Orzivecchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Orzivecchi
comune
Orzivecchi – Stemma Orzivecchi – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
SindacoGianluigi Sturla (lista civica Impegno civico per Orzivecchi) dal 26-5-2019
Data di istituzione1199
Territorio
Coordinate45°25′N 9°58′E / 45.416667°N 9.966667°E45.416667; 9.966667 (Orzivecchi)Coordinate: 45°25′N 9°58′E / 45.416667°N 9.966667°E45.416667; 9.966667 (Orzivecchi)
Altitudine91 m s.l.m.
Superficie9,94 km²
Abitanti2 465[1] (30-4-2020)
Densità247,99 ab./km²
Comuni confinantiComezzano-Cizzago, Orzinuovi, Pompiano, Roccafranca
Altre informazioni
Cod. postale25030
Prefisso030
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT017126
Cod. catastaleG150
TargaBS
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 410 GG[3]
Nome abitantiUrcei
PatronoSan Germano
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Orzivecchi
Orzivecchi
Orzivecchi – Mappa
Posizione del comune di Orzivecchi nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Orzivecchi (I Urs Vèč in dialetto bresciano[4]) è un comune italiano di 2.465 abitanti della provincia di Brescia in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1928 e il 1950 Orzivecchi era servita da una stazione posta lungo la tranvia Brescia-Soncino[6]. Nel 1932 venne attivata anche la stazione ferroviaria sulla Ferrovia Cremona-Iseo

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il sindaco di Orzivecchi è Gianluigi Sturla eletto nel 2019.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ UrceiDato Istat - Popolazione residente al 30 aprile 2020
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 460.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  6. ^ Claudio Mafrici, I binari promiscui - Nascita e sviluppo del sistema tramviario extraurbano in provincia di Brescia (1875-1930), in Quaderni di sintesi, vol. 51, novembre 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240120396
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia