Mauro Serio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mauro Nicola Serio (Taranto, 29 novembre 1960[1]) è un conduttore televisivo e attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 entra a far parte del cast del programma televisivo per ragazzi Amici mostri assieme ad Alessia Marcuzzi, Fulvio Falzarano e Massimo Sangermano su Telemontecarlo.[2]

Nel 1994 presenta i programmi per ragazzi Che fine ha fatto Carmen Sandiego?, su Rai 2, e Solletico, che conduce su Rai 1 dalla prima edizione di quell'anno fino al 2000.[3]

Presenta insieme a Cino Tortorella due edizioni del Festival dello Zecchino d'Oro, nel 1995[4] e nel 1997.[5] Nel 1998 e nel 1999 conduce anche Giochi senza frontiere.[6][7]

Teatro e cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ha recitato nelle commedie Mercanti di bugie; Presente prossimo venturo ed Oleanna. Del 2002 è invece Il principe ranocchio, primo spettacolo teatrale (tratto dalle opere dei fratelli Grimm).

Nel 2009 ha recitato per Disney Channel nella sitcom Fiore e Tinelli.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Programmi TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE, p. 86. URL consultato il 16 settembre 2015 (archiviato il 17 settembre 2015).
  2. ^ AA.VV. - Amici Mostri - Colonna Sonora del Programma TV (1992 - CD), su orrorea33giri.com. URL consultato il 26 aprile 2017.
  3. ^ Scomparsi dalla TV: che fine hanno fatto i conduttori di Solletico?, su film.it. URL consultato il 28 aprile 2017.
  4. ^ ZECCHINO D'ORO, È GIA' FESTA, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 1º maggio 2017.
  5. ^ 40° Edizione dello Zecchino d'Oro, su lospettacolo.it. URL consultato il 1º maggio 2017.
  6. ^ RaiTeche - Giochi senza frontiere 1998, su teche.rai.it. URL consultato l'8 maggio 2017.
  7. ^ RaiTeche - Giochi senza frontiere 1999, su teche.rai.it. URL consultato l'8 maggio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]