Festival di Sanremo 1987

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Festival di Sanremo 1987
Edizione XXXVII
Periodo 4 - 7 febbraio
Sede Teatro Ariston di Sanremo
Presentatore Pippo Baudo (e con Carlo Massarini dal PalaRock)
Trasmesso da TV
(Rai Uno)
Radio
(Radio 1)
Partecipanti 40 (40 canzoni)
Vincitore Gianni Morandi, Umberto Tozzi e Enrico Ruggeri
Premio della critica Fiorella Mannoia
Cronologia
1986 1988

Il trentasettesimo festival della canzone italiana si tenne a Sanremo dal 4 febbraio al 7 febbraio 1987.

Fu presentato da Pippo Baudo, con Carlo Massarini in collegamento dal PalaRock.

Durante la serata finale, il conduttore Pippo Baudo interruppe la kermesse per dare la notizia che all'ospedale di Padova era morto Claudio Villa, considerato il Reuccio della canzone italiana. Il presentatore catanese, con atteggiamento composto e dimesso, diede così l'annuncio:

« Purtroppo, devo dare una brutta notizia. E mi sembra doveroso interrompere per un momento, questo spettacolo che è fatto di festa, di gioia e di canzoni per rivolgere l' ultimo applauso a Claudio Villa. »

Questa edizione passa alla storia anche per la caduta della spallina dell'abito di Patsy Kensit durante la sua esibizione. Questo fece sì che si potesse intravedere il seno della cantante, che deve a questo episodio gran parte della sua notorietà in Italia.

Tra le novità si segnalò l'allestimento dello show al Palarock condotto da Carlo Massarini che ospitò fior di star internazionali, del calibro di Paul Simon, Smiths, Tom Robinson, Bob Geldof, i Duran Duran e Whitney Houston. Di quest'ultima si ricorda la memorabile interpretazione di All at Once che ottenne la standing ovation del pubblico e la richiesta del bis che fu concesso in via del tutto eccezionale[1].

Questa edizione passò alla storia come l'edizione degli incidenti: il direttore del palcoscenico venne ricoverato per un malore pochi minuti prima della manifestazione, Romina Power disertò le prove per la sua gravidanza inoltrata, lo stesso Pippo Baudo fu colpito da una fastidiosa influenza e Patty Pravo, venuta a conoscenza della somiglianza della sua canzone con To the Morning di Dan Fogelberg, svenne per l'emozione.

A vincere la categoria Big fu l'inedito trio composto da Gianni Morandi, Enrico Ruggeri ed Umberto Tozzi con il brano Si può dare di più che risultò uno dei brani più venduti dell'anno, mentre tra le Nuove proposte s'impose Michele Zarrillo con la canzone La notte dei pensieri, anch'essa avente ottimi riscontri di vendite.

Molto successo venne ottenuto anche dal brano Quello che le donne non dicono di Fiorella Mannoia, che si aggiudicò il Premio della critica.

Non mancarono neppure le polemiche quando venne preannunciata la partecipazione, fuori concorso, di Adriano Celentano, invitato a cantare una canzone sulla pace. Dovette rinunciare per le critiche rivolte dai Big nei confronti dell'idea, che in qualche modo li avrebbe esclusi dall'iniziativa.[2]

Autore dei testi di quest'edizione era Bruno Broccoli.

Fu la prima edizione del Festival i cui ascolti furono rilevati dall'auditel (entrato in funzione nel dicembre 1986): con una media del 68,71% di share (e con la punta del 77,50% di share medio per la serata finale) è stata l'edizione del Festival più vista di sempre.

Classifica, canzoni e cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Sezione Big[modifica | modifica wikitesto]

Classifica finale dei Big stilata con i voti abbinati al concorso Totip

  1. Si può dare di più (Giancarlo Bigazzi, Umberto Tozzi, Giancarlo Bigazzi e Raffaele Riefoli) Gianni Morandi, Enrico Ruggeri, Umberto Tozzi -5.575.402 voti
  2. Figli (Toto Cutugno) Toto Cutugno -5.299.344 voti
  3. Nostalgia canaglia (Vito Pallavicini, Willy Molco, Albano Carrisi, Romina Power e Vito Mercurio) Al Bano e Romina Power -4.415.396 voti
  4. Io amo (Toto Cutugno, Franco Fasano e Fausto Leali) Fausto Leali -2.390.316 voti
  5. Il sognatore (Toto Cutugno e Depsa) Peppino di Capri 2.113.446 voti
  6. Tanti auguri (Gino Paoli e Gianni Bella) Marcella -1.833.606 voti
  7. Canzone d’amore (Toto Cutugno, G. Rampazzo e Dario Farina) Ricchi e Poveri -1.452.680 voti
  8. Quello che le donne non dicono (Enrico Ruggeri e Luigi Schiavone) Fiorella Mannoia -1.082.624 voti
  9. Come dentro un film (Luca Barbarossa) Luca Barbarossa -916.812 voti
  10. Aria e musica (Silvio Amato e Franco Morgia) Christian -785.680 voti
  11. Vita mia (Stefano D'Orazio e Marco Tansini) Lena Biolcati -709.660 voti
  12. Destino (Guido Morra e Maurizio Fabrizio) Rossana Casale -680.548 voti
  13. Canto per te (Elio Palumbo, Antonello de Sanctis e Miro Banis) Flavia Fortunato -536.624 voti
  14. E non si finisce mai (Adelio Cogliati e Piero Cassano) Dori Ghezzi -435.910 voti
  15. L’odore del mare (Guido Morra, Eduardo De Crescenzo e Maurizio Fabrizio) Eduardo De Crescenzo -411.300 voti
  16. Bella età (Franco Migliacci, Giovanni Scialpi e R. Zanelli) Scialpi -411.204 voti
  17. Dimmi che cos’è (Aldo Tagliapietra) Le Orme -383.604 voti
  18. Dal cuore in poi (Alberto Salerno, Armando Mango e Giuseppe Mango) Mango -372.014 voti
  19. Sinué (Gianluigi Di Franco, Tony Esposito) Tony Esposito -345.802 voti
  20. Pigramente signora (Mauro Arnaboldi e Franca Evangelisti) Patty Pravo -300.072 voti
  21. Il Garibaldi innamorato (Sergio Caputo) Sergio Caputo -239.840 voti
  22. Madonna di Venere (Mario Castelnuovo) Mario Castelnuovo -225.316 voti
  23. Rosanna (Nino Buonocore) Nino Buonocore -188.224 voti
  24. Bolero (Gerry Manzoli) Nada -104.214 voti

Sezione Nuove Proposte[modifica | modifica wikitesto]

Classifica delle Nuove Proposte stilata con i voti delle Giurie Demoscopiche

  1. La notte dei pensieri (Luigi Albertelli, Luigi Lopez e Michele Zarrillo) Michele Zarrillo -1.225 voti
  2. Straniero (Michele Porru e Marco Tansini) Miki -1.175 voti
  3. Briciole di pane (M. Festuccia) Future -1.161 voti
  4. Notte di Praga (A. Istrioni e Graziano Pegoraro) Andrea Mirò -1.086 voti
  5. Un bacio alla mia età (Silvio Testi, R. Zanelli e Romano Musumarra) Enrico Cifiello -1.052 voti
  6. La forza della mente (Claudio Patti e Norina Piras) Claudio Patti -1.003 voti
  7. In volo nel futuro (Alberto Salerno e Renato Brioschi) Ricky Palazzolo -990 voti
  8. Fai piano (Maria Giuliana Nava) Mariella Nava -849 voti

Non finaliste[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Una interpretazione per brano. Prima serata: 24 Big tutti in finale. Seconda serata: riesecuzione brani dei 24 Big. Terza serata: 16 Nuove Proposte di cui 8 in finale (gara separata).

Altri premi[modifica | modifica wikitesto]

Premio della Critica Categoria Campioni Quello che le donne non dicono

Premio della Critica Categoria Nuove Proposte Primo tango

Piazzamenti in classifica dei singoli[modifica | modifica wikitesto]

Artista Singolo Pos.Max.
Gianni Morandi, Enrico Ruggeri, Umberto Tozzi Si può dare di più 1
Toto Cutugno Figli 2
Fausto Leali Io amo 2
Al Bano e Romina Power Nostalgia canaglia 4
Fiorella Mannoia Quello che le donne non dicono 9
Michele Zarrillo La notte dei pensieri 10
Rossana Casale Destino 11
Marcella Tanti auguri 12
Peppino di Capri Il sognatore 14
Tony Esposito Sinuè 15
Scialpi Bella età 16
Ricchi e Poveri Canzone d'amore 17
Luca Barbarossa Come dentro un film 18
Christian Aria e musica 19
Patty Pravo Pigramente signora 24
Nino Buonocore Rosanna 33
Dori Ghezzi E non si finisce mai 34
Mango Dal cuore in poi 35
Flavia Fortunato Canto per te 35
Lena Biolcati Vita mia 35
Sergio Caputo Il Garibaldi innamorato 38
Eduardo De Crescenzo L'odore del mare 50

Orchestra[modifica | modifica wikitesto]

Non era presente. Gli artisti hanno cantato dal vivo su basi musicali preregistrate.

Sigla[modifica | modifica wikitesto]

La sigla di apertura del Festival di Sanremo 1987 è la canzone Cantare del gruppo Mediterranea (partitura di Pippo Caruso), presente peraltro, in 3 delle compilation ufficiali del Festival di quell'anno. Quella di chiusura è Warriors of the Wasteland dei Frankie Goes to Hollywood.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione del 1987 è stata la più fortunata dal punto di vista dell'auditel:

4 febbraio 1987 17.500.000 (66.3%)
5 febbraio 1987 14.800.000 (64.4%)
6 febbraio 1987 13.200.000 (67.50%)
7 febbraio 1987 18.300.000 (77.50%)

Esclusi[modifica | modifica wikitesto]

Fra i cantanti non ammessi a partecipare nella categoria Campioni vi sono[3]: Giuni Russo (in veste da cantautrice), Loredana Bertè e Tony Cicco, Cristiano De Andrè, Riccardo Fogli, Drupi, Amedeo Minghi.

Organizzazione e direzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

PUBLISPEI di Gianni Ravera

Ospiti cantanti[modifica | modifica wikitesto]

Europe, Duran Duran, Nick Kamen, Frankie Goes to Hollywood, Spandau Ballet, Style Council, Patsy Kensit con gli Eighth Wonder, Whitney Houston, Bob Geldof, Paul Simon, The Smiths, Pet Shop Boys, Alla Pugačëva, Cutting Crew, The Bangles.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Questa edizione del festival è stata vinta, tra gli altri, da Enrico Ruggeri, autore anche di Quello che le donne non dicono, brano vincitore del Premio della Critica, che l'artista aveva peraltro vinto anche l'anno prima in veste di cantautore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Whitney Houston - All at once (Sanremo 1987) - YouTube
  2. ^ di Claudio Somazzi, Canzoni Italiane, Fabbri, 1994, Vol.4, pag.110
  3. ^ Sanremo e i suoi magnifici 24, 10 gennaio 1987, p. 21. URL consultato il 20 dicembre 2012.
Festival di Sanremo Portale Festival di Sanremo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Festival di Sanremo