Arisa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la visual novel giapponese, vedi Arisa (visual novel).
Arisa
Arisa in concerto a Montjovet il 13 luglio 2014 durante una tappa ad alta quota in acustico del SeVedoTeTour
Arisa in concerto a Montjovet il 13 luglio 2014 durante una tappa ad alta quota in acustico del SeVedoTeTour
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 2008 – in attività
Etichetta Warner Music Italy
Album pubblicati 5
Studio 4
Live 1
Sito web
Premio Festival di Sanremo 2009 Categoria Giovani
Premio Festival di Sanremo 2014 Categoria Campioni

Arisa, nome d'arte di Rosalba Pippa[1] (Genova, 20 agosto 1982), è una cantante, scrittrice, attrice e doppiatrice italiana.

Dopo aver vinto nel 2008 il concorso Sanremolab, ha raggiunto il successo partecipando al 59º Festival di Sanremo nel 2009 con la canzone Sincerità, che ha vinto la categoria "Nuove Proposte".

Ad oggi, dopo la pubblicazione di quattro album in studio, uno dal vivo, un ep e 14 singoli ufficiali e promozionali, la FIMI certifica le sue vendite per oltre 300.000 copie con sette dischi di platino e quattro dischi d'oro.[2] Nel corso della sua carriera Arisa ha ottenuto tre podi e due primi posti su quattro partecipazioni al Festival di Sanremo, rispettivamente nel 2009, anno in cui ha vinto come esordiente, nel 2010 nella categoria "Artisti" con il brano Malamorenò, nel 2012 classificandosi seconda con il brano La notte, vincitore di un Sanremo Hit Award come singolo sanremese più venduto di quell'edizione, e nel 2014 con Controvento, vincitore della categoria Big. Ha inoltre ottenuto vari riconoscimenti quali un Premio Assomusica ed un Premio della Critica "Mia Martini" al Festival di Sanremo 2009, un Premio Sala Stampa al Festival di Sanremo 2012, due Wind Music Awards, un Venice Music Awards ed un Premio Lunezia, oltre a diverse nomination ai World Music Awards.

Dal 2010 ha avviato la sua attività televisiva, come presenza fissa del programma di La7 Victor Victoria - Niente è come sembra e come giudice della quinta e sesta edizione italiana del talent show X Factor, e dal 2011 ha lanciato la sua carriera cinematografica, debuttando sia come attrice che come doppiatrice.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Genova e cresciuta a Pignola,[3] paese d'origine della famiglia a pochi chilometri da Potenza, il nome d'arte è l'acronimo dei nomi di tutti i componenti del suo nucleo familiare[4] (la A deriva dal nome del padre Antonio, la R dal suo stesso nome Rosalba, la I e la S dai nomi delle sue sorelle Isabella e Sabrina, e la A finale dal nome della madre Assunta), è all'età di 4 anni che partecipa al primo concorso canoro con Fatti mandare dalla mamma di Gianni Morandi.[5] Osservando i filmati su internet, Arisa studia il labiale delle cantanti e confronta le interpretazioni sui dischi con quelle in concerto. Le sue prime influenze musicali sono Mariah Carey e Céline Dion: ripetendo i loro brani impara a usare il diaframma e gli automatismi per l'emissione del fiato.[6].

Diplomata al liceo pedagogico, svolge diversi mestieri come cameriera, cantante di piano bar, baby sitter, parrucchiera, donna delle pulizie ed estetista fino a poche settimane prima del suo esordio a Sanremo, alternando queste attività a estemporanei concerti in un ristorante dove lavorava il fidanzato Tano. Al riguardo ha raccontato:[7]

« Formavamo una strana coppia cantando Tanti auguri, un cavallo di battaglia della Carrà, nei ristorantini. Poi arrivarono Sanremo e Sincerità che mi portarono il successo, che in seguito mi rubò il moroso. »

I primi passi nel mondo musicale risalgono al 1998 quale vincitrice del concorso canoro "Pino d'Oro" di Pignola organizzato dall'Associazione Culturale "Il focolare", e al 1999, quando ha vinto a Teggiano (SA) il Premio Cantavallo, la cui giuria era presieduta dall'insegnante Bianca Fasano, che le ha consegnato personalmente la coppa. In seguito, nel 2007, ha vinto una borsa di studio come interprete presso il Centro Europeo Toscolano (CET) di Mogol.[3]

Sanremo 2009 e il successo di Sincerità[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre del 2008 è risultata, insieme a Simona Molinari, vincitrice del concorso canoro Sanremolab, che le ha consentito l'ammissione di diritto al 59º Festival di Sanremo nella categoria Proposte. In tale occasione ha presentato il brano Sincerità composto da Giuseppe Anastasi, Maurizio Filardo e Giuseppe Mangiaracina, classificandosi al 1º posto e vincendo così la categoria. Ancor prima della finale lo stesso brano era in testa alla classifica di iTunes.[8] Nella serata del 19 febbraio, il brano è stato eseguito con l'accompagnamento di Lelio Luttazzi. La cantante nella stessa edizione del Festival ha anche vinto il Premio Assomusica Casa Sanremo con la seguente motivazione:

« La canzone Sincerità viene arricchita dal personaggio Arisa che ha saputo creare un rapporto immediato con il pubblico. Nell'esibizione con il Maestro Luttazzi, Arisa ha dimostrato di saper calcare il palco con semplicità e dimestichezza adattandosi perfettamente all'atmosfera dell'arrangiamento swing del brano. »

Ha inoltre vinto il Premio della Critica del Festival della canzone italiana "Mia Martini".[3]

Immediatamente dopo la cantante ha vissuto un momento di grande popolarità grazie alla canzone sanremese, (in una trasmissione televisiva la poetessa Alda Merini recita il testo di Sincerità) che ha riscosso un grande successo commerciale rimanendo al primo posto della classifica italiana per sei settimane consecutive.[9] Contemporaneamente al singolo è stato pubblicato anche l'omonimo album, Sincerità, contenente dieci brani, che ha raggiunto la quinta posizione della classifica.[10] Particolare clamore ha suscitato anche il suo look, caratterizzato da uno stile anni venti[senza fonte], con grandi occhiali dalla montatura nera e forte rossetto rosso sulle labbra.[4] Il disco e i relativi singoli (successivamente sono stati pubblicati Io sono[11] e Te lo volevo dire,[12] che però non hanno riscosso il successo della canzone d'esordio)[13] sono stati pubblicati dall'etichetta discografica Warner Music Italy.

Nel giugno del 2009 si è esibita ai Wind Music Awards, venendo premiata dall'associazione dei discografici come giovane rivelazione dell'anno. Poche settimane dopo ha eseguito al programma "Una voce per Padre Pio" la canzone Piccola rosa, annunciando l'uscita del singolo Te lo volevo dire, che insieme a Io sono hanno promosso l'album, pur non avendo trovato il successo del singolo d'esordio. Il 21 dello stesso mese ha partecipato al concerto "Amiche per l'Abruzzo", organizzato da Laura Pausini, insieme ad altre quaranta cantanti italiane allo stadio San Siro di Milano, evento benefico in favore dei terremotati del terremoto dell'Aquila del 2009. Nel mese di settembre ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico "Tutti a scuola 2009" al Palazzo del Quirinale.

Sanremo 2010 ed il secondo album: Malamorenò[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio del 2010 è tornata sul palco del Teatro Ariston per partecipare al Festival di Sanremo nella sezione "Artisti" presentando il brano Malamorenò, canzone scritta da Giuseppe Anastasi, compagno della cantante che aveva già curato i testi del precedente album, e cantata con l'ausilio delle Sorelle Marinetti, trio en travesti che ha collaborato nei cori del brano.[13] La canzone, giunta alla serata finale del festival senza classificarsi tra le prime tre, è contenuta nel secondo disco di Arisa, anch'esso intitolato Malamorenò e pubblicato nuovamente dalla Warner Music Italy,[14] al quale Arisa ha collaborato anche nei testi per diversi brani.[15] In concomitanza con la pubblicazione del nuovo disco si è presentata con un look rinnovato, sottolineato da capelli ricci e grandi occhiali tondi disegnati da lei stessa.[13]

Il singolo ha riscosso un buon successo in classifica, raggiungendo la quarta posizione,[16] mentre l'album ha raggiunto la posizione numero 23.[17] La promozione è poi proseguita con la diffusione in radio, a partire dal 23 aprile, del secondo singolo Pace.[18] Successivamente la cantante partirà per un nuovo tour estivo.[19]. Nel 2010, all'interno della manifestazione "Gran Galà Pucciniano", risulta essere la vincitrice del premio Teatro nella Musica.[20] Sempre nel 2010, la cantante è entrata a far parte del cast tutto al femminile del programma di La7 Victor Victoria insieme alla conduttrice Victoria Cabello, la scrittrice Melissa Panarello e la comica Geppi Cucciari.[21] In questa occasione, l'artista ha abbandonato i suoi look fumettistici proponendosi al pubblico con un'immagine più pulita, sostituendo gli occhiali con lenti a contatto ed eliminando il trucco eccessivo e i vestiti retrò. È tornata sul palco del Festival di Sanremo nel 2011 in occasione della serata dedicata ai 150 anni dell'Unità d'Italia, duettando per l'occasione con Max Pezzali nel noto brano Mamma mia dammi cento lire.[22]

Il debutto al cinema, X Factor ed il primo EP[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 ha partecipato come giudice della quinta edizione di X Factor in onda su Sky Uno assieme a Morgan, Elio e Simona Ventura portando un'artista della sua categoria, quella degli Over, al debutto discografico con un inedito e al terzo posto complessivo nel Talent.[23] Nello stesso anno ha debuttato anche al cinema interpretando il ruolo di Chiara nel film diretto da Ricky Tognazzi Tutta colpa della musica. La pellicola, che ha visto nel cast anche Stefania Sandrelli, Marco Messeri, Elena Sofia Ricci, Monica Scattini, Debora Villa e lo stesso Tognazzi, è stata presentata alla 68ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia e distribuita in tutte le sale cinematografiche italiane dal 9 settembre 2011. Sempre nel 2011 ha realizzato il singolo L'amor sei tu, scritto con Naïf Hérin, per la colonna sonora del film La peggior settimana della mia vita di Alessandro Genovesi, in cui la stessa cantante recita al fianco di Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Andrea Mingardi e Alessandro Siani.

Il 26 dicembre 2011 è stato reso disponibile il primo EP della cantante intitolato Arisa per Natale,[24] da cui, il 6 gennaio 2012, è stato estratto il singolo Il tempo che verrà.[25]

Sanremo 2012, Amami e Amami Tour[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 Arisa ha partecipato alla 62ª edizione del Festival di Sanremo, piazzandosi al secondo posto alle spalle di Emma,[26] con il brano La notte, scritto da Giuseppe Anastasi, anticipando così la pubblicazione del terzo album Amami arrangiato e prodotto artisticamente da Mauro Pagani. Nella terza serata del festival di Sanremo, quella dedicata all'Italia nel mondo, si è esibita in duetto con Josè Feliciano in una versione del celebre brano Che sarà.[27] Nella serata dei duetti, ha interpretato il brano in gara con Mauro Ermanno Giovanardi.[28]

Terminato il festival, le vendite di album e singolo hanno raggiunto rispettivamente la sesta[29] e la prima[30] posizione delle classifiche italiane. Pur essendo stato scritto quasi interamente dal suo storico autore Giuseppe Anastasi, con l'aggiunta di due tracce interamente scritte dalla stessa Arisa, il disco ha segnato una svolta nella carriera della cantante, passata dalla leggerezza dei primi due dischi a toni più intimisti aventi come tema portante l'amore.[31] Il singolo La notte è stato certificato doppio disco di platino dalla FIMI avendo raggiunto i 60.000 download digitali.[32] Il secondo singolo estratto dall'album è stato L'amore è un'altra cosa, pubblicato il 4 maggio 2012 e certificato disco d'oro esattamente quattro mesi più tardi con oltre 15.000 download digitali.[33] Sempre nel maggio 2012 è stata scelta come cantante dell'Inno di Mameli prima della finale di Coppa Italia 2012 Juventus-Napoli. Nel giugno dello stesso anno Amami ha raggiunto il traguardo delle 30.000 copie vendute, venendo certificato disco d'oro dalla FIMI.[34]

Nello stesso anno ha pubblicato il suo primo romanzo Il Paradiso non è granché (Storia di un motivetto orecchiabile). È stata riconfermata a maggio come giudice della sesta edizione di X Factor, svoltosi dal 20 settembre al 7 dicembre 2012, insieme al resto della giuria dell'edizione precedente, guida la categoria gruppi, ma non riesce a portare nessuno dei suoi cantanti in finale.

Nel luglio del 2012 ha ricevuto, a Marina di Carrara, il Premio Lunezia per Sanremo - Big - per il valore Musical-Letterario del brano La notte.[35]

Il 26 ottobre 2012 è stato pubblicato il singolo Meraviglioso amore mio, scritto da Giuseppe Anastasi ed inserito nella colonna sonora originale del film di Fausto Brizzi, Pazze di me (2013), mentre il 20 novembre 2012 è stato pubblicato il primo album dal vivo della cantante, intitolato Amami Tour e che racchiude i successi di Arisa registrati dal vivo e alcune cover famose, oltre a due inediti, tra cui la sopracitata Meraviglioso amore mio.

Non è riconfermata per l'edizione 2013 di X Factor.[36] Ad ottobre 2013 esce nelle sale italiane il film di animazione Cattivissimo me 2 nel quale Arisa doppia il personaggio femminile Lucy.

Vittoria a Sanremo 2014 e Se vedo te[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi del 2014, Arisa ha partecipato al Festival di Sanremo 2014 con i brani Lentamente (Il primo che passa) (scritto da Cristina Donà e Saverio Lanza) e Controvento (scritto da Giuseppe Anastasi), brano che si classifica al primo posto facendole vincere la 64ª edizione del Festival. Entrambi i brani hanno anticipato il quarto album in studio della cantante, intitolato Se vedo te e pubblicato il 20 febbraio 2014. Il singolo Controvento, pubblicato un giorno prima dell'album, ha debuttato alla prima posizione della classifica italiana dei singoli[37] ed è stato certificato disco di platino per le oltre 30.000 copie vendute.[38] Ad aprile è previsto l'inizio del tour in supporto a Se vedo te.[39]

Nei primi mesi del 2014 Arisa ha prestato la voce al personaggio Gloria del film d'animazione Barry, Gloria e i Disco Worms,[40] la cui uscita è prevista in aprile.[40] Nello stesso periodo, la cantante ha collaborato con il gruppo musicale pop rap italiano Club Dogo al brano Fragili, pubblicato come singolo il 25 luglio 2014.[41]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia di Arisa.

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Altre collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni al Festival di Sanremo[modifica | modifica wikitesto]

Anno Categoria Brano Duettante Piazzamento
2009 Sanremo Giovani Sincerità Lelio Luttazzi
2010 Sanremo Artisti Malamorenò Lino Patruno (e tutte le serate Le Sorelle Marinetti)
2012 Sanremo Artisti La notte Mauro Ermanno Giovanardi (per Viva l'Italia!)
José Feliciano (per Que serà e per C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones)
2014 Sanremo Campioni Lentamente (il primo che passa) Sanremo Club: WhoMadeWho (per Cuccuruccucu) non classificato
Controvento

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ha scritto il testo di alcune sue canzoni, firmandosi con il suo vero nome. I brani sono: Oggi, Il condominio, Sai che c'è, La gioa di un attimo, Amami e Missiva d'amore.
  2. ^ Archivio, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 15 dicembre 2014. Digitare "Arisa" e selezionare "Album e compilation" oppure "Online".
  3. ^ a b c Arisa - biografia, da linksanremo.it. URL consultato il 21 febbraio 2009.
  4. ^ a b Arisa, fumetto che canta. Studio chi ha successo in la Repubblica, 21 febbraio 2009, p. 44. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  5. ^ ARISA su MTV.it
  6. ^ [1], citazione da biografia MTV.
  7. ^ Gigi Vesigna, La gavetta dei VIP? in Oggi, 12 giugno 2013, p. 94-98.
  8. ^ Aspettando la finale Malika e Arisa trionfano su iTunes. URL consultato il 24 febbraio 2009.
  9. ^ Sincerità (singolo) su italiancharts.com. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  10. ^ Sincerità (album) su italiancharts.com. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  11. ^ Arisa: il nuovo singolo è "Io sono", MelodicaMente.com. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  12. ^ Assunta Corbo, Arisa: testo di "Te lo volevo dire", nuovo singolo in la Repubblica, 18 giugno 2009. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  13. ^ a b c Andrea Laffranchi, Arisa: sono cresciuta e ho cambiato faccia per tornare al Festival in Corriere della Sera, 11 febbraio 2010, p. 47. URL consultato il 18 febbraio 2010.
  14. ^ Malamorenò (album) su italiancharts.com. URL consultato l'11 febbraio 2010.
  15. ^ Scheda dell'album sul sito dell'etichetta Warner. URL consultato il 22 febbraio 2010.
  16. ^ Malamonerò (singolo) sul sito FIMI. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  17. ^ FIMI, Classifica 9 del 2010 (Artisti). URL consultato il 12 marzo 2010.
  18. ^ Arisa: "Pace" è il nuovo singolo in radio in MusicRoom, 22 aprile 2010. URL consultato il 23 aprile 2010.
  19. ^ Arisa: in radio "Pace" e poi in tour in La Gazzetta del Mezzogiorno, 22 aprile 2010. URL consultato il 23 aprile 2010.
  20. ^ C’E’ Anche Arisa, Alla Versiliana L’Oscar Del Teatro - [Agorà Magazine]
  21. ^ http://www.trendystyle.it/notizie/62825/articolo.htm=.
  22. ^ Rossella Montemurro, Arisa a Sanremo con Max Pezzali in Il Quotidiano.it, 16 febbraio 2011. URL consultato il 20 febbraio 2011.
  23. ^ X Factor 5: Arisa giudice? - MondoReality
  24. ^ Arisa per Natale – Single è l’ultimo regalo legato all’offerta “12 Giorni di Regali” — Italiamac
  25. ^ iTunes - Musica - Il tempo che verrà - Single di Arisa
  26. ^ Comunicato RAI con i risultati di voto del Festival di Sanremo 2012. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  27. ^ Emozione Lucana con Arisa e Josè Feliciano a Sanremo 2012 in prodottitipicilucani.it. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  28. ^ Chiara Pederzoli, Mauro Ermanno Giovanardi torna a Sanremo. Il duetto con Arisa e i progetti per il futuro in ilcittadinomb.it, 16 febbraio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  29. ^ Amami su italiancharts.com. URL consultato l'8 marzo 2012.
  30. ^ La notte su italiancharts.com. URL consultato l'8 marzo 2012.
  31. ^ Recensione di Amami su rockol.it. URL consultato l'8 marzo 2012.
  32. ^ http://www.fimi.it/temp/cert_GFK_download_152012.pdf.
  33. ^ Certificazione Singoli Digitali dalla settimana 1 del 2009 alla settimana 34 del 2012 (PDF), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 4 settembre 2012.
  34. ^ Amami di Arisa certificato disco d'oro in Italia, Federazione Industria Musicale Italiana.
  35. ^ a b Nomadi, Antonello Venditti, Subsonica e Patty Pravo tra i vincitori del Premio Lunezia 2012, http://www.musicalnews.com, 19/07/2012. URL consultato il 20 ottobre 2012.
  36. ^ X-Factor 7: addio ad Arisa. Elio confermato… | People
  37. ^ Classifica settimanale WK 8 (dal 17-02-2014 al 23-02-2014), Federazione Industria Musicale Italiana]. URL consultato il 27 febbraio 2014.
  38. ^ FIMI - Federazione Industria Musicale Italiana - Certificazioni
  39. ^ Arisa Tour 2014 Roma e Milano primi concerti annunciati
  40. ^ a b Arisa voce del cartoon a tutta dance "Barry, Gloria e i Disco Worms", TMNews, 12 febbraio 2014. URL consultato il 27 febbraio 2014.
  41. ^ Eleonora Forastiero, Club Dogo - Fragili (feat. Arisa) (Radio Date: 25-07-2014), EarOne, 22 luglio 2014. URL consultato il 27 luglio 2014.
  42. ^ Venezia 68: Arisa, “A recitare sono una cagna” | Best Movie
  43. ^ Arisa: lascio tutto e vado a Manhattan a fare la truccatrice. Intanto parla nel film di Besson e prepara X Factor | LaNostraTv
  44. ^ http://arisa.warnermusic.it/pages/biografia.html
  45. ^ http://www.ansa.it/web/notizie/collection/rubriche/spettacolo/2009/02/21/visualizza_new.html_765137750.html
  46. ^ http://www.ansa.it/web/notizie/collection/rubriche/spettacolo/2009/02/20/visualizza_new.html_765082233.html
  47. ^ http://www.ansa.it/web/notizie/collection/rubriche/spettacolo/2009/02/22/visualizza_new.html_765199317.html
  48. ^ http://www.arisamusic.com/biography

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vincitore del Festival di Sanremo categoria Giovani Successore
Sonohra - L'amore Arisa - Sincerità Tony Maiello - Il linguaggio della resa
Predecessore Vincitore del Festival di Sanremo Successore
Marco Mengoni Arisa -