Gianluigi Di Franco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianluigi Di Franco
Nazionalità Italia Italia
Genere Rock progressivo
Periodo di attività anni 1970 – 2005
Album pubblicati 1

Gianluigi Di Franco (Capri, 5 gennaio 1953Napoli, 19 marzo 2005) è stato un musicista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come cantante e flautista dei Cervello, incide nel 1973 Melos, uno dei dischi più rappresentativi del rock progressivo italiano[1], partecipando al terzo Festival d'Avanguardia della Musica e Nuove Tendenze, ma poi il gruppo si scioglie.

Nel 1983 compone per Tony Esposito Kalimba de luna, con i quali vince nel 1984 Un disco per l'estate, successo seguito l’anno successivo da una seconda vittoria con As to as. Nel 1985 compone anche Radio Africa per Tullio De Piscopo e nel 1988 pubblica per la Dischi Ricordi il suo unico album solista.

Fonda a Napoli il primo Centro di ricerche di Musicoterapia, oltre ad essere il fondatore della Confederazione italiana delle associazioni di musicoterapia, per la quale organizza a Napoli un convegno concluso il 23 aprile 2003 con un concerto al Teatro Diana. È anche stato il direttore della rivista di settore Musicoterapia Notizie, oltre ad essere stato presidente dell’European Music Therapy Confederation e responsabile dal 1996 della Commissione per le pubblicazioni e la comunicazione della World Federation of Music Therapy[2].

Gianluigi di Franco scompare prematuramente il 19 marzo 2005 a 52 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2001: Gianluigi Di Franco: Le voci dell'emozione. Verso una pragmatica della musica come terapia (Ismez)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Siren Ligheia
  2. Go heavy
  3. Luna
  4. Semiramide
  5. Nighi Naga
  6. Insh'Allah
  7. Scirocco
  8. Can we be wrong
  9. Vurria addiventare
  10. Jingle in the jungle
  11. Una vela nell’azzurro

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Prog Dome
  2. ^ Tony Wigram