Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 1995

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 1995
Edizione 38
Periodo dal 23 al 26 novembre 1995[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella con Elisabetta Ferracini e Mauro Serio
Trasmissione TV Rai Uno
Trasmissione radio Rai Radio 2[2]
Partecipanti 14
Paesi debuttanti Costa Rica Costa Rica
Tanzania Tanzania
Vincitore Il sole verrà
Cronologia
Zecchino d'Oro 1994 Zecchino d'Oro 1996

Il trentottesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 23 al 26 novembre 1995[1].

È stato presentato da Cino Tortorella con Elisabetta Ferracini e Mauro Serio. La sigla era Lo Zecchino d'Oro (M. Panzeri, G. Principe).

È l'ultima edizione nella quale Mariele Ventre dirige il Piccolo Coro dell'Antoniano. Morirà venti giorni dopo la conclusione di questa edizione, il 16 dicembre, a causa di un male incurabile.

Il Fiore della solidarietà del 1995 è dedicato alla costruzione dell'ospedale pediatrico "Mariele Ventre" in Congo.

In questa edizione lo Zecchino d'Oro ha vinto il premio televisivo "Chiara d'Assisi".

L'anteprima è andata in onda il 19 novembre ed è stata condotta da Mara Venier e la sua squadra di Domenica In...,in diretta da Roma con lo speciale: "Domenica In Anteprima Zecchino D'Oro", e in diretta dall'Antoniano Cino Tortorella, Mauro Serio e Elisabetta Ferracini.

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • All'arrembaggio del formaggio (Fábula de queso) (Costa Rica Costa Rica) (Testo italiano: Cheope) - Pedro David González Roesch
  • Amico cow boy (Testo: Vittorio Sessa Vitali/Musica: Renato Pareti) - Valerio Dieni
  • Amico nemico (Testo: Alberto Testa, Fabio Testa/Musica: Alberto Testa, Fabio Testa) - Roberta Pagnetti Zecchino d'argento
  • Battimani (Testo: Sergio Menegale/Musica: Sergio Menegale) - Antonella Arghittu e Daniela Cara
  • Che belli gli uccellini (O berço dos passarinhos) (Portogallo Portogallo) (Testo italiano: Sandro Tuminelli) - Susana Joia Jordão
  • Ho sognato una canzone (Testo: Tony Martucci, Giuliano Taddei/Musica: Luigi Bogani, Tony Dallara) - Alessandra Aprea e Luca Balloi
  • Il batterista (Testo: Rossella Conz, Maria Cristina Misciano/Musica: Pino Massara) - Alessandro Commisso
  • Il sogno più bello (Testo: Mauro De Cillis/Musica: Augusto Martelli) - Flora Crispo e Maria Cristina Vitiello G d'oro
  • Il sole verrà (Мы на лодочке катались / My na lodočke katalis') (Testo: Sandro Tuminelli/Musica: Augusto Martelli) (Russia Russia) - Evgenija Otradnych (Евгения Отрадных) Zecchino d'Oro
  • La giraffa Genoveffa (Giraffen Laffen) (Norvegia Norvegia) (Testo italiano: Giorgio Calabrese) - Preben Nylokken
  • Ma chi l'ha detto... (Testo: Emilio Di Stefano/Musica: Franco Fasano) - Giusy Crupi e Paolo Pepe
  • Ok boy! (C'ètait en 2915!) (Francia Francia) (Testo italiano: Vito Pallavicini) - Elodie Fiat
  • Samurai (Da Da Da) (Giappone Giappone) (Testo italiano: Fernando Rossi) - Koichi Soga (曽我 光一) Zecchino d'argento
  • Tanzanía-e (Tanzania nchi yangu naipenda) (Tanzania Tanzania) (Testo: Alberto Testa/Musica: Paolo Zavallone) Martina Chambiri

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Evgenia Otradnykhn è l'ultima interprete ad essere stata diretta da Mariele Ventre. Successivamente, con il nome d'arte Женя Отрадная (Ženya Otradnaya), è diventata una cantante piuttosto conosciuta in Russia: nel 2005 ha partecipato alla prima edizione di X-Factor arrivando seconda, mentre nel 2008 ha preso parte alla selezione per rappresentare la Russia a Eurovision Song Contest 2008 arrivando terza con un brano in lingua spagnola, intitolato Porque amor.
  • Koichi Soga è il fratello di Mimako Soga, interprete di Pesci, bimbi e draghi.
  • Maria Cristina Vitiello ha partecipato alla 67ª edizione 2006 del concorso Miss Italia con il numero 98, ma il 21 settembre è stata scartata.
  • Alessandro Commisso, durante la 4ª giornata, è stato estratto a sorte vincendo un viaggio in Lapponia da Babbo Natale[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 38º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.
  2. ^ Teche RAI, su radiocorriere.teche.rai.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]