Marmentino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marmentino
comune
Marmentino – Stemma Marmentino – Bandiera
Marmentino – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
SindacoIlario Medaglia (lista civica Insieme per Marmentino) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°45′N 10°17′E / 45.75°N 10.283333°E45.75; 10.283333 (Marmentino)
Altitudine875 m s.l.m.
Superficie18,04 km²
Abitanti664[1] (30-11-2021)
Densità36,81 ab./km²
FrazioniDosso, Ombriano, Vaghezza, Ville
Comuni confinantiBovegno, Collio, Irma, Lodrino, Pertica Alta, Pertica Bassa, Pezzaze, Tavernole sul Mella
Altre informazioni
Cod. postale25060
Prefisso030
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT017105
Cod. catastaleE961
TargaBS
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 3 461 GG[3]
Nome abitantimarmentinesi
Patronosanti Cosma e Damiano
Giorno festivo26 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Marmentino
Marmentino
Marmentino – Mappa
Posizione del comune di Marmentino nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Marmentino (Marmintì in dialetto bresciano[4]) è un comune italiano di 664 abitanti della provincia di Brescia, nell'alta Val Trompia in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un documento del 19 settembre 1240 attesta che la chiesa dei Santi Cosma e Damiano si trovava in una situazione economica disastrosa, a causa della negligenza dei rettori che avevano contratto parecchi debiti. La gravità della situazione rese pertanto indispensabile un deciso intervento di radicale rinnovamento della chiesa, volto a sostituire quegli ecclesiastici che si erano dimostrati inadeguati. L'incarico venne affidato ad Azzone di Torbiato, il quale ordinò che i beni mobili della chiesa di Marmentino (pecore, buoi, mucche, porci e fieno) fossero venduti, in modo tale che con il ricavato potessero essere saldati i debiti.[5]

Nel 1281 Bovegno intentò una causa nei confronti del comune di Marmentino, poiché questi si rifiutava di partecipare alle spese per la conservazione della pieve matrice di S.Giorgio (Bovegno), cui Marmentino era sottoposto.[6]

Il 19 aprile 1545 mons. Donato Savallo, rettore di Marmentino ed arciprete della cattedrale di Brescia, ritrova le reliquie insigni che si ritenevano donate da papa Alessandro III transitante per Marmentino fuggendo dall'imperatore Federico Barbarossa, e le colloca devotissimamente sotto l'altar maggiore della chiesa parrocchiale dei SS.Cosma e Damiano.[7]

Il Podestà di Brescia Giovanni Da Lezze,[8] nel 1610, ricorda come l'alta valle sia povera, come a Marmentino i cui abitanti attendono à bestiami o lavorano per i boschi per le legne da far carbone nelle terre vicine et per lo più sono poveri.[9]

Un capitolo a parte nella voce emigrazione dalla valle, proprio per la specificità del loro lavoro, sarebbero stati i minatori di Marmentino, protagonisti tra metà Ottocento e Novecento di vere e proprie pagine di epica del lavoro praticamente in ogni angolo del pianeta.[10]

Tra il 1892 ed il 1922 emigrano negli Stati Uniti da Marmentino 23 persone.[11]

Il leggendario passaggio di papa Alessandro III in Valle nel 1166[modifica | modifica wikitesto]

Un'antica leggenda nata sulla fine del Quattrocento inizio del Cinquecento[12] narra che sul finire del 1166, precisamente nel mese di ottobre, passò sui monti del Bresciano e in Val Vestino il papa Alessandro III, esule da Roma, sostenitore dei liberi comuni, incalzato dagli imperiali dell'imperatore Federico I Barbarossa e contestato nella sua autorità da quattro antipapa. Questo racconto è stato insistentemente riportato oralmente nei secoli dalla popolazione locale e trascritto dagli storici, ma ritenuto dai più degli stessi privo di prove certe e concordanti, tra questi Cipriano Gnesotti, ecclesiastico storese, nella sue "Memorie delle Giudicarie" del 1700[13], ma il ripetersi della leggenda in tre zone geografiche ben distanti fra loro è sorprendente.

A Turano di Valvestino si rievoca, nell'ultima domenica del mese, la Festa del Perdono ove ogni persona, pentita e confessata, che abbia visitato la chiesa di San Giovanni Battista, vengono rimesse completamente tutte le colpe, questa cerimonia ecclesiastica fu istituita, secondo la tradizione, dal papa Alessandro III riconoscente dell'ospitalità e della protezione dei valligiani, nonostante la Valle fosse di fede ghibellina e soggetta alla famiglia Lodron, pure di fede imperiale, prima di riprendere il suo percorso, si ipotizza, in Val Sabbia passando, per qualcuno, da Capovalle o da Bocca Cocca-monte Cingolo Rosso. Secondo Attilio Mazza si può supporre che tale Festa del Perdono sia piuttosto da collegare al Perdono d'Assisi del 1216 che si celebra il 2 agosto[14] mentre Cipriano Gnesotti ipotizza che: "cadendo in quest'ultima domenica la Consacrazione della Chiesa Rettorale, nella quale in allora sia concessa una indulgenza per chiamarvi que' popolani a farne l'anniversaria adorazione, e questa si chiama ancora Perdono. Di certo il concorso è grande, e maggiore era tempo fa, quando vi concorreva la milizia nazionale. Bolla di indulgenza non si può mostrare perita, credo, nell'incendio della canonica di Turano"[15]

Del passaggio in Val Sabbia e Val Trompia di Alessandro III le cronache ricordano una lapide murata sulla parete della chiesa di Mura appartenete all'ex pieve di Savallo[16], mentre il 19 aprile 1545 mons. Donato Savallo, rettore di Marmentino ed arciprete della cattedrale di Brescia, ritrova le reliquie insigni che si ritenevano donate da papa Alessandro III transitante per Marmentino fuggendo dall'imperatore Federico Barbarossa, e le colloca devotissimamente sotto l'altar maggiore della chiesa parrocchiale dei SS.Cosma e Damiano. Il papa sembra donò alla Chiesa una ricca pianeta dorata[7][17].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Altro luogo di interesse e punto di ritrovo della comunità, è la botteghina di paese, in cui vengono venduti oltre i generi alimentari, anche prodotti di prima necessità, come detersivi, sapone, carta igienica... La botteghina inoltre è a fianco della fermata della corriera, fulcro dei trasporti del paese.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  5. ^ Il Medioevo, in Valtrompia nella storia, p. 108.
  6. ^ Il Medioevo, in Valtrompia nella storia, p. 104.
  7. ^ a b Il Cinquecento, in Valtrompia nella storia, p. 175.
  8. ^ L'industria nella bassa valle: manifatture e cartiere, in VALTROMPIA I luoghi e le industrie del Novecento, p. 118.
  9. ^ Dal Seicento all'Ottocento, in Valtrompia nella storia, pp. 244-245.
  10. ^ Dal Seicento all'Ottocento, in Valtrompia nella storia, p. 312.
  11. ^ Il Novecento, in Valtrompia nella storia, p. 335.
  12. ^ Paolo Guerrini, Santuari, chiese, conventi, Volume 2,Edizioni del Moretto, 1986.
  13. ^ Cipriano Gnesotti nelle Memorie per servire alla storia delle Giudicarie disposte secondo l'ordine dei tempi, 1786 che a pagina 64 scrive:"Io non do del passaggio per vero, solamente riferisco nel suo essere quel che trovo: ed il umile per altro passaggio per Val Sabbia, o Val di Vestino di Alessandro III papa, di cui ci ricorda la tradizione una iscrizione sulla parete esteriore della parrocchiale e pievana Chiesa di Savallo in Val Sabbia, ed in Val di Vestino si vocifera che quello papa vi concedesse l'indulgenza del Perdono bella ultima Domenica d'agosto. La verità crederei piuttosto che fosse questa: che cadendo in quest'ultima domenica la Consacrazione della Chiesa Rettorale, nella quale in allora sia concessa una indulgenza per chiamarvi que' popolani a farne l'anniversaria adorazione, e questa si chiama ancora Perdono. Di certo il concorso è grande, e maggiore era tempo fa, quando vi concorreva la milizia nazionale. Bolla di indulgenza non si può mostrare perita, credo, nell'incendio della canonica di Turano.
  14. ^ A. Mazza, Tradizioni bresciane, i santi, i riti, il folclore, i privilegi, Brescia, 2002.
  15. ^ Cipriano Gnesotti, Memorie per servire alla storia delle Giudicarie disposte secondo l'ordine dei tempi, 1786, pag.66.
  16. ^ Il testo della lapide recita:"Alex III papa a feder/imper vexatus ha transisse Fer. hanq/ plebem benedixisse / ut stia de sacello/ et fonte hic parum/ dissetate dicitura".
  17. ^ La memoria epigrafica intorno ad una strana leggenda sulla fuga del papa Alessandro III ai tempi di Federico Barbarossa, murata dietro l'altar maggiore, della parrocchia dice così: HAS.SVB. ALTARE.RELIQVIAS / QVAS. VT. FERTVR. ALEX. PONT. MAX. / SEVITIAM. FEDERICI. IMPER.FVGIENS / HVIC.DONAVERAT.ECCLAE. NVNC. DONATVS / SAVALLVS. CIVI.BRIX.ET.HVIVS.RECTOR. / CVM.POPVLO.PSVIT.DEVOTISS. / P.KAL.MAII / MDXIV.
  18. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122717059
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia