Emozioni (brano musicale Lucio Battisti)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emozioni
ArtistaLucio Battisti
Autore/iLucio Battisti, Mogol
GenereMusica leggera
Esecuzioni notevoliPatty Pravo, Mina, Mia Martini
Pubblicazione
IncisioneEmozioni
Data15 ottobre 1970
EtichettaRicordi
Durata4:47
Emozioni – tracce
Precedente
Successiva

Emozioni è un brano musicale composto da Lucio Battisti e Mogol, e interpretato originariamente dallo stesso Battisti, che lo pubblicò il 15 ottobre 1970 nel singolo Emozioni/Anna.[1]

È una delle canzoni più conosciute e apprezzate della coppia Mogol-Battisti[2] ed è considerato un classico della musica leggera italiana.

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Il testo di Mogol contiene delle riflessioni sull'esistenza.[3]

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

La composizione di Emozioni fu piuttosto lunga e meditata per gli standard della coppia Battisti-Mogol, che solitamente scrivevano nuovi brani in poco tempo.[4]

Le origini del brano risalgono al viaggio a cavallo da Milano a Roma che i due artisti avevano compiuto nell'estate del 1970.[3] Fu proprio durante il viaggio che Battisti trovò l'ispirazione per la parte musicale, che fu l'unica nuova composizione nata nel corso della cavalcata.[5] Al ritorno, Battisti registrò la musica su un nastro, che lasciò a Mogol per consentirgli di comporre il testo con maggiore calma.[5]

Mogol scrisse il testo in due momenti: una prima parte in casa, composta d'impulso in un momento d'introspezione.[5] Per la parte rimanente trovò l'ispirazione mentre era in automobile,[5] in un momento piuttosto scomodo: Mogol era al volante, la macchina era piena (c'erano a bordo la moglie e due figli), non aveva carta dove scrivere, e non aveva né un impianto per ascoltare le cassette né qualcuno che potesse ricordargli la melodia cantandola.[4] Dovette quindi ripetersi la melodia mentalmente, e sforzarsi di non dimenticare i versi che componeva.[4] Solo quando arrivò a casa ebbe modo di imprimere su carta il testo che aveva ideato.[4]

Mogol scriveva spesso i testi di getto, in momenti di ispirazione, e in particolare aveva composto in automobile anche Una lacrima sul viso ed E penso a te.[4]

Probabilmente questa circostanza influì sul risultato finale, costituito da versi lunghi e irregolari.[4] Il testo fu ispirato inoltre dalla libertà che aveva respirato nel corso del viaggio a cavallo[4] e dal contatto con la natura.[3]

Interpretazione di Lucio Battisti[modifica | modifica wikitesto]

Registrazione[modifica | modifica wikitesto]

L'arrangiamento (chitarra acustica e sezione di archi) fu curato da Gian Piero Reverberi e sostanziò l'intensa emozione affettiva e la commozione estetica della composizione.[3]

Nella registrazione accompagnarono Battisti il batterista Franz Di Cioccio, il chitarrista Franco Mussida e il tastierista Flavio Premoli che l'anno dopo formeranno, con altri musicisti, la Premiata Forneria Marconi.[3]

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Fu pubblicato come singolo il 15 ottobre 1970, come lato B del 45 giri Emozioni/Anna.[1]

Nel dicembre dello stesso anno fu inserito nell'omonimo album.[6]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due video di Battisti che canta Emozioni. Uno è quello della partecipazione al programma televisivo di capodanno "E tu che fai? Io stasera vado a casa di Ornella", trasmesso il 1º gennaio 1971 sul primo canale della RAI, dove Battisti canta in playback.[7] Tale video è stato inserito nel VHS Le immagini più belle di un mito intramontabile pubblicato nel 1992[8] e nel DVD Il nostro canto libero pubblicato nel 2007.[9]

Un altro (soprannominato "video della draga" per distinguerlo dal precedente) è la partecipazione al programma Il mio bar della radiotelevisione svizzera, mandato in onda il 15 maggio 1971, nel quale Battisti canta in playback seduto su un battello-draga.[7]

Una parte della canzone, inoltre, venne interpretata da Battisti e Mina, dal vivo e all'interno di un medley, a conclusione del celebre duetto avvenuto nella trasmissione televisiva Teatro 10 il 23 aprile 1972.[7]

Versione acustica inedita[modifica | modifica wikitesto]

Del brano esiste una seconda esecuzione di Battisti, che si presenta come una registrazione di prova e non definitiva, in cui il brano è eseguito in versione acustica con Battisti alla chitarra e Alessandro Colombini al pianoforte. La registrazione è rimasta inedita ed è in possesso dello stesso Colombini,[10] ma è stata trasmessa nello speciale televisivo di Rai Due Eventi Pop - Lucio emozioni sempre del 5 marzo 2003,[11] successivamente replicato più volte con il nome Il nostro caro Lucio - antologia Battisti.[12]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso del tempo, il brano è stato reinterpretato da molti altri artisti, tra cui:[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Discografia Nazionale della Canzone Italiana
  2. ^ leggi on line Vent'anni senza Lucio Battisti. Vota la canzone che ami di più Sondaggi, La Repubblica
  3. ^ a b c d e Ezio Guaitamacchi, 1000 canzoni che ci hanno cambiato la vita, 2009, alla scheda Emozioni.
  4. ^ a b c d e f g Salvatore (2000), pag. 149.
  5. ^ a b c d Salvatore (2000), pag. 148.
  6. ^ Discografia Nazionale della Canzone Italiana
  7. ^ a b c In TV – Anni 70, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  8. ^ Lucio Battisti – Le immagini più belle di un mito intramontabile, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  9. ^ IL NOSTRO CANTO LIBERO, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  10. ^ Inediti, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  11. ^ Eventi Pop – Lucio emozioni sempre, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  12. ^ Il nostro caro Lucio, antologia Battisti, su Io Tu Noi Tutti - luciobattisti.info. URL consultato il 16 ottobre 2018.
  13. ^ Ceri (2008), pag. 443-444, alla voce "Emozioni".

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]