Maclodio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maclodio
comune
Maclodio – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
SindacoMarcello Orizio (lista civica) dal 14-6-2004
Territorio
Coordinate45°29′N 10°03′E / 45.483333°N 10.05°E45.483333; 10.05 (Maclodio)Coordinate: 45°29′N 10°03′E / 45.483333°N 10.05°E45.483333; 10.05 (Maclodio)
Altitudine109 m s.l.m.
Superficie5,1 km²
Abitanti1 476[1] (28-2-2017)
Densità289,41 ab./km²
Comuni confinantiBerlingo, Brandico, Lograto, Mairano, Trenzano
Altre informazioni
Cod. postale25030
Prefisso030
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT017097
Cod. catastaleE787
TargaBS
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Cl. climaticazona E, 2 410 GG[2]
Nome abitantimaclodiesi
Patronosan Zenone
Giorno festivo9 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Maclodio
Maclodio
Maclodio – Mappa
Posizione del comune di Maclodio nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Maclodio (Maclo[3] o Maclode[4] in dialetto bresciano) è un comune italiano di 1 476 abitanti della provincia di Brescia in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 ottobre 1427, sul territorio comunale, si svolse l'omonima battaglia tra la Repubblica di Venezia ed il Ducato di Milano, citata anche da Manzoni ne Il conte di Carmagnola. La battaglia sancì il predominio dei veneti sul territorio attorno a Brescia.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1928 e il 1950 Maclodio era servita da una stazione posta lungo la tranvia Brescia-Soncino[6].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 368.
  4. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Claudio Mafrici, I binari promiscui - Nascita e sviluppo del sistema tramviario extraurbano in provincia di Brescia (1875-1930), in Quaderni di sintesi, vol. 51, novembre 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia