Patsy Kensit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Patsy Kensit
Patsy Kensit ai BAFTA awards del 2009
Patsy Kensit ai BAFTA awards del 2009
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Pop
Periodo di attività 1983-1989
Strumento Voce
Gruppi Eighth Wonder

Patricia Frances Jude Kensit detta Patsy (Hounslow, 4 marzo 1968) è un'attrice, cantante e personaggio televisivo britannica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata ad Hounslow, capoluogo del London Borough of Hounslow di West London, da James Henry Kensit e Margaret Rose Doohan, originaria dell'Irlanda, Patsy Kensit ha un fratello maggiore, Jamie.[1] La madre (1947-1993)[1] era pubblicista e il padre (1915-1987)[1] un gangster affiliato ai famigerati gemelli Kray di Londra.[2] Soprannominato "Jimmy the Dip"[1], era anche vicino alla banda rivale, quella dei Richardsons,[1] per conto dei quali reggeva un'azienda con fini fraudolenti. Aveva trascorso un periodo in carcere prima della nascita della figlia; quest'ultima credeva che il padre fosse un commerciante di antiquariato[1][3]. Il nonno paterno di Patsy era un rapinatore e un falsario[4] e Reggie Kray era il padrino del fratello.[5]

La sua prima prova di recitazione risale al 1972 quando partecipò ad uno spot televisivo. Il primo film a cui prese parte in un ruolo secondario fu Il grande Gatsby, del 1974. Nel 1979 interpretò la parte di Oscar da bambina nel film Lady Oscar.

Patsy Kensit nel 1991, durante il Festival del cinema americano di Deauville

Nel 1985 diviene la voce del gruppo Eighth Wonder. Il gruppo entrò per tre volte nella classifica dei Top 40 con i brani Stay with Me, Cross My Heart e I'm Not Scared, quest'ultima scritta e prodotta dai Pet Shop Boys. La band realizzò solo un album (Fearless), un EP (Brilliant Dreams) ed una raccolta di successi, dopodiché si sciolse.

Nel 1986 è protagonista del film-musical Absolute Beginners, di Julien Temple: il film, bizzarro omaggio agli anni sessanta della "Swinging London" e alle tensioni sociali che si agitavano dietro all'apparente allegria, fu un flop ai botteghini, nonostante la presenza nel cast di David Bowie e una colonna sonora interessante (tra gli altri, Gil Evans, Sade, Paul Weller, Miles Davis, lo stesso Bowie).

Nel 1987 duettò con Eros Ramazzotti nel brano La luce buona delle stelle, inserito nell'album In certi momenti del cantante romano.

Nel 1988 interpreta al fianco del protagonista Ben Gazzara, un ruolo non marginale nel film Don Bosco (sceneggiato da Ennio De Concini), dedicato nell'anno del centenario della morte, al santo piemontese fondatore dei Salesiani.

Dopo i successi con gli Eighth Wonder lascia definitivamente la musica nel 1989 per dedicarsi completamente al cinema. Nello stesso anno, recita una parte da co-protagonista nel film Arma letale 2, al fianco di Mel Gibson.

Nel 1991, interpreta quello che molti considerano il suo miglior ruolo nel film Twenty-One, che ottiene però scarso successo. Nel 1992 ottiene una nomination agli Independent Spirit Awards come miglior attrice protagonista in Bella e accessibile. Sempre, nel 1992 recita nella pellicola britannica Blame it on the Bellboy e nel 1995 è tra i protagonisti di Angeli e insetti insieme a Kristin Scott Thomas e Mark Rylance, che riscuote un buon successo. Lo stesso anno partecipa ad un'audizione per la parte del Capitano Kathryn Janeway in Star Trek: Voyager, ruolo che andò invece a Kate Mulgrew. Nel 2000 interpreta Anna nel film Best, film che narra la storia del calciatore nordirlandese George Best. L'ultima sua interpretazione cinematografica di rilievo risale al 2002, con il film The One and Only, che però non arriva alla distribuzione nelle sale.

Dopo un periodo di relativo silenzio, nel 2004 la Kensit torna al grande successo di pubblico partecipando a popolari serie televisive britanniche, la soap opera Emmerdale, e le commedie Bo Selecta e A Bear's Tail (quest'ultima nel 2005). Sempre nel 2004 incide il singolo Subtravel con Alex Farolfi.

In seguito, partecipa a vari spettacoli televisivi ed eventi che ne consacrano nuovamente la popolarità, nel settembre 2006 lascia la serie Emmerdale, poiché i trasferimenti nello Yorkshire (dove viene girata la soap opera) ed il tempo che passa lontano dai figli sono diventati troppo stressanti.

Attualmente è fra i protagonisti di Holby City, una pluripremiata serie televisiva britannica di ambientazione medica.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Patsy Kensit si è sposata quattro volte, e tutti i suoi mariti sono stati musicisti. Nel 1988 si è sposata con Dan Donovan del gruppo musicale Big Audio Dynamite. Nel 1992 si è risposata con Jim Kerr, voce dei Simple Minds; dal secondo matrimonio nacque, il 4 settembre 1992, il primo figlio, James. Nel 1997 si è sposata con Liam Gallagher, uno dei due fratelli del gruppo Oasis. Con lui ha avuto un figlio, Lennon Frances, nato il 13 settembre 1999 e così chiamato in onore di John Lennon. Ha divorziato da Gallagher nel 2000. Dopo altre relazioni, si è infine risposata il 29 Novembre 2007 con Jeremy Healy, noto DJ inglese , da cui ha divorziato il 31 Marzo 2008.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

  • Dickens of London - film TV (1976)
  • Valle di luna - soap opera (2004)
  • A Bear's Tail - film TV (2005)
  • Holby City - serie TV (2010- in corso)

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Con il gruppo degli Eighth Wonder:

Singoli[modifica | modifica sorgente]

  • Stay With Me (1985)
  • Having It All (1986)
  • Will You Remember (1987)
  • When The Phone Stops Ringing (1987)
  • I'm Not Scared (1988)
  • Cross My Heart (1988)
  • Baby Baby (1988)
  • Use Me (1989)

Album[modifica | modifica sorgente]

[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f Hoyle, Antonia; "BBC show finds Patsy Kensit some relatives she can be proud of" Mail Online, 04-08-2008
  2. ^ Jefferies, Mark; "Patsy Kensit speaks about family link to the Kray Twins" Mirror.co.uk, 04-04-2008
  3. ^ Patsy Kensit Biography Film Reference.com
  4. ^ Picardie, Justine; "Patsy Kensit: super trouper" Daily Telegraph, 13-07-2008
  5. ^ "Patsy Kensit's grief about father's violent past with Kray Twin" Daily Mirror, 07-07-2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64196070 LCCN: n85185198

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie