Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 1974

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 1974
Edizione 16
Periodo dal 17 al 19 marzo 1974[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella
Trasmissione TV Programma Nazionale (serata finale)
Trasmissione radio Primo Programma
Partecipanti 12
Vincitore Cocco e Drilli
Cronologia
Zecchino d'Oro 1973 Zecchino d'Oro 1975

Il sedicesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 17 al 19 marzo 1974[1].

È stato presentato da Cino Tortorella.

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Cocco e Drilli (Testo: Walter Valdi/Musica: Walter Valdi) - Maria Federica Gabucci, Sabrina Mantovani, Claudia Pignatti e Alessandro Strano Zecchino d'Oro
  • Concerto della città (Testo: Laura Zanin/Musica: Giordano Bruno Martelli) - Gelmina Alessi e Giuseppe Giorgio
  • Il buio (Testo: Tony Martucci, Paolo Limiti/Musica: Alberto Anelli) - Maria Laura Pirisi e Daniela Delfino
  • Il gioco della rima (Testo: Alberto Testa/Musica: Gualtiero Malgoni) - Assunta Paravani e Rossella Colombin
  • Il mago matto (Testo: Maurizio D'Adda, Franco Spadavecchia/Musica: Positano, Barberia) - Morena Cecere e Patrizia Orsi
  • La Ciribiricoccola (Testo: Virginio Capitini/Musica: Gualtiero Malgoni) - Fabrizio Forte e Stefania Cornazzani
  • La cometa ha perso la coda (Testo: Vittorio Sessa Vitali/Musica: Claudio Valle) - Claudia Graziani e Mihoko Shimoura (しもうら みほこ)
  • L'orso Giovanni (Testo: Umberto Napolitano/Musica: Barberia) - Alessia Franchini, Tiziana Taveri e Massimo Ferluga
  • Nonna-ni-nonnina (Testo: Franca Evangelisti/Musica: Mario Pagano) - Michela Rudello e Maria Paola Martinelli
  • Tutto questo per un chiodo (Testo: Giuliano Taddei/Musica: Lorenzo Pilat) - Enrico Sani, Maurizio Romano e Giovanni Marcianò
  • Umpa-pà (Testo: Franco Maresca/Musica: Mario Pagano, Fiorenzo Fiorentini) - Marco Giovanetti e Roberta Girotti
  • Un gigante (Testo: Corrado Comolli/Musica: Claudio Valle) - Isabella Faggin e Alessandra Rosciano

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 16º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]