Villanuova sul Clisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Villanuova sul Clisi
comune
Villanuova sul Clisi – Stemma
Villanuova sul Clisi – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Michele Zanardi (Lista Civica) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 45°36′N 10°27′E / 45.6°N 10.45°E45.6; 10.45 (Villanuova sul Clisi)Coordinate: 45°36′N 10°27′E / 45.6°N 10.45°E45.6; 10.45 (Villanuova sul Clisi)
Altitudine 216 m s.l.m.
Superficie 9,1 km²
Abitanti 5 768[1] (30-11-2015)
Densità 633,85 ab./km²
Frazioni Prandaglio
Comuni confinanti Gavardo, Roè Volciano, Sabbio Chiese, Vobarno
Altre informazioni
Cod. postale 25089
Prefisso 0365
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017201
Cod. catastale L995
Targa BS
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Nome abitanti villanovesi
Patrono san Matteo
Giorno festivo 21 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villanuova sul Clisi
Villanuova sul Clisi
Posizione del comune di Villanuova sul Clisi nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Villanuova sul Clisi nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Villanuova sul Clisi (Elanöa in dialetto bresciano[2]) è un comune italiano di 5.768 abitanti della provincia di Brescia, in Lombardia. Il comune appartiene alla Comunità Montana della Valle Sabbia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Villanuova è attraversata da Est a Ovest dal fiume Chiese ed è protetta tra Selvapiana e il monte Covolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Villanuova viene suddiviso in villa, perché alle origini era un piccolo sobborgo di Gavardo, nuova, in quanto il paese è recente, sul Clisi, che indica il fiume Chiese che è anche chiamato Clisi sul quale si è sviluppato il comune. Inizialmente il piccolo paese si chiamava solo villa e nel 1862 il comune assume la denominazione attuale. Determinante per lo sviluppo di Villanuova e dei comuni circostanti è stata la presenza del cotonificio e del lanificio che offrì lavoro agli abitanti favorendo l'incremento della popolazione.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Le frazioni di Villanuova sono Canneto, Mezzane,Ponte Pier, Bostone e Prandaglio, il quale si divide a sua volta in altre località: Berniga, Bondone, Peracque, e Valverde.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

A Villanuova passa la Gardesana Occidentale che porta verso Brescia e Salò e l'inizio della strada di fondovalle della Valsabbia che arriva fino a Barghe, inoltre nel territorio comunale c'è la strada provinciale 116 che attraversa il paese.

Posta lungo il fiume Chiese, Villanuova sul Clisi poté avvalersi in passato di due importanti collegamenti su ferro per la mobilità delle persone e delle merci, la ferrovia Rezzato-Vobarno, attiva fra il 1897 e il 1968 e raccordata con il locale Cotonificio Bresciano Ottolini, e la tranvia Brescia-Vestone-Idro, operante fra il 1881 e il 1932[4].

Nel territorio comunale è presente la pista ciclabile Rezzato-Salò.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Per il calcio c'è la Villanovese che gioca nel campionato di Seconda Categoria e nella disciplina della pallavolo c'è la squadra che gioca in serie B. Nel paese esiste anche una piccola realtà sportiva e informale, si tratta di un torneo calcistico a 7 con frequenza annuale: esso si gioca allo Stadium Dell'Isolo e vi partecipano 4 squadre , 25Crew, Parchetto United, Lions team ed un a quarta di cui non ci è stato fornito il nome.

Personalità sportive legate a Villanuova sul Clisi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2015.
  2. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Giancarlo Ganzerla, Binari sul Garda - Dalla Ferdinandea al tram: tra cronaca e storia, Brescia, Grafo, 2004. ISBN 8873856330.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN305914647
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia