Paola Perego

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paola Perego (Monza, 17 aprile 1966) è una conduttrice televisiva, attrice, imprenditrice ed ex indossatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività artistica[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Monza e cresciuta a Brugherio, si è trasferita a Milano per lavorare come modella, esordendo nel mondo dello spettacolo ancora minorenne (nel 1982, a 16 anni) come modella e indossatrice. Dopo un anno di passerelle ha cominciato ad affrontare provini per lavorare in televisione. Nel 1983 è stata assunta da Antenna 3 Lombardia, allora importante rete locale del Nord Italia: ha televisivamente debuttato affiancando i comici Ric e Gian e Teo Teocoli in Ric e Gian graffiti.[1] Nel 1984 è passata alla Fininvest e così fece il suo esordio su Italia 1, dove ha condotto Autostop insieme a Marco Columbro[2] e altri show come Record, SuperRecord, American Ball, Cadillac e Grand Prix, dividendosi così tra programma di approfondimento sportivo e spettacoli di intrattenimento leggero. Nel 1986 partecipò ad Azzurro. Sul finire del decennio fu, per breve tempo, annunciatrice di Canale 5 ed Italia 1 alternandosi con Fiorella Pierobon e Gabriella Golia. Nella stagione 1989/1990 è nel cast del programma sportivo Calciomania.

Nel 1991 è passata a Telemontecarlo dove ha condotto con Remo Girone il programma Settimo squillo. Nella stagione 1991/1992 ha invece presentato Quando c'è la salute, programma di medicina in onda in prima serata di cui conduce due stagioni, la prima in conduzione solitaria e la seconda invece insieme a Tiberio Timperi.[3] Nel 1992 è passata a Rai 2, conducendo, prima insieme a Alessandro Cecchi Paone e poi insieme a Massimo Giletti, i molteplici contenitori televisivi di Rai 2 diretti da Michele Guardì[4][5] Mattina 2, In famiglia, Pomeriggio in famiglia e Mattina in famiglia.[4][5] Nel 1996 prima conduce lo Zecchino d'Oro e poi è passata a Canale 5 Aspettando Beautiful e poi sostituendo, nel settembre 1997, di Rita Dalla Chiesa a Forum, spostato su Rete 4,[5][6]

Negli anni 2000 è tornata in prima serata: nel maggio 2002 con il programma di Rete 4, I sette vizi capitali, che aiutava il cittadino ad evitare le truffe.[7] Nel settembre 2003 ha lasciato la conduzione di Forum, tornato in mano alla storica conduttrice Rita Dalla Chiesa, ed è tornata in RAI prendendo il posto di Alda D'Eusanio in Al posto tuo, programma pomeridiano di Rai 2 al timone del quale è rimasta fino al 2005.[8] Nel gennaio 2004 prese il posto, dopo l'insuccesso della prima puntata, di Amanda Lear alla conduzione del reality La talpa su Rai 2, portandolo al successo.[9] Nel 2003 e nel 2004 ha anche condotto il Festival di Castrocaro Terme[10] e Sanremo estate con Toto Cutugno. Nell'autunno 2005, dopo 2 anni, è tornata a Mediaset dove ha condotto la seconda edizione de La talpa, (reality show traslocato dalla RAI a Mediaset), con ritrovato successo, su Italia 1.[11]

Dal 9 gennaio 2006 le è stata affidata la conduzione del rotocalco televisivo del TG5 Verissimo, per risollevare gli ascolti[12] ottenuti dalla precedente conduzione di Benedetta Corbi e Giuseppe Brindisi: tuttavia, in seguito a diverse lamentele e proteste da parte della testata di Canale 5 riguardanti la decisione di affidare la conduzione del programma ad una «non giornalista»,[12] il programma è passato dal TG5 alla redazione di Videonews.[13]

In seguito ad una decisione dei vertici Mediaset, per la stagione 2006/2007, la Perego è stata oggetto di uno scambio di trasmissioni con Maurizio Costanzo: quest'ultimo ereditò la fascia pomeridiana[14] con Buon pomeriggio (cancellato il 13 aprile 2007), mentre la Perego ha sostituito il giornalista nello storico contenitore domenicale Buona domenica.[14]

Durante la conduzione della Perego, il contenitore della domenica è stato spesso al centro di polemiche e le stesse doti artistiche di molti tirocinanti della televisione presenti nel programma, sono state messe in discussione.[15] Le lamentele sono state sottolineate soprattutto dalla decisione di Claudio Lippi (unico protagonista delle edizioni di Maurizio Costanzo ad essere rimasto nel cast del programma), di abbandonare il contenitore accusando la conduttrice Paola Perego e gli autori di non lasciargli voce in capitolo sulle decisioni riguardanti il programma in questione.[16] Nonostante le polemiche, il contenitore nella stagione 2006-2007 ha raggiunto discreti indici d'ascolto, il che ha comportato la riconferma della conduttrice anche per l'edizione successiva, la 2007-2008, con l'aggiunta nel cast del comico Beppe Braida.[17] Nel maggio 2008 viene chiuso Buona Domenica per costi eccessivi. Nel giugno 2008 ha condotto la puntata unica e pilota de Il momento della verità in prima serata su Italia 1; nonostante i buoni ascolti, non se ne fece nulla.

L'autunno 2008 ha visto la Perego impegnata con il nuovo programma della domenica pomeriggio di Canale 5 Questa domenica[18] (chiuso nell'aprile 2009), e con la terza edizione del reality show La talpa in onda su Italia 1, con Paola Barale come inviata speciale, che ha rinnovato il successo delle precedenti edizioni.[19] Il 31 dicembre 2008 ha condotto su Canale 5 Capodanno 2009 - Speciale Questa Domenica con Micol Ronchi, Rosaria Cannavò e Vincenzo Cantatore, per introdurre gli spettatori della rete nell'anno nuovo. Dall'8 marzo 2009 al 19 aprile 2009 la Perego è tornata in prima serata su Canale 5 con la quarta edizione del reality show La fattoria, con Mara Venier in qualità di inviata dal Brasile, location del programma: questo reality show non ha però fatto segnalare eclatanti risultati di ascolto, soprattutto rispetto al successo delle precedenti edizioni condotte da Barbara d'Urso e Daria Bignardi, e infatti la media di tutte le serate è stata solo del 19,92% di share: il critico televisivo Aldo Grasso stroncò questo programma.[20]

La stagione 2009/2010 si è rivelata quella assolutamente meno frenetica e impegnata per la conduttrice, a causa della sospensione e della cancellazione definitiva del reality show La Tribù - Missione India (a pochi giorni dalla partenza del reality su Canale 5 a settembre 2009), avvenuta a causa di disaccordi tra la produzione (affidata da Mediaset all'azienda Triangle di Silvio Testi) e la nazione che avrebbe dovuto ospitare il set esterno e cioè l'India[21], quindi a causa della mancata riconferma e della chiusura (a causa dei costi eccessivi) del contenitore Questa domenica che venne sostituito dal nuovo talk show di Videonews Domenica Cinque condotto da Barbara d'Urso. In questo periodo, a causa di alcune controversie mediatiche tra la d'Urso e la Perego, si deteriorano i rapporti tra Lucio Presta, agente della Perego, con i dirigenti di Videonews; la Perego torna sugli schermi dopo undici mesi di assenza nel marzo 2010 prendendo il posto di Barbara d'Urso nel programma di intrattenimento Lo show dei record, andando in onda il sabato sera ottenendo ascolti mediocri, rimanendo tra il 18-20% di share[22] (record negativo per gli ascolti di quel programma fino al 2012), contro il programma campione di ascolti di Rai 1 Ti lascio una canzone. Nel giugno del 2010 ha condotto, con Federica Panicucci, i Wind Music Awards su Italia 1, programma musicale registrato all'Arena di Verona.[23]

Su consiglio di Lucio Presta, il 13 settembre 2010 lasciò le reti Mediaset per tornare in RAI conducendo il salotto televisivo del primo pomeriggio di Rai 1, Se... a casa di Paola, talk show che prese il posto di Festa italiana (condotto da Caterina Balivo); la media totale del programma si stabilizzò nel corso del tempo sui 2 milioni di telespettatori con il 16% di share: durante la settimana sanremese (dal 15 febbraio al 18 febbraio 2011) il programma, in diretta dal Casinò di Sanremo, registrò il suo record di ascolti con una media auditel di oltre 3 milioni e il 25% di share; originariamente prevista una seconda edizione (2011-2012) del già citato contenitore, esso fu cancellato definitivamente dai palinsesti della stagione seguente: a causa della crisi economica, dal giugno 2011 al settembre 2013 la presenza della Perego sui teleschermi delle reti RAI cala drasticamente.

Dopo sette mesi di assenza dagli schermi televisivi (periodo durante il quale la Perego si è sposata con Lucio Presta), dal 13 gennaio al 2 marzo del 2012 conduce, in prima serata su Rai 1, la seconda edizione di Attenti a quei due - La sfida ottenendo buoni ascolti. Il 21 maggio 2012 Canale 5 ha trasmesso uno scherzo fattole (con la complicità di Alfonso Signorini) durante la sua conduzione di Verissimo e poi la stessa Perego è stata ospite di Scherzi a parte[24]: sempre in tale puntata, è stato mostrato un altro scherzo fattole, durante le prove fatte in vista della puntata, a sua totale insaputa (senza il tradizionale Sei su Scherzi a parte! al termine) e ha subìto pure uno scherzo da parte di un trasformista in studio durante l'intervista fattale dai conduttori Luca e Paolo; si noti che quanto detto mai era accaduto prima nell'intera storia ormai pluri-decennale dello show.

Dopo nove mesi di assenza dal video, all'inizio del mese di dicembre del 2012 registra le due puntate della prima edizione di Rai 1 Superbrain - Le supermenti, programma trasmesso, dopo vari rinvii, nella fascia di prima serata del sabato su Rai 1, di preciso il 29 dicembre 2012 e il 5 gennaio 2013; il programma (trasmesso fuori dalla fascia di garanzia)[25] ha ottenuto un buon successo;[25] in seguito, il 12 aprile 2013,[26] conduce la puntata pilota di Eroi di tutti i giorni, nuovo programma della prima serata di Rai 1.

Dal 9 settembre 2013 conduce, insieme a Franco Di Mare[27], il programma pomeridiano di Rai 1 La vita in diretta e quindi anche lo spin-off Italia in diretta che lo precede nel palinsesto: questo impegno è terminato il 30 maggio 2014 perché, visti i bassi ascolti, il duo Perego-Di Mare non fu riconfermato dalla dirigenza RAI per la stagione seguente.

Nel dicembre 2013 conduce la seconda edizione di Superbrain - Le supermenti nel sabato sera di Rai 1 con ascolti in leggero calo rispetto all'edizione precedente: a causa di alcune controversie relative allo svolgimento della competizione durante la seconda edizione, il programma è stato definitivamente cancellato. Dal 5 ottobre 2014 al 17 maggio 2015 conduce, insieme a Pino Insegno, la 39ª edizione dello storico contenitore domenicale di Rai 1 Domenica in. Dal 15 dicembre 2014 al 10 gennaio 2015 conduce, insieme ad Albano Carrisi, la seconda edizione di Così lontani così vicini nel sabato sera di Rai 1 riscuotendo un buon successo. In estate, precisamente il 10 luglio 2015, conduce la puntata numero 28 della quarta edizione di Techetechetè, programma di Rai 1 in onda nell'access prime time. Dal 27 settembre 2015 al 15 maggio 2016 conduce, insieme a Salvo Sottile, la 40ª edizione di Domenica in. Dal 20 ottobre 2015 al 10 novembre 2015 torna in prima serata su Rai 1 perché, insieme ad Albano, presenta la nuova serie di puntate del programma di prima serata Così lontani così vicini. Dal 19 dicembre 2015 al 16 gennaio 2016 conduce, insieme a Marco Liorni, il nuovo programma di prima serata Il dono in onda su Rai 1.

Da settembre 2016 conduce su Rai 1 il programma Parliamone... sabato, in onda tutti i sabati fino al marzo 2017, quando viene soppresso per decisione della dirigenza RAI a causa di un servizio mandato in onda durante la puntata del 18 marzo, ritenuto lesivo della dignità delle donne.[28]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua carriera, Paola Perego è stata al centro di alcune controversie, tra cui spicca la seguente: il 28 gennaio 2015 è stata depositata[29] la «sentenza n. 4158 della Cassazione»[30] con la quale Paola Perego «è stata condannata ai fini civili dalla Corte suprema di cassazione a risarcire i danni da diffamazione»[29] a causa di un insulto,[30] da lei pronunciato[29] a Verissimo durante la puntata del 16 maggio 2006,[29][30] contro alcune persone a quel tempo sospettate e arrestate,[29] ma che in seguito sono state del tutto scagionate,[29] di aver commesso un reato.[30]

Nel marzo 2017 è stata al centro di uno scandalo dopo una grafica sulle "donne dell'est" mostrata nel suo programma Parliamone... sabato, giudicata come sessista e che ha causato l'immediata chiusura della trasmissione.[31] Pochi giorni dopo, la Perego si è difesa dalle accuse in un'intervista a Le Iene, nel quale incolpa i vertici della Rai che avevano approvato la lista incriminata.[32]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il primo marito della Perego fu il calciatore Andrea Carnevale, da lei conosciuto a metà degli anni ottanta: la coppia ha avuto due figli (Giulia e Riccardo), ma nel 1997 la Perego chiese (e ottenne) il divorzio.[33] Dopo dieci anni di fidanzamento, il 25 settembre 2011 Paola Perego si è sposata con il suo compagno e agente Lucio Presta.

Sempre nel 2011 la Perego si è sottoposta ad un intervento di mastoplastica riduttiva al seno, passando così da una 5ª ad una 3ª misura[34].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Paola Perego è socia Arcobaleno Tre (agenzia del manager e marito Lucio Presta), di cui possiede una quota del 20% del capitale sociale[35]. Dal 2007 la Perego è testimonial dell'AIRC[36], è testimonial con Gianluca Zambrotta dell'AISM[37] e sostiene la Fism[38], l'associazione Donne oltre[39]; dal 2012 la Perego è testimonial per Brianza per il cuore.[40]

Dopo il debutto come attrice nel 2010 interpretando il ruolo di una famosa conduttrice assassinata in una puntata della fiction di Canale 5 Distretto di Polizia 10, la Perego è stata protagonista su Canale 5 del film per la televisione L'una e l'altra con Barbara De Rossi e Christopher Lambert: il film, girato nell'estate 2011, andò in onda il 25 maggio 2012.[41]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ester Palma, Diciottenne telefonava tutto il giorno a Paola Perego, in Corriere della Sera, 08 giugno 2003, p. 49. URL consultato il 21 settembre 2010.
  2. ^ Maria Volpe, "Reality, l'ex marito contro la Ventura", in Corriere della Sera, 19 agosto 2005, p. 33. URL consultato il 21 settembre 2010.
  3. ^ Grasso, p. 580.
  4. ^ a b Con Cecchi Paone e Paola Perego da domani tutti "In famiglia", in Corriere della Sera, 3 dicembre 1993, p. 37. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  5. ^ a b c Maria Volpe, Giletti si fa "I fatti vostri" e cerca la donna da sposare, in Corriere della Sera, 28 maggio 1996, p. 32. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  6. ^ Emilia Costantini, Con Cecchi Paone e Paola Perego da domani tutti "In famiglia", in Corriere della Sera, 3 dicembre 1993, p. 37. URL consultato il 22 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  7. ^ Aldo Grasso, "I sette vizi capitali": meglio il sensitivo dello psichiatra, in Corriere della Sera, 1° maggio 2002, p. 38. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  8. ^ Perego: i bambini non sono stupidi possono vedere Al posto tuo, in la Repubblica, 11 settembre 2003, p. 61. URL consultato il 22 novembre 2009.
  9. ^ Amanda Lear lascia La Talpa, arriva la Perego, in la Repubblica, 3 febbraio 2004, p. 47. URL consultato il 22 novembre 2009.
  10. ^ Quella volta che un fan entrò in camerino, in la Repubblica, 8 giugno 2003, p. 5. URL consultato il 22 novembre 2009.
  11. ^ "I sette vizi capitali": meglio il sensitivo dello psichiatra, in Corriere della Sera, 1° maggio 2002, p. 38. URL consultato il 22 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  12. ^ a b Maria Volpe, La Perego a "Verissimo". Giornalisti in agitazione, in Corriere della Sera, 23 novembre 2005, p. 45. URL consultato il 22 novembre 2009.
  13. ^ Maria Volpe, La Perego a "Verissimo". Giornalisti in agitazione, in Corriere della Sera, 23 novembre 2005, p. 45. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  14. ^ a b Emilia Costantini, Costanzo triplica ed "entra" in prigione, 21 giugno 2006, p. 41. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  15. ^ Renato Franco, "Troppe scollature a Buona domenica", 11 novembre 2006, p. 45. URL consultato il 22 novembre 2009.
  16. ^ Renato Franco, Lippi: lascio "Buona domenica" perché lì vogliono TV spazzatura, 29 ottobre 2006, p. 39. URL consultato il 22 novembre 2009.
  17. ^ "Troppe scollature a Buona domenica", 11 novembre 2006, p. 45. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  18. ^ Aldo Grasso, La brutta televisione che spiega la vita, 14 ottobre 2008, p. 61. URL consultato il 22 novembre 2009.
  19. ^ Aldo Grasso, Santoro e Perego senza ironia, 18 ottobre 2008, p. 61. URL consultato il 22 novembre 2009.
  20. ^ Aldo Grasso, La brutta televisione che spiega la vita, 14 ottobre 2008, p. 61. URL consultato il 22 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il ).
  21. ^ Laura Rio, "La tribù" iellata: cancellato il reality rifiutato dall'India, in Il Giornale, 25 settembre 2009. URL consultato il 21 settembre 2010.
  22. ^ Torna Antonella Clerici e fa boom di ascolti, in Corriere della Sera, 29 marzo 2010, p. 39. URL consultato il 22 gennaio 2011.
  23. ^ Matteo Cruccu, Torna Antonella Clerici e fa boom di ascolti, in Corriere della Sera, 29 marzo 2010, p. 39. URL consultato il 22 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il ).
  24. ^ Maria De Filippi ospite dell'ultima puntata di Scherzi a parte | DavideMaggio.it
  25. ^ a b [1]
  26. ^ [2]
  27. ^ [3]
  28. ^ Lidia Catalano, “Sono sempre sexy e fanno comandare l’uomo”. La grafica choc di Rai Uno sulle donne dell’Est. Chiuso il programma “Parliamone sabato” di Paola Perego, su La Stampa, 20 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  29. ^ a b c d e f Paola Perego condannata in Cassazione: chiamò 'bastardi' 5 arrestati - Il Fatto Quotidiano
  30. ^ a b c d Paola Perego condannata | Diffamazione | Verissimo
  31. ^ Bufera in Rai dopo "caso Perego": chiuso il programma "Parliamone sabato", su TGcom24, 20 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  32. ^ Massimiliano Jattoni Dall'Asén, Le Iene intervistano Paola Perego, che in lacrime accusa i dirigenti Rai: «Forse è scomodo mio marito», su IoDonna.it, 22 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  33. ^ Luca Valdiserri, Diciottenne telefonava tutto il giorno a Paola Perego, in Corriere della Sera, 08 giugno 2003, p. 49. URL consultato il 21 settembre 2010 (archiviato dall'url originale il ).
  34. ^ La Perego: mi sono ridotta il seno, troppo difficile gestire una quinta.
  35. ^ Lucio Presta, Italia Oggi gli fa i conti in tasca, Tvblog. URL consultato il 20 settembre 2012.
  36. ^ AIRC - Azalea della Ricerca: i testimonial
  37. ^ Associazione Italiana Sclerosi Multipla
  38. ^ Sclerosi: Aism; 63mila malati, ricerca non può fermarsi - Speciali ed Eventi - Salute e Benessere - ANSA.it
  39. ^ Paola Perego | Donne Oltre
  40. ^ Paola Perego testimonial per Brianza per il cuore - Cronaca Monza
  41. ^ L'una e l'altra: trama della fiction con Christopher Lambert, Barbara De Rossi e Paola Perego

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]