Festival di Sanremo 1983

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival di Sanremo 1983
Edizione XXXIII
Periodo 3 - 5 febbraio
Sede Teatro Ariston di Sanremo
Presentatore Andrea Giordana con Isabel Russinova, Anna Pettinelli, Emanuela Falcetti (e con Daniele Piombi e Roberta Manfredi dal Casinò)
Trasmesso da TV
(Rai Uno)
Radio
(Radio 1)
Partecipanti 36 (36 canzoni)
Vincitore Tiziana Rivale
Premio della critica Matia Bazar
Cronologia
1982 1984

Il trentatreesimo festival della canzone italiana si tenne a Sanremo dal 3 febbraio al 5 febbraio 1983.

L'edizione fu presentata da Andrea Giordana, affiancato da Isabel Russinova, Anna Pettinelli ed Emanuela Falcetti, che all'epoca erano le tre conduttrici del programma musicale Discoring (e con Daniele Piombi e Roberta Manfredi dal Casinò).

Assai elegante l'impianto scenografico, il cui colore dominante è il bianco, molto meno vivace rispetto a quelli delle due edizioni precedenti.

In questa edizione c'è la seconda ed ultima partecipazione al Festival di Vasco Rossi (già in gara l'anno prima con Vado al massimo): Vasco presentò il brano Vita spericolata, la canzone non verrà apprezzata dal pubblico tradizionale di Sanremo e finirà penultima nella classifica finale, ma, per contrappasso, si rivelerà un grande successo tra i giovani ed i giovanissimi, raggiungendo le vette della Hit parade, consacrando definitivamente il rocker a star della musica italiana. Altre canzoni di quell'edizione che riscossero un ottimo successo di vendite furono la quarta classificata Vacanze romane dei Matia Bazar (vincitori del Premio della critica) e, soprattutto, la quinta classificata, L'italiano di Toto Cutugno, che vendette milioni di copie in tutto il mondo ed è ancora oggi considerata il più famoso brano di Cutugno; tutti e tre i brani citati sono divenuti in poco tempo degli evergreen della musica italiana.

Non altrettanto fortunata si rivelò invece la carriera della vincitrice di quell'edizione, Tiziana Rivale (che gareggiò con la canzone Sarà quel che sarà) la quale, in seguito al Festival, registrò modesti riscontri di vendite e di popolarità: la fama della cantante si rivelerà assai effimera, tanto che la stessa scomparirà dalle scene musicali dopo poco tempo.

Dopo alcune settimane, il Festival fu trasmesso dalla televisione di Stato dell'Unione Sovietica, registrando un incredibile successo che diede il via alla fama dei cantanti italiani in Russia.[1]

Classifica, canzoni e cantanti[modifica | modifica sorgente]

  1. Sarà quel che sarà (Roberto Ferri e Maurizio Fabrizio) Tiziana Rivale – 2.981 voti (3.208)
  2. Volevo dirti (Donatella Milani, Daniele Pace e Adelmo Fornaciari) Donatella Milani – 2.942 voti (3.002)
  3. Margherita non lo sa (Oscar Prudente e Oscar Avogadro) Dori Ghezzi – 2.912 voti (2.780)
  4. Vacanze romane (Carlo Marrale e Giancarlo Golzi) Matia Bazar – 2.831 voti (2.894)
  5. L’italiano (Cristiano Minellono e Toto Cutugno) Toto Cutugno – 2.659 voti (2.869)
  6. Oramai (Claudio Daiano, Angelo Valsiglio e Depsa) Fiordaliso – 2.574 voti (2.650)
  7. Complimenti (Luigi Albertelli e Adelmo Fornaciari) Stefano Sani – 2.733 voti
  8. La mia nemica amatissima (Mogol, Gianni Bella e Gianni Morandi) Gianni Morandi – 2.693 voti
  9. Working Late Tonight (Mario e Giosy Capuano e Simon Boswell) Amii Stewart – 2.664 voti
  10. È la vita (Marco e Paolo Armenise) Marco Armani – 2.586 voti
  11. Shalom (Giuseppe Cionfoli) Giuseppe Cionfoli – 2.583 voti
  12. Avrò (Sergio Menegale, Raffaele Ferrato e Piero Soffici) Giorgia Fiorio – 2.512 voti
  13. Casco blu (Massimiliano Di Carlo, Paolo Masala, Elio Palumbo e Marcello Ramoino) Flavia Fortunato – 2.463 voti
  14. Eterna malattia (Enzo Malepasso e Luigi Albertelli) Bertín Osborne – 2.435 voti
  15. Amare te (Riccardo Azzurri) Riccardo Azzurri – 2.380 voti
  16. Primavera (Sandro Giacobbe e Luigi Albertelli) Sandro Giacobbe – 2.345 voti
  17. Abbracciami amore mio (Mario Balducci) Christian – 2.296 voti
  18. Una catastrofe bionda (Roberto Giuliani, Marco Ferradini e Cheope) Marco Ferradini – 2.295 voti
  19. Stiamo insieme (Adelmo Fornaciari) Richard Sanderson – 2.277 voti
  20. Nuvola (Adelmo Fornaciari) Zucchero – 2.172 voti
  21. Mi sono innamorato di mia moglie (Daniele Pace e Michele Russo) Gianni Nazzaro – 2.161 voti
  22. Notte e giorno (Daniele Pace e Angelo Valsiglio) Barbara Boncompagni – 2.132 voti
  23. Movie Star (Celso Valli e Angelo Piccarreda) Passengers – 2.024 voti
  24. Arriva arriva (Maurizio Fabrizio e Vincenzo Spampinato) Viola Valentino – 2.016 voti
  25. Vita spericolata (Vasco Rossi e Tullio Ferro) Vasco Rossi – 1.932 voti
  26. Cieli azzurri (Enzo Ghinazzi, Stefano Saturnini e Enzo Ghinazzi) Pupo – 1.931 voti

Nota: per quanto riguarda le prime 6 posizioni, sono riportati per primi i voti ottenuti nella finalissima e di seguito, tra parentesi, quelli ottenuti nella fase di qualificazione della serata finale

Non finaliste[modifica | modifica sorgente]

Regolamento[modifica | modifica sorgente]

Una interpretazione per brano: 26 brani qualificati per la finale (18 del gruppo B, Big + 8 del gruppo ANuove Proposte italiane; finalissima con i primi 3 del Gruppo B (Matia Bazar, Toto Cutugno, Dori Ghezzi) e i primi 3 del gruppo A (Tiziana Rivale, Donatella Milani, Fiordaliso).

Scaletta[modifica | modifica sorgente]

Prima serata, giovedì 3 febbraio 1983

Si esibiscono, a gruppi di tre, i seguenti artisti del gruppo A

  • Tiziana Rivale
  • Nino Bonocore
  • Gloriana
  • Manuele Pepe
  • Giorgia Fiorio
  • Riccardo Azzurri
  • Brunella Borciani
  • Marco Armani
  • Daniela Goggi

Si classificano per la finale: Tiziana Rivale, Giorgia Fiorio, Riccardo Azzurri, Marco Armani

Si esibiscono, a gruppi di tre, i seguenti artisti del gruppo B - accesso di diritto alla finale

  • Stefano Sani
  • Vasco Rossi
  • Gianni Nazzaro
  • Amii Stewart
  • Giuseppe Cionfoli
  • Matia Bazar
  • Richard Sanderson
  • Pupo
  • Dori Ghezzi

Seconda serata, venerdì 4 febbraio 1983

Si esibiscono, a gruppi di tre, i seguenti artisti del gruppo A

  • Pinot
  • Alessio Colombini
  • Donatella Milani
  • Flavia Fortunato
  • Amedeo Minghi
  • Fiordaliso
  • Sibilla
  • Zucchero
  • Patrizia Danzi

Si classificano per la finale: Donatella Milani, Flavia Fortunato, Fiordaliso, Zucchero

Si esibiscono, a gruppi di tre, i seguenti artisti del gruppo B - accesso di diritto alla finale

  • Christian
  • Bertine Osborne
  • Barbara Boncompagni
  • Marco Ferradini
  • Sandro Giacobbe
  • Viola Valentino
  • Gianni Morandi
  • Toto Cutugno
  • Passengers

Serata finale, sabato 5 febbraio 1983

In ordine di apparizione, a gruppi di tre o di due

  • Marco Armani
  • Flavia Fortunato
  • Riccardo Azzurri
  • Donatella Milani
  • Zucchero
  • Giorgia Fiorio
  • Tiziana Rivale
  • Fiordaliso
  • Giuseppe Cionfoli
  • Barbara Boncompagni
  • Bertine Osborne
  • Vasco Rossi
  • Viola Valentino
  • Christian
  • Toto Cutugno
  • Passengers
  • Sandro Giacobbe
  • Marco Ferradini
  • Dori Ghezzi
  • Stefano Sani
  • Gianni Nazzaro
  • Amii Stewart
  • Pupo
  • Richard Sanderson
  • Matia Bazar
  • Gianni Morandi

Classifica Totip e voto popolare[modifica | modifica sorgente]

In via del tutto sperimentale, parallelamente alla classifica ufficiale, viene stilata una graduatoria con i voti popolari collegati al concorso Totip. Tale classifica non ha valore ufficiale, ma viene semplicemente confrontata con quella ufficiale per osservare quanto l'ipotetico voto popolare sia in accordo con quello delle giurie. Dall'anno successivo (1984) il sistema Totip diventerà quello ufficiale e sarà sfruttato come meccanismo di voto per la sezione principale (detta dei "Big" o "Campioni") fino al 1989.

La graduatoria del 1983, non ufficiale, vede vincitore Toto Cutugno con L'italiano mentre il secondo posto è occupato da Gianni Morandi con La mia nemica amatissima ed il terzo dalla giovanissima Giorgia Fiorio con Avrò. Seguono poi, in ordine: Giuseppe Cionfoli, Christian, Viola Valentino, Matia Bazar, Tiziana Rivale, Marco Armani, Gianni Nazzaro, Daniela Goggi, Sandro Giacobbe, Dori Ghezzi, Marco Ferradini, Pupo, Donatella Milani, Fiordaliso, Stefano Sani, Vasco Rossi, Barbara Boncompagni, Amii Stewart, Flavia Fortunato, Patrizia Danzi, Richard Sanderson, Zucchero Fornaciari, Riccardo Azzurri, Brunella Borciani, Alessio Colombini, The Passengers, Gloriana, Bertin Osborne, Manuele Pepe, Nino Buonocore, Sibilla, Pinot, Amedeo Minghi. Lo scarto di voti fra il primo e l'ultimo della classifica Totip è di oltre 530.000 voti.

Altri premi[modifica | modifica sorgente]

Orchestra[modifica | modifica sorgente]

Non presente. Nelle prime due serate gli artisti si esibirono dal vivo su base musicale preregistrata, nella finale ci fu la possibilità di esibirsi in playback. Questa decisione probabilmente fu dovuta a difficoltà tecniche: la maggioranza delle esecuzioni dal vivo ebbero un pessimo ritorno audio, con dei fastidiosi effetti di eco. Scelsero di non ricorrere al playback soltanto Toto Cutugno, Fiordaliso, Gianni Morandi, Amii Stewart e Gianni Nazzaro.

Sigla[modifica | modifica sorgente]

Superleo - Superleo

Ospiti cantanti[modifica | modifica sorgente]

Memorabile (ma anche scandalosa, per l'epoca) fu l'esibizione di Peter Gabriel, che si presentò sul palco dell'Ariston col viso dipinto di bianco, e che si lanciò direttamente da esso sul pubblico con l'aiuto di una lunga fune annodata a mo' di cappio, camminando sulle spalliere delle poltrone.

Organizzazione e direzione artistica[modifica | modifica sorgente]

Piazzamenti in classifica dei singoli[2][modifica | modifica sorgente]

Artista Singolo Italia
(Massima posizione raggiunta)
Italia
(Posizione annuale)
Matia Bazar Vacanze romane 1 4
Toto Cutugno L'Italiano 1 18
Vasco Rossi Vita spericolata 6 28
Tiziana Rivale Sarà quel che sarà 5 42
Christian Abbracciami amore mio 11 44
Donatella Milani Volevo dirti 7 52
Dori Ghezzi Margherita non lo sa 11 59
Stefano Sani Complimenti 14 72
Gianni Morandi La mia nemica amatissima 12 77
Bertin Osborne Eterna malattia 15 81
Flavia Fortunato Casco blu 25 93
  • N.B.: Per visualizzare la tabella ordinata secondo la posizione in classifica, cliccare sul simbolo accanto a "Massima posizione raggiunta" o a "Posizione annuale".

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ LaStampa.it - La Russia diventa la nuova America dei melodici italiani
  2. ^ Hit Parade Italia - Classifiche dischi, charts, canzoni, testi, musica leggera, box office italia, classifica film, discografie, festival sanremo
Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo