Michele Cucuzza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Cucuzza

Michele Cucuzza (Catania, 14 novembre 1952) è un giornalista, conduttore televisivo e conduttore radiofonico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Salvatore Cucuzza Silvestri, vulcanologo e docente all'Università di Catania, dopo la laurea in Lettere moderne, incomincia come giornalista in Sicilia nel quotidiano Catania Sera, occupandosi di temi di società.

Trasferitosi a Milano nel 1973, collabora con il quotidiano Il Giorno e con l'ufficio stampa del sindacato UIL. Nel 1976 è tra i fondatori di Radio Popolare con Piero Scaramucci, Nini Briglia, Gad Lerner e altri.

Nel 1983 incomincia a collaborare con la Rai, sempre a Milano, presso la quale è assunto come redattore. Fino al 1988, Cucuzza realizza servizi e collegamenti per le varie testate del servizio pubblico, radiofoniche e televisive. Segue le principali vicende di cronaca di quegli anni, dal terrorismo, al caso Tortora, dalle vicende del Banco Ambrosiano, alla morte di Michele Sindona, all'alluvione in Valtellina.

Chiamato a Roma, nel 1988, a condurre il Tg2, è anche inviato all'estero, realizzando servizi, collegamenti e speciali dalla Francia, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Arabia Saudita, Stati Uniti, India e seguendo i principali eventi sociali e politici e del periodo. Conduce il Tg2 per 10 anni, fino al 1998. Nel 1992 e 1993 conduce inoltre il Festival musicale 'Premio città di Recanati'.

Dal settembre 1998 al giugno 2008 è conduttore de La vita in diretta, su Rai 2 prima e su Rai 1 poi. Nel '97-'98, partecipa alla "Posta del cuore", su Rai 2, con Sabina Guzzanti, interpretando un telegiornalista disperato perché abbandonato dalla fidanzata. Nel 1999 conduce con Katia Ricciarelli e Gianfranco D'Angelo, "Segreti e bugie", sette prime serate, il sabato, su Rai 1, autrice Raffaella Carrà.

Dal 2003, diventa testimonial dell'Istituto Oncologico Romagnolo di Rimini. È anche testimone dell'Onlus 'Attive come prima'.

Nel 2005 è doppiatore di alcuni brani di un telegiornale per il film di animazione della Pixar “Gli incredibili”.

Dal settembre del 2008 al maggio 2011 conduce con Eleonora Daniele Uno Mattina, su Rai 1. Dal 2010 al 2012 conduce con Chiara Giallonardo il rotocalco radiofonico di attualità "Radio2 days", in onda nel fine settimana dalle 18 alle 19.30.

Nel 2011 a Reggio Calabria è direttore di Legalitàlia, incontro antimafia promosso dalla Fondazione Scopelliti e dal movimento giovanile ‘Ammazzateci Tutti'.

Dal 2011 al 2015 coordina e presenta il Premio America della Fondazione Italia USA presso la Camera dei deputati.

Nell'agosto 2012 è con Barbara De Rossi cooperante per INTERSOS, nel campo di rifugiati di Makpandu, nel Sudan del sud.

Alle elezioni per il Presidente della Repubblica italiana del 18 aprile 2013 riceve due voti.

Nel 2013 conduce dai microfoni dell'emittente romana Qlub Radio 89.3 Fm, la trasmissione quotidiana "Rosso di Sera". Il 4 e il 12 dicembre 2013 conduce con Rula Jebreal il programma televisivo "Mission", trasmesso in prima serata su Rai 1.

Editorialista del Corriere dell'Umbria, ha tenuto una rubrica di interviste su Diva&Donna.

Dal 2014 conduce con Tiziana Di Simone "Manuale d'Europa" in onda su Rai Radio 1 il sabato e la domenica mattina. Il programma è trasmesso anche su Rai GR Parlamento il sabato alle 14.

Dal novembre 2016 conduce, con Mary De Gennaro, Buon pomeriggio su Telenorba.

Nel 2017 conduce una trasmissione sulla televisione Retesole.[1]

Dal 17 gennaio 2018 è ospite fisso di 90 Special su Italia 1, programma condotto da Nicola Savino che ricorda gli anni '90.

Ha due figlie, Carlotta e Matilde.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Michelecucuzza4.jpg

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie d'amore. [Da Saffo a Prévert], a cura di e con Vanni Pierini, 3 voll., Milano, A. Mondadori, 2004.
  • Ma il cielo è sempre più blu. Il delitto Fortugno e la rivolta dei giovani di Locri contro la 'ndrangheta, Roma, Editori Riuniti, 2006. ISBN 88-359-5875-X.
  • Sotto i 40. Storie di giovani in un paese vecchio, Roma, Donzelli, 2007. ISBN 978-88-6036-178-3.
  • Fuori dalla rete. Diario online, Roma, Pagine, 2008. ISBN 978-88-7557-293-8.
  • Fuori dal video. Storie italiane, Cantalupo in Sabina, Edizioni Sabinae, 2010. ISBN 978-88-96105-76-4.
  • Il male curabile. La sfida di Mauro Ferrari, il matematico italiano che sta rivoluzionando la lotta ai tumori, Milano, Rizzoli, 2012. ISBN 978-88-17-05148-4.
  • Gramigna. Vita di un ragazzo in fuga dalla camorra, con Luigi Di Cicco, Milano, Piemme, 2013. ISBN 978-88-566-3399-3.
  • Storie di successo: Giovanni Clementoni, Irene Pivetti, Annarita Pilotti, Marco Bartoletti, a cura di, Dogana, Asset Banca, 2015.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1985: Premio Exploit, per la serie Donne e lavoro realizzata per il Tg3
  • 1990: Oscar TV - Miglior programma d'informazione - Tg2 Pegaso
  • 2007: Premio Ginestra d'oro per la televisione e il giornalismo
  • 2007: Medaglia di bronzo - Cultura per la legalità
  • 2010: Premio Personalità Europea
  • 2011: Premio internazionale Città di Ostia per il volume Fuori dal video. Storie italiane
  • 2012: Volere, Volare - Il meglio del made in Italy - per il libro Il male curabile
  • 2012: Turi Ferro per il libro Il male curabile
  • 2012: Premio Gensini al Nettuno Photofestival per il libro Il male curabile
  • 2012: Premio Falcone e Borsellino per la cultura della legalità, al Piero Chiara Festival del Racconto
  • 2013: Premio Festival della vita (Caserta, 2 febbraio)
  • 2013: Premio 'Accademia europea per le relazioni economiche e culturali' alla carriera per il giornalismo

È cittadino onorario di Grammichele, luogo di nascita della madre, di Palmi, luogo di nascita del padre e dal 2010 anche di Diamante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN163958874 · ISNI (EN0000 0003 8530 2042 · LCCN (ENno2008021973 · GND (DE14329461X