Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Zecchino d'Oro 2002

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zecchino d'Oro 2002
Edizione 45
Periodo dal 19 al 23 novembre 2002[1]
Sede Antoniano di Bologna
Presentatore Cino Tortorella con Heather Parisi ed Ilaria Spada
Trasmissione TV Rai Uno
Partecipanti 14
Paesi debuttanti Ecuador Ecuador
Israele Israele
Taiwan Taiwan
Tunisia Tunisia
Vincitore Lo Stelliere
Cronologia
Zecchino d'Oro 2001 Zecchino d'Oro 2003

Il quarantacinquesimo Zecchino d'Oro si è svolto a Bologna dal 19 al 23 novembre 2002[1].

È stato presentato da Cino Tortorella, Heather Parisi ed Ilaria Spada. La sigla è stata una canzone sulla melodia de Il singhiozzo, ma con testo rielaborato.

Il Fiore della solidarietà del 2002 è dedicato alla costruzione di quattro scuole in Cambogia. Pochi giorni prima della trasmissione si verificò il terremoto del Molise, per cui si decise di destinare parte dei fondi alle popolazioni colpite.

Gli ospiti di questa edizione sono stati Gigi D'Alessio, Nino Frassica[2] e Giancarlo Giannini[3].

Brani in gara[modifica | modifica wikitesto]

  • Canzone indigena (Para un niño indígena) (Ecuador Ecuador) (Yankilé Hidalgo, José Ángel Pérez, Rielab. Cilumbriello) - Leonel Alejandro Cóndor Arévalo
  • Grande diventerò (只要我长大) (Taiwan Taiwan) (Testo italiano: Roberto Ferri) - Chia-Ying Tang (唐佳迎)
  • I nonni son felici (Vara la bunici) (Romania Romania) (Testo italiano: Michele Galasso) - Miruna Oprea
  • Il gioco dell'alfabeto (אלף-בית) (Israele Israele) (Testo: Naomi Shemer/Testo italiano: Francesco Freyrie/Musica: Naomi Shemer) - Shira Zawadzki (שירה זבצקי) e Nimrod Starik (נמרוד סטאריק)
  • Il ramarro con tre erre (Testo: Franco Fasano, Gianfranco Grottoli, Andrea Vaschetti/Musica: Franco Fasano, Gianfranco Grottoli, Andrea Vaschetti) - Ernesto Schinella
  • La gallina brasiliana (Testo: Bruno Lauzi/Musica: Riccardo Zara) - Matteo Copparoni, Giorgia Bertolani e Carla Carbonaro
  • La pace c'è! (Oghniatou' Sèlèm) (Tunisia Tunisia) (Testo italiano: Emilio Di Stefano) - Ahmed M'rad
  • L'ambasciatore di Paranà (Testo: Daniele Fossati/Musica: Luigi Cavalletto) - Caterina Frola
  • Lo Stelliere (Testo: Edoardo Bennato, Gino Magurno, Ornella Della Libera/Musica: Edoardo Bennato, Gino Magurno) - Gabriele Carlini Zecchino d'Oro G d'oro
  • Marcobaleno (Testo: Maria Francesca Polli/Musica: Roby Facchinetti) - Agostino Acquaviva
  • Nonni nonni (Testo: Angelo Messini, Lucio Dalla/Musica: Angelo Messini, Lucio Dalla) - Sebastiano Cicciarella e Virginia Floris
  • Per un amico (Testo: Claudio Farina/Musica: Claudio Farina, Marco Iardella) - Lucilla Minervini Zecchino d'argento
  • Se ci credi anche tu (Ef þú trúir því líka) (Islanda Islanda) (Testo italiano: Cheope) - Halldóra Baldvinsdóttir Zecchino d'argento
  • Violino mio (Il - Gugarell tà Qalbi) (Malta Malta) (Testo italiano: Salvatore De Pasquale) - Christian Grech

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Ernesto Schinella, Caterina Frola e Sebastiano Cicciarella hanno partecipato al programma Ti lascio una canzone.
  • Miruna Oprea oggi è una cantante famosa in Romania. Inoltre, ha partecipato al 51° Zecchino d'oro in qualità di autrice di "Io più te fa noi".
  • Nel dicembre del 2007, in occasione del Gran galà dello Zecchino d'oro, Lo stelliere fu cantato da Bobby Solo, e Per un amico fu cantata da Aleandro Baldi.
  • Lucilla Minervini (figlia di Ornella Della Libera), dopo lo Zecchino d'Oro, è andata come ospite alla trasmissione televisiva Zecchino Show.
  • Agostino Acquaviva, attualmente, è un componente della nuova Boyband italiana "Aula39". Gli "Aula39" e Giorgia Bertolani partecipano all'ottava edizione di X Factor, rispettivamente nelle categorie "Gruppi vocali" e "Donne 16-24", arrivando agli "Home Visit".
  • Nel 2015 gli "Aula39" partecipano alla 15ª edizione di Amici di Maria De Filippi, venendo subito eliminati dopo due settimane di permanenza nel programma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b 45º Zecchino d'Oro, su zecchinodoro.org.
  2. ^ Ufficio Stampa Rai, Zecchino d'Oro [collegamento interrotto], su ufficiostampa.rai.it.
  3. ^ youtube.com, https://www.youtube.com/watch?v=0g7DCvGxn44&t=73s.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]