URL consultato il 21 marzo 2011.
  26. ^ Stefano Bartezzaghi, Piccola enciclopedia della parola fiorita in la Repubblica, 24 febbraio 2001, p. 42. URL consultato il 21 marzo 2011.
  27. ^ Gli album più venduti in Italia nel 2001 su Hit Parade Italia. URL consultato il 22 marzo 2011.
  28. ^ Nicola Curci, Panariello si converte al pugliese in la Repubblica, 9 dicembre 2001, p. 1. URL consultato il 21 marzo 2011.
  29. ^ Massimo Pisa, Oxa: al festival canto tutto il mio dolore in la Repubblica, 23 febbraio 2003, p. 43. URL consultato il 21 marzo 2011.
  30. ^ http://www.radioitalia.it/web/news/news.php?idNews=211.
  31. ^ http://www.olympos.it/pubblicare_comunicati_stampa_gratis/anna-oxa-in-tour/.
  32. ^ Enzo Gentile, La coppia Anna & Fabio strana coppia ma molto richiesta in la Repubblica, 15 aprile 2004, p. 10. URL consultato il 21 marzo 2011.
  33. ^ Classifica Fimi del 24 febbraio 2006. URL consultato il 22 marzo 2011.
  34. ^ http://www.divertimento.it/news/italiana-disco-doro-per-anna-oxa.
  35. ^ http://musicopolis.it/nuove-uscite-2/4659/il-nuovo-album-di-anna-oxa-%E2%80%9Cproxima%E2%80%9D-con-un-inedito-di-ivano-fossati/
  36. ^ Proxima su italiancharts.com. URL consultato il 21 marzo 2011.
  37. ^ I big in gara al Festival su La Repubblica
  38. ^ Sanremo Tra i Big Patty Pravo, Giusy Ferreri, La Crus, Tricarico e Nathalie su IGN
  39. ^ Ecco i nomi ufficiali di Sanremo 2011 BIG | Musicjam.it
  40. ^ YouTube

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vincitrice del Festival di Sanremo Successore
Massimo Ranieri 1989
con Fausto Leali
Pooh I
Annalisa Minetti 1999 Piccola Orchestra Avion Travel II

Controllo di autorità VIAF: 200750