Zeudi Araya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zeudi Araya
La ragazza dalla pelle di luna.jpg
Zeudi Araya, La ragazza dalla pelle di luna.
NazionalitàEritrea Eritrea
Italia Italia
GenereMusica leggera
Periodo di attività musicale1972 – 1973
EtichettaBla Bla

Zeudi Araya (Decamerè, 10 febbraio 1951) è un'attrice, produttrice cinematografica e cantante eritrea naturalizzata italiana.

È una delle attrici più note del cinema erotico italiano degli anni settanta, grazie a film quali La ragazza dalla pelle di luna, La ragazza fuoristrada, e Il corpo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di un uomo politico e nipote di un ambasciatore etiope a Roma, si diplomò nel 1969, e lo stesso anno fu eletta Miss Eritrea.[1] Il suo nome in lingua tigrina significa "corona imperiale".

Un viaggio in Italia le aprì, quasi per caso, le porte di Cinecittà. Nel 1972 la Araya interpretò uno spot pubblicitario per un caffè. Il regista Luigi Scattini la notò, e la scelse per interpretare il suo film La ragazza dalla pelle di luna, che riscosse un buon successo di pubblico.[1] Il ruolo era quello di una ragazza dei Tropici che manda a rotoli il matrimonio di una coppia borghese, con il suo erotismo prorompente, e lanciò la Araya come attrice emergente. Seguirono un interesse dei mass media, un 45 giri, e altri film erotici, diretti per la maggior parte da Scattini.

Dopo il matrimonio con il produttore cinematografico Franco Cristaldi passò a interpretare film del cosiddetto "cinema medio" del marito, con titoli quali Il signor Robinson, mostruosa storia d'amore e d'avventure, nel ruolo di "Venerdì", a fianco di Paolo Villaggio, Giallo napoletano, insieme a Marcello Mastroianni, e Tesoromio, con Johnny Dorelli, Sandra Milo e Renato Pozzetto.

All'inizio degli anni novanta la Araya si ritirò dalle scene cinematografiche. Dopo la scomparsa del marito la Araya diventò parte attiva del lavoro di produzione cinematografica, e ancora oggi produce diverse pellicole per il cinema e la televisione, rimanendo sempre dietro le quinte (tornò in televisione solo nel 2001, intervistata da Daniele Luttazzi, per il programma Satyricon), con il suo nuovo compagno, il regista Massimo Spano, dal quale ha avuto un figlio, Michelangelo nato nel 1996. Il 16 settembre 2015 tornò ospite in televisione nel programma Rai La vita in diretta intervistata da Cristina Parodi.

Il 30 giugno 2018, presentò a Bologna, con Giuseppe Tornatore, la versione restaurata in 4K del film Divorzio all'italiana prodotto all'epoca, dal primo marito.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 1973 - Oltre l'acqua del fiume/Maryam (Bla Bla, BBR 1338, 7")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Autori vari, Dossier Nocturno n.35. Al tropico del sesso, Milano, Nocturno Cinema, novembre 2005.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN312567906 · ISNI (EN0000 0004 4245 4895 · SBN IT\ICCU\RMLV\056516 · BNF (FRcb16927127z (data)