Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 1979

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 1979
Edizione 22
Periodo dal 15 al 17 novembre 1979[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella
Trasmissione TV Rete 1 (serata finale)
Trasmissione radio Rai Radio 1
Partecipanti 12
Paesi debuttanti Argentina Argentina
Eritrea Eritrea
Etiopia Etiopia
Pakistan Pakistan
Romania Romania
Svezia Svezia
Vincitore Un bambino
Cronologia
Zecchino d'Oro 1978 Zecchino d'Oro 1980

Il ventiduesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 15 al 17 novembre 1979[1].

È stato presentato da Cino Tortorella.

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Che roba, quel robot! (Testo: Tony Martucci/Musica: Mario Coppola, Nicola Aprile) - Pierugo Passafaro
  • Cip ciu cì (Testo: Antonella Bottazzi/Musica: Antonella Bottazzi) - Luisa Ricci e Michela Belletti
  • Gioco di parole (Testo: Luciano Beretta/Musica: Giordano Bruno Martelli) - Gioia Ferraccin e Rossana Perticarà
  • Hanno rubato il vocabolario (Testo: Nilema/Musica: Mario Pagano) - Salvatore Blanco e Renato Lanzillotta
  • I re magi (Los Reyes Magos) (Argentina Argentina) (Testo italiano: Luciano Sterpellone) - María Soledad Ibáñez Echeverría
  • La mamma sa, la mamma è... (Quelu nu derfi ade smu) (Eritrea Eritrea - Etiopia Etiopia) (Testo italiano: Giorgio Calabrese) - Zehai e Ruth Jassu
  • Mamma Folletta (Trollmors Vaggsång) (Svezia Svezia) (Testo italiano: Giorgio Calabrese) - Fredrik Gustavsson e Edward Benks
  • San Francisco (San Francisco) (Stati Uniti Stati Uniti) (Testo italiano: Giorgio Calabrese, Biagio Fichera) - Edward Benks
  • Terra mia (سونی دھرتی اللہ رکھے) (Pakistan Pakistan) - Nadia Nawaz
  • Ululalì ululalà (Testo: Walter Valdi/Musica: Walter Valdi) - Filippo Pagliano
  • Un bambino (Testo: Tony Martucci, Mara Maretti Soldi/Musica: Memo Remigi) - Daniela Migliarini Zecchino d'argento Zecchino d'Oro
  • Un sole tutto mio (În Tabără) (Romania Romania) (Testo italiano: Walter Valdi) - Silvia dall'Olio Zecchino d'argento

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 22º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]