Gavardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gavardo
comune
Gavardo – Stemma
Gavardo – Bandiera
Gavardo – Veduta
Gavardo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
SindacoDavide Comaglio (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°35′15″N 10°26′20″E / 45.5875°N 10.438889°E45.5875; 10.438889 (Gavardo)
Altitudine199 m s.l.m.
Superficie30 km²
Abitanti12 209[1] (30-11-2021)
Densità406,97 ab./km²
FrazioniLimone, Marzatica, Sopraponte, Soprazocco
Comuni confinantiMuscoline, Paitone, Prevalle, Puegnago del Garda, Roè Volciano, Sabbio Chiese, Salò, Villanuova sul Clisi, Vallio Terme
Altre informazioni
Cod. postale25085
Prefisso0365
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT017077
Cod. catastaleD940
TargaBS
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)[2]
Cl. climaticazona E, 2 494 GG[3]
Nome abitantigavardesi
Patronosanti Filippo e Giacomo
Giorno festivo3 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gavardo
Gavardo
Gavardo – Mappa
Gavardo – Mappa
Posizione del comune di Gavardo nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Gavardo (IPA: /ɡaˈvardo/[4], Gavart o Gaart in dialetto bresciano[5]) è un comune italiano di 12 209 abitanti[1] della provincia di Brescia in Lombardia. Si trova nella bassa Valle Sabbia, a nord-est rispetto a Brescia, della quale è il paese più popoloso.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il Chiese

Gavardo si trova all'imbocco della Valle Sabbia ad un'altitudine media di 199 m s.l.m. (il punto più basso nel territorio comunale si trova a 184 m s.l.m. e quello più alto a 877 m s.l.m.)[6]; il paese è prevalentemente collinare, con la presenza di alcuni monti che racchiudono il paese a nord e a est.

Il comune è attraversato dal fiume Chiese, dal Naviglio Grande Bresciano - che nasce a nord del paese e che ha un'origine antica, infatti veniva sfruttato dai monaci benedettini per alimentare i mulini - e dal torrente Vrenda, il quale scende da Vallio Terme e sfocia nel Chiese nella frazione di Sopraponte. Gavardo è compreso tra alcuni monti quali il Monte Budellone e il Colle di san Martino a sud ovest, i Tre Cornelli a ovest, il Monte Magno a nord e le colline di origine morenica che si estendono a est, verso Muscoline e il Benaco.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è riconducibile a quello zona prealpina, con inverni piuttosto rigidi ed estati calde e afose, anche se queste ultime sono più fresche sulle alture grazie anche ai venti freschi che soffiano da Vallio Terme, in particolare durante la notte. Le precipitazioni sono abbastanza frequenti e discretamente abbondanti (attorno ai 1200 mm/anno) e nei mesi invernali diventano anche nevose.

Nonostante la vicinanza al lago di Garda, il paese non riesce a goderne dei benefici in quanto le colline moreniche ne limitano gli influssi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Centro storico

L'etimologia del nome Gavardo è incerta e sembra che derivi da una radice celtica che vuol dire fiume, località posta su un corso d'acqua[8].

Nell'antichità era una stazione sulla strada che da Brescia portava in Valsabbia, nel medioevo era un feudo vescovile e nel 1440 divenne territorio della Serenissima fino al 1797 quando Venezia viene ceduta all'Austria.

Nel 1526 il paese subì il passaggio dei lanzichenecchi di Georg von Frundsberg e due anni dopo dai tedeschi, inoltre i paesani furono contagiati dalla peste nel 1576 che tuttavia risparmiò i paesi vicini come Vallio, che non ebbe rilevanti vittime per la peste forse per la sua collocazione più ventilata, e quindi con un'aria sempre pulita e rinnovata.

Nel 1689 si verifica una piena del Chiese che portò inondazioni in tutta la valle.

Nel 1928 al comune di Gavardo vennero aggregati i soppressi comuni di Sopraponte e Soprazocco che divennero frazioni. Nel periodo fascista vengono create nuove opere come le fognature e la pavimentazione stradale.

La seconda guerra mondiale e il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Lapide in ricordo del bombardamento

Durante la seconda guerra mondiale ci sono stati 54 gavardesi dispersi.

Il 29 gennaio 1945, a pochi mesi dal termine del secondo conflitto mondiale quando gli americani, che avevano intenzione di abbattere il ponte sul fiume Chiese per non far passare i fascisti e i tedeschi, lanciarono una bomba da un aereo che però colpì il centro storico uccidendo 52 civili.

«A Gavardo si verifica il più raccapricciante bombardamento della provincia. In una splendida giornata di sole, alle 13, in più riprese, i velivoli rovesciano sull'abitato un'alta percentuale di bombe, avendo per obiettivo la distruzione del ponte. Insignificante l'obiettivo, in quanto, nell'ipotesi che il ponte venga reso impraticabile, è molto facile, data la ristrettezza del Chiese in quel punto, gettarne un altro di fortuna che sorpassi il fiume. L'abitato è sconvolto. Un centinaio circa di edifici sono distrutti. Il ponte invece rimane intatto.»

(Lodovico Galli, Incursioni aeree su Brescia e Provincia 1944-45)

Per quanto riguarda gli avvenimenti recenti, il 24 novembre 2004 alle 23 e 59 si è verificato un terremoto di magnitudo 5,4 che ha causato diversi danni alle strutture in tutta la zona della Val Sabbia e una parte del Lago di Garda, con l'epicentro situato tra i comuni di Vobarno e Salò[9].

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma comunale
Stemma comunale

«D'azzurro, al gattopardo rivoltato, rampante, con la testa di fronte, d'argento, screziato di nero, allumato di rosso, afferrante con la zampa anteriore destra la spada di argento, guarnita d'oro, posta in sbarra alzata. Ornamenti esteriori da Comune.[10]»

Lo stemma è stato concesso con D.P.R. del 13 gennaio 1994 in sostituzione del precedente già riconosciuto con D.C.G. del 26 settembre 1932[11]:

«d'azzurro, al gattopardo rampante rivoltato in maestà impugnante con la branca destra una lancia.»

Il comune è dotato anche di un gonfalone di color azzurro riportante lo stemma, gli ornamenti e le armi araldiche del comune.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa di Santa Maria riaperta dopo il terremoto

Importanti dal punto di vista artistico e culturale sono la chiesa di San Rocco (posta all'inizio del paese venendo da Brescia), il convento delle suore Orsoline e la Chiesa di Santa Maria, posta all'interno della struttura monastica. Il convento venne edificato nel 1600 e attualmente contiene un prezioso organo, vari dipinti e statue in legno, tra cui un crocifisso cinquecentesco. Questi beni sono stati gravemente danneggiati dal sisma del 2004 e successivamente restaurati grazie alla Comunità Montana di Valle Sabbia, al Ministero dei Beni Culturali, al Comune e al parroco don Giacomo Bonetta; questi lavori sono terminati e il 3 maggio 2009, in occasione del patrono di Gavardo, è stata riaperta la Chiesa di Santa Maria[12]. Dal 1997 il convento è sede della scuola parrocchiale paritaria "Don Bosco", materna ed elementare. La chiesa principale è quella dei Santi Filippo e Giacomo, patroni del paese, presso la quale si svolgono le principali funzioni religiose.

Mulino di Gavardo[modifica | modifica wikitesto]

Mulino di Gavardo

L’unico esempio di mulino rimasto nel paese di Gavardo risale al 1528 ed è situato ancora oggi in via Molino sulle sponde del fiume Chiese. Durante la sua lunga esistenza il Mulino finì al centro di un’ampia discussione tra il mugnaio governante il mulino e i contadini delle zone di Montichiari e Lonato, dove il fiume Chiese termina. Questa disputa nata nel 1777 aveva come oggetto la scorretta spartizione dell’acqua defluente nel fiume Chiese e quella defluente nel Naviglio Grande Bresciano. Si pensava infatti all’epoca, che il mugnaio frenasse il libero deflusso dell’acqua verso il Chiese per favorire l’afflusso di acqua verso il naviglio Grande Bresciano che era utilizzato per l’irrigazione dei terreni dei contadini di Gavardo. L’attività del mulino cessò poi negli anni ’70 per diverse ragioni, ma principalmente per le continue esondazioni del fiume Chiese. Queste, infatti, rischiarono diverse volte di danneggiare i raccolti contenuti all’interno del mulino e i suoi macchinari. La più grave inondazione fu quella del 1966, dove l’acqua del fiume arrivò quasi alla sommità del tetto del mulino, mettendo a dura prova le sue strutture murarie e danneggiando anche alcuni macchinari all’interno. Il complesso del mulino è formato da un edificio a pianta rettangolare dove al suo interno troviamo: il locale delle macine, un soppalco per il deposito delle granaie e le farine. Esternamente si trova un porticato che precede l’ingresso sul giardino. Dopo la chiusura del mulino, la struttura è stata lasciata al disfacimento totale. Il tetto della struttura è ceduto in diverse parti e all’esterno sono rimaste solamente due ruote del sistema di canalizzazione: una di legno molto danneggiata e la seconda di ferro meglio conservata[13]. Il mulino viene poi rimesso al centro di un progetto sostenibile nel 2011, grazie alla nascita del Consorzio Idroelettrico del Mulino di Gavardo[14]. Questo progetto tra il comune di Gavardo e il consorzio di Bonifica Chiese, ha come scopo la riqualifica del mulino di Gavardo non solo come patrimonio storico, ma soprattutto per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili. L'edificio ospita alcune mostre e il presepe vivente nei giorni festivi vicini al Natale.

La Calchera[modifica | modifica wikitesto]

Calchera di Gavardo

A Gavardo si trovano oggi ancora i resti di un vecchio forno per la calce costruito nel 1901[13]. Questo forno, come molti altri ormai abbandonati nei comuni limitrofi, rappresentava in passato uno dei principali guadagni dell’industria Bresciana. La fornace di Gavardo era una delle poche a produzione continua e si basava sul continuo prelievo della calce viva e sulla carica dall’alto di pietre e combustibile a strati alterni. Tutt’oggi, Il forno e la struttura principale si presentano in un forte stato di degrado e abbandono.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Isolo di Gavardo, sullo sfondo il Naviglio e davanti il fiume Chiese

Nel centro di Gavardo è presente l'"isolo", chiamato così perché si trova tra il fiume Chiese e il Naviglio formando quindi un isolotto che è luogo di riposo per la fauna fluviale ma anche per i residenti, grazie ad alcune panchine e un parco giochi; il posto è frequentato soprattutto d'estate, grazie alla temperatura più fresca del fiume.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[15]

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo gli ultimi dati stilati dall'amministrazione comunale nel dicembre 2008 riguardo alla distribuzione della popolazione nel territorio comunale, è stata rilevata la presenza del 67,3% del totale nel capoluogo, 13,9% a Sopraponte e 18,8% a Soprazocco.

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione straniera residente al 1º gennaio 2011 è di 1 628 abitanti, corrispondente al 13,9% del totale delle persone residenti. Le nazionalità maggiormente rappresentate sono[16]:

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

A Gavardo è presente l'ospedale “La memoria”, gestito dalla azienda ospedaliera di Desenzano del Garda, che accoglie i pazienti di tutta la Valle Sabbia e della sponda nord occidentale del Lago di Garda, è anche sede di pronto soccorso[17].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune è presente la biblioteca comunale Eugenio Bertuetti, istituita nel 1964[18], che ha al suo interno una ricca sezione locale e alcune postazioni per il collegamento a Internet.

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Sul territorio comunale sono presenti numerose scuole: nel capoluogo è presente un asilo nido, presso Gavardo e nelle frazioni di Sopraponte e Soprazocco sono presenti le scuole dell'infanzia e quelle primarie mentre la scuola secondaria di primo grado si trova a Gavardo e raccoglie gli alunni delle frazioni gavardesi e dei paesi limitrofi nei quali non è presente questa struttura. Nel comune non sono presenti scuole secondarie di secondo grado che sono perlopiù concentrate a Brescia e Salò.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

È importante segnalare la presenza del Museo archeologico della Valle Sabbia, costruito in seguito alla scoperta di un ingente deposito di fauna fossile quaternaria, effettuato nel 1954 da un gruppo di esperti ricercatori nella grotta carsica chiamata "Buco del frate".

Media[modifica | modifica wikitesto]

A Gavardo è stata fondata Radio Viva FM, è ricevibile in Lombardia e Trentino Alto Adige, è inoltre ricevibile anche nelle zone limitrofe come le Province di Novara, Piacenza, Parma e Verona e dal 2015 la copertura si è estesa anche all'Emilia.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

La più nota iniziativa culturale che ha fatto conoscere il paese in Italia e all'estero è dovuta al coro “La Faita”, nato nel 1966, che conta attualmente circa una trentina di membri i quali cantano principalmente canzoni popolari e di montagna[19].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sopraponte[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Sopraponte.

Sopraponte è una frazione situata alla foce del torrente Vrenda e si trova sulla strada per Vallio Terme e il Monte Magno.

Soprazocco[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Soprazocco.

Soprazocco si trova ricompreso tra i monti che separano il comune da Salò.

Monte Magno[modifica | modifica wikitesto]

Situata sulle alture del comune, immersa nel verde della Valle Sabbia, è una località climaticamente fresca e adatta per escursioni e pic-nic, infatti vi si trovano alcune strutture libere quali tavoli e barbecue.

È presente anche una colonia fondata da don Antonio Andreassi, struttura che in estate ospita le attività ricreative dell'oratorio di Sopraponte e di alcuni gruppi scout.

Altre località del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sulla strada che conduce al monte Tesio e a qualche centinaio di metri dal centro si trova il Monticello, luogo dove è presente una proprietà gestita dagli Alpini, un percorso vita e alcuni giochi per bambini, infatti in estate questo posto è utilizzato dal CRED (Centro Ricreativo Estivo Diurno) di Gavardo. Nel territorio comunale ci sono altre frazioni più piccole: Quarena e Casalicolo sulla strada verso il Monte Magno, Fostaga e Soseto che si trovano verso Vallio Terme, Marzatica a sud-ovest del capoluogo, Limone (frazione ai piedi del monte Faita) e Rampeniga a sud-est in direzione di Muscoline.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Per l'agricoltura si producono prevalentemente cereali, ortaggi, frutta e foraggi. Nella frazione di Soprazocco è attiva l'estrazione della sabbia.

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Nel paese sono presenti numerose manifatture e industrie del settore tessile e calzaturiero (fino a qualche anno fa era attivo il lanificio di Gavardo, nato nel 1889 e alimentato dalle acque del fiume Chiese, ha dato lavoro a circa 1000 dipendenti) e dei materiali destinati alla costruzione.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno, in occasione dei Santi patroni Filippo e Giacomo, si tiene una fiera denominata "Fiera di Gavardo e della Valle Sabbia", giunta alla 56ª edizione, alla quale partecipano numerosi negozi e associazioni gavardesi e non[20]. Nel comune sono presenti alcuni supermercati e una galleria commerciale. Il mercoledì è il giorno del mercato che si tiene in Piazza Aldo Moro.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La pista ciclabile poco prima dell'entrata in paese accanto al Naviglio

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Strade provinciali della provincia di Brescia.

A Gavardo passa la Gardesana Occidentale che porta verso Brescia e Salò, inoltre nel territorio comunale ci sono alcune strade provinciali quali la SP 116 che attraversa il paese, la SP 26 che conduce a Muscoline e Manerba e la SP 57 che porta a Vallio Terme per poi confluire nella strada statale del Caffaro nella zona del colle di Sant'Eusebio.

Nel territorio comunale è presente la pista ciclabile Gavardina

Ferrovie e tranvie[modifica | modifica wikitesto]

Posta lungo il fiume Chiese, Gavardo poté avvalersi in passato di due importanti collegamenti su ferro per la mobilità delle persone e delle merci, la ferrovia Rezzato-Vobarno, attiva fra il 1897 e il 1968 e raccordata con il locale Lanificio di Gavardo, e la tranvia Brescia-Vestone-Idro, operante fra il 1881 e il 1932[21].

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è situato all'interno della sottorete provinciale dei servizi automobilistici interurbani denominata "Brescia Nord" gestita dall'omonimo consorzio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei sindaci di Gavardo dal 1946 ad oggi[22]:

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1946 1964 Guido Franchi DC Sindaco
1964 1975 Mario Baronchelli DC Sindaco
1975 1985 Gabriele Avanzi DC Sindaco
1985 1995 Gian Paolo Mora DC Sindaco

Di seguito l'elenco dei sindaci eletti direttamente dai cittadini (dal 1995):

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 aprile 1995 14 giugno 2004 Gaetano Mora PPI Sindaco [23][24]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Gian Battista Tonni DL Sindaco [25]
8 giugno 2009 13 gennaio 2017 Emanuele Vezzola FI Sindaco [26][27][28]
13 gennaio 2017 20 luglio 2018 Sergio Bertoloni LN Vicesindaco f.f. [29]
20 luglio 2018 27 maggio 2019 Anna Pavone Commissario
27 maggio 2019 in carica Davide Comaglio lista civica di
centro-sinistra
Sindaco

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Atletica[modifica | modifica wikitesto]

Per l'atletica è presente l'Atletica Gavardo 90, società iscritta alla FIDAL, Federazione italiana di atletica leggera, che ha sede presso il palazzetto dello sport con una pista da atletica costruita da pochi anni[30].

Basket[modifica | modifica wikitesto]

Per il basket si ha il Basket Gavardo gioca nel campionato di Serie D[31].

Bocce[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune si può praticare lo sport delle bocce al bocciodromo, dove gioca la bocciofila gavardese.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'A.C. Gavardo che milita nel girone D lombardo di Prima Categoria.[32] ed ogni anno, durante il fine settimana che precede la Pasqua, ospita il torneo UNICEF (dal 2013 trasformato in ABE - Associazione Bambino Emopatico) per la categoria giovanissimi che raggruppa 12 squadre provenienti dall'Italia e dall'Europa. È nata nel 1925, e, dal 2014, la squadra si gemella con l'Udinese.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Da ricordare il ciclismo, con una squadra per la categoria under 23, la GS Gavardo - TECMOR e la U.C. Soprazocco, che gareggia in tre diverse categorie: giovanissimi, esordienti e allievi. Nel comune è situato l'arrivo della gara ciclistica per UNDER 23 che si tratta di una gra internazionale per dilettanti organizzata dalla squadra locale GS GAVARDO - TECMOR.

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio limitrofo di Bostone, frazione di Villanuova sul Clisi, è presente un palazzetto dello sport, dove praticare diverse discipline, quali: calcio, tennis, pallacanestro e atletica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Pronuncia di Gavardo, su dizionario.rai.it.
  5. ^ Toponimi in dialetto bresciano, su brescialeonessa.it.
  6. ^ Dati sull'altitudine, su comuni-italiani.it.
  7. ^ a b Classificazione sismica e climatica di Gavardo, su tuttitalia.it.
  8. ^ Cenni storici, su comune.gavardo.bs.it (archiviato dall'url originale il 16 maggio 2010).
  9. ^ Dettagli terremoto del 2004, su iesn.org.
  10. ^ Marco Foppoli, Stemmario Bresciano, Provincia di Brescia / Grafo, 2011, pp. 172-173, ISBN 978-88-7385-844-7.
  11. ^ Profilo araldico dello stemma, su araldicacivica.it. URL consultato il 23 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  12. ^ Notizia della riapertura della chiesa di Santa Maria, su vallesabbianews.it.
  13. ^ a b Associazione Museo Gruppo Grotte, Il volto storico di Gavardo, Gavardo, dicembre 1988.
  14. ^ * consorziomulinogavardo.it, http://consorziomulinogavardo.it/cenni_storici.php.
  15. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  16. ^ Popolazione straniera residente a Gavardo, su tuttitalia.it. La percentuale è calcolata sul totale della popolazione residente
  17. ^ Scheda sull'ospedale di Gavardo, su aod.vortal.it (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2009).
  18. ^ Storia della biblioteca civica, su comune.gavardo.bs.it (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  19. ^ Coro La Faita, su corolafaita.it.
  20. ^ Fiera di Gavardo e Vallesabbia, su festadimaggio.it.
  21. ^ Giancarlo Ganzerla, Binari sul Garda - Dalla Ferdinandea al tram: tra cronaca e storia, Brescia, Grafo, 2004. ISBN 8873856330.
  22. ^ Piero Laffranchi, pp. 127-138.
  23. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali Gavardo 23 aprile 1995, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 23 aprile 1995.
  24. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali Gavardo 13 giugno 1999, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 13 giugno 1999.
  25. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali Gavardo 12 giugno 2004, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 12 giugno 2004.
  26. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali Gavardo 7 giugno 2009, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 7 giugno 2009.
  27. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali Gavardo 25 maggio 2014, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato il 25 maggio 2014.
  28. ^ Sospeso per effetto della Legge Severino. Alessandro Gatta, Ora è ufficiale: Vezzola sospeso Bertoloni «promosso» sindaco?, su bresciaoggi.it, 14 gennaio 2017. URL consultato il 14 gennaio 2017.
  29. ^ Svolge le funzioni sindacali in seguito alla sospensione del sindaco a partire dal 13 gennaio 2017. Decade il 20 luglio 2018 a causa delle dimissioni del sindaco ancora sospeso.
  30. ^ Atletica Gavardo 90, su atleticagavardo90.com.
  31. ^ Basket Gavardo, su basketgavardo.it.
  32. ^ Associazione Calcistica Gavardo, su acgavardo.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Valle Sabbia, Comunità Montana di Valle Sabbia, pp. 57–70 ISBN 88-7717-017-4
  • Un paese un partito La Democrazia Cristiana a Gavardo e in Valle Sabbia, Pro Loco del Chiese, ISBN 978-88-905449-2-7.
  • Enciclopedia Bresciana, Volume XVIII, Editrice "La voce del Popolo" s.r.l. Brescia - 2002 di Antonio Fappani pp. 7-13.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN155981514 · WorldCat Identities (ENviaf-246171531
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia