Zecchino d'Oro 1975

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 1975
Edizione 17
Periodo dal 17 al 19 marzo 1975[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella
Trasmissione TV Rete 1 (serata finale)
Trasmissione radio Rai Radio 1
Partecipanti 12
Vincitore La figlia del re di Castiglia
Cronologia
Zecchino d'Oro 1974 Zecchino d'Oro 1976 (prima edizione)

Il diciassettesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 17 al 19 marzo 1975[1].

È stato presentato da Cino Tortorella.

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Civa-civetta (Testo: Maria Iavarone/Musica: Linda Marletta, Mario Pagano) - Elisabetta Garagnani e Teresa Zotti
  • Il barone sbadiglione (Testo: Ermanno Parazzini/Musica: Corrado Castellari) - Elisabetta Gennari e Marco Cantagalli
  • Il vigile in gonnella (Testo: Sauro Stelletti/Musica: Rinaldo Cozzoli) - Efisietta Napolitano e Lorenzo Marcuccetti
  • La banda del cortile (Testo: Laura Zanin/Musica: Sergio Censi) - Michela Nati e Salvatore Mazzonello
  • La figlia del re di Castiglia (Testo: Vittorio Sessa Vitali/Musica: Claudio Valle, Giordano Bruno Martelli) - Sandro Bianchi e Jole Dalla Riva Zecchino d'Oro
  • La mongolfiera con il golf (Testo: Dante Panzuti/Musica: Renato Martini, Arrigo Amadesi) - Lara Pallaro, Bernardina Puiatti ed Antonio Carli
  • La slitta vagabonda (Testo: Maurizio D'Adda/Musica: Franco Spadavecchia, Sergio Chiesa) - Alessia Baccaglini e Massimiliano Lupieri
  • La vera storia del salice piangente (Testo: Magno/Musica Mario Pagano) - Elisabetta Marino e Giuseppe Mundula
  • L'albero della cuccagna (Testo: Dante Panzuti/Musica: Nicola Aprile) - Elena Botti e Fabrizio Santini
  • L'angioletto in blue jeans (Testo: Adelio Cogliati/Musica: Adelio Cogliati) - Annamaria Cardone e Pasquale Lorusso
  • Ma dov'è quel porcellino? (Testo: Maurizio D'Adda/Musica: Franco Spadavecchia, Giordano Bruno Martelli) - Roberta e Giorgia Troiano e Stefano Cabbua
  • Riaccattatta (Testo: Adelio Cogliati/Musica: Claudio Cavallaro) - Paola Delle Femmine ed Annalisa Travelli

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 17º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]