Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 1988

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zecchino d'Oro 1988
EdizioneXXXI
Periododal 24 al 27 novembre 1988[1]
SedeAntoniano di Bologna
PresentatoreCino Tortorella
Trasmissione TVRai Uno
Partecipanti12
Paesi debuttantiUruguay Uruguay
VincitoreCane e gatto
Cronologia
Zecchino d'Oro 1987Zecchino d'Oro 1989

Il trentunesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 24 al 27 novembre 1988[1].

È stato presentato da Cino Tortorella. Anche in questa edizione la sigla è "Sono trenta gli Zecchini".

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Balancê (Balancê Morena) (Brasile Brasile) (Testo italiano: Giorgio Calabrese) - Cecilia Rita Freitas
  • Cane e gatto (Testo: Francesco Rinaldi/Musica: Francesco Rinaldi) - Rosalba Labile e Carla Tommolini Zecchino d'argento Zecchino d'Oro
  • Canzone blu (Testo: Mara Maretti Soldi/Musica: Mario Pagano) - Paola Boatto e Massimiliano Penna
  • Filastrocche e tiritere (Testo: Dolores Olioso/Musica: Dolores Olioso) - Ylenia Polito
  • Il folletto bianco (Lumiukko) (Finlandia Finlandia) (Testo italiano: Sandro Tuminelli) - Leena Untamala
  • La storia del fiume (Der Waag Vom Wasser) (Svizzera Svizzera) (Testo italiano: Vittorio Sessa Vitali) - Zoe Turnheer
  • Ma lui non sa che io lo so (Testo: Magno/Musica: Giordano Bruno Martelli, Giovanni Bobbio) - Antonio Masala
  • Nettuno netturbino (Testo: Sauro Stelletti/Musica: Norina Piras) - Daniele Presterà
  • Noi noi noi (Vos y yo) (Uruguay Uruguay) (Testo italiano: Vincenzo Buonassisi) - Pablo Vidal
  • Papà non fumare (Testo: Tony Martucci, Mara Maretti Soldi/Musica: Memo Remigi) - Cristina Ariosto e Danilo Vizzarro
  • Sogno di un giardino di mezza estate (Костенурка и Таралеж) (Bulgaria Bulgaria) (Testo italiano: Luciano Beretta) - Borjana Jordanova (Боряна Йорданова) e Eva Russeva (Ева Руссева)
  • Un maggiolino speciale (Mi seiscientos) (Spagna Spagna) (Testo italiano: Alessandra Valeri Manera) - Carla Gazeau Codinach Zecchino d'argento

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 31º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]