Carlo Massarini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Massarini al Blogfest 2010 di Riva del Garda.

Carlo Massarini (La Spezia, 18 ottobre 1952) è un giornalista, conduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carlo Massarini nasce a La Spezia nel 1952. Di lì a breve la sua famiglia si trasferisce per qualche anno in Canada per seguire il padre diplomatico. Tornato a Roma, si iscrive alla facoltà di medicina ma abbandona presto gli studi universitari per dedicarsi alla musica ed alla radio[1]. Nei primi anni settanta conduce per Radio Rai, insieme ad altri conduttori, la trasmissione di musica rock e pop Per voi giovani.

Successivamente conduce le trasmissioni radiofoniche serali Popoff e Radio2 21.29 nelle quali propone alcuni artisti fino a quel momento poco conosciuti come Tom Waits, Bob Marley, Joni Mitchell e soprattutto Jackson Browne, che Massarini ha il merito di aver introdotto in Italia traducendone alcuni testi in italiano. Anni dopo sarà proprio Massarini ad accompagnarlo nei primi concerti italiani e a intervistarlo in alcuni suggestivi scorci romani. In questi anni scrive inoltre per Popster e Rolling Stone.[2]

Dal 1981 al 1984 è stato conduttore ed autore di Mister Fantasy, trasmissione di Rai 1 di oltre 150 puntate dedicata alla videoarte e al videoclip. Nel 1986 ha condotto, sempre sullo stesso canale, il programma Non necessariamente, pionieristico progetto di "varietà tecnologico televisivo" che utilizzava tecniche miste cinematografiche, video e di grafica computerizzata. Coconduce il Festival di Sanremo sia nel 1987 (con Pippo Baudo) che nel 1988 (con Miguel Bosè e Gabriella Carlucci). In entrambe le edizioni cura le presentazioni dei collegamenti dal nuovo Palarock da dove si esibiscono le varie star internazionali invitate come ospiti al Festival. Sempre per la Rai, è autore e conduttore, alla fine degli anni Ottanta, della trasmissione Tam Tam Village.

Dal 1995 al 2002 conduce la trasmissione MediaMente, produzione televisiva di Rai Educational di approfondimento su Internet e le nuove tecnologie.[2] Nel 2009, a 25 anni di distanza dall'ultima puntata di Mister Fantasy pubblica Dear Mister Fantasy, un fotolibro sugli anni settanta-ottanta che ha vissuto come fotografo e giornalista musicale. Nel libro sono raffigurati i suoi numerosi incontri con artisti italiani e stranieri[3]. Per il titolo del libro si ispira all'omonimo brano dei Traffic, suo gruppo rock preferito dell'epoca[1]. Nel 2010 realizza sei puntate speciali di Mister Fantasy intitolate Mister Fantasy R&R, Reload & Rewind. Ricarica & Rivedi ambientate al MAXXI di Roma e trasmesse da Rai Sat Extra[4][5].

Dal 10 gennaio 2011 conduce la trasmissione Cool Tour che va in onda quotidianamente su Rai 5 e che è dedicata a tutto ciò che fa tendenza nella società e nello spettacolo: web, cinema, arte, moda, danza, musica e teatro. Il programma ha come sede centrale la Fabbrica del Vapore di Milano ed è incentrato soprattutto sulle nuove tendenze della città meneghina[6]. Dal 16 gennaio 2013 conduce la trasmissione Cool Tour Classic Rock, in onda su Rai 5 ogni mercoledì alle 24 circa, in cui si parla di connessioni tra passato, presente e futuro di musica rock e dintorni. Dal 21 gennaio 2014 conduce la trasmissione Ghiaccio Bollente, in onda su Rai 5 dal martedì al sabato alle 0.15. Si tratta di uno spazio dedicato alla musica che fa da introduzione al palinsesto notturno della rete dedicato alla musica rock e pop con concerti e documentari musicali.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Carlo Massarini - Dear Mister Fantasy - YouTube
  2. ^ a b Massarini sul sito della Rizzoli
  3. ^ Quanta musica è passata sotto i ponti di Mr Fantasy, corriere.it. URL consultato il 18-02-2012.
  4. ^ Ritorno di «Mister Fantasy»: non solo nostalgia anni ottanta, corriere.it. URL consultato il 18-02-2012.
  5. ^ Mister Fantasy 2010: l'indimenticabile programma torna in televisione da marzo su RaiExtra, wuz.it. URL consultato il 18-02-2012.
  6. ^ Com'è cool Milano; tendenze e cultura con Carlo Massarini, corriere.it. URL consultato il 18-02-2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]