Buggiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Buggiano (disambigua).
Buggiano
comune
Buggiano – Stemma Buggiano – Bandiera
Buggiano – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Pistoia-Stemma.png Pistoia
Amministrazione
Sindaco Andrea Taddei (centrosinistra) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 43°52′35″N 10°44′04″E / 43.876389°N 10.734444°E43.876389; 10.734444 (Buggiano)Coordinate: 43°52′35″N 10°44′04″E / 43.876389°N 10.734444°E43.876389; 10.734444 (Buggiano)
Altitudine 41 m s.l.m.
Superficie 16,04 km²
Abitanti 8 890[1] (30-06-2011)
Densità 554,24 ab./km²
Frazioni Borgo a Buggiano, Buggiano Castello, Colle di Buggiano, Malocchio, Pittini, Santa Maria, Stignano
Comuni confinanti Chiesina Uzzanese, Massa e Cozzile, Montecatini Terme, Pescia, Ponte Buggianese, Uzzano
Altre informazioni
Cod. postale 51011
Prefisso 0572
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 047003
Cod. catastale B251
Targa PT
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona D, 1 812 GG[2]
Diffus. atmosf. media
Nome abitanti Buggianesi
Patrono santissimo Crocifisso
Giorno festivo 18 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Buggiano
Posizione del comune di Buggiano all'interno della provincia di Pistoia
Posizione del comune di Buggiano all'interno della provincia di Pistoia
Sito istituzionale

Buggiano è un comune italiano di 8.890 abitanti della provincia di Pistoia in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si trova al centro della Valdinievole, in un territorio parzialmente collinare, fra Lucca e Pistoia. È equidistante (4 km) da Pescia e Montecatini Terme, confina anche con i comuni di Uzzano, Chiesina Uzzanese, Ponte Buggianese, Massa e Cozzile. La zona ha forma stretta e allungata in direzione nord-sud ed è attraversata in tutta la sua lunghezza dal torrente Cessana, che sfocia nel Padule di Fucecchio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Buggiano nella leggenda[modifica | modifica wikitesto]

Si racconta che durante il II secolo a.C. un comandante romano, impegnato nella battaglia contro i liguri per la conquista di quel territorio, volle premiare il soldato per il suo valore mettendolo alla prova: sapendo che quest'ultimo desiderava costruire una casa su quel colle per viverci in pace, gli concesse di usare la superficie che sarebbe riuscito ad occupare con la pelle di un bue. Questo accettò tranquillo l'offerta, lasciando di stucco il comandante, il quale pensava che al massimo sarebbe riuscito a coprire uno spazio sufficiente per la sua tomba. Il soldato invece di nascosto tagliò la pelle di bue in tante striscioline che usò per circoscrivere un largo appezzamento di terreno sulla collina; il comandante dovette così concederlo al soldato. Da quel terreno nacque Buggiano.

Buggiano Castello visto da Stignano

Origine di Buggiano[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono diverse ipotesi riguardo alla sua origine: secondo alcuni il territorio fu prima abitato dai Liguri, poi dagli Etruschi ed infine dai Romani; secondo altri invece le sue radici risalirebbero al VI secolo di Roma. Il castello sarebbe poi stato distrutto dagli stessi Romani durante la guerra Marzia per poi essere riedificato dai Liguri, che cercavano nuove dimore nella valle, sulla quale dominarono. Un'altra supposizione afferma invece che sarebbe stato costruito dai Goti intorno al 554, quando, dopo aver vinto Lucca e sottomesso la Toscana, si stabilirono in Valdinievole. Nonostante le notizie sull'origine e sulle successive ricostruzioni del castello siano molto incerte, si trattava di un edificio molto antico e di grande importanza strategica perché dal colle sul quale è posto si dominava la strada che univa Lucca con Firenze.

Le origini del nome

Incerte sono le origini del suo nome, intorno alla quale ci sono troppe supposizioni. Secondo il Baldesseroni Buggiano avrebbe preso il nome da un popolo gallico, i "Galli Booj", dai quali sarebbe derivato "Bojanum", "Bojanum Castrum" o "Castrum Bojanum", cioè castello dei Booj, da cui deriverebbe Buggiano. La terminazione in "-anum" farebbe presupporre un'eventuale origine romana. Secondo altri il nome avrebbe avuto origine da "Bos" (=bove, bue), nome da cui deriverebbe "Bovianum", l'animale inviato dagli dèi per festeggiare la primavera, raffigurato nello stemma del comune. Infatti si pensa che sul colle dove poi sorse il paese vi fosse un tempio nel quale si sacrificavano i buoi. In base ad un'altra ipotesi, riferita alla leggenda, Buggiano potrebbe derivare dal nome del soldato ("Abudius" con l'aggiunta del suffisso "-anus") che ebbe in dono il pezzo di terra assegnatogli dal suo superiore.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Buggiano è rappresentato da un "bue andante" in riferimento all'origine del nome del paese. Dopo il 1330, quando Buggiano passò dal predominio di Lucca a quello definitivo di Firenze, al bue venne aggiunto anche il Giglio. La presenza del bue senza giglio è documentata nelle pietre poste nell'antica Porta di San Martino, all'ingresso ovest di Buggiano. Oltre questo stemma il comune ne ebbe un altro, come è documentato da un registro dell'Archivio Storico; questo recava come simbolo distintivo un toro rampante rosso in campo azzurro. Attualmente questo si trova sulla facciata del Santuario del Santissimo Crocifisso (Chiesa di San Pietro Apostolo). L'utilizzo, per un breve periodo, di questo stemma fu dovuto al desiderio di dare più importanza e forza alla comunità borghigiana.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 606 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Porta di San Martino, Buggiano Castello

