Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 1990

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 1990
Edizione 33
Periodo dal 22 al 25 novembre 1990[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella con Maria Teresa Ruta e Livia Azzariti
Trasmissione TV Rai Uno
Partecipanti 12
Paesi debuttanti Ruanda Ruanda
Vincitore E nelle onde che baraonde
Nonno Superman
Cronologia
Zecchino d'Oro 1989 Zecchino d'Oro 1991

Il trentatreesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 22 al 25 novembre 1990[1].

È stato presentato da Cino Tortorella, affiancato nei 3 appuntamenti pomeridiani da Maria Teresa Ruta, e nella serata finale, in onda in prime time, da Livia Azzariti.

Hanno partecipato alcuni fra i cantautori più noti del panorama musicale italiano: Fabio Concato, autore di L'ocona sgangherona, Pino Daniele, autore di Tegolino, Mario Lavezzi, autore di E nelle onde che baraonde, e Enrico Ruggeri, autore con Luigi Schiavone di La canzone dei colori. Malgrado ciò non venne eliminato il consueto concorso, come avvenne nel 1987.

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Concerto nel prato (Wiesenkonzert) (Germania Germania) (Testo italiano: Alessandra Valeri Manera) - Sophie Tiezel
  • E nelle onde che baraonde (Testo: Alberto Testa/Musica: Mario Lavezzi) - Emanuele Triolo Zecchino d'Oro
  • Il nostro amico Onam (Vellilam cattil) (India India) (Testo italiano: Luciano Beretta, Dante Peretti) - Mary Shruthi Raj
  • La canzone dei colori (Testo: Enrico Ruggeri/Musica: Luigi Schiavone) - Matteo Carraretto, Mattia Galleani e Andrea Saracino
  • La conta (Ihorere munyana) (Ruanda Ruanda) (Testo: Sandro Tuminelli/Musica: Augusto Martelli) - Valere Iradukunda
  • L'ocona Sgangherona (Testo: Fabio Concato/Musica: Fabio Concato) - Natalia Vigorita
  • Mother's day (Mother's day) (Regno Unito Regno Unito) (Testo italiano: Luciano Beretta, Paolo Denti) - Iona Limond Zecchino d'argento
  • Nonno Superman (Testo: Salvatore De Pasquale/Musica: Salvatore De Pasquale) - Elena Masiero Zecchino d'Oro
  • Pipistrello radar (Tancuj, tancuj, vykrúcaj) (Cecoslovacchia Cecoslovacchia) (Testo: Fernando Rossi/Musica: Augusto Martelli) - Dominika Stráňavská
  • Tegolino (Testo: Pino Daniele/Musica: Pino Daniele) - Rosita Bini
  • Uccellino dell'azzurro (Pajarillo, pajarillo) (Testo: Vittorio Sessa Vitali/Musica: Augusto Martelli) (Argentina Argentina) - Juan Ignacio Emme Tramontana
  • Un papero nero (Testo: Francesco Rinaldi/Musica: Francesco Rinaldi) - Angelo Carcangiu, Roberta Fabiano e Arturo Passalacqua Zecchino d'argento

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Sigla: La nostra festa (F. Rossi, P. Zavallone).
  • Valere Iradukunda era stato creduto morto durante la guerra civile tra Hutu e Tutsi che aveva insanguinato il paese, e così nel 1994 gli venne dedicato un Fiore della Solidarietà alla memoria, con la ricostruzione del suo villaggio. Si scoprì in seguito che il bambino era sopravvissuto alla guerra, e nel 1997 egli stesso partecipò alla serata inaugurale del 40° Zecchino d'oro in rappresentanza degli interpreti esteri assieme ad Antoinette Dodin, interprete di Corri troppo, Tobia.
  • Nel 2009, Elena Masiero ha partecipato, in qualità di personaggio di cui indovinare l'identità, al gioco Ma che ci avrà de strano? del programma televisivo La corrida di Gerry Scotti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 33º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]