Premiatissima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Premiatissima (disambigua).
Premiatissima
PaeseItalia
Anno1982-1986
Generemusicale
Durata120 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreClaudio Cecchetto (1982)
Johnny Dorelli (1983-1986)
RegiaDavide Rampello e Valeriu Lazarov (1982)
Gino Landi (1983-1985)
Davide Rampello (1986)
Casa di produzioneGiorgio Carnevali
Rete televisivaCanale 5

Premiatissima è stato il primo varietà televisivo di successo della neonata Canale 5, l'alternativa al Fantastico della Rai.

Lo show rappresentava il ritorno ad una competizione musicale, riprendendo la formula della celebre Canzonissima che era terminata nel 1974. Il programma era sponsorizzato dal detersivo Dixan che per anni legò il proprio nome a quello della trasmissione.

La prima edizione ottenne un ottimo riscontro, per questo venne riproposta fino al 1986, per un totale di 5 edizioni.

Premiatissima '82[modifica | modifica wikitesto]

Premiatissima '82 consisteva in una competizione tra cantanti divisi in 6 squadre, articolata in tredici puntate, di cui la prima andò in onda il 29 ottobre 1982.

Presentata da Claudio Cecchetto ed Amanda Lear, ebbe subito notevole successo, sia grazie alla popolarità di Cecchetto (reduce dalla conduzione di tre Festival di Sanremo e di Fantastico 2), sia per l'affinità con Canzonissima.

Miss Fortuna di questa prima edizione fu Fabrizia Carminati.

Lo show veniva trasmesso dallo studio 7 di Cologno Monzese, per l'occasione arredato con una suggestiva scenografia di specchi, che ne ricoprivano interamente pavimento e pareti, in modo da farlo sembrare più grande. Il palcoscenico, leggermente sopraelevato, era sovrastato dal cosiddetto Quadro della Moda, una scenografia rettangolare con luci colorate al neon. La regia in questo ambiente era di Davide Rampello, mentre tutte le esibizioni musicali venivano realizzate su chroma key ed elaborate al computer sotto la direzione di Valeriu Lazarov. L'ambiente virtuale nel quale venivano registrate le esibizioni veniva invece chiamato Magic Studio.

La sigla iniziale del programma era Take a chance di Bizzy & Co., mentre quella finale era Incredibilmente donna, cantata da Amanda Lear.

Ciascuna squadra comprendeva sei concorrenti, a cui se ne aggiungevano altri tre che fungevano da jolly. Le squadre erano così articolate.

Le squadre venivano votate da una giuria interna che cambiava di puntata in puntata.

Il programma, in questa prima edizione trasmesso al venerdì, si scontrò con il varieta della Rete 2 della Rai, Portobello condotto da Enzo Tortora, che totalizzava 15.000.000 di telespettatori a puntata. Premiatissima parte in sordina con 2.000.000 di ascoltatori, arriva ad una media di 5.000.000 (con punte di 7.000.000) nelle prime 12 puntate. La tredicesima ed ultima puntata, trasmessa il 31 dicembre 1982, chiuse con 9.000.000 di telespettatori, da tutti considerato un grande successo per un network televisivo alle prime armi quale era allora Canale 5: in tale occasione venne decretata anche la vittoria finale, che andò alla squadra Fortissima.

La 5ª puntata andò in onda in versione molto ridotta a causa di un incendio che ha coinvolto lo studio in cui veniva registrata la trasmissione.[1]. Cecchetto definì quella puntata come “4 bis” e s'è trattato di un montaggio di alcune esibizioni tratte della puntate precedenti; è stata realizzata presso il Magic Studio dal solo Cecchetto che ha spiegato che lo studio principale non era a agibile per via dell'incendio provocato da un cortocircuito ad una macchina per il fumo.

La 9ª puntata, per festeggiare il Natale, andò in onda sabato sera (appunto giorno di Natale) anziché venerdì.

Per festeggiare il Capodanno 1983 venne confezionata una puntata speciale, dalla durata superiore alle due ore, al termine del quale venne proclamata la squadra vincente e vennero estratti i numeri dei biglietti vincenti di una sorta di lotteria indetta dalla trasmissione.

Durante queste ultime due puntate vennero per le riprese vennero impiegate due steadycam a cavo, comandate da operatori in tuta rossa, chiaramente visibili in alcune inquadrature.

Premiatissima '83[modifica | modifica wikitesto]

Premiatissima '83 è la seconda edizione del varietà, che, visto il successo ottenuto l'anno prima, viene promosso dal venerdì al sabato, con l'ambizioso intento di fare da concorrenza allo show del primo canale Rai abbinato alla Lotteria Italia, riproposto con un nuovo cast e una versione ancora più ricca.

Alla conduzione c'è Johnny Dorelli, che subentrò in extremis a Cecchetto, sempre affiancato da Amanda Lear, la partecipazione di Gigi Sabani nelle vesti d'imitatore (reduce dal successo di Fantastico 2 e Fantastico 3) e dei comici Gigi Sammarchi e Andrea Roncato.

Miss Fortuna di questa seconda edizione fu Nadia Cassini.

La regia e le coreografie erano affidate a Gino Landi, l'orchestra diretta da Augusto Martelli, gli autori Sergio Paolini e Cristiano Minellono, la scenografia era di Tullio Zitkowsky ed i costumi di Jeanne Grosmont.

Da questa edizione, lo studio venne arredato diversamente in modo da farlo sembrare più capiente, con un forte aumento di posti a sedere per il pubblico, questa volta disposto a gradini e più vicino al palcoscenico. La parte superiore della scenografia era rivestita da un grande specchio inclinato che creava un suggestivo gioco di riflessi, mentre ai lati erano poste luci rosse tubolari al neon. Sopra il palco campeggiava, incastonata nella scenografia, la scritta Premiatissima, ottenuta anch'essa con neon rossi. Durante molte esibizioni veniva inoltre attivato il Quadro della Moda, il pannello contenente ulteriori luci colorate al neon che componevano schemi geometrici.

La sigla iniziale A me mi torna in mente una canzone è interpretata da Gigi Sabani, quella finale No Regrets è cantata da Amanda Lear.

Nel corso delle puntate, Amanda Lear ha inoltre fatto promozione al suo nuovo album Tam-Tam (1983), presentando in ogni puntata una diversa canzone del disco.

I cantanti partecipanti, divisi nelle squadre Alta Fedeltà, Anni Sessanta, Jukebox, Superclassifica e Turbo, furono: Anna Oxa, Ivan Cattaneo, Lucio Dalla, Milva, Sergio Caputo, Gazebo, Ivan Graziani, Bobby Solo, Tiziana Rivale, Valerio Liboni, Christian, Lu Colombo, Francesco La Notte, Marco Ferradini, i Ricchi e Poveri, Rossana Casale, Rondò Veneziano, Fanigliulo, Paco D'Alcatraz, Pino D'Angiò, Ron, Angelo Branduardi, Iva Zanicchi e Ivan Thillet. Ogni squadra aveva inoltre un superospite internazionale: Charles Aznavour, Christopher Cross, Mike Oldfield, Gilbert Montagné, Randy Crawford, i Genesis, Kim Carnes, Irene Cara, Tina Turner e il sassofonista Gerry Mulligan.

In questa edizione la giuria interna viene sostituita dal pubblico che votava le squadre con le accessioni delle luci a destra della poltrona.

L'ultima puntata di questa stagione andò in onda il 31 dicembre 1983 e vide la partecipazione in qualità di superospiti di Peppino Di Capri e Riccardo Cocciante.

Questa edizione di Premiatissima ottenne molto più successo della precedente, riuscendo, con stupore di molti, a sorpassare negli ascolti il programma-rivale di Rai 1 Fantastico 4 condotto da Gigi Proietti con Heather Parisi, Teresa De Sio, Valeria Cavalli e Jinny Steffan.

Premiatissima '84[modifica | modifica wikitesto]

Premiatissima '84 è condotta da Johnny Dorelli con Ornella Muti, Miguel Bosé, Gigi e Andrea, Gigi Sabani e Augusto Martelli.

I testi erano firmati da Cristiano Minellono, Fosco Gasperi, Giorgio Faletti, Boris Macarescu e Gustavo Palazio, le scenografie realizzate da Tullio Zitkowsky e i costumi da Enrico Rufini, le coreografie e la regia erano di Gino Landi.

La prima puntata andò in onda sabato 6 ottobre, l'ultima il 29 dicembre 1984 per un totale di 17 puntate.

La sigla iniziale di Miguel Bosé si intitolava Miraggi.

I protagonisti indossavano abiti ideati da Nicola Trussardi.

In questa edizione gareggiano otto cantanti femminili interpretando ognuna brani di altri artisti:

Vince Fiorella Mannoia con Margherita davanti a Marcella con Pensieri e parole.

Nonostante gli investimenti e lo sfarzo superiori alle due edizioni precedenti, il programma non riesce a bissare il successo sperato, tanto che l'anno successivo verrà riproposto nella prima serata del venerdì; in questa stagione infatti il confronto diretto con lo show del sabato sera della concorrenza, Fantastico 5 condotto da Pippo Baudo con Eleonora Brigliadori, Heather Parisi, José Luis Moreno ed il corvo Rockfeller e Loredana Bertè, si conclude con la netta vittoria del varietà della Rai (14 milioni di telespettatori in media per Fantastico 5 e solo 4,5 milioni per Premiatissima).

Premiatissima '85[modifica | modifica wikitesto]

Premiatissima '85 ritorna nell'autunno di Canale 5 dal 4 ottobre, per un totale di 15 puntate.

Il cast di quell'anno vede confermato alla conduzione Johnny Dorelli, affiancato dalla debuttante Sabrina Salerno nel ruolo di Miss Fortuna.

Il cast è composto anche da Alfredo Papa, il trio comico La Tresca, composto da Silvio Vannucci, Liliana Eritrei e Giampaolo Fabrizio e vede la partecipazione straordinaria di Nino Manfredi.

Gli autori sono Clericetti, Domina, Roderi e Starace, la scenografia è di Dino Pozzi, i costumi di Enrico Rufini, coreografie e regia sono a cura di Gino Landi, l'orchestra è diretta da Augusto Martelli.

La sigla iniziale La cosa si fa e quella di coda Quante volte sono entrambe scritte da Umberto Bindi e cantate da Johnny Dorelli.

Tra gli ospiti d'onore Diego Armando Maradona ed Umberto Bindi.

In gara in questa edizione sono quattro gruppi musicali:

  • I Ricchi e Poveri che propongono brani scritti dai più grandi cantautori italiani come: Dimmi quando, Buonanotte fiorellino, L'anno che verrà, Scende la pioggia, Come vorrei, Samarcanda, La luce dell'est, Azzurro, Cosa sei e Casa mia.
  • I Ro.Bo.T. (ossia Rosanna Fratello, Bobby Solo e Little Tony) che presentano brani legati al Festival di Sanremo quali: Gli occhi miei, Che sarà, L'italiano, Nel blu dipinto di blu, Quando quando quando, Io che non vivo, Quando m'innamoro, Un'avventura e Sarà perché ti amo;
  • I Passengers che portano brani di celebri colonne sonore come: Aquarius, Over the rainbow, Un uomo e una donna, Sotto la pelle, Que sera sera, Goldfinger, As time goes by (Casablanca), A woman in love, Come together e Staying alive;
  • Il Gruppo Italiano che presenta brani che hanno avuto successo durante le estati quali: Cuando calienta el sol, Sono bugiarda, Con te sulla spiaggia, Ti dirò, Che colpa abbiamo noi, Datemi un martello, A chi, L'estate sta finendo e Tropicana.

Vincitori dell'edizione risultarono i Ricchi e Poveri con L'anno che verrà, seguono i Ro.Bo.T. con Che sarà, i Passengers con Casablanca e il Gruppo Italiano con Cuando calienta el sol.

In questa stagione, Premiatissima torna ad andare in onda, così come la prima edizione, nella prima serata del venerdì: nella sua vecchia collocazione, il varietà ritrova il successo (una media di 10 milioni di telespettatori) e viene riconfermato anche per l'anno successivo; questa è anche l'ultima edizione ad andare in onda dallo studio 7 di Cologno Monzese.

Premiatissima '86[modifica | modifica wikitesto]

Premiatissima '86 torna in onda dall'11 ottobre 1986 con 15 nuovi appuntamenti, conduce Johnny Dorelli che in ogni puntata fu affiancato da una copresentatrice diversa: Zeudi Araya, Serena Grandi, Sylvie Vartan, Ursula Andress, Barbara Bouchet, Verónica Castro, Julia Migenes Johnson e l'allora eurodeputata Emma Bonino.

Miss Fortuna di quest'edizione fu Paola Perego, all'epoca debuttante e misconosciuta fotomodella.

Fra gli ospiti Enrico Montesano, Paul Young, Daryl Hall, Lello Arena, Henri Salvador, Amii Stewart, Nino Manfredi, Loredana Bertè, Amanda Lear, Bo Derek e Roberto Benigni in una delle sue rare apparizioni sulle TV berlusconiane.

I testi sono di Antonio Amurri, Dino Verde, Marcello Ciorciolini, Stefano Jurgens e Sandro Leoni; la scenografia di Tullio Zitkowsky ed Enrico Pozzi; i costumi di Enrico Rufini, le coreografie di Enzo Paolo Turchi, l'orchestra è diretta da Augusto Martelli e la regia è affidata a Davide Rampello.

Premiatissima lasciò lo studio 7 di Cologno Monzese per trasferirsi allo studio 1 del Centro Palatino di Roma (all'epoca, con i suoi 1.500 metri quadrati, definito il più grande studio televisivo d'Europa).

24 i cantanti in gara ai nastri di partenza suddivisi in sei gironi:

Nelle prime sei puntate eliminatorie soltanto i primi due classificati di ogni girone sono automaticamente ammessi agli ottavi di finale, fra i terzi passano il turno i più votati mentre i quarti sono eliminati. Le gare degli ottavi di finale sono ad eliminazione diretta e determinano il passaggio alla fase successiva di otto concorrenti. Alle semifinali accedono quattro cantanti che si incontreranno in due semifinali. I due eliminati nelle semifinali gareggeranno nella finale per il terzo e quarto posto, mentre i due vincitori delle stesse dovranno conquistare il primo e secondo posto.

Risulterà vincitrice Rossana Casale davanti a Rosanna Fratello, la coppia Pupo-Fiordaliso e Orietta Berti.

Questa sarà l'ultima edizione del programma: tornata infatti dopo un anno nella prima serata del sabato, Premiatissima, nella guerra degli ascolti, soccombe contro il Fantastico 7 dei record condotto sempre da Pippo Baudo con Lorella Cuccarini, Alessandra Martines, Il Trio (Massimo Lopez, Anna Marchesini e Tullio Solenghi) e Nino Frassica (una media del 52% e 16.000.000 di ascoltatori a favore di Fantastico 7 e per Premiatissima solo il 16% con 4.000.000 di telespettatori) e in primavera il passaggio dello stesso Baudo alla Fininvest per la conduzione del nuovo show dell'autunno, Festival, sancisce definitivamente la fine del programma.

Il Magic Studio[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista della tecnica audio visiva, il Magic Studio è stato uno dei primi esempi più interessanti di effetti speciali analogici nella televisione.

Nei primi anni '80 la gestione Fininvest investì una decina di milioni di lire dell'epoca per acquistare un nuovo tipo di mixer video chiamato "Squeeze-Zoom". Questo apparecchio poteva fondere assieme varie sorgenti video, creando interessanti effetti speciali: era in grado di gestire il "picture in picture" cioè differenti riquadri video uno nell'altro oppure affiancarli, o ancora appiattirli o allungarli. La caratteristica interessante dello Squeeze-Zoom consisteva nella possibilità di simulare una "scenografia tridimensionale" modificando la geometria dei vari riquadri (uno per il pavimento, uno per il soffitto, due per le pareti et cetera) dando una prospettiva all'immagine invece del solito sfondo piatto dei Chroma Key dell'epoca.

Questa macchina aveva anche la possibilità di modificare il segnale video con effetti speciali per le regie TV dell'epoca, era in grado di creare un effetto mosaico, poteva creare uno o infiniti doppioni speculari del segnale video ed era in grado di generare uno psichedelico "effetto scia" mantenendo impressionati nello schermo i fotogrammi precedenti.

Miscelando il tutto alla tecnica televisiva del Chroma Key, si creava così negli studi di Premiatissima il "Magic Studio". Le immagini di scena di questo studio virtuale erano disegnate da due artisti spagnoli su appositi fogli di plastica polarizzata illuminata da luce tangente, dando così un interessante effetto moiré.

Al regista Valerio Lazarov spettava il compito di rendere il tutto ancora più realistico predisponendo prospettive diverse del Magic studio per ognuna delle tre o più telecamere fisse che servivano alla realizzazione dei video clip.

Conduzione[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph Baroni. Dizionario della Televisione. Raffaello Cortina Editore. ISBN 88-7078-972-1.