Media[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

  • Borgo a Buggiano è stato nominato nel film "Ti amo in tutte le lingue del mondo" di Leonardo Pieraccioni nonostante la scuola inquadrata non sia effettivamente quella del paese. Solo l'inquadratura finale è di Buggiano Castello.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • In occasione della festività dell'Annunciazione, sin dal 1367 si tiene la "Fiera in Selva", nella frazione di Santa Maria.
  • Ogni anno, la prima domenica di maggio, viene assegnato il Premio internazionale di poesia "Coluccio Salutati", organizzato dal Comune di Buggiano con il patrocinio della Presidenza della Repubblica.
  • Ogni due anni l'Associazione culturale Buggiano Castello, insieme al Comune di Buggiano, organizza l'evento La Campagna dentro le Mura. Nel mese di Aprile o Maggio gli splendidi giardini privati di Buggiano Castello vengono aperti al pubblico. All'interno dei giardini sono presenti numerose varietà botaniche, tra cui molti agrumi. Proprio per questo motivo il borgo è stato ribattezzato Borgo degli Agrumi.

Persone legate a Buggiano[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è servito dalla stazione di Borgo a Buggiano, che si trova sulla ferrovia Viareggio-Firenze.

Fino al 1938 tale frazione era attraversata dalla tranvia Lucca-Monsummano, che svolgeva servizio passeggeri e merci.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1865 1866 Gaspero Lorenzi Sindaco
1866 1868 Alfonso Quirici Sindaco
1869 1871 Carlo Bartolini Sindaco
1872 1875 Lorenzo Lorenzi Sindaco
1876 1880 Aristide Salvadori Sindaco
1880 1882 Donato Natali Sindaco
1882 1883 Comm. prefettizio
1883 1886 Aristide Salvadori Sindaco
1886 1892 Giuseppe Frizzi Sindaco
1892 1894 Emilio Bianchi Sindaco
1894 1896 Pietro Bernardi Sindaco
1897 1906 Aristide Salvadori Sindaco
1906 1907 Giuseppe Pichi Sermolli Sindaco
1907 1910 Aristide Salvadori Sindaco
1910 1920 Ernesto Benedetti Sindaco
1920 1922 Giuseppe Teglia (PSI) PSI Sindaco
1922 1923 Francesco Giordiani Comm. prefettizio
1923 1926 Sabatino Bettazzi Sindaco
1944 1946 Vieri Orsucci (PCI) CLN (PCI, DC, PSI, PdAZ) Sindaco
1946 1956 Vieri Orsucci (PCI) PCI, PSI Sindaco
1956 1960 Mario Giovannini (PSI) PSI, PCI Sindaco
1960 Lenio Riccomi (PSI) PSI, PCI Sindaco
1960 1964 Giampiero Boschi (PSI) PSI, PCI Sindaco
1964 1970 Alfredo Buonamici (PCI) PCI, PSI Sindaco
2004 2009 Daniele Bettarini (DS/PD) DS-La Margherita/PD, UDC, RC, IDV Sindaco
2009 2014 Daniele Bettarini (PD) PD, UDC, Federazione della Sinistra, IDV Sindaco
2014 in carica Andrea Taddei (PD) Centrosinistra (PD-PSI-Lista Civica) Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2011.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I Castelli in Valdinievole. Atti del convegno I Castelli in Valdinievole, Buggiano Castello, Edito dal Comune di Buggiano, giugno 1989.
  • Gerini, Bettino. La provincia di Pistoia. Etruria Editrice.
  • Michelotti, A. . Buggiano fra leggenda e storia. Editografica.
  • Michelotti, A. . Vecchi Castelli di Valdinievole. Pistoia, Edizione unica numerata, Tipografia Pistoiese.
  • Pazzagli, R. . Famiglia e paesi. Marsilio Editore.
  • Repetti, Emanuele. Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana - versione digitale

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana