Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

The Walt Disney Company

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Walt Disney Company)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Disney" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Disney (disambigua).
The Walt Disney Company
Logo
Walt Disney Studios Alameda Entrance.jpg
Entrata principale dei Walt Disney Studios, sede principale dell'azienda, a Burbank, in California, dopo il restauro del 2016
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaPublic company
Borse valoriNYSE: DIS
ISINUS2546871060
Fondazione16 ottobre 1923 a Burbank
Fondata daWalt Disney e Roy Oliver Disney
Sede principaleBurbank
GruppoThe Walt Disney Company
Filiali
Persone chiave
SettoreMedia e Intrattenimento
Prodotti
Fatturato55.14 miliardi $[1] (2017)
Utile netto8.98 miliardi $[1] (2017)
Dipendenti195.000[1] (2016)
Slogan«Se puoi sognarlo, puoi farlo»
Sito web e

The Walt Disney Company, comunemente conosciuta come Disney, è una multinazionale statunitense, con sede principale a Burbank in California. È stata fondata nel 1923 da Walt Disney e suo fratello Roy, con il nome di Disney Brothers Studios, rinominata successivamente Walt Disney Productions nel 1929, e infine nel 1986 viene chiamata col nome odierno.

L'azienda era in origine uno studio di animazione che ottenne un significativo successo con una serie animata lanciata nel 1928, Mickey Mouse. In contemporanea all'affermazione dei propri cortometraggi di animazione, iniziò a produrre lungometraggi animati. Per differenziare il business e crescere ulteriormente entrò nel settore del turismo, con parchi a tema, tra cui Disneyland e Walt Disney World Resort, dell'intrattenimento e del merchandising.

Lo studio ha in seguito prodotto dei film con veri attori e programmi televisivi. Dopo la morte di Walt nel 1966 e di suo fratello nel 1971, la società affrontò una crisi, soprattutto nel settore dell'animazione, che portò, nei primi anni 80, ad un tentativo di OPA ostile. L'elezione ad amministratore delegato di Michael Eisner consentì, a partire dalla metà del decennio, all'azienda di ritornare redditizia, capitalizzando le proprie produzioni come Disney Channel e i Disney Store e ampliando o creando nuovi parchi a tema.

L'azienda, entrata in borsa negli anni 50, è dal 6 maggio 1991 un componente dell'indice azionario Dow Jones[2].

Le produzioni cinematografiche dello studio vengono diversificate anche grazie alla creazione o l'acquisto di altri studi (Miramax, Touchstone, Hollywood). A metà degli anni novanta, l'azienda si espande nuovamente sfruttando le nuove tecnologie legate a Internet (Walt Disney Internet Group) e ai videogiochi (Disney Interactive) e diventa un importante gruppo media, con l'acquisto di ABC e ESPN[3](che lavorano nel settore radio-televisivo). I primi anni 2000 sono stati caratterizzati da vari problemi finanziari con la conseguente vendita di alcune aziende controllate, ma, parallelamente, la società ha acquistato altre imprese in vari settori. Questo ha portato la Disney a diventare proprietaria dei diritti, tra gli altri, dei cataloghi Disney, Baby Einstein, Muppets[4], Jetix, Pixar (acquistata nel 2006)[5], Marvel (acquisita a fine 2009)[6] e Lucasfilm (acquistata nel mese di ottobre 2012).[7]

Nel dicembre 2017, l'azienda annuncia l'intenzione di acquistare l'impero di Rupert Murdoch, la 21st Century Fox, per 52,4 miliardi di dollari (66 miliardi incluso il debito). Con questa acquisizione il gruppo Disney rileverebbe così anche il 39% di Sky plc (che controlla a sua volta il 100% di Sky Italia e Sky Deutschland), divenendo una media company globale.[8] L'accordo è stato approvato dalla Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti[9] e il 27 luglio l'acquisizione diventa ufficiale grazie al voto degli azionisti di entrambe le società

Storia

1923-1966: Periodo Walt Disney

1923-1937: cortometraggi

Il 16 ottobre 1923[10][11] Walt e Roy Disney fondarono l'azienda con il nome Disney Brothers Studios e si stabilirono al 4649 Kingswell Avenue a Hollywood[12]. In questo giorno firmarono il contratto con la Winkler Pictures per produrre Alice Commedies[13][14].

Episodio 'Egg Plant' di Alice Comedies

Con il successo di questa serie, il Walt pagò un deposito di 400$ per acquistare un terreno al 2719 Hyperion Avenue, per accogliere tutti gli animatori[15]. Nel 1926, Disney Brothers Studios fu rinominata Walt Disney Studio. Nel 1927, Charles B. Mintz chiese alla Disney di lanciare e produrre una nuova serie con protagonista un coniglio: Oswald il coniglio fortunato[16][17]. La serie non era di proprietà dei Disney, ma della Universal Pictures, quindi i ricavi per lo studio dei fratelli furono bassi[18].

Nel 1928, l'azienda ebbe alcuni problemi, tra cui la defezione di alcuni disegnatori che, rispettato il contratto per Oswald, si unirono alla Universal.[19] Walt, con l'aiuto di Ub Iwerks, concepì un un nuovo personaggio, Topolino. Grazie a Topolino i problemi economici si risolsero in fretta, ma non abbastanza da rendere la casa di produzione indipendente dalle altre società di Hollywood[20]. Il personaggio di Topolino nacque ufficialmente il 18 novembre 1928 nel suo primo corto con l'audio sincronizzato, Steamboat Willie, distribuito dalla Pat Powers.[19] Questo in realtà era il terzo ad avere come protagonista Mickey Mouse, dopo L'aereo impazzito and The Gallopin' Gaucho. Nello stesso giorno debuttò Il personaggio di Minnie, mentre Pietro Gambadilegno era già apparso alcuni anni prima in Alice Commedies[21].

Nel 1929, grazie ai guadagni ottenuti, la società poté intraprendere un nuovo progetto e Walt Disney scelse le Sinfonie allegre[22][23], distribuite dalla Columbia Pictures[24], che gli permisero di differenziarsi dagli altri[25] e di avere nuove e più varie sceneggature. Nello stesso anno ll'azienda venne rinominata Walt Disney Productions e Il 16 dicembre Walt Disney la riorganizzò in quattro società:Walt Disney Productions, Walt Disney Enterprises, Walt Disney Film Recording Co e Liled Realty and Investment Co[26][11].

Nel 1930, la Disney abbandonò il suo distributore Pat Powers, ricomprandosi per 100.000 dollari i diritti dei film, e firmò un nuovo contratto di distribuzione con la Columbia Pictures[27]. Lo stesso anno, Walt ingaggiò Charlotte Clark, una giovane donna di Burbank, che realizzò la bambola di Topolino. Questa piacque talmente tanto che Walt la fece realizzare in serie, diventando il primo derivato commerciale della Disney[28]. Topolino fu anche esportato all'estero, soprattutto in Italia e in Giappone, dove ebbe molto successo.

Nel 1931 incominciò la produzione di La gallinella saggia[29], pubblicato nel 1934, in cui Paperino comparve per la prima volta, per poi unirsi a Topolino. A partire dal 1932, lo studio si imbarcò in un nuovo progetto: l'uso del colore[30].

Nel 1932 su consiglio del distributore United Artists la Disney accettò di distribuire Sinfonie allegre in formato Colore[30]. La Disney abbandonò la Columbia Pictures. Walt ottenne un'esclusiva di due anni sul processo Technicolor[31], creando ''Fiori e alberi'', il primo cortometraggio ad usare questa tecnologia. In parallelo, la prima rivista Topolino fu lanciata in Italia[32]. Nel 1934 Walt iniziò a produrre il film d'animazione Biancaneve e i sette nani[33].

Nel 1935 Walt Disney fu avvicinato da Kay Kamen, che gli offrì un contratto con cui garantiva alla Disney almeno 50.000 dollari all'anno di reddito senza spendere nulla, con la sola condizione che la metà dei guadagni sarebbe stata di Kamen. Egli diventò così l'agente delegato ai prodotti derivati della Disney[34], ripagandola rapidamente con guadagni per 2ˈ500ˈ000 $ l'anno, guadagnando a sua volta altrettanto[34].

1937-1954: i primi lungometraggi

Walt Disney nel 1938

Il la prima di Biancaneve e i sette nani, il primo lungometraggio d'animazione della Disney. La sua uscita nelle sale degli Stati Uniti e del Canada generò entro la fine del 1938 4ˈ200ˈ000 $[35], ad oggi ha ottenuto 8 milioni di dollari in totale[36][37].

L'8 maggio 1938, la Disney creò una società di gestione dei diritti a livello internazionale con la controllata The Walt Disney Company Italia S.p.A., creata principalmente per gestire i diritti della rivista Topolino[38]. il 31 agosto, Walt e Roy Disney depositarono un assegno di 10ˈ000 dollari per comprare 51 acri (20.64 ettari) per la futura sede degli studi[39]. Il 29 settembre Walt Disney Productions assorbì le altre tre imprese create nel 1929[11].

Nel 1939, la Disney Company si imbarcò in un nuovo progetto ideato da Walt, Fantasound, il precursore del Dolby, al fine di avere un'ottimizzazione dell'audio per il film "Symphonies" (Fantasia)[40]. Per questo, gli studios acquistarono otto LFO modello 200B dalla giovane azienda Hewlett-Packard, a 71,50 dollari ciascuno, per sincronizzare gli effetti sonori del film[41]. Disney fu quindi il primo cliente dell'azienda d'elettronica. Il 24 dicembre 1939 la costruzione degli Walt Disney Studios a Burbank ebbe inizio[42].

Il 2 aprile 1940, l'azienda lanciò la sua prima offerta pubblica d'acquisto di azioni sulla Borsa di New York[43], con 155ˈ000 azioni[11]. Questa emissione era motivata da un debito di 4ˈ500ˈ000 di dollari causato dai costi di produzione dei lungometraggi[44]. Walt decise di creare uno studio in Gran Bretagna, la Walt Disney British Films Ltd[45]. Il 6 maggio 1940, i dipendenti degli studi e degli uffici della società completarono il loro trasferimento a Burbank, nel Walt Disney Studios[11].

La Seconda Guerra Mondiale modificò il business, privando l'azienda delle risorse per le sue attività all'estero, che dal 1930, costituivano una parte significativa dei ricavi. I Walt Disney Studios furono requisiti dall'esercito che li trasformò in magazzini militari[46]. Una parte dei disegnatori dovette realizzare cartoni di propaganda e educazione militare; l'altra partì per un tour del Sud America[47]. Lo studio produsse diverse compilation che gli permisero di sopravvivere al periodo. Poco prima dell'uscita del film Bongo e i tre avventurieri, nel settembre 1947, la società pubblicò i risultati finanziari annuali che indicavano che il suo debito era sceso da 4ˈ200ˈ000 dollari a 3ˈ000ˈ000 di dollari[48], un valore che offriva migliori prospettive.

Nel 1947 Walt Disney chiese a Armand Bigle di prendere la direzione del settore europeo della distribuzione. Alla fine del 1948, i fondi della società bloccati in alcuni paesi stranieri, tra cui il Regno Unito, superavano gli 850ˈ000 dollari. Dopo la morte nel 1949 di Kay Kamen, fu creata una società controllata per la gestione dei derivati, la Walt Disney Enterprises[34]. Il 1 ottobre nacque la Walt Disney Music Company[49] con a capo Fred Raffaello che venne rapidamente sostituito da Jimmy Johnson[50]. Il reddito lordo della società Disney per l'anno fiscale 1949 era poco al di sotto dei 6ˈ000ˈ000 USD[51].

Entrata dei Walt Disney Studios, sede generale di The Walt Disney Company, come appariva fino al 2016

Walt Disney proporse a suo fratello, nel marzo 1950, di produrre dei propri programmi televisivi, una semplice distribuzione di corti d'animazione[52]. Dal Natale dello stesso anno, su richiesta della NBC, Disney produsse uno speciale televisivo chiamato One Hour in Wonderland, che riutilizzava i protagonisti di Topolino e il fagiolo magico, parte di Bongo e i tre avventurieri, presentato da Edgar Bergen con il suo burattino Mortimer Snerd e Charlie McCarthy[53]. Sempre nel 1950, Roy Disney decise di creare una filiale, indipendente dalla Walt Disney Enterprises, per gestire i prodotti non cinematografici, Walt Disney Publications[50]. La Disney utilizzò una parte del capitale bloccato in Inghilterra per produrre i suoi primi film d'azione completamente dal vivo. Il primo fu L'isola del tesoro, uscito nel 1950. Intanto la fama dell'azienda andava aumentando e la Disney, nel 1951, creò un'altra filiale musicale, la controllata Wonderland Music Company[53], con gli uffici a Parigi.

Il 16 dicembre 1952[11] Walt Disney, usando i suoi fondi privati, fondò una nuova società, la WED Enterprises (oggi chiamata Walt Disney Imagineering), dedicata alla progettazione del parco a tema Disneyland[54]. Nel 1953, la società aumentò nuovamente la sua indipendenza, infatti il 6 aprile 1953 fu fondata la Retlaw Enterprises con lo scopo di avere il controllo commerciale del nome "Walt Disney" (Retlaw è il nome Walter scritto al contrario)[11]. Il 10 novembre 1953 fu fondata Buena Vista Distribution, una filiale di distribuzione per i prodotti[55]. Il 27 ottobre 1954, per finanziare il progetto di Disneyland, lo studio lanciò varie serie televisive per l'ABC[56] tra cui Il club di Topolino, andato in onda nel 1955 e Zorro, uscito nel 1957.[57][11]

1955-1966: primi parchi a tema e morte di Walt Disney

Il 17 luglio 1955 il parco Disneyland, aprì i battenti ad Anaheim in California. Questo era di proprietà della Disney Productions per il 34,5%[11], che equivale a mezzo milione di dollari[56]. I vantaggi economici forniti dal parco a tema e dalle produzioni consentirono alla Walt Disney Productions di riscattare, in data 9 giugno 1957, il 31% di Disneyland Inc., la società che gestiva il parco[11][56]. Il 12 novembre 1957, delle nuove azioni della Disney vennero immesse sulla Borsa di New York[43][58].

Nel 1959, Walt Disney acquistò per 300ˈ000 dollari il terreno su cui sorgerà il Disney's Golden Oak Ranch nella periferia di Los Angeles, mentre il 6 luglio 1960, la Disney comprò i rimanenti titoli di Disneyland Inc., pari al 34,5%, dall'ABC per 7,5 milioni di dollari[11][56]. La relazione annuale del 1960 evidenziò una perdita di 1,342 milioni, di cui 6 milioni erano esclusivamente tasse sui guadagni: Disneyland forniva 46 milioni, dai film si ricavavano 7 milioni e 4,6 milioni di proventi venivano dalla televisione[59]. Dal punto di vista contabile, l'evoluzione della società era visibile: i guadagni maggiori non erano più dovuti all'animazione[59]. Nel 1961 la Buena Vista International fu aperta per gestire i diritti delle licenze, tra cui quella di Winnie the Pooh[55].

In questo periodo Disney pensò ad un secondo parco a tema, Walt Disney World Resort: tra il 1961 e l'estate 1964, tramite dei prestanome, acquistò 11ˈ000 ettari di terreno in Florida, per un costo stimato di 5 milioni di dollari[60]. Nel 1962, il reddito lordo della società era pari a 75,621 milioni di dollari con un utile netto di 5,264 milioni, pari quasi al reddito lordo del 1949[51]. Nel 1964, il film Mary Poppins fu un grande successo sia artistico che commerciale che seguiva la scia di successi come Lilli e il Vagabondo (1955), La bella addormentata nel bosco (1959) e La Carica dei cento e uno (1961). Il 3 febbraio 1965, Walt Disney Productions acquisì la WED Enterprises da Walt Disney per quattro milioni di dollari[11].

Il , Walt Disney morì di cancro ai polmoni; Il fratello maggiore Roy O. Disney decise di continuarne l'opera sostenuto da quella che ormai era una società con un grande capitale finanziario.

1966-1983: la morte di Roy Disney e l'apertura di Walt Disney World Resort

Il Maggiolino protagonista di Un maggiolino tutto matto, film che diede inizio a due serie, una cinematografica e una televisiva.

Il 12 novembre 1967, nuove azioni Disney diventarono pubbliche alla Borsa di New York[58]. Iniziò così un periodo di transizione dove non ci fu alcun importante progetto per qualche anno. Vennero inoltre rilasciati gli ultimi due film supervisionati direttamente da Walt: il film d'animazione Il libro della giungla e il musical Il più felice dei miliardari.

Nel 1969 uscì Un maggiolino tutto matto, destinato a divenire uno dei film più importanti di quell'anno e il primo di una serie di film e l'inizio di una serie televisiva ad esso collegati. Il 25 giugno 1969 fu creata la controllata Walt Disney Educational Productions, per la produzione di "film e materiali didattici"[10]. In data 22 giugno 1970 furono aperti i Walt Disney Archives sotto la direzione di Dave Smith, presso gli studi a Burbank[61] per valorizzare il patrimonio storico della società.

Il 1º ottobre 1971, Walt Disney World Resort aprì a Orlando in Florida, inaugurato da Roy Disney. Dave Smith nel 1998 rivelò che il costo del progetto ammontava a 400 milioni di dollari, ma grazie alle manovre economiche di Roy, l'azienda non accumulò debiti significativi[62].

Roy Disney morì nel dicembre del 1971[62]. Card Walker passò così al comando della società[63], anche se solo nel 1976 venne realmente nominato CEO (Chief Executive Officer), e poi PDG nel 1980, incarico che avrebbe mantenuto fino al suo ritiro nel febbraio 1983, anche se rimase in carica fino al primo maggio per controllare i lavori e l'apertura di Tokyo Disneyland[63]. Nel giugno del 1979, due mesi dopo la firma di un contratto per l'acquisizione di un parco a Tokyo, la Disney fondò una filiale in Giappone. Walt Disney Pictures e il resto della società continuarono i progetti promossi da Walt Disney, ma la spinta lasciata dal creatore si stava esaurendo e la produzione di film ne risentì.

Il castello di Cenerentola, simbolo pricipale del Magic Kingdom nel Walt Disney World Resort, che apre nel mese di ottobre del 1971.

Dal 1980 l'azienda trova nuovo respiro: nell'1981 uno studio interno determinò che gli studios disponevano di 250 lungometraggi, 456 cortometraggi d'animazione e 27 anni di programmi televisivi, di cui la maggior parte mai ritrasmessi[64]. Jim Jimirro, direttore della divisione che si occupava dei mercati secondari dell'azienda, propose alla dirigenza Disney di creare un canale televisivo[64]. Il progetto ci metterà due anni a dare frutti. Lo stesso anno, Feld Entertainment ottenne i diritti internazionali per gli spettacoli di pattinaggio su ghiaccio con i personaggi Disney: il primo Disney on Ice venne presentato l'anno stesso. L'8 luglio 1981 Walt Disney Productions acquistò la Retlaw Enterprise, i diritti per il nome di "Disney" per 46,2 milioni di dollari, e la monorotaia e il treno di Disneyland rimasti proprietà della vedova e dei due figli di Disney[65].

La divisione aziendale che si occupava dei parchi a tema inaugurò il primo ottobre 1982 un secondo parco presso il Walt Disney World Resort, EPCOT ispirato a una visione futuristica di Walt Disney[66] e nel 1983 il parco Tokyo Disneyland in Giappone[67].

La divisione del cinema rilasciò nel 1982 il film Tron, che fu il primo film nella storia a usare immagini generate da un software informatico, ma che non ebbe il successo sperato. Nel 1983, l'azienda riorganizzò le proprie attività con la creazione di filiali specializzate in tutti i tipi di produzioni. Il primo aprile 1983 la Walt Disney Productions creò sulle basi del dipartimento per la creazione di film d'animazione (Pictures), la Walt Disney Pictures, controllata al 100%[65], mentre Walt Disney Television, che garantiva la produzione di serie televisive ininterrotamente dal 1955, si occupò anche di Disney channel, lanciato negli Stati Uniti il 18 aprile 1983[68].

1984-2005: l'era di Michael Eisner

1984-1989: la riconquista del gigante

A partire da maggio 1984, la società Walt Disney Productions fu il bersaglio di un tentativo di acquisizione da parte di gruppi finanziari a capo dei quali c'era Saul Steinberg[69]. Per contrastare questo tentativo, la società, dopo aver concluso l'acquisto di Arvida Corporation per 200 milioni di dollari[65][69](portando i Bass Brothers al 6,1% della Disney)[69][70] comprò la Gibson Greetings Inc. per 337,5 milioni di dollari (equivalenti al 5% della società) per diluire le proprie azioni. La MM Acquisition Corporation, di proprietà del gruppo Reliance Holdings di Steinberg, l'8 giugno 1984 lanciò un'offerta di 67,50 USD ad azione.[65] L'11 giugno, la Disney ricomprò 4,2 milioni di azioni (11,1% del proprio capitale) dalla Reliance Holding per 328 milioni di dollari[65][71]. In estate dovette ritirarsi dall'accordo con la Gibson Greetings Inc. per far cadere la causa di Irwin L. Jacobs, contrario a questo acquisto; ciò portò l'azienda a pagare una penale milionaria.[72] Per migliorare la situazione finanziaria della società, il cui debito era salito enormemente a causa del conflitto con Steinberg, la dirigenza decise di "chiedere aiuto" a Michael Eisner, ex-presidente della Paramount Pictures, e Frank Wells, i quali, il 23 settembre dello stesso anno, verranno nominati rispettivamente amministratore delegato e amministratore delegato finanziario.[65]

La RMS Queen Mary che dopo l'ultimo viaggio venne trasformanta in un museo, ristorante e hotel, per qualche tempo fu proprietà della Disney

Nel mese di settembre del 1984, fu creata una società di sviluppo al fine di progettare, gestire e sviluppare le proprietà immobiliari non già strumentalizate dall'attività dei parchi a tema Disney[73], mansioni che derivavano dalle attività di Arvida.

Nella primavera dello stesso anno fu creata la consociata Touchstone Pictures, per la creazione di film per un pubblico più adulto, il cui primo prodotto fu Splash, che si rivelò un successo al botteghino[65][74]. La Walt Disney World acquisì, su iniziativa di Michael Eisner, la collezione di arte africana di Paolo Tishman, rinominata Walt Disney Tishamn[75]. Nel 1985, la divisione video della Disney lanciò una serie televisiva con la Touchstone chiamata Cuori senza età[76]. Inoltre Eisner incoraggiò lo studio, che realizzò una serie di successi come Good Morning, Vietnam (1987), L'attimo fuggente (1989) e Pretty Woman (1990).

Il 6 febbraio 1986[10][65], la società cambiò il suo nome in The Walt Disney Company mentre, dopo il cambio di direzione nel 1984, la WED Enterprises diventò Walt Disney Imagineering.

Nel 1987, la Disney firmò un accordo con il governo francese per la creazione di una zona di villeggiatura ai margini di Parigi chiamata Euro Disney Resort. La società Arvida Corporation vendette l'azienda JMB Realty Corporation per 404 milioni di dollari[69]. Il primo Disney Store aprì il 28 marzo 1987 presso il Glendale Galleria a Glendale in California, non lontano dal quartier generale Disney[65][77].

Il 21 gennaio 1988, la Disney firmò la liquidazione della Wrather Corp. per 161 milioni di dollari con 89 milioni di debiti[65]. Il Disneyland Hotel e il complesso della Queen Mary passarono nel portafoglio della Disney. Il 20 aprile 1988 la Disney acquistò la società elettronica Childcraft Education Corporation dalla Grolier Inc. per 52 milioni di dollari[78][79], fusa alla Disney Catalog. Nel maggio 1988, la filiale italiana viene rinominata Walt Disney Company Italia[38], mentre l'etichetta musicale Disneyland Records viene rinominata Walt Disney Records[80]. Lo studio inoltre riniziò ad avere successo con i suoi film d'animazione Chi ha incastrato Roger Rabbit (1988) e La sirenetta (1989). Il 6 novembre 1989 il 51% dei 170 milioni di azioni di Euro Disney SCA vengono emesse sul mercato azionario francese al prezzo iniziale di 72 FF, il restante 49% rimane alla Disney[65].

1990-1999: nuova età dell'oro

I Times Square Studios dell'ABC, a Times Square.

L'inizio degli anni 90 fu un periodo di fasti per l'azienda: il 18 luglio 1990 viene creato un nuovo studio, l'Hollywood Pictures[65]; il primo negozio Disney al di fuori degli USA venne aperto a Londra il 1° novembre 1990 a Regent Street[65]; nel 1991 nacque la casa editrice Hyperion e fu acquistata la rivista scientifica Discover[81] dalla Family Media Group, che in seguito cessò le sue attività; le azioni Disney debuttarono al Dow Jones nel 6 maggio 1991[82], scalzando quelle dell'U.S. Steel[65]. Nella maggior parte delle aree d'attività si ottennero successi: in campo cinematografico, con La bella e la bestia (1991), Aladdin (1992) e Il re leone (1994), e in campo televisivo, con serie come I Gummi, DuckTales - Avventure di paperi, Cip & Ciop agenti speciali, Darkwing Duck e Gargoyles - Il risveglio degli eroi. Nonostante questi successi ed espansioni, Walt Disney Imagineering dovette licenziare 400 persone.[18]

Il 12 aprile 1992, Disney aprì il primo parco Disney Europeo, Euro Disneyland[65][83]. Il 30 settembre 1992, il Disney's Filmed Entrertainment Group, i futuri The Walt Disney Studios, diventò il primo studio d'animazione ad avere 500 milioni di dollari di fatturato annuo[84]. Il 30 settembre 1992 la Disney vendette la proprietà di Long Beach dell'ex-Wrather Company[85]. Nello stesso anno la Disney fondò la squadra di hockey Mighty Ducks of Anaheim,[84] chiamata così dall'omonimo film.

Il 30 giugno 1993, la Miramax Films[84][86] venne acquistata per 80 milioni[87]: i fratelli Weinstein ne diventarono amministratori. Il successo dell'azienda derivò dalla libertà d'azione lasciata ai fratelli, che operarono indipendentemente dalla divisione film della Disney. Per aiutare ulteriori acquisizioni e progetti finanziari, la Disney rilasciò il 21 luglio 1993 obbligazioni per 300 milioni di dollari[84].

La Disney Magic, la prima nave da crociera della Disney Cruise Line.

Tuttavia, nel 1994, dopo la morte di Frank Wells in un incidente di elicottero, il 3 aprile[85] Jeffrey Katzenberg si dimise, poiché non gli venne dato il titolo di Wells, e fondò la DreamWorks SKG[88]. Questi fatti segnarono l'inizio di diverse battute d'arresto del gruppo: i dipartimenti europei non riuscirono a raggiungere gli obiettivi; l'incremento del debito incominciò a gravare sul gruppo. Il 4 novembre 1994, la prima galleria Disney aprì nel centro commerciale Mainplace Santa Ana in California[89]. Nel dicembre 1994 nacque Disney Interactive, specializzata nel mercato dei videogiochi[90].

Nel 1995, la Disney investì in Germania lanciando Super RTL, in comproprietà con RTL Group[91]. Il 31 luglio 1995 la società annuciò l'intenzione di acquisire Capital Cities per un costo di 19 miliardi di dollari[56][84]. Capital Cities comprendeva: una parte della rete televisiva ABC (in parte già del gruppo), l'80% di ESPN, quattro quotidiani, Fairchild Fashion Media e diverse altre partecipazioni. L'assemblea degli azionisti approvò il 4 gennaio, durante una conferenza speciale a New York[84], l'acquisto che si sarebbe concluso il 9 febbraio 1996[56][84]. Il 18 maggio 1995 la Disney prese il controllo del 25% dei California Angels[92], squadra di baseball che rinominò Anaheim Angels[93] e, nel mese di maggio del 1996, ne completò l'acquisizione[92]. I film d'animazione, come Pocahontas (1995), non ebbero il successo sperato.

Nel febbraio 1996, con il successo del parco in Florida e l'acquisto totale di Gorda Cay, isola privata delle Bahahams ad acesso esclusivo delle crociere Disney ora nota come Castaway Cay, venne fondata la società per la gestione delle crociere, la Disney Cruise Line[73], le cui prime navi, Disney Magic e Disney Wonder, sarebbero entrate in servizio due anni più tardi.[94] Nel corso del 1996, la Disney: inglobò lo studio Jumbo Pictures[95][96] e il Dream Quest Images[97]; fuse Disney Development Company con Walt Disney Imagineering al fine di unire i servizi nel campo della creazione, progettazione, pianificazione immobiliare e di gestione dei vari progetti sotto un unico nome[73], Rummell ne diventò il CEO[98]. Walt Disney Company e McDonald's il 23 maggio firmarono un contratto in esclusiva per offrire giocattoli Disneynegli Happy Meals[99]. Il 1º luglio 1996, un ESPN Club aprì al Walt Disney World Resort, poi rinominato ESPN Zone.

Il 24 febbraio 1997, la Disney firmò un accordo con la Pixar per co-produrre cinque film d'animazione completamente in grafica computerizzata[99] e per l'acquisto da parte della Disney del 5% del capitale di Pixar[100]. Il 3 aprile 1997, la Disney entrò grazie alla Bolla delle dot-com nel capitale della Starwave Corporation, una società specializata in software multimediali[101]. Il 4 aprile vendette i quattro giornali acquistati con la Capital Cities alla Knight Ridder per 1,65 miliardi di dollari USD[101]. Contemporaneamente rescisse il contratto con Cinergi Pictures e comprò la maggior parte dei film nel loro catalogo[102]. Il 21 luglio Disney acquistò l'etichetta musicale indipendente Mammoth Records[101]. Nel mese di settembre Disney acquistò la catena Classic Sports Network che sarebbe diventata ESPN Classic[101] e dovette pagare alla Marsu B. V., detentrice dei diritti di Marsupilami, una penale per inadempienza del contratto[103]. Il 2 dicembre 1997 Disney pubblicò il suo primo DVD.

In questo stesso anno finì la causa tra Katzenberg e la Disney che riguardava il pagamento del 2% dei profitti generati dai film e dalle produzioni televisive la cui produzione era iniziata quando era ancora a capo del Disney studio. I termini del patteggiamento non furono divulgati a causa di un accordo di riservatezza.[18][104]

Nel 1998 l'azienda, finora divisa in tre parti chiamate Broadcasting, Creative Content e Parks and Resorts, venne riorganizzata in cinque divisioni: Disney Media Networks, Walt Disney Studios Entertainment, Walt Disney Parks and Resorts, Disney Consumer Products e Walt Disney Internet Group (WDIG). Nel frattempo, il 19 giugno 1998 le quote sono frazionate al ritmo di tre per una (triplicando le quote di partecipazione)[105]. L'8 gennaio, il primo McDonald aprì a Downtown Disney Marketplace[106](la zona commerciale del Walt Disney World Resort). 18 giugno 1998, la Disney annunciò l'intenzione di acquistare il 43% di Infoseek[94]. Il 12 luglio, una ESPN Zone aprì a Baltimora[94]. L'acquisto di Infoseek si concluse il 18 Novembre 1998 in cambio dell'acquisto di Starwave da parte della Infoseek[107]. Il 20 dicembre si tenne la prima del The Lion King: il musical in Giappone e ciò segnò la nascita di Walt Disney Theatrical Productions[107].

Il 25 febbraio 1999, il presidente dell ABC Robert Iger diventò anche capo della nuova filiale della Walt Disney International[107]. Il 10 maggio, la Disney riorganizzò la sua divisione editoriale: Buena Vista Publishing Group diventò Disney Publishing Worldwide, parte della Disney Consumer Products, mentre la Hyperion Books divenne una filiale di ABC[108]. Nell'agosto del 1999 la WDIG acquistò il 60% del sito Soccernet (oggi chiamato ESPNsoccernet) dal Daily Mail[109] e vendette Fairchild Publications, l'ultima parte rimasta non strategicamente importante di Capital Cities, alla Advance Publications[107].

2000-2005: l'entrata nel XXI secolo

Le montagne russe del California Screamin, al parco Disney California Adventure.

L'entrata nel nuovo millennio vedeva una società meno solida del previsto; alcuni sostengono a causa dello stile manageriale di Eisner, altri invece ritengono valida la teoria della "compressione dell'età": i giovani di quel periodo tendevano ad emulare gli adulti e quindi a volersi divertire come gli adulti.[18] Il settore televisivo stava calando e anche quello cinematografico non aveva ottenuto i risultati sperati, soprattutto al di fuori degli Stati Uniti.[18][110] Il nuovo Tomorrowland a Disneyland (1998) e il parco Disney California Adventure (2001), il primo voluto come nuova area in un parco Disney già esistente e il secondo come nuovo parco, non soddisfecero le aspettative dei visitatori.[111][112] Ulteriori parchi aprirono in Giappone, il Tokyo DisneySea nel settembre del 2001, e in Francia, il Parc Walt Disney Studios nel marzo 2002.

I Disney Store diventarono meno redditizi a causa dell'inizio della vendita dei prodotti Disney nelle grandi catene commerciali (tranne che in Europa). La fine della bolla di Internet forzò la Disney a rivedere e riorganizzare le attività legate a questo supporto: il WDIG venne integrato nella divisione Disney Media Networks.

Nel 2000, la Disney sciolse i Jumbo Pictures, ma continuò ad acquistare e distribuire in serie i prodotti attraverso Cartoon Pizza. A giugno vendette Ultraseek Corporation per 153 milioni di dollari a Inktomi[113]. Il 3 agosto, venne acquistato il restante 40% di Soccernet[109] e in ottobre la società lanciò, in collaborazione con il sito eBay, le Disney Auctions. Nel mese di settembre, la Disney fondò la Steamboat Ventures. Nella primavera del 2001, la società cedette la partecipazione in Eurosport per 93 milioni di dollari. In questo stesso anno Robert Iger divenne presidente e direttore operativo della compagnia.[114]

Gli attacchi terroristi dell'11 settembre 2001 rallentarono il settore turistico in tutto il globo e quindi la divisione Parks & Resort ne risentì. Sempre in questo periodo, per risolvere il problema della ABC, Disney cercò di espandere il network: il 24 ottobre si concretizzò l'acquisto della Fox Family Worldwide, rinominata ABC Family,[115] (ottenendo anche il controllo di Jetix, assorbita nel 2008[116]) per 5,3 miliardi di USD[117] dopo una lunga trattativa con Haim Saban e la News Corporation. In concomitanza iniziò una campagna di ristrutturazione delle attività di distribuzione televisiva: il numero di canali Disney e delle partecipate, ebbe un'improvvisa impennata. ABC, Disney Channel e ESPN passarono da un canale nazionale a molteplici e distribuiti in vari paesi. A novembre la Disney acquistò la Baby Einstein Company[118] e, successivamente, il catalogo di Saban Entertainment.

Il 1º aprile 2002 Disney vendette tutti i Disney Store giapponesi all'OLC, che controllava Tokyo Disneyland, per 51 milioni di dollari. Il 12 giugno, firmò una partnership per 1 miliardo di USD com OMD, una controllata di Omnicom, per la distribuzione della pubblicità.

Il 24 marzo 2003, Disney e Bank One collaborarono per creare negli Stati Uniti una carta di credito Visa,[119] con la quale era possibile raccogliere punti da spendere nel merchandising e in biglietti per i parchi Disney .[120] In maggio veniva annunciato che il numero di visitatori dei Disney Store era stato superato da quello delle persone nei suoi parchi a tema e che, quindi, varie opzioni erano allo studio, compresa la vendita delle boutique del Nord America e quelle europee. Il 21 maggio, la Disney vendette i Los Angeles Angels of Anaheim per 180 milioni di dollari a Arte Moreno, un finanziere di Phoenix. Alla fine di settembre del 2003, la Disney lanciò un canale on-demand chiamato MovieBeam, che utilizzava un decoder dedicato.

Nel 2004 la Pixar, cessato il contratto di distribuzione con la Disney, iniziò a cercare un altro partner commerciale in quanto insoddisfatta dalla gestione economica degli accordi.[18] Nel febbraio 2004, la Disney subì un tentativo di acquisizione da parte di Comcast per 54 miliardi di USD, ma Michael Eisner rifiutò senza consultare il comitato esecutivo, perché ciò avrebbe fatto precipitare la sue quote di partecipazione. La posizione di Eisner si complicò ulteriormente: già sul finire dell'anno precedente il CEO aveva chiesto di non riconfermare Roy E. Disney, figlio di Roy O. Disney, insieme ad altri membri che avevano superato i 72 anni.[121] Al fianco dell'ultimo Disney nel consiglio si schierò Stanley Gold, che si dimise insieme a questi. La crisi vide, da una parte, la maggior parte del board schierato con il CEO[122] e, dall'altra, gli azionisti scontenti per le performance societarie.[123] L'anno successivo venne annunciato che il nuovo CEO della società sarebbe stato Bob Iger.

Il 17 febbraio la Disney acquistò, per 68 milioni di USD, i diritti del catalogo di Bear nella grande casa blu e dei Muppets[124]. Questi ultimi verranno comprati in maggio alla Jim Henson Productions, portando alla creazione di una nuova filiale: la Muppets Holding Company, proprietà della Disney Consumer Products. Nel novembre 2004, la Disney comprò le azioni della società CrossGen Comics specializzata in fumetti Fantasy. La vendita dei Disney Stores del Nord America a The Children's Place fruttò alla Disney 100 milioni di dollari, mentre si bloccò la vendita dei negozi europei.

Il 25 febbraio 2005, la Disney annunciò la vendita dei Mighty Ducks of Anaheim a Henry Samueli, per 26 milioni di dollari.[125][126] Il mese successivo cedette il controllo di Dimension Films ai fratelli Weinstein, mantenendo tuttavia il marchio Miramax e i cataloghi Miramax e Dimension Films. I due fratelli, poco dopo, crearono The Weinstein Company, mentre Miramax diventò una delle etichette Buena Vista Entertainment.[127]

L'ingresso di Hong Kong Disneyland Resort, aperto nel settembre 2005.

Il 28 giugno tre podcast (ABC News, Disney Online e ESPN.com) furono lanciati su iTunes a seguito di un contratto tra Disney e l'Apple.[128] Inoltre verso la fine dell'anno sarebbero stati rilasciati sulla piattaforma gli episodi delle serie della ABC e di Disney Channel. Il 6 luglio venne annunciata la creazione di due servizi di telefonia mobile: Disney Mobile e Mobile ESPN.com.[129] Ad agosto vennero create le linee Little Einsteins, un gamma di prodotti per bambini dai 3 agli 8 anni,[130] e Disney Fairies, con l'uscita del libro Fairy Dust and the Quest for the Egg[131]. In seetembre vennero lanciati sul mercato una linea di bevande ispirate ai personaggi Disney, grazie a un contratto di licenza con la società britannica Calypso Soft Drinkse una serie di mobili Indesign, in eslusiva per Home Depot.

Il 6 settembre il Gruppo Buena Vista Music Group stipulò un accordo con EMI per la distribuzione delle produzioni in Europa, Africa e Medio Oriente.[132] In settembre Walt Disney Parks and Resorts celebrò i cinquant'anni di Disneyland, aprì il suo primo parco in Cina, Hong Kong Disneyland, e annunciò che nel successivo lustro avrebbe triplicato il numero di Disney Store nella nazione. Venne resa nota inoltre una perdita di circa 70 milioni di dollari dovuta all'attuazione dell'amministrazione controllata di Delta Air Lines[133][134]. Il 21 settembre 2005, Disney-ABC Cable Network Group siglò un accordo con Verizon per estendere alla fibra ottica la trasmissione di 12 canali, tra cui i canali Disney, 7 canali ESPN, ABC Family e ABC News Now.[135]

Venerdì 30 settembre 2005 vide l'addio di Michael Eisner dal ruolo di amministratore delegato.[136] Il giorno successivo subentrò Robert Iger.

2005-2018: l'era di Robert Iger

2005-2009: L'acquisto di Pixar e la riorganizzazione nei media

Cancello d'ingresso degli studios Pixar.

Il 7 ottobre 2005, Disney vendette il magazine Discover per 13 milioni di USD.[137] Il 19 ottobre 2005, WDIG acquista Living Mobile, un editore tedesco di videogiochi con sede a Monaco di Baviera e Praga[138]. Il 1º novembre la stampa annunciò che la Disney era intenzionata ad acquistare la Pixar invece di rinnovarne il contratto in esclusiva.[139] Il 23 novembre, le azioni della società italiana Mondo TV crebbero del 3% a causa delle voci di una possibile acquisizione da parte della Disney[senza fonte]. Nella stessa data Disney cedette la propria partecipazione in un canale via cavo spagnolo per 57 milioni di USD[137]. L'8 dicembre 2005, la Disney e la divisione per la distribuzione, Walt Disney Studios Home Entertainment, annunciarono che avrebbero sostenuto il formato Blu-ray.[140]

Il 24 gennaio 2006,[135] Disney annunciò un'operazione per acquistare la Pixar per circa 7,4 miliardi di dollari[141], la metà dei quali in azioni. Il tasso di scambio tra i valori delle azioni Disney e quelle Pixar è di 2,3 a favore della Disney.[142] A quel tempo Steve Jobs (fondatore di Apple) era CEO di Pixar e azionista del 50,6% del capitale della società. Nel mese di maggio la società passò sotto il controllo Disney con a capo Edwin Catmull e John Lassater.[143][141][144]

Il 6 febbraio 2006, durante la pubblicazione dei risultati trimestrali, si annunciò la fusione delle stazioni radio ABC e Citadel Broadcasting in Citadel Communications, realtà guidata da Citadel, ma posseduta per il 52% da Disney.[135] L'importo della transazione fu pari a 2,7 miliardi di dollari.

Intanto ESPN Mobile faticava a trovare un pubblico a cui interessasse, anche a causa delle tariffe considerate elevate e quindi da operatore, nel 2007, si trasformò in un servizio di notizie sportive su rete Verizon.[145] Anche Disney Mobile venne cambiato, rendendolo un operatore virtuale,[135] ma cesserà nel 2008. Il 13 febbraio 2006 la Walt Disney Company dichiarò di aver negoziato il recupero dei diritti di Oswald il coniglio fortunato. Il 9 marzo Walt Disney International annunciava la creazione della The Walt Disney Company CIS, per gestire gli interessi della Disney in Russia, con filiale a Mosca. Il 13 marzo 2006, ESPN annunciò il suo primo canale nel Regno Unito, nominato ESPN Classic, derivazione del canale americano ESPN Classic Sport.[135]

Il 1º giugno 2006 la Disney lanciò Disney Jeans in India per poi diffonderla nei mercati dell'Asia e dell'Europa.[146] Il 9 giugno, firmò diversi accordi per vendere frutta a marchio Disney in alcune catene di supermercati europee: in Inghilterra con Tesco per vendere mandarini, mele e banane; in Francia con Carrefour offriva mini pomodori; in Germania con Metro AG vendeva mini banane[147]. Il 21 giugno, ESPN e ABC ottennero i diritti per i successivi 10 anni per la messa in onda dei 110 incontri a cadenza anunuale della Big Ten Conference fino al 2017[148]. Nel mentre George Mitchell confermava di essere occupato con i funzionari della città di Shanghai per aprire un secondo parco in Cina che, secondo lui, non avrebbe avuto alcuna influenza sull'affluenza al parco di Hong Kong[149]. Il 28 luglio 2006, la Disney annunciò l'acquisizione dell'indiana Hungama TV per 30 milioni di dollari e l'acquisto del 14,9% di UTV Software Communications per 15 milioni, entrambe specializzate in programmi televisivi, film d'animazione e film Bollywoodiani[150]. Il 4 agosto 2006 ESPN ottenne i diritti di trasmissione delle 29 partite annuali della Major League Soccer fino al 2014.[151]

Il 22 novembre 2006, la Disney firmò un accordo con Comcast che prevedeva da un lato l'acquisizione da parte di Comcast del 40% di E! Entertainment Television per 1,23 miliardi di dollari, dall'altra la licenza di trasmettere nel servizio video on-demand di Comcast i prodotti Disney, tra i quali quelli della Walt Disney Pictures, della Touchstone Pictures e Miramax Films.[152] Lo stesso giorno, la Disney annunciava l'estensione a tutti i continenti del contratto (precedentemente presente solo in Nord America) con l'azienda di scarpe Crocs per la vendita di scarpe sportive Crocs Disney[153]. Il 5 dicembre 2006, ESPN international prese il controllo del canale europeo NASN dedicato allo sport americano per 80 milioni di USD, ribattezzato ESPN America nel 2009.[154][155]Il 6 febbraio 2007, la Disney fuse tutte le sue società nel campo della pubblicità per bambini e le famiglie di tutti i settori (televisione, Internet, radio e stampa) in un unico gruppo, chiamato Disney Media Advertising Sales and Marketing Group.[156] Due giorni dopo Buena Vista Games diventò Disney Interactive Studios.[157] Il 19 marzo il Walt Disney Internet Group acquisì un secondo fornitore di contenuti telefonici portatili in Cina la Enorbus per 20 milioni.[158] Il 25 aprile 2007, la stampa annunciò la possibile soppressione a partire da maggio del marchio Buena Vista a favore di quello Disney a causa di una politica sulla semplificazione dei marchi della Walt Disney Company promossa da Robert Iger.[159] L'8 maggio 2007, Walt Disney Records, Disney Elettronica e Walt Disney Internet Group si associarono per offrire la possibilità di scaricare da Disneymixcentral.com un catalogo per un lettore MP3.[160]

Per completare la proprio offerta sportiva, ESPN comprò il più famoso sito internet a tema cricket, Cricinfo.com, dalla Wisden Group, rinominato ESPNCricinfo.com, e il sito di rugby Scrum.com.[161][162] Il 1º agosto Disney acquistò il sito per bambini Club Penguin per 350 milioni di USD.[163] Tra agosto e ottobre furono annunciate novità per i parchi: i Disney-MGM Studios sarebbero divenuti Disney's Hollywood Studios;[164] un nuovo Disney Vacation Club, chiamato Ko Olina Resort, sarebbe sorto su un'area di 8.5 ettari, con 800 camere nel 2011 alle Hawaii, sull'Isola Oahu.[165] Il 13 ottobre 2007 fu lanciato il marchio Disney Garden, che offriva snack, frutta e verdura "selezionati per aiutare le famiglie a far crescere i loro figli con cibi buoni per la salute".[166]

il 12 novembre 2007 la Disney annunciò, nonostante l'insuccesso di Disney Mobile, che si stava preparando a lanciare un'offerta in Giappone in collaborazione con SoftBank.[167] Il 4 dicembre 2007, WDIG comprò l'azienda iParenting Media, fornitore di contenuti per la famiglia.[168]

il 14 gennaio 2008 Disney e ESPN confermarono di aver investito nella sussidiaria cinese della NBA, nota come NBA China, avendone acquistato l'11% delle azioni.[169] il 12 febbraio 2008 Disney acquistò il 20% della spagnola Net TV di proprietà di Vocento.[170] In febbraio la Disney annunciò l'intenzione di aumentare la propria quota di azioni di UTV fino al 30 %. In maggio raggiunse il 32,1% del capitale di UTV, per 203 milioni, e il 15% di UTV Global Broadcasting, per 30 milioni.[171] il 2 maggio Disney riprese il controllo dei Disney Store americani da The Children's Place, chiudendo, tuttavia, 98 negozi.[172] Il 5 giugno Disney Interactive Studios e Walt Disney Internet Group si fusero in Disney Interactive Media Studio.[173] Il 23 giugno fu venduto Movies.com a Fandango, sussidiaria di Comcast.[174] Il 16 dicembre Walt Disney Company CIS, tramite Catalpa Investement Ltd, e Media-One fecero una joint venture, la MO-TV Holding Ltd, posseduta al 49% dalla prima, per gestire un network da 30 canali in Russia.[175] Tuttavia, due mesi più tardi, Il 20 febbraio l'antitrust russo ne sospese le attività.[176]

L'8 febbraio 2009 Steven Spielberg siglò un accordo per far distribuire alla Disney 30 film della DreamWorks SKG nell'arco di cinque anni tramite la Touchstone. Da questo accordo sarebbero rimasti fuori i lungometraggi animati, distribuiti dalla Paramount Pictures.[177]

Il 27 febbraio Jetix Europe annunciò il ritiro del proprio titolo dal listino Euronext, dopo aver riacquistato le proprie azioni.[178] Il 30 aprile fu reso noto che Disney, attraverso ABC Inc., si sarebbe unita ad Hulu, sito di video on demand, joint venture tra NBC Universal, News Corporation e Providence Equity Partners, ottenendo tre posti nel board della società e il 27% dell'azienda.[179][180] In seguito a dei problemi economici, il gruppo irlandese Setanta Sports si separò dai diritti di trasmissione di alcune partite della Premier League, ricomprati da ESPN.[181] Inoltre questa aprì una serie di siti di notizie sportive locali a New York, Los Angeles e Dallas.[182]

2009-2017: le grandi acquisizioni: MARVEL e LucasFilm Ltd

Il 31 agosto 2009 Disney raggiunse un accordo per rilevare Marvel Entertainment per 4 miliardi di dollari (2,8 miliardi di euro), previa autorizzazione dell'anti-trust. L'acquisto sarebbe stato pagato con dollari e azioni Disney: per ogni azione Marvel, l'azionista avrebbe avuto 30$ più 0,745 di un'azione Disney.[183] Alla fine dell'anno l'accordo venne ratificato dagli azionisti Marvel e l'esborso totale fu di poco superiore ai 4,3 miliardi di dollari.[184]

Il 30 settembre un giudice di Los Angeles stabilì che la Disney non aveva violato il contratto sulle royalty di Winnie The Pooh, nella causa portata avanti dal 1991 dalla famiglia di Stephen Slesinger.[185] il 3 novembre Disney annunciò di aver donato 7 milioni di dollari ad alcune associazioni no profit che si battevano per la salvaguardia delle foreste: circa 4 milioni vennero dati alla Tayna and Kisimba-Ikobo Community Reserves nella Repubblica Democratica del Congo e all'Alto Mayo Conservation Project in Perù.[186] Il 13 novembre Tom Staggs (CFO) divenne CEO della Divisione Walt Disney Parks and Resorts al posto di Jay Rasulo[187]. Il 23 dicembre, Sheryl Sandberg COO di Facebook, venne inserita nel board of directors della Disney.[188]

Dopo l'arrivo di Iger, Roy E. Disney era ritornato nel CdA come amministratore emerito non votante, rappresentando la famiglia Disney nell'azienda, di cui possedeva l'1%. Il 19 dicembre 2009 morì a causa di un tumore allo stomaco[189].

Ai vertici dei Walt Disney Studios alla fine del 2009 ci fu un cambio che vide Rich Ross diventare presidente del consiglio di amministrazione[190]. Il 1º gennaio 2010, in seguito all'acquisizione di Marvel Entertainment, Disney espanse la propria partnership con POW! Entertainment, lo studio di Stan Lee, investendo 2,5 milioni. Il 25 gennaio UTV Software Communications completò l'acquisizione della sua controllata UTV Motion Pictures con un aumento di capitale, riducendo la partecipazione di Disney al 50,45% del proprio capitale.

Il 28 gennaio Disney annunciava la chiusura dello studio Miramax Films, con il licenziamento di ottanta persone e il ridimensionamento della Touchstone. Poco dopo il New York Times menzionò la possibilità che Disney stesse vendendo il catalogo di 700 film e il nome Miramax per 700 milioni di dollari.[191] Tra i possibili compratori c'erano anche i fratelli Weinstein, ma, il 21 maggio, il Wall Street Journal annunciò che i negoziati non avevano avuto successo, ma non per il prezzo[192]. Il 29 luglio, Disney annunciò la vendita del marchio, del catalogo e dei progetti, per 663 milioni di dollari al gruppo Filmyard Holdings di cui facevano parte Tutor Perini, Thomas J. Barrack, Jr. e Colony Capital.[193]

Il 4 febbraio 2010, il Consiglio di amministrazione di OLC approvò il trasferimento dell'attività di Disney Store giapponese alla filiale giapponese di Disney, con un riacquisto di azioni il 31 marzo[194]. Il 10 marzo, durante la riunione degli azionisti Disney, Robert Iger prese in considerazione diverse soluzioni per risolvere i problemi di alcune filiali di ABC Inc., tra cui ABC News, con la creazione di uno spin-off. Il 12 maggio, Haim Saban annunciava l'acquisto da Disney dei Power Rangers per produrre una nuova serie dal 2011[195]. Il 27 luglio Playdom, uno studio di giochi per social networks, fu comprato per 563,2 milioni di dollari.

Il 23 febbraio 2011 Disney acquistò il sito di social networking di Togetherville per bambini di età inferiore a 10 anni. In marzo Disney divise il suo contratto con agenzie pubblicitarie in due: Carat per parchi a tema e Publicis per film, televisione e videogiochi[196]. Il 30 giugno, Walt Disney Studios Distribution aprì una filiale in Sudafrica per distribuire i suoi film. Il 26 luglio, UTV annunciò di aver accettato un'offerta da Disney per acquistare il restante 49,6% del capitale che non deteneva per $ 454,62 milioni[197] e ritirare il titolo dai listini[198]. Dopo il via libera del governo indiano, l'azienda venne rinominata The Walt Disney Company India sussidiaria di Walt Disney International, con presidente Rohinton Screwvala[199]. Il 9 settembre, Disney annunciò la nomina di Robert Chapek, ex presidente di Walt Disney Studios Distribution come presidente di Disney Consumer Products. Il 7 ottobre 2011, Disney acquistò per un prezzo compreso tra 80 e 100 milioni di dollari il 42% di Indiagames di proprietà di Vishal Gondal, fondatore della società, e investitori stranieri come Cisco Systems e Adobe Systems[200]. L'8 ottobre fu annunciato che Iger avrebbe ceduto il posto ad un successore nel marzo 2015, senza tuttavia specificarne il nome[201].

Il 29 novembre, la Disney ha annunciato di aver emesso 1,6 miliardi di obbligazioni in due lotti, 1 miliardo in obbligazioni a 3 anni e il resto in 30 anni.[202] Il 20 aprile 2012, Rich Ross ha annunciato le sue dimissioni dalla carica di Presidente di Walt Disney Studios Entertainment dopo il fallimento di John Carter[203]. Il 27 aprile, Disney e News Corp annunciarono di voler acquistare la partecipazione di Providence Equity in Hulu per circa $ 200 milioni. Il 5 giugno, la Disney decise di vietare annunci pubblicitari per bambini che sponsorizzavano cibo spazzatura sui suoi canali TV e siti web. Il 13 agosto, la stampa evocò la possibilità di acquisizione di Scripps Networks Interactive da parte della Disney per 10 miliardi[204]. Il 24 agosto, Time Magazine rivelò che Euro Disney SCA stava venendo comprata da parte di The Walt Disney Company per ridurre le difficoltà finanziarie dell'operatore dei parchi francesi[205]. Poco dopo la società francese annunciò che la Walt Disney Company aveva concesso un prestito 1,332 miliardi di euro per rifinanziare il proprio debito[206].

Il 30 ottobre, Disney rese pubblico l'acquisto di Lucasfilm e di tutte le sue sussidiarie (Industrial Light & Magic, LucasArts e Skywalker Sound) per $ 4,05 miliardi, annunciando l'arrivo del settimo episodio della saga nel 2015.[207][208] L'acquisizione venne completata nel dicembre di quell'anno e il pagamento avvenne tramite azioni (37 milioni) e denaro.[209] Il 27 dicembre 2012, Disney ha sottoscritto un prestito in obbligazioni per $ 3 miliardi, per ripagare debiti e coprire le spese delle acquisizioni[210].

Il 15 gennaio 2013, Disney annuncia il lancio a giugno 2013 di Disney Infinity per contrastare Skylanders di Activision Blizzard, consentendo una connessione tra Disney Toys e Disney Interactive Studios.[211] Il 1º luglio 2013, il Comitato esecutivo della Disney estese il contratto di Robert Iger come amministratore delegato e presidente fino al 30 giugno 2016.[212] Il 12 luglio 2013, Disney, NBCUniversal e Fox interruppero il processo di vendita di Hulu e annunciarono un investimento di 750 milioni di dollari nella piattaforma[213]. Il 13 settembre, Disney annunciava l'intenzione di riacquistare le proprie azioni a partire dal 2014 per un valore tra i 6 e gli 8 miliardi di dollari[214]. Il 9 ottobre, Disney interruppe l'emissione di certificati cartacei per le proprie azioni a beneficio della versione digitale, ma offrì ai collezionisti la possibilità di ricevere dei certificati di acquisizione senza alcun valore legale[215]. Il 24 ottobre 2013, Disney EMEA ha annunciato una riorganizzazione dei contratti europei con agenzie pubblicitarie, contratti dal 2010 tenuti da Carat per il cinema e dal 2008 da ZenithOptimedia per Disneyland Paris[216]. Il 28 ottobre, Disney decise di eliminare le slot machine con personaggi della Marvel Comics o di Star Wars non rinnovando più i contratti di licenza. Questo fu fatto in contrasto alla nuova legislazione della Florida sui casinò, che secondo la società andavano ad intaccare la reputazione di destinazione family friendly dello stato.[217] Il 12 novembre, Walt Disney Studios annunciò di aver superato il suo record del 2010 superando $ 3,771 miliardi di incassi al botteghino con le etichette Marvel, Disney e Pixar. Il 20 novembre, la filiale OMD Worldwide di Omnicom Group rilevò il contratto pubblicitario della divisione cinematografica della Disney stimata a 800 milioni di dollari. Il 23 dicembre, Jack Dorsey, fondatore di Twitter, entrò a far parte del consiglio di amministrazione della Disney al posto di Judy Estrin[218]. Il 24 marzo 2014, Disney acquisì Maker Studios, specializzato nella gestione di contenuti su YouTube e simili, per $ 500 milioni[219]. Il 6 ottobre 2014, The Walt Disney Company ha annunciato una ricapitalizzazione e il rafforzamento della sua partecipazione in Euro Disney per un importo di circa € 1 miliardo, di cui $ 420 milioni in liquidità e $ 600 milioni in debito scambio.[220]

Il 5 febbraio 2015, Thomas O. Staggs, direttore di Walt Disney Parks and Resorts ed ex CFO, fu promosso a COO della compagnia, posizione che secondo alcuni lo proiettava ad "erede" di Bob Iger[221]. Il 3 aprile 2015, la stampa riferì che Disney, attraverso ESPN, avrebbe negoziato un contratto da $ 250 milioni con il sito di scommesse sportive virtuali di DraftKings, il quale avrebbe ricambiato comprando spazi pubblicitari su ESPN[222][223]. Disney Interactive e Disney Consumer Products vennero fuse nella divisone Disney Consumer Products and Interactive Media[224]. Il 30 giugno Christine McCarthy divenne Chief Financial Officer della compagnia[225]. Il 22 settembre 2015, Disney investe in Jaunt, una start-up della Silicon Valley specializzata in realtà virtuale[226]. L'8 luglio 2015 Nominet, l'ente che gestisce i domini anglosassoni, costrinse una compagnia di costumi britannica a restituire 6 domini a "tema" Star Wars a Disney[227][228].

Ad agosto, Iger annunciò che il fenomeno dei cord cutter, cioè coloro che disdicevano l'abbonamento alla pay-tv per farne uno con i servizi di video on demand, stava crescendo, andando ad intaccare il mercato delle media company.[229] In seguito alle sue dichiarazioni sia le azioni Disney che quella delle altre company scesero. In settembre il calo delle azioni, legato soprattutto ai timori sul busines model di ESPN, basato sulle pay tv, spinse la Disney a confermare il progetto di buy-back[230]. Ad ottobre, fu inoltre annunciato un servizio di noleggio di contenuti digitali on-demand nel Regno Unito chiamato DisneyLife, che comprendeva film, programmi TV, musica e libri legati ai propri marchi[231][232]. La creazione di un servizio over the top, portò nell'agosto del 2016 all'acquisto di una quota di BAMTech, un servizio di streaming sportivo, nonché distributore di tecnologie legate ai servizi on-line. In questo modo Disney si procurò le conoscenze necessarie per lanciare, tramite ESPN, un servizio on-demand legato ad eventi sportivi.[233]

Nonostante fosse ritenuto il naturale erede di Iger, il 4 aprile 2016 Thomas Staggs improvvisamente annunciò la sua partenza da Disney.[234]

2017-oggi: streaming e 21st Century Fox

Il 1º febbraio 2017, Disney accettò di pagare 100 milioni di dollari per chiudere una class action mossa contro gli studios californiani. L'accusa era quella di aver siglato un accordo nel quali gli studi si impegnavano a cercare di non assumere gli artisti dei concorrenti e di fare cartello sui salari. Gli studi della Disney coinvolti erano Disney Animation e Pixar[235]. Il 23 marzo, il contratto di Robert Iger come CEO fu prorogato fino a luglio 2019[236]. Il 13 giugno, la Walt Disney Company concluse l'OPA per Euro Disney, raggiungendo il 97,08% del capitale, e annunciò il ritiro del titolo dalla borsa.[237][238] In maggio venne aperta la Disney Digital Network, che doveva coordinare le pubblicazioni sui siti gestiti dalla Disney e su tutti i social network. Sotto il suo controllo passarono non solo i siti dedicati ai propri personaggi, come StarWars.com, ma anche le altre società controllate che gestivano network, come Maker Studios. Il tutto per rendere le pubblicazioni e gli influencer più "disneiani possibili".[239]

Entrata agli Fox Studios di Los Angeles, sede dalla 20th Century Fox

In agosto, con un investimento di 1,5 miliardi di dollari, la Disney si assicurò il 75% di BAMTech, la quale avrebbe dovuto garantire il know how necessario allo sviluppo di un servizio on demand non solo di ESPN, ma anche di Disney. Il primo, rispetto all'idea precedente, avrebbe compreso più sport, tuttavia escludendo sempre i maggiori (NFL e NBA), mentre il secondo si sarebbe posto come un diretto competitor di Netflix, a partire dal 2019. A partire da quell'anno, Iger annunciò che molti film Pixar e delle altre controllate Disney sarebbero stati trasmessi in esclusiva sui propri servizi.[240][241]

Il 6 novembre fu riportato dalla CNBC che Disney e 21st Century Fox stavano concordando una possibile fusione. La stampa parlava della possibilità della cessione di tutte le attività legate all'intrattenimento, mentre quelle legate all'informazione e allo sport sarebbero rimaste alla Fox.[242] Voci successive suggerirono la possibilità che anche i network dedicati agli sport locali sarebbero passati sotto il controllo della Disney.[243]

Il 14 dicembre 2017 fu annunciato l'accordo che prevedeva non solo l'acquisto per 52,4 miliardi di dollari di molte divisione della Fox, ma anche l'assunzione del debito da 13 miliardi circa. A Disney sarebbero passati gli studi cinematografici (20th Century Fox, Fox Searchlight Pictures e Fox 2000) e televisivi (20th Century Fox Television, FX Productions e Fox21), Fx Networks, National Geographic Partners, Fox Sports Regional Networks, Fox Networks Group International, dell'indiana Star TV come anche le quote di Fox in Endemol Shine Group, Hulu, Sky e Tata Sky. Tuttavia, prima di finalizzare l'accordo, la 21st Century Fox avrebbe dovuto creare un'altra azienda in cui sarebbero confluite Fox Broadcasting Network, Fox News Channel, Fox Business Network, FS1, FS2 e Big Ten Network. Fu inoltre deciso che Iger sarebbe stato al comando fino al 2021, per supervisionare la fusione.[244][245][246] Tuttavia l'antitrust americano deve ancora approvare la transazione, la quale ridurrebbe gli studios delle major da sei a cinque, ma porterebbe anche maggior competitività nello streaming online secondo la dirigenza Disney.[9]

Il 23 gennaio 2018 la società annunciò che, grazie alla riforma fiscale, avrebbe dato un bonus di 1 000 dollari a 115 000 dipendenti americani e che avrebbe finanziato corsi di formazione per i propri dipendenti per 50 milioni di dollari.[247] Il mese successivo, l'amministratore delegato dell'azienda, insieme al Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron, annunciò un piano di espansione da 2 miliardi di dollari per Disneyland Paris; il progetto, che sarebbe partito nel 2021, avrebbe portato tre nuove aree basate sui franchise di Star Wars, Marvel e Frozen, con un lago a collegarle e l'aggiunta di nuovi spettacoli.[248]

Il 14 marzo fu annunciata una riorganizzazione aziendale, attiva da subito, intorno a quattro segmenti principali: Studio Entertainment e Media Networks, già esistenti, avrebbero perso le competenze circa la promozione e la pubblicità; Direct-to-Consumer and International, nella quale fu assorbita BAMTECH, si sarebbe occupata della distribuzione e promozione dei prodotti creati dalle prime due divisioni, controllando anche i servizi on demand di proprietà, ESPN+ e il nuovo servizio di streaming, sia di Hulu, e gestendo Disney Channel al di fuori degli Stati Uniti, mentre la gestione interna sarebbe rimasta alla Media Network; Parks, Experiences and Consumer Products avrebbe avuto le stesse competenze delle divisioni da cui derivava, le precedenti Parks and Resorts e Consumer Products.[249]

Il 12 aprile l'antitrust inglese annunciò che, se l'accordo di acquisizione tra la Disney e la Fox fosse stato approvato prima dell'acquisizione di Sky plc da parte della seconda, la società di Topolino avrebbe dovuto presentare la stessa offerta fatta dalla società di Murdoch. Per velocizzare l'approvazione dell'ente britannico la Disney, all'inizio di aprile, presentò un'offerta per l'acquisto di Sky News, con la precisazione che non avrebbe interferito con la linea editoriale della società, che alcuni parlamentari non volevano diventasse parte della Fox, poiché ritenevano che la concorrenza in questo campo sarebbe venuta a mancare, in quanto la famiglia Murdoch possedeva già alcuni periodici inglesi. Questa mossa era volta anche ad evitare che l'offerta presentata da Comcast in febbraio venisse presa in considerazione, in quanto era di molto superiore all'offerta presentata dalla Fox nel 2016.[250][251]

Il 13 aprile la società annuncia che il film Marvel Black Panther ha guadagnato più di 1,3 miliardi di dollari, diventando il decimo maggior incasso della storia del cinema, superando Frozen - Il regno di ghiaccio.[252][253]

Il 12 giugno 2018 un giudice federale respinse il ricorso del Dipartimento di Giustizia americano contro la fusione tra AT&T e Time Warner, dando quindi il via libera all'operazione.[254] Secondo alcuni giornali ciò ha spinto Comcast a fare una nuova offerta per 21st Century Fox, tutta in contanti, del valore di 65 miliardi di dollari.[255] Una settimana dopo la compagnia di Topolino ha portato la propria offerta a circa 71 miliardi di dollari in azioni e contanti. La Fox, dopo la nuova proposta, ha detto che l'offerta di Comcast non sarebbe stata presa in considerazione.[256][257] L'acquisizione è diventata ufficiale il 27 luglio con il voto favorevole degli azionisti di entrambe le società

Controversie

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Controversie legate a The Walt Disney Company.

L'azienda è talvolta vista come il simbolo della cultura di massa, dell'imperialismo culturale americano e della standardizzazione dell'intrattenimento, che vende esperienze di vita a una popolazione frustrata e sfrutta l'attuale crisi delle identità individuali e collettive generate da neocapitalismo.[258][259][260] L'azienda Disney, a causa delle sue produzioni o delle sue attività, ha provocato azioni da parte di attivisti in tutto il mondo, ma anche l'apertura di diverse procedure legali.

Dal 1991 al settembre 2009, la famiglia di Stephen Slesinger fu impegnata in un processo contro la Disney per i diritti di Winnie the Pooh. Quando Stephen Slesinger morì nel 1953, sua moglie firmò un accordo di licenza con la Disney. Uno dei punti era che la Disney pagava per cartoni e film, ma non il merchandising. Questo avrebbe creato un mancato versamento di circa 2 miliardi di dollari per la famiglia Slesinger. Dopo 18 anni di procedimenti, un giudice di Los Angeles ha dichiarato che Disney non ha commesso alcuna violazione dell'accordo firmato.[185]

Nel 1995, una lobby chiamata American Life League ha accusato diversi film Disney tra cui Il re leone, La Sirenetta e Aladdin di contenere messaggi subliminali e immagini con personaggi sessuali.[261] Per Il re leone, ad esempio, l'accusa è stata contraddetta da Tom Sito che ha spiegato che le lettere scritte nella polvere erano SFX e che era un easter egg che si riferiva al dipartimento di animazione.[262]

La compagnia è stata anche accusata di abuso di animali da parte di gruppi di animalisti principalmente a causa delle cure e delle procedure messe in atto per gli animali selvatici nel Disney's Animal Kingdom Park[263] e per l'uso di cuccioli non svezzati in natura in La carica dei 101 (1996). I gruppi hanno anche criticato l'effetto indotto dal film di una crescente domanda di cuccioli da parte di un pubblico impreparato all'adozione di animali, molti dei quali in seguito furono abbandonati.[264][265]

Alcuni gruppi religiosi hanno dichiarato di essere contrari a produzioni che considerano offensive, ad esempio:

  • le veementi proteste della American Catholic League contro l'uscita di alcuni film Miramax tra cui Il prete (1994) e Dogma (1999). La Disney Company ha ritardato la data di uscita del film Dogma a causa delle polemiche e, successivmente, ha venduto i diritti di distribuzione alla Lions Gate Film;[266][267]
  • questi, insieme alle Assemblee di Dio e ad altri gruppi conservatori, hanno condannato anche le attività delle sussidiarie e dei personaggi dei suoi programmi, come il programma su ABC Nothing Sacred su un prete gesuita, un libro per bambini intitolato Growing Up Gay pubblicato da Hyperion, e le celebrazioni annuali gay e lesbiche organizzate nei parchi Disney.[268][269][270]
Ellen DeGeneres

La Southern Baptist Convention e l'American Family Association hanno votato per boicottare la Disney per opporsi alle offerte di partnership nazionali fatte ai dipendenti gay e per mostrare la loro opposizione alla serie Ellen della ABC, in cui Ellen DeGeneres fa coming out. La Disney ha ignorato i due boicottaggi che sono stati ritirati nel 2005.[271]

Un rapporto sullo sviluppo ambientale per un'area di Great Guana Cay nelle isole Abaco ha criticato la Disney per aver gestito male 90 acri (0,36 km²) di terreno che sono stati parzialmente sviluppati per un progetto di palcoscenico sotto la nome Isola del tesoro ma fu in seguito abbandonato. Il rapporto pubblicato dall'Università di Miami e dal College delle Bahamas denuncia la Disney per aver lasciato attrezzature pericolose, trasformatori di alimentazione e serbatoi di gas e anche per aver portato piante straniere e specie di insetti che hanno disturbato la fauna e la flora locali.[272]

La compagnia è stata accusata di violazioni dei diritti umani sulle condizioni di lavoro nelle fabbriche di derivati principalmente in Asia[273].

Negli Stati Uniti, Disney Store è stato costretto alla fine del 2016 come molte altre catene di negozi a non ricorrere più al "call work planning", una pratica che obbliga i dipendenti a essere informati solo del loro orario di lavoro una o due ore prima dell'inizio del loro servizio, associata al contratto a ore zero.[274][275]

Il 17 marzo 2017, il Dipartimento del lavoro americano ha intimato alla Walt Disney Company di rimborsare 3,8 milioni di dollari ai 16.000 dipendenti della Walt Disney Parks and Resorts in Florida dopo aver addebitato le spese di mantenimento del costume sulle loro retribuzioni rendendole inferiori al minimo legale.[276][277]

La società

La Walt Disney Company è un gruppo internazionale con sede legale a Burbank, in California, ed è suddivisa attualmente in quattro divisioni[278]:

  • Studio Entertainment, che include sussidiarie cinematografiche, musicali e teatrali;
  • Walt Disney Parks and Resorts, che gestisce i parchi a tema Disney nel mondo e la compagnia di crociere Disney Cruise Line;
  • Media networks, che include le sussidiarie del settore televisivo;
  • Disney Consumer Products and Interactive Media, produttore di giocattoli, abbigliamento e altro merchandising a marchio Disney e gestore delle operazioni nei settori internet, mobile, social media e videogiochi;[279]

Alcuni dei nomi delle controllate sono legati alla storia dei fratelli Walt e Roy Disney: Hyperion è la strada che ha ospitato i primi studi; Buena Vista è la via che ospita ancora la sede della compagnia e Lyric Street è quella dove costruirono le proprie abitazioni negli anni '40.[280]

Nel 2007, Disney ha deciso di riorganizzarsi attorno a tre marchi principali: ABC, Disney e ESPN.[281]

Nel 2018 la Walt Disney Parks and Resorts e la Disney Consumer Products and Interactive Media si sono fuse in un unica società chiamata Walt Disney Parks, Experiences and Consumer Products.[282]

El Capitan Theatre a Hollywood, proprietà della Disney dal 1991 è usato per le anteprime.

Studio Entertainment

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: The Walt Disney Studios.

La divisione Studio Entertainment, anche conosciuta come The Walt Disney Studios, è diretta da Alan Horn: essa include anzitutto la Walt Disney Motion Pictures Group, un insieme di studi cinematografici che comprende Walt Disney Pictures, Touchstone Pictures, e Hollywood Pictures, che attualmente distribuisce solo titoli di catalogo, Marvel Studios e Lucasfilm. Gli studi Miramax fino al 2010 facevano anch'essi parte del gruppo, ma ora operano autonomamente a New York dove, fino all'ottobre 2005, controllavano anche l'etichetta Dimension Films, ceduta alla Weinstein Company, fondata in quel momento da Bob e Harvey Weinstein, dopo aver lasciato la Miramax stessa.

Vi sono poi la Buena Vista Theatrical Productions e le compagnie di distribuzione Disney: Buena Vista Pictures Distribution, Buena Vista International, Walt Disney Studios Home Entertainment e Walt Disney Studios Home Entertainment International.

Una delle controllate di maggior successo del gruppo è lo studio di animazione Walt Disney Animation Studios, responsabile per la produzione di un certo numero di film d'animazione di successo. Dopo il fallimento al box-office di alcuni dei suoi recenti film d'animazione e dopo aver constatato lo stellare successo dei film della Pixar, la Disney ha deciso di spostare la sua produzione dalle tradizionali animazioni a mano (che negli ultimi anni hanno comunque sfruttato molto il supporto dei computer) ad animazioni totalmente sviluppate al computer. L'ultimo film di animazione tradizionale prodotto dalla Disney è stato Winnie the Pooh - Nuove avventure nel Bosco dei 100 Acri nel 2011. Il suo primo film creato al computer è stato Chicken Little - Amici per le penne del 2005. La Disney è stata criticata duramente per questo cambio di direzione, soprattutto perché i fan giudicano un film d'animazione in base ai disegni ed alla storia e non in funzione della tecnologia usata.

Il 24 gennaio 2006 la Disney annunciò un accordo per l'acquisizione della Pixar. L'unità di animazione risultante, Pixar Animation Studios, è guidata dagli attuali amministratori della Pixar, Ed Catmull e John Lasseter.

Vi è inoltre la Disney Music Group, che include Walt Disney Records, Mammoth Records, Lyric Street Records, Hollywood Records e Wonderland Music (precedentemente nota come Disneyland Records).

Il Buena Vista Theatrical Group è la divisione di teatro e intrattenimento. Include Walt Disney Theatrical Productions che produce musical principalmente a Broadway e Walt Disney Creative Entertainment che gestisce gli spettacoli dei parchi Disney ma che dipende anche da un'altra sussidiaria, la Walt Disney Imagineering.

I Walt Disney Studios, gli studi principali della compagnia, sede anche della produzione televisiva e quartier generale della compagnia stessa a Burbank, California, USA, sono gli unici tra i principali studios di Hollywood che non hanno mai permesso visite al pubblico. Fino al 2003 è stata consentita una visita parziale degli studi satellite di animazione ad Orlando (Florida), ai visitatori dei Disney-MGM Studios.

Il Buena Vista Publishing Group riunisce gli interessi della Disney nella pubblicazione di libri. Tuttavia, Disney Publishing Worldwide è affiliata a Disney Consumer Products. La produzione viene trasmessa da Buena Vista Home Entertainment e Buena Vista International. Pertanto le vendite di DVD da parte di Disney e altri studi sono associati a questa divisione e non ai prodotti di consumo.

La filiale Disney Live Family Entertainment produce Disney on Ice e Disney Live.

Spaceship Earth, attrazione principale del parco Epcot al Walt Disney Word Resort.

Parchi e Resort

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Walt Disney Parks and Resorts.

Disney controlla nove parchi a tema presso il Disneyland Resort, il Walt Disney World Resort, il Disneyland Resort Paris e l'Hong Kong Disneyland, inaugurato nella regione autonoma cinese di Hong Kong nel settembre del 2005. Il Tokyo Disney Resort in Giappone è controllato e gestito dalla Compagnia dei Paesi Orientali (Oriental Land Company), alla quale è stata concessa una licenza dalla Disney.

Il 16 giugno 2016 inaugura il Shanghai Disney Resort, la proprietà del parco è divisa tra la Walt Disney Company (43%) e il Shanghai Shendi Group (57%). Il parco è situato nel distretto di Pudong e copre su una superficie di 4 km², l'architettura è un misto armonioso di elementi tipicamente Disney e influenze cinesi. La differenza più evidente è l'assenza della distintiva Main Street all'ingresso del parco. Inoltre non sono attualmente presenti "Its a Small World" ,una delle reincarnazioni casa dei fantasmi e di Big Thunder Mountain. (Queste ultime due sono probabili che vengano aggiunte in futuro così come è successo nel parco di Hong Kong con "Mystic Manor" e "Grizzly Gulch").

Questa divisione comprende anche Disney Cruise Line, una compagnia di crociere, Disney Vacation Club, una società di condivisione di appartamenti e ville, e Walt Disney Imagineering, che gestisce la creazione di parchi e aree ricreative. Disney ha recentemente lanciato negli Stati Uniti un servizio di viaggi organizzati.

La Disney possedeva anche, attraverso la Anaheim Sports, Inc. il club di hockey Mighty Ducks of Anaheim, recentemente venduto al capo della Broadcom Henry Samueli, e la squadra di Baseball Anaheim Angels, venduta al magnate della pubblicità Arturo Moreno. La Disney Cruise Line, Disney Vacation Club e la catena dei ristoranti in tema sportivo ESPN Zone sono anch'esse controllate dall'unità Parks and Resorts.

Dopo la vendita da parte di Disney del Disney Store a The Children's Place, il Disney Store della Fifth Avenue di New York è passato sotto il controllo di questa divisione, ma è stato chiuso nel 2010.

Inoltre, dall'inizio degli anni '90, la Disney offre un programma di nozze e luna di miele nei parchi a tema, Disney's Fairy Tale Weddings.

Il New Amsterdam Theatre a Broadway, New York. Dal 1993 gestito dalla Walt Disney Theatrical Productions

Media Networks

La divisione che si occupa di reti televisive è centrata sulla rete televisiva American Broadcasting Company (ABC), che diventò parte del gruppo nel 1996 dopo la fusione con Capital Cities. Alla Disney appartengono anche un gruppo di reti televisive via cavo comprendenti Disney Channel, ESPN, Freeform, Disney XD e SOAPnet. La Disney ha anche sostanziali interessi in Lifetime e A&E Network.

Attraverso la ABC appartengono alla Disney 10 stazioni televisive locali, 71 stazioni radio locali, e ESPN Radio, Radio Disney e ABC Radio News, con le quali collaborano personalità come Sean Hannity e Paul Harvey.
La Disney ABC Domestic Television, altra compagnia della divisione Media, produce programmi in syndication come l'edizione statunitense di Chi vuol essere milionario?, Live with Regis and Kelly e Ebert & Roeper.

World of Disney NYC , storico Disney store sulla Fifth Avenue, ora chiuso.

Prodotti di consumo

La divisione Prodotti di consumo include le attività di vendita e concessione di licenze nonché il gruppo Disney Publishing Worldwide, i cui titoli comprendono la Disney Editions, Hyperion Books for Children, Disney Press, nonché la rivista per ragazzi Disney Adventures, chiusa nel 2007.

Nel 2008, Disney ha deciso di creare una quinta divisione dedicata ai videogiochi e all'Internet business, il Disney Interactive Media Group (DIMG), comprendente il Walt Disney Internet Group (WDIG) e i Disney Interactive Studios, la sussidiaria di produzione di videogiochi di Walt Disney Studios Entertainment. La divisione gestisce anche i Disney Stores, dislocati in Nord America, Europa, Cina e Giappone, e i siti di shopping dedicati shopDisney.com e shop.Marvel.com.[283]

Nel 2016, l'azienda annuncia l'abbandono di Disney Infinity, la sua ultima produzione nel mercato dei videogiochi per console. Quest'anno segna anche la fine della divisione concentrata sul business di Internet, la quale torna a far parte della Disney Consumer Products rinominata Disney Consumer Products and Interactive Media[284].

La gestione dei siti internet comprende anche quelli dedicati ad altre compagnie, attraverso servizi di consulenza mageriale e di design. Tra questi figura anche Maker Studios, network dedicato al video editing.[283]

Altri interessi

Dalla fine degli anni settanta la Disney possiede una flotta di aerei, nel Form 10-Q[285] del 9 gennaio 2005 viene dichiarato che gli investimenti della Disney nel settore dell'affitto di mezzi aeronautici ammonta a 157 milioni di USD, 103 milioni alla Delta Air lines e 54 milioni alla FedEX.

La Disney possedeva anche delle banche di credito cooperativo chiamate Partners Federal Credit Union create nel 1960 per tutti i dipendenti negli USA, e Vista Federal Credit Union fondata nel 1968 per sostenere specificatamente il progetto del Disney Resort in California. Le due società si fusero nel 2007 creando la Partner FCU. La Disney possiede in oltre una società di venture capital la Steamboat Ventures e una riserva naturale di 45 km2 in Florida la Disney Wilderness Preserve[286].

Dati finanziari

Azionariato Disney

Le azioni della Walt Disney Company sono generalmente divise tra diverse tipologie di investitori:

Nomi numero di azioni al 29 settembre 2017 % di azioni al 29 settembre 2017 valore in USD
Vanguard Group, Inc. (The) 102,160,555 6.76% 10,138,413,259
Blackrock Inc. 88,561,414 5.86% 8,788,834,536
State Street Corporation 67,380,330 4.46% 6,686,823,805
State Farm Mutual Automobile Insurance Co 42,206,018 2.79% 4,188,525,136
Morgan Stanley 25,636,848 1.70% 2,544,200,740
Bank Of New York Mellon Corporation 24,148,355 1.60% 2,396,482,698
FMR, LLC 22,866,097 1.51% 2,269,231,417
Northern Trust Corporation 21,649,488 1.43% 2,148,495,142
Bank of America Corporation 17,832,460 1.18% 1,769,693,292
Massachusetts Financial Services Co. 17,747,456 1.18% 1,761,257,495
  • Fondi pensione di varie organizzazioni in tutti gli USA: California Public Employees’ Retirement System (CalPERS), New York State Common Retirement Fund, l'American Federation of State, County and Municipal Employees Pension Funds (AFSCME) e l'Illinois State Board of Investment.
  • Fondi d'investimento come Waddell & Reed, Inc. (6%) o Wells Fargo Advantage Fuonds (6%).

Nel Gennaio 2006 Steve Jobs possedeva azioni per 3,7 miliardi di dollari, equivalenti a poco più del 2% delle azioni, ciò faceva di lui il primo proprietario, privato ed estraneo alla Disney, di azioni della società. Alla sua morte le azioni sono state spostate su un fondo d'investimento gestito dalla vedova. Laurene Powell Jobs annunciò il 24 novembre 2011 di possedere 138 milioni in azioni della Disney (7.7% del totale), ma di non essere interessata a manovrare il consiglio di direzione. il 2 febbraio 2017 il fondo ha dimezzato le sue azioni Disney[288].

Tra gli alti dirigenti della Disney, ci sono anche dei grandi azionisti[287]:

  • Robert Iger, CEO, 322.800 azioni;
  • Thomas Staggs, Direttore Finanziario, 232,535 azioni;
  • George J. Mitchell, Presidente del CDA fino al gennaio 2007, 82,028 azioni;
  • Judith Estrin, Membro del Consiglio, 37,501 azioni;
  • John E. Pepper, Jr. Presidente del CDA dal gennaio del 2007, 35.406 azioni.

Storico dei dati finanziari

Fatturato e ricavo netto della Walt Disney Company (in milioni di USD)
anno 1940 1941 1942 1943 1944 1945 1946 1947 1948 1949
ricavo netto   -0,8 -0,2 0,4 0,5 0,4 0,2 0,3 -0,1 -0,1
fatturato - - - - - - - - -
anno 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959
ricavo netto 0,7 0,4 0,5 0,5 0,7 1,4 2,6 3,6 3,9 3,4
fatturato - - - - - - - - - -
anno 1960 1961 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969
ricavo netto -1,3 4,5 6,6 7 7 11 12,4 11,3 13,1 15,8
fatturato - - - - - - - - - -
anno 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979
ricavo netto 22 26,7 40,2 47,7 48,5 61,7 74,5 81,9 98,3 113,7
fatturato 167,1 175,6 329,4 385 429,8 520 583,8 629,8 741,1 796,7
anno 1980 1981 1982 1983 1984 1985 1986 1987 1988 1989
ricavo netto 135,1 121,4 100,0 93,1 97,8 173,5 247,3 444,7 522 703
fatturato 914,5 1005,0 1030,2 1307,30 1655,9 2015,8 2165,8 2876,8 3438 4594
Fatturato annuo e risultati netti annui della Walt Disney Company dal 1984 a oggi separati per divisione(in milioni di USD)
Anno Netto annuo Fatturato annuo
Walt Disney Studios Entertainment Disney Consumer Products Walt DisneyParks and Resorts Disney Media Networks Walt Disney Internet Group / Disney Interactive Media Group Total Walt Disney Studios Entertainment Disney Consumer Products Walt DisneyParks and Resorts Disney Media Networks Walt Disney Internet Group / Disney Interactive Media Group Total
1984 100 250     97,8
1985   173,5
1986   247,3
1987   444,7
1988 186 134 565     522 1 149 247 2 042     3 438
1989 257 187 785     703 1 588 411 2 595     4 594
1990 313 223 889     854 2 250 574 3 020     5 843
1991 318,1 229,8 546,6     1 094,5 2 593 724 2 794     6 111
1992 508,3 283 644     1 435 3 3 115 1 081 3 306     7 502
1993 622,2 355,4 746,9     1 724,5 3 673,4 1 415,1 3 440,7     8 529,2
1994 779,1 425,5 684,1 77   1 965,7 4 793 1 798,2 3 463,6 359   10 413,8
1995 998,4 510,5 860,8 76   2 445,7 6 001,5 2 150 3 959,8 414   12 525,3
1996 1 598 990 747 (-300) 3 035 10 095 4 502 4 142   18 739
1997 1 079 893 1 136 1 699 -56 4 312 6 981 3 782 5 014 6 522 174 22 473
1998 769 801 1 288 1 746 -94 3 231 6 849 3 193 5 532 7 142 260 22 976
1999 116 607 1 446 1 611 -93 3 231 6 548 3 030 6 106 7 512 206 23 402
2000 110 455 1 620 2 298 -402 4 081 5 994 2 602 6 803 9 615 368 25 402
2001 260 401 1 586 1 758   4 214 7 004 2 590 6 009 9 569   25 790
2002 273 394 1 169 986   2 826 6 465 2 440 6 691 9 733   25 360
2003 620 384 957 1 213   3 174 7 364 2 344 6 412 10 941   27 061
2004 662 534 1 123 2 169   4 488 7 713 2 511 8 750 11 778   30 752
2005 207 543 1 178 3 209   5 137 7 587 2 127 9 023 13 207   31 944
2006 729 618 1 534 3 610   6 491 7 529 2 193 9 925 14 368   34 285
2007 1 201 631 1 710 4 285   7 827 7 491 2 347 10 626 15 046   35 510
2008 1 086 778 1 897 4 942 -258 8 445 7 348 2 415 11 504 15 857 719 37 843
2009 175 609 1 418 4 765 -295 6 672 6 136 2 425 10 667 16 209 712 36 149
2010 693 677 1 318 5 132 -234 7 586 6 701 2 678 10 761 17 162 761 38 063
2011 618 816 1 553 6 146 -308 8 825 6 351 3 049 11 797 18 714 982 40 893
2012 722 937 1 902 6 619 -216 9 964 5 825 3 252 12 920 19 436 845 42 278
2013 1 112 661 2 220 6 818 -87 10 724 5 979 3 555 14 087 20 356 1 064 45 041
2014 1 356 1 549 2 663 7 321 116 13 005 7 278 3 985 15 099 21 152 1 299 48 813
2015 1 752 1 973 3 031 7 793 132 14 681 7 366 4 499 16 162 23 264 1 174 52 465
2016 1 752 2 703 3 298 7 755   15 721 9 441 5 528 16 974 23 689   55 632

Dirigenza, dal 1923 ad oggi

Cariche attuali

Robert Iger alla premiere di Disney's World of Color, uno spettacolo messo in scena nel parco Disney California Adventure, nel Giugno 2010.

Alte cariche societarie[289]

  • Presidente del consiglio di amministrazione ed Amministratore Delegato - Robert A. Iger
  • Vice Presidente Senior Esecutivo e Direttore Area Finanza - Christine M. McCarthy

Consiglio di Amministrazione[289]

  • Susan E. Arnold
  • Mary T. Barra
  • John S. Chen
  • Robert A.Iger
  • Maria Elena Lagomasino
  • Fred H. Langhammer
  • Aylwin B. Lewis
  • Mark G. Parker
  • Francis A. Desouza
  • Safra A. Catz

Cariche societarie nelle divisioni

Storico delle cariche

Presidenti del Consiglio di Amministrazione Disney

Amministratori Delegati della Disney

Presidenti della Disney

Note

  1. ^ a b c (EN) Profilo finanziario Disney su Google Finance
  2. ^ Robert J. Cole, Dow Gains 2.78 on a Day of Light Trading, in The New York Times, 7 maggio 1991. URL consultato l'11 aprile 2016.
  3. ^ (EN) Geraldine Fabrikant, The Media Business: The Merger; Walt Disney to Acquire Abc in $19 Billion Deal to Build a Giant for Entertainment, in The New York Times, 1º agosto 1995. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  4. ^ (EN) Disney buys the Muppets, in EW.com. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) The Associated Press, Pixar Becomes Unit of Disney, in The New York Times, 6 maggio 2006. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  6. ^ (EN) Marvel.com, su Marvel.com. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  7. ^ (EN) The Walt Disney Company, su thewaltdisneycompany.com (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  8. ^ (EN) Brooks Barnes, Disney Makes $52.4 Billion Deal for 21st Century Fox in Big Bet on Streaming, in The New York Times, 14 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  9. ^ a b (EN) Ted Johnson, Disney-Fox Deal Lands at Uncertain Time for Antitrust Enforcement, in Variety, 14 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  10. ^ a b c Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 593
  11. ^ a b c d e f g h i j k l Disney Factbook 1997 - Disney Through the Decades (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 2 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  12. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 312
  13. ^ Pat Williams e Jim Denney, How to Be Like Walt, p. 30
  14. ^ Steven Watts, Walt in Wonderland, p. 53
  15. ^ Dave Smith and Steven Clack, The first 100 years, p. 16
  16. ^ Michael Barrier,A Life of Walt Disney, p. 53
  17. ^ Amy Davis, Good Girls and Wicked Witches, p. 74
  18. ^ a b c d e f (EN) History of The Walt Disney Company, su fundinguniverse.com (archiviato dall'url originale il 28 ottobre 2012).
  19. ^ a b Chronology of the Walt Disney Company (1928), su kpolsson.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  20. ^ Leonard Mosley, Disney's World - A Biography by Leonard Mosley, p. 126-129
  21. ^ Dave Smith,Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 433
  22. ^ Russel Merritt and J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies, p. 5
  23. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 520
  24. ^ Chronology of the Walt Disney Company (1929), su kpolsson.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  25. ^ Russel Merritt & J.B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies, p. 31
  26. ^ Sébastien Roffat, Disney et la France, p. 41
  27. ^ Russel Merritt and J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies, p. 31
  28. ^ (EN) Jim Korkis, The Book of Mouse: A Celebration of Walt Disney's Mickey Mouse, Theme Park Press, pp. 51-53.
  29. ^ Flora O'Brien, Walt Disney's Donald Duck : 50 years of happy frustation, p. 14
  30. ^ a b Russel Merritt and J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies, p. 36
  31. ^ Leonard Mosley, Disney's World - A Biography by Leonard Mosley, p. 136
  32. ^ 1935 / Timeline / Extra - Mondadori, su Mondadori. URL consultato il 17 settembre 2015.
  33. ^ Christopher Finch, The Art Of Walt Disney, p. 65.
  34. ^ a b c Leonard Mosley, Disney's World - A Biography by Leonard Mosley, p. 151-153
  35. ^ Leonard Maltin, The Disney Films : 3rd Edition, p. 32.
  36. ^ Bob Thomas, Disney's Art of Animation, p. 76.
  37. ^ Charles Salomon, The Disney That Never Was, p. 7
  38. ^ a b La magia Disney in Italia, su www.disney.it. URL consultato il 17 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2010).
  39. ^ Bob Thomas, Walt Disney, an american original, p. 145
  40. ^ William E. Garity, su IMDb. URL consultato il 17 settembre 2015.
  41. ^ HP Virtual Museum: Model 200B audio oscillator, 1939, su www.hp.com. URL consultato il 17 settembre 2015.
  42. ^ Bob Thomas, Disney's Art of Animation, p. 94.
  43. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 524
  44. ^ Richard Holliss & Brian Sibley, The Disney Studio Story, p. 39.
  45. ^ Richard Holliss & Brian Sibley, The Disney Studio Story, p. 60.
  46. ^ Franklin Thomas, Ollie Johnston, Walt Disney's Bambi, p. 186
  47. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 514-515
  48. ^ Michael Barrier, A Life of Walt Disney, p. 205.
  49. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 59
  50. ^ a b (EN) Tim Hollis e Greg Ehrbar, Mouse Tracks : The Story of Walt Disney Recordsv, University Press of Mississippi, 2006, p. 9, ISBN 1-57806-849-5.
  51. ^ a b Jimmy Johnson, Inside the Whimsy Works, p. 105
  52. ^ Neal Gabler, The Triumph of American Imagination, p. 503
  53. ^ a b (EN) J. P. Telotte, The Mouse Machine: Disney and Technology, University of Illinois Press, 2008, p. 99, ISBN 0-252-07540-4.
  54. ^ he Imagineers, The Magic Kingdom At Walt Disney World: An Imagineer's-Eye Tour, p. 6
  55. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 80
  56. ^ a b c d e f Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 24
  57. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 363
  58. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 400
  59. ^ a b Michael Barrier, The Animated Man: A Life of Walt Disney, p. 271
  60. ^ Jeff Kurtti, Since the World began
  61. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 592
  62. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 143
  63. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 591
  64. ^ a b Bill Cotter, The Wonderful World of Disney Television - A Complete History, p. 291
  65. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q Disney Factbook 1997 - Disney Through the Decades (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 3 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  66. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 187
  67. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 561
  68. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 145
  69. ^ a b c d Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 35
  70. ^ (EN) Thomas C. Hayes, Disney Cleared for Arvida Bid, in The New York Times, 2 giugno 1984. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  71. ^ (EN) Thomas C. Hayes, Steinberg Sells Stake to Disney, in The New York Times, 12 giugno 1984. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  72. ^ (EN) Company's Six Turbulent Months, in The New York Times, 8 settembre 1984. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  73. ^ a b c Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 146
  74. ^ (EN) Splash, su nytimes.com (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2013).
  75. ^ «La Walt Disney-Tishman, colezione d'arte africana», su africa.si.edu.
  76. ^ Dave Smith & Steven Clack, Walt Disney: The first 100 years, p. 143
  77. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 149
  78. ^ « Childcraft Bought By Walt Disney », su nytimes.com.
  79. ^ Dave Smith,Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 100
  80. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 594
  81. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 142
  82. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 168
  83. ^ Dave Smith & Steven Clack, Walt Disney : The first 100 years, p. 161
  84. ^ a b c d e f g Disney Factbook 1997 - Disney Through the Decades (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 4 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  85. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 153
  86. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 376
  87. ^ « Disney/Miramax split is official », su movieweb.com.
  88. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 307
  89. ^ « Ken P's Today in History », su islandnet.com.
  90. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 147
  91. ^ Pressezentrum SUPER RTL - Daten & Fakten, su kommunikation.superrtl.de.
  92. ^ a b Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 84
  93. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 26
  94. ^ a b c « Disney Factbook 1998 - Key Dates », su corporate.disney.go.com, p. 3 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2011).
  95. ^ « Pinky Dinky Doo - Production Bios » (PDF), su archive.sesameworkshop.org. URL consultato il 27 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2012).
  96. ^ « Last Minute Book Reports », su corporate.disney.go.com. URL consultato il 27 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2011).
  97. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 170
  98. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 478
  99. ^ a b « Disney Factbook 1997 - Disney Through the Decades » (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 5 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  100. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 439
  101. ^ a b c d « Disney Factbook 1997 - Disney Through the Decades » (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 6 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  102. ^ Dave Smith,Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 104-105
  103. ^ (EN) ANN W. O'NEILL, Mickey's Masters Killed Fellow Cartoon Critter, Judge Rules, in Los Angeles Times, 28 settembre 1997. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  104. ^ (EN) Bernard Weinraub, Disney and Katzenberg Reach Pact on Lawsuit, in The New York Times, 11 novembre 1997. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  105. ^ « Disney Factbook 2001 - Chronology » (PDF), su corporate.disney.go.com, p. 35 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2006).
  106. ^ Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, p. 339
  107. ^ a b c d « Disney Factbook 1999 - year in Review » (PDF), su corporate.disney.go.com (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2010).
  108. ^ Disney Reorganizes Buena Vista, Hyperion Publishing, su findarticles.com (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2015).
  109. ^ a b « Disney buys out rest of Soccernet », su theregister.co.uk (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  110. ^ (EN) Lawrie Mifflin, THE MEDIA BUSINESS; Old Anchors Seek to Rescue ABC Mornings, in The New York Times, 1999. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  111. ^ (EN) E. SCOTT RECKARD, The Most Jam-Packed Theme Park on Earth?, in Los Angeles Times, 14 gennaio 2001. URL consultato il 29 aprile 2018.
  112. ^ (IT) Disney California Adventure: LA STORIA DEL SECONDO PARCO IN CALIFORNIA - Parksmania, in Parksmania. URL consultato il 29 aprile 2018.
  113. ^ « Inktomi to Acquire Ultraseek Corporation », su findarticles.com (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2011).
  114. ^ Wikiwix's cache (PDF), su archive.wikiwix.com. URL consultato il 19 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2006).
  115. ^ « Disney Factbook 2001 - Chronology » (PDF), su corporate.disney.go.com. URL consultato il 24 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2006).
  116. ^ (EN) Disney Buying Rest Of Jetix Kids TV Channel In Europe. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  117. ^ « News Corp. and Haim Saban Reach Agreement to Sell Fox Family Worldwide to Disney for USD5.3 Billion », su saban.com. URL consultato il 19 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2009).
  118. ^ « The Walt Disney Company's Fact Book 2003 » (PDF), su corporate.disney.go.com (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2006).
  119. ^ (EN) Disney, Bank One And Visa Form Strategic Alliances - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 4 giugno 2002. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  120. ^ (EN) Janet Kidd Stewart, Bank One unveils Disney reward card, in chicagotribune.com. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  121. ^ (EN) Laura M. Holson, Leaving Board, a Disney Heir Assails Eisner, in The New York Times, 1º dicembre 2003. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  122. ^ (EN) Bloomberg News, Disney Defends Chief, in The New York Times, 10 febbraio 2004. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  123. ^ (EN) Laura M. Holson, Defied in Vote, Disney Leader Loses One Post, in The New York Times, 4 marzo 2004. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  124. ^ (EN) Disney buys Muppets as bid prospect fades, in The Independent, 18 febbraio 2004. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  125. ^ (EN) Fact Book - 2005 (PDF), su archive.wikiwix.com, p. 54. URL consultato il 19 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2017).
  126. ^ (EN) Factbook - 2006 (PDF), su ditm-twdc-us.storage.googleapis.com, p. 84 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2016).
  127. ^ (EN) Fact Book - 2005 (PDF), su archive.wikiwix.com, p. 37. URL consultato il 19 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2017).
  128. ^ (EN) Apple Takes Podcasting Mainstream, in Apple Newsroom. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  129. ^ Factbook - 2005 (PDF), su archive.wikiwix.com, p. 18. URL consultato il 17 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2017).
  130. ^ PBS sends a sloth into competitive world of children's TV, in SFGate. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  131. ^ Disney Publishing to launch new book; $1 mn marketing campaign in the offing, in Indian Television Dot Com, 29 agosto 2005. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  132. ^ Rockol.com s.r.l., √ Disney cambia partner, il futuro discografico è con la EMI, in Rockol. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  133. ^ Delta Air Lines a un passo dal fallimento, in euronews, 13 settembre 2005. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  134. ^ (EN) Delta dichiara fallimento, su Atlanta Business Cronicle. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  135. ^ a b c d e Factbook 2006 (PDF), su amedia.disney.go.com (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2011).
  136. ^ a b Chronology of the Walt Disney Company (2005), su kpolsson.com. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  137. ^ a b (EN) Annual report - 2006 (PDF), su ditm-twdc-us.storage.googleapis.com.
  138. ^ (EN) Walt Disney buys Living Mobile!, su mobilegamefaqs.com (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2013).
  139. ^ (EN) Disney to buy Pixar?, su macworld.co.uk (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2018).
  140. ^ (EN) The Walt Disney Company To Support Blu-Ray Disc Format - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 8 dicembre 2004. URL consultato il 18 gennaio 2018.
  141. ^ a b (EN) Laura M. Holson, Disney Agrees to Acquire Pixar in a $7.4 Billion Deal, in The New York Times, 2006. URL consultato il 29 aprile 2018.
  142. ^ Annual report - 2006 (PDF), su thewaltdisneycompany.com, p. 83.
  143. ^ Annual report - 2006 (PDF), su thewaltdisneycompany.com, p. 23.
  144. ^ (EN) The Associated Press, Pixar Becomes Unit of Disney, in The New York Times, 6 maggio 2006. URL consultato il 29 aprile 2018.
  145. ^ (EN) Leitch, ESPN Mobile Will Outlive Us All, in Deadspin. URL consultato il 29 aprile 2018.
  146. ^ (EN) Disney to launch non-character fashion brand for kids, in @businessline. URL consultato il 26 aprile 2018.
  147. ^ (EN) Parmy Olson, Iger's Disney In Tesco Fruit Deal, Launches Pet Food, in Forbes. URL consultato il 26 aprile 2018.
  148. ^ (EN) Big Ten Conference Athletics News :: Official Athletic Site, su www.bigten.org. URL consultato il 26 aprile 2018.
  149. ^ (EN) Disney awaiting China OK for Shanghai park, in Down Under Disneyana, 29 giugno 2006. URL consultato il 26 aprile 2018.
  150. ^ (EN) Walt Disney acquires Hungama TV, in https://www.hindustantimes.com/, 25 luglio 2006. URL consultato il 26 aprile 2018.
  151. ^ (EN) Backline: John Skipper, su socceramerica.com. URL consultato il 26 aprile 2018.
  152. ^ (EN) Comcast And The Walt Disney Company Announce Long-Term Comprehensive Distribution Agreements Securing Carriage for Disney Media Networks' Products and Services, su corporate.comcast.com. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  153. ^ (EN) November 2006 – Down Under Disneyana, su dudisneyana.info. URL consultato il 26 aprile 2018.
  154. ^ (EN) NASN to become ESPN America, in Digital Spy, 2 ottobre 2008. URL consultato il 29 aprile 2018.
  155. ^ (EN) Iestyn George, Setanta Sports challenges Sky's monopoly on the Premiership, su the Guardian, 18 dicembre 2006. URL consultato il 29 aprile 2018.
  156. ^ (EN) Disney Merges Kids, Family-Targeted Ad Sales Teams, su worldscreen.com (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2011).
  157. ^ (EN) Buena Vista Games renamed Disney Interactive Studios, in Engadget. URL consultato il 29 aprile 2018.
  158. ^ (EN) Edit Staff, Disney Buys Chinese Mobile Content Provider Enorbus; For Around $20 Million, su gigaom.com, 19 marzo 2007. URL consultato il 29 aprile 2018.
  159. ^ (EN) Jim Hill, Monday MouseWatch : Is Bob Iger getting ready to say "Buenas Noches" to Buena Vista ?. URL consultato il 29 aprile 2018.
  160. ^ Disney site music to parents' ears? - USATODAY.com, su usatoday30.usatoday.com. URL consultato il 29 aprile 2018.
  161. ^ (EN) ESPN acquires Cricinfo, in Cricinfo. URL consultato il 1º maggio 2018.
  162. ^ (EN) ESPN buys rugby site Scrum.com, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 1º maggio 2018.
  163. ^ (FR) Walt Disney : acquiert Club Penguin pour 350 M$, in Boursier.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  164. ^ https://www.bizjournals.com/orlando/stories/2007/08/06/daily34.html, su www.bizjournals.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  165. ^ (EN) DizFanatic.com, Disney To Build Resort in Hawaii (Old Page), su dizfanatic.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  166. ^ (EN) Disney Garden Launches Healthy, Character-Themed Food Choices That Put Fruits and Vegetables on Center Stage. URL consultato il 1º maggio 2018.
  167. ^ (EN) SOFTBANK and Disney collaborate to launch a new mobile phone service "Disney Mobile" in Japan | SoftBank Corp. | Group Companies | About Us | SoftBank Group, in SoftBank Group. URL consultato il 1º maggio 2018.
  168. ^ (EN) Disney buys iParenting, in CNET, 4 dicembre 2007. URL consultato il 1º maggio 2018.
  169. ^ ESPN joins four investors for stake in NBA China, su ESPN.com, 14 gennaio 2008. URL consultato il 1º maggio 2018.
  170. ^ (EN) Reuters Editorial, Walt Disney to take 20 pct in Net TV: Vocento, in U.K.. URL consultato il 1º maggio 2018.
  171. ^ Reliance Big Entertainment lays out a $10 billion game plan - Livemint, su www.livemint.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  172. ^ (EN) Reuters Editorial, Disney buys Disney Store chain from Children's Place, in U.S.. URL consultato il 1º maggio 2018.
  173. ^ (EN) Disney's games and internet divisions merging, in Engadget. URL consultato il 1º maggio 2018.
  174. ^ (EN) Disney sells Movies.com to Comcast's Fandango, in CNET, 23 giugno 2008. URL consultato il 1º maggio 2018.
  175. ^ (EN) The Walt Disney Company and Media-One Form Joint Venture to Launch Disney-Branded Free-to-Air Television Channel in Russia. URL consultato il 1º maggio 2018.
  176. ^ Russian anti-monopoly body blocks Walt Disney JV, in Reuters, Fri Feb 20 16:44:38 UTC 2009. URL consultato il 21 dicembre 2017.
  177. ^ (EN) Marc Graser,Tatiana Siegel, Disney signs deal with DreamWorks, in Variety, 9 febbraio 2009. URL consultato il 1º maggio 2018.
  178. ^ Jetix terminates Stock Exchange ::: Jetix, su www.jetixeurope.com. URL consultato il 21 dicembre 2017.
  179. ^ (EN) It's Official: Disney Joins News Corp., NBCU In Hulu; Deal Includes Some Cable Nets. URL consultato il 1º maggio 2018.
  180. ^ (EN) Like Minds «  The Hulu Blog, su blog.hulu.com. URL consultato il 1º maggio 2018.
  181. ^ (EN) James Robinson, ESPN matched Setanta's £159m for Premier League package, su the Guardian, 23 giugno 2009. URL consultato il 1º maggio 2018.
  182. ^ (EN) Brooks Barnes, ESPN Aims to Be the Home Team, All Over America, in The New York Times, 19 luglio 2009. URL consultato il 1º maggio 2018.
  183. ^ Disney To Acquire Marvel Entertainment, su thewaltdisneycompany.com (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2017).
  184. ^ (EN) Disney Completes Marvel Acquisition - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 31 dicembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  185. ^ a b (EN) Andrew Clark, Disney wins Winnie the Pooh copyright case, in The Guardian, 30 settembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  186. ^ (EN) Sindya N. Bhanoo, Disney Invests In Saving Forests, in Green Blog. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  187. ^ (EN) Nat Worden e Ethan Smith, Cable, ABC Help Disney Profit Rise 18%; Two Executives Switch Jobs, in Wall Street Journal, 13 novembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  188. ^ (EN) Sheryl Sandberg Nominated To The Walt Disney Company Board Of Directors - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 23 dicembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  189. ^ (EN) Roy E. Disney, Key Figure In Revitalizing The Walt Disney Company And Disney'S Animation Legacy, Dies At Age 79 - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 16 dicembre 2009. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  190. ^ (EN) Rich Ross Named Chairman Of The Walt Disney Studios - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 5 ottobre 2009. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  191. ^ N.Y. Times: Disney looking to sell Miramax label, library, su www.bizjournals.com. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  192. ^ (EN) Ben Child, Weinstein brothers fail in bid to buy back Miramax from Disney, in The Guardian, 26 maggio 2010. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  193. ^ L'addio della Walt Disney alla Miramax. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  194. ^ OLC changes subsudiaries (PDF), su olc.co.jp (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2011).
  195. ^ (EN) Nikki Finke, Haim Saban Buys Back 'Mighty Morphin Power Rangers' Franchise & Brings It To Nickelodeon And Nicktoons, in Deadline, 12 maggio 2010. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  196. ^ (EN) Disney Moves $800 Million in Media Business to OMD. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  197. ^ (EN) Dhanya Ann Thoppil Of DOW JONES NEWSWIRES, Walt Disney Plans to Buy Out UTV Software Holders, Delist Firm, in Wall Street Journal, 26 luglio 2011. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  198. ^ (EN) Walt Disney proposes to take UTV Software private, su Moneycontrol. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  199. ^ (EN) Disney Acquires Controlling Stake in India's UTV, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  200. ^ Walt Disney acquires all of Indiagames in $80-100 mn deal, su business-standard.com (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2013).
  201. ^ Reuters, Disney seeks successor as CEO set to leave in 2015, in GulfNews, 9 ottobre 2011. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  202. ^ Disney Sells $1.6 Billion in Bonds, su labusinessjournal.com (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2017).
  203. ^ Julianne Pepitone, After 'John Carter' fiasco, Disney film chief resigns, in CNNMoney. URL consultato il 22 dicembre 2017.
  204. ^ (EN) Antoine Gara, Disney's Next Blockbuster Could Be an Acquisition, in TheStreet, 13 agosto 2012. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  205. ^ (EN) Peter Gumbel, Exclusive: Walt Disney Co. Considers Buyout of Struggling Disneyland Paris, in Time. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  206. ^ Disney to back Euro Disney, stake talk, in Reuters, Tue Sep 18 17:55:13 UTC 2012. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  207. ^ (EN) Disney buys Lucasfilm, su thewaltdisneycompany.com (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2017).
  208. ^ Disney compra Lucasfilm e annuncia "Nuova trilogia Star Wars dal 2015" - Repubblica.it, in La Repubblica. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  209. ^ Disney completes Lucasfilm acquisition, in SFGate. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  210. ^ Disney Sells $3 Billion in Bonds | Los Angeles Business Journal, su labusinessjournal.com. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  211. ^ Disney Bringing Rival To Activision’s ‘Skylanders’ Franchise With 'Disney Infinity' In June, in International Business Times, 15 gennaio 2013. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  212. ^ (EN) Steve Schaefer, Disney Board Hangs Tight To Bob Iger, Extends CEO Tenure Through June 2016, in Forbes. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  213. ^ (EN) Fox, NBC, Disney To Keep Ownership of Hulu | Multichannel, su www.multichannel.com. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  214. ^ Disney Repurchasing $8 Billion of Stock as Spending Slows, in Bloomberg.com, 13 settembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  215. ^ Jane Wells, Bye, Mickey! Disney stock certificates to vanish, in CNBC, 9 ottobre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  216. ^ Disney calls review of EMEA media business. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  217. ^ (EN) Ben Child, Disney discontinues Star Wars and Marvel slot machines, in The Guardian, 29 ottobre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  218. ^ (EN) Todd Spangler, Disney Appoints Twitter’s Jack Dorsey to Board, in Variety, 23 dicembre 2013. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  219. ^ Disney to buy YouTube network Maker Studios for $500 million, in Reuters, Mon Mar 24 22:34:16 UTC 2014. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  220. ^ Walt Disney rescues Euro Disney with $1.3 billion funding deal, in Reuters, Mon Oct 06 18:35:32 UTC 2014. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  221. ^ (EN) Cynthia Littleton, Disney Promotes Tom Staggs to No. 2 Post, Positioning Him as Iger’s Successor, in Variety, 5 febbraio 2015. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  222. ^ Report: DraftKings getting $250 million investment from Disney - The Boston Globe, in BostonGlobe.com. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  223. ^ (EN) Shalini Ramachandran e Amol Sharma, Disney Makes Bet on Sports’ DraftKings, in Wall Street Journal, 4 aprile 2015. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  224. ^ (EN) Daniel Miller, Disney is merging its interactive and consumer products units, in Los Angeles Times, 29 giugno 2015. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  225. ^ (EN) James Rainey, Christine McCarthy Named New Disney Chief Financial Officer, in Variety, 30 giugno 2015. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  226. ^ Disney Invests in Jaunt as Part of $65 Million Round That Makes It Highest-Funded VR Startup, in Recode. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  227. ^ (EN) Disney Forces U.K. Costume Shop to Surrender 'Star Wars' Domain Name, in The Hollywood Reporter. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  228. ^ (EN) The Empire Strikes Back: Disney tractor-beams StarWars.co.uk from Brit biz. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  229. ^ Fuga dalla pay tv. Vince l'on demand - CorCom, in CorCom, 6 novembre 2015. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  230. ^ (EN) Disney Confirms Buying Back Stock Aggressively in the Sell-Off, in 247wallst.com. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  231. ^ (EN) Joe Flint, Disney Launches Digital Subscription Service in Europe, in Wall Street Journal, 21 ottobre 2015. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  232. ^ Matt Kamen, DisneyLife aims to be Disney's all-in-one streaming platform. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  233. ^ (EN) Todd Spangler, What’s Behind Disney’s $1 Billion Investment in Major League Baseball’s Digital Arm, in Variety, 18 agosto 2016. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  234. ^ (EN) Daniel Miller, Thomas Staggs, Disney's No. 2 executive, is leaving the company, in Los Angeles Times, 4 aprile 2016. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  235. ^ Disney agrees to pay $100 million to end no-poaching lawsuit, in Bloomberg.com, 1º febbraio 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  236. ^ (EN) Cynthia Littleton, Bob Iger Extends Contract as Disney CEO Through Mid-2019, in Variety, 23 marzo 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  237. ^ (EN) Final results of the simplified public tender offer on Euro Disney S.C.A. The Walt Disney Company to implement a mandatory buy-out and delisting, in MarketWatch. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  238. ^ Euro Disney va quitter la Bourse de Paris, su FIGARO, 13 giugno 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  239. ^ (EN) Todd Spangler, Disney Sets More Family-Friendly Path for Maker Studios, in Variety, 2 maggio 2017. URL consultato il 23 dicembre 2017.
  240. ^ (EN) Marvel and Star Wars films will ditch Netflix for Disney's own service, in CNET. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  241. ^ (EN) Todd Spangler, Disney to End Netflix Deal, Sets Launch of ESPN and Disney-Branded Streaming Services, in Variety, 8 agosto 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  242. ^ David Faber, Disney and Fox are closing in on deal, could be announced next week: Sources, in CNBC, 5 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  243. ^ Eric Jackson, Disney's latest proposal to Fox is a big bet on local TV sports -- and ESPN, in CNBC, 5 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  244. ^ Disney acquista 21st Century Fox per 52,4 miliardi di dollari, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  245. ^ (EN) The Walt Disney Company To Acquire Twenty-First Century Fox, Inc., After Spinoff Of Certain Businesses, For $52.4 Billion In Stock - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 14 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  246. ^ Michelle Castillo, Disney to buy 21st Century Fox assets for $52.4 billion in stock; Bob Iger to stay on through 2021, in CNBC, 14 dicembre 2017. URL consultato il 24 dicembre 2017.
  247. ^ (EN) 125,000 Disney Employees to Receive $1,000 Cash Bonus and Company Launches New $50 Million Higher Education Program, in thewaltdisneycompany.com, 23 gennaio 2018. URL consultato il 27 aprile 2018.
  248. ^ (EN) Transformative Multi-Year Expansion Announced for Disneyland Paris, 27 febbraio 2018. URL consultato il 27 aprile 2018.
  249. ^ (EN) The Walt Disney Company Announces Strategic Reorganization - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 14 marzo 2018. URL consultato il 1º maggio 2018.
  250. ^ (EN) Mark Sweney, Disney offers to buy Sky News to ease Murdoch's £11.7bn takeover, su the Guardian, 3 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  251. ^ CNBC, UK takeover panel rules Disney must offer to buy all of Sky, in CNBC, 12 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  252. ^ (EN) Infographic: ‘Black Panther’ Reigns Supreme at the Box Office - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 13 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  253. ^ (IT) Black Panther supera Frozen ed entra nella classifica dei dieci maggiori incassi della storia del cinema - BadTaste.it, in BadTaste.it, 4 aprile 2018. URL consultato il 29 aprile 2018.
  254. ^ Sì alla fusione tra AT&T e Time Warner "senza condizioni", in Repubblica.it, 12 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  255. ^ (IT) Sfida a Disney per la Fox: Comcast offre 65 miliardi in contanti - Wired, in Wired, 14 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  256. ^ Disney, 71 miliardi di dollari per 21st Century Fox, in Repubblica.it, 20 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  257. ^ (EN) Mark Sweney, Disney raises offer for 21st Century Fox to $71.3bn and outflanks Comcast, su the Guardian, 20 giugno 2018. URL consultato il 23 giugno 2018.
  258. ^ (EN) Spotlight on Disney's cultural legacy, 5 dicembre 2001. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  259. ^ (EN) Jonathan Weber, The Ever-Expanding, Profit-Maximizing, Cultural-Imperialist, Wonderful World of Disney, in WIRED. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  260. ^ (FR) Paul Ariès, Disneyland: le royaume désenchanté, Golias, 2002, p. 215.
  261. ^ WashingtonPost.com: Disney's Loin King? Group Sees Dirt in the Dust, su www.washingtonpost.com. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  262. ^ (EN) Bill Bradley, Finally, The Truth About Disney's 'Hidden Sexual Messages' Revealed, in Huffington Post, 14 gennaio 2015. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  263. ^ (EN) The Captivity Question, in tribunedigital-orlandosentinel. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  264. ^ BBC News | ENTERTAINMENT | Disney accused over Dalmatians, su news.bbc.co.uk. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  265. ^ (EN) Mireya Navarro, After Movies, Unwanted Dalmatians, in The New York Times, 14 settembre 1997. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  266. ^ (EN) Catholic League Calls for Boycott of Disney, in Catholic League. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  267. ^ (EN) DISNEY DUMPS "DOGMA"; MOVIE, AND PROTEST, PROCEED, in Catholic League. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  268. ^ (EN) NOTHING SACRED ABOUT DISNEY’S "NOTHING SACRED", in Catholic League. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  269. ^ (EN) PETITION DRIVE AGAINST DISNEY HITS MILLION MARK, in Catholic League. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  270. ^ (EN) Disney: The Mouse Betrayed, su Christian Courier. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  271. ^ (EN) Here's a reminder of how the world reacted when Ellen DeGeneres came out, in PinkNews. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  272. ^ (EN) ENVIRONMENTAL MANAGEMENT PROGRAM: BAKER’S BAY GOLF AND OCEAN CLUB GREAT GUANA CAY ABACOS, BAHAMAS (PDF), su henge.bio.miami.edu.
  273. ^ (EN) Disney's duds are tops in sweatshop labour, Oxfam, in CBC News. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  274. ^ (EN) Associated Press, Disney among retailers agreeing to stop on-call scheduling, in OrlandoSentinel.com. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  275. ^ (EN) Sarah Halzack, Disney Store and other retailers ditch on-call scheduling, in Washington Post, 20 dicembre 2016. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  276. ^ (EN) Sandra Pedicini, Disney will pay $3.8 million in back wages after feds allege wage and hour violations, in OrlandoSentinel.com. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  277. ^ (EN) Disney Is Going to Pay $3.8 Million to Employees Who Were Charged for Their Costumes, in Fortune. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  278. ^ WALT DISNEY CO/THE (DIS:New York Consolidated): Company Description - Businessweek, su www.bloomberg.com. URL consultato l'11 aprile 2016.
  279. ^ WALT DISNEY CO/THE (DIS:New York): Company Description - Businessweek, su www.bloomberg.com. URL consultato l'11 aprile 2016.
  280. ^ Fact Book - 2005 (PDF), su archive.wikiwix.com, p. 40. URL consultato il 26 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2017).
  281. ^ (EN) Disney-Abc Television Group Renames Television Studio - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company, 8 febbraio 2007. URL consultato il 26 dicembre 2017.
  282. ^ Christine Wang, Disney announces strategic reorganization, effective immediately, in CNBC, 14 marzo 2018.
  283. ^ a b Annual Report 2017 (PDF), su thewaltdisneycompany.com.
  284. ^ Fact Book 2015 (PDF), su ditm-twdc-us.storage.googleapis.com.
  285. ^ (EN) Form 10-Q sulla Disney, archivi federagli degli stati uniti d'america, su sec.gov.
  286. ^ (EN) The Disney Wilderness Preserve (XML), su nature.org.
  287. ^ a b (EN) dati finanziari The Walt Disney Company, su finance.yahoo.com.
  288. ^ (EN) Steve Jobs’ Family Cuts Disney Stake in Half, su barrons.com.
  289. ^ a b c d e f g h (EN) About - Leadership, Management Team, Global, History, Awards, Corporate Responsibility - The Walt Disney Company, in The Walt Disney Company. URL consultato il 24 giugno 2018.
  290. ^ 2017 Annual Report (PDF), su thewaltdisneycompany.com.
  291. ^ a b c d e f g h (EN) Executive Team | Walt Disney Studios, su www.waltdisneystudios.com. URL consultato il 24 giugno 2018.
  292. ^ Roy O. Disney, su IMDb. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  293. ^ (EN) Access - D23, in D23. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  294. ^ a b (EN) Valerie J. Nelson, Card Walker, 89; Disney Chief From 1971 to 1983 Oversaw Building of Epcot Center, in Los Angeles Times, 1º dicembre 2005. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  295. ^ (EN) Thomas C. Hayes, Disney's Chief Is Forced Out, in The New York Times, 8 settembre 1984. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  296. ^ (EN) Executive Changes, in The New York Times, 28 dicembre 1971. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  297. ^ Chronology of the Walt Disney Company (1980), su kpolsson.com. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  298. ^ Chronology of the Walt Disney Company (1994), su kpolsson.com. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  299. ^ (EN) JAMES BATES e CLAUDIA ELLER, Ovitz to Leave Disney After Rocky Year as President, in Los Angeles Times, 13 dicembre 1996. URL consultato il 27 dicembre 2017.
  300. ^ (EN) Bernard Weinraub, Disney Names New President In Reshuffling, in The New York Times, 2000. URL consultato il 27 dicembre 2017.

Bibliografia

  • (EN) Dave Smith, Disney A to Z: The Updated Official Encyclopedia, New York, Hyperion Books, 1998, ISBN 0-7868-6391-9.
  • (EN) Pat Williams e Jim Denney, How to Be Like Walt: Capturing the Disney Magic Every Day of Your Life, HCI, 2004, ISBN 0-7573-0231-9.
  • (EN) Russel Merritt e JB Kaufman, Walt in Wonderland : The Silent Films of Walt Disney, The Johns Hopkins University Press, 2000, ISBN 0-8018-6429-1.
  • (EN) Dave Smith e Steven Clack, Walt Disney : The first 100 years, New York, Hyperion, 1999, ISBN 978-0-7868-6442-3.
  • (EN) Michael Barrier, The Animated Man: A Life of Walt Disney, University of California Press, 2008, ISBN 0-520-25619-0.
  • (EN) Good Girls and Wicked Witches: Women in Disney's Feature Animation, Amy Michele Davis, New York, John Libbey Publishing, 2007, ISBN 0-86196-673-2.
  • (EN) Leonard Mosley, Disney's World - A Biography by Leonard Mosley, New Youk, Stein and Day, 1985, ISBN 0-8128-8514-7.
  • (EN) Russel Merritt e J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies : A Companion to the Classic Cartoons Series, La Cinecittà del Friuli, ISBN 88-86155-27-1.
  • (FR) Sébastien Roffat, Disney et la France : les vingt ans d'Euro Disneyland, Paris, Editions L'Harmattan, 2007, ISBN 978-2-296-02989-7.
  • (EN) Flora O'Brien, Walt Disney's Donald Duck : 50 years of happy frustation, HPBooks, 1984, ISBN : 0-89586-333-2.
  • (EN) Christopher Finch, The Art Of Walt Disney - From Mickey Mouse To The Magic Kingdoms, New York, Harry N. Abrams, Inