Coccaglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Coccaglio
comune
Coccaglio – Stemma Coccaglio – Bandiera
Municipio di Coccaglio
Municipio di Coccaglio
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Franco Claretti (centrodestra) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate 45°33′48″N 9°58′42″E / 45.563333°N 9.978333°E45.563333; 9.978333 (Coccaglio)Coordinate: 45°33′48″N 9°58′42″E / 45.563333°N 9.978333°E45.563333; 9.978333 (Coccaglio)
Altitudine 162 m s.l.m.
Superficie 12,05 km²
Abitanti 8 719[1] (30-06-2016)
Densità 723,57 ab./km²
Comuni confinanti Castrezzato, Chiari, Cologne, Erbusco, Rovato
Altre informazioni
Cod. postale 25030
Prefisso 030
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017056
Cod. catastale C806
Targa BS
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti coccagliesi
Patrono San Maurizio e San Giacinto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Coccaglio
Coccaglio
Posizione del comune di Coccaglio nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Coccaglio nella provincia di Brescia
Sito istituzionale
Chiesa di San Pietro

Coccaglio (Cocài in dialetto bresciano[2]) è un comune italiano di 8 719 abitanti circa[1] della provincia di Brescia in Lombardia.

A Coccaglio è nato nel 1553 il madrigalista Luca Marenzio e nel 1793 il carbonaro Andrea Tonelli.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Coccaglio si trova nel margine meridionale della Franciacorta, in un'area semicollinare, sviluppandosi per metà in pianura e per metà sul rilievo del Monte Orfano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • La Chiesa di San Pietro è un bellissimo esempio di architettura medioevale di età lombarda. Sorta nel XII-XIII secolo sulle basi di una primitiva cappella paleocristiana del V secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 1.552 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La Stazione di Coccaglio, posta lungo la ferrovia Bergamo-Brescia, è servita da treni regionali svolti da Trenord nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Lombardia.

Fra il 1897 e il 1915 la località ospitò altresì una stazione della tranvia Iseo-Rovato-Chiari[4].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale sindaco è Franco Claretti della Lega Nord, rieletto al secondo mandato nel maggio 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2016.
  2. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Claudio Mafrici, I binari promiscui - Nascita e sviluppo del sistema tramviario extraurbano in provincia di Brescia (1875-1930), in Quaderni di sintesi, vol. 51, novembre 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN128272793 · GND: (DE4217761-3 · BNF: (FRcb14543888k (data)
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia