Unione internazionale delle telecomunicazioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unione internazionale delle telecomunicazioni
(EN) International Telecommunication Union
(FR) Union Internationale des Télécommunications
(ES) Unión Internacional de Telecomunicaciones
Unione internazionale delle telecomunicazioni
Bandiera dell'ITU
Abbreviazione ITU
Tipo organizzazione internazionale
Fondazione 17 maggio 1865
Scopo definire gli standard nelle telecomunicazioni e nell'uso delle onde radio
Sede centrale Svizzera Ginevra
Area di azione 192 Stati
Segretario generale Mali Hamadoun Touré
Lingue ufficiali inglese, francese, spagnolo
Sito web

L'Unione internazionale delle telecomunicazioni, in acronimo ITU (dall'inglese International Telecommunication Union) è un'organizzazione internazionale che si occupa di definire gli standard nelle telecomunicazioni e nell'uso delle onde radio. È stata fondata il 17 maggio 1865 a Parigi da 20 membri con il nome di International Telegraph Union, cambia con il nome attuale nel 1932. Dal 1947 è una delle agenzie specializzate delle Nazioni Unite e l'attuale sede è a Ginevra. I 17 maggio viene festeggiata La Giornata Mondiale delle Telecomunicazioni e della Società dell’Informazione.[1]

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli scopi principali che si è prefissata alla sua creazione sono:

  • Estendere la cooperazione internazionale (per migliorare le telecomunicazioni)
  • Favorire lo sviluppo dei mezzi tecnici ed il loro sfruttamento più efficace
  • Armonizzare gli sforzi delle nazioni verso i fini comuni

Settori[modifica | modifica wikitesto]

La ITU è divisa in tre settori:

  • ITU-R o Settore radiocomunicazioni (fino al 1993 CCIR, Comité consultatif international des radiocommunications): si occupa dell'organizzazione e nella ripartizione mondiale delle radiofrequenze e delle orbite dei satelliti di telecomunicazione, queste ultime limitate risorse naturali sono oggetto di una crescente domanda di fruizione da parte di diversi servizi fissi e mobili, broadcast, radioamatori, ricerche spaziali, comunicazioni di emergenza, GPS, servizi di controllo ambientale e di comunicazione, che assicurano sicurezza in cielo, terra e mare.
  • ITU-T o Settore standardizzazione (fino al 1993 CCITT, Comité Consultatif international téléphonique et télégraphique): gli standard ITU costituiscono la base delle moderne tecnologie di informazione e di comunicazione. Sviluppate da gruppi di studio costituiti da esperti sia del settore pubblico che privato, le raccomandazioni ITU aiutano a gestire il traffico globale delle informazioni permettendo un armonico sviluppo sociale ed economico in tutto il mondo.
  • ITU-D o Settore sviluppo (fino al 1993 BDT, Bureau de Développement des Télécommunications): il compito di questo settore è quello di consentire a tutti gli abitanti del pianeta di comunicare attraverso l'accesso a infrastrutture e ai servizi di informazione e comunicazione. Questo settore agisce in concreto come una agenzia esecutiva e specializzata delle Nazioni unite per lo sviluppo di progetti in questo ambito.

A questi settori si è aggiunto l'International Multilateral Partnership Against Cyber Threats (IMPACT), con sede a Kuala Lumpur. Strutturata prendendo a modello le varie agenzie nazionali per le emergenze informatiche, il fine dichiarato della IMPACT è la condivisione di informazioni su virus e urgenti vulnerabilità informatiche in tutto il mondo. Finora gli USA si sono rifiutati di unirsi a quest'agenzia della ITU, in parte concorrente dell'ICANN. Ne sono membri 140 nazioni, oltre a Russia, Cina, Iran hanno esercitato pressione per un controllo intergovernativo di Internet, delegato a un'agenzia dell'ONU.

Per Dicembre 2012 è in previsione World Conference on International Telecommunications (WCIT) a Dubai, dove l'ITU definirà gli standard di Internet per i prossimi decenni (fra le proposte in campo: obbligo di registrazione e indirizzi IP statici e nominativi).

Prefissi internazionali[modifica | modifica wikitesto]

La ITU gestisce i prefissi internazionali dei servizi di comunicazione. Tali prefissi sono costituiti da combinazioni alfanumeriche assegnate ai diversi Stati. La lista dei prefissi ITU è la seguente:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'UNICRI (United Nations Interregional Crime and Justice Research Institute). URL consultato il 17/5/2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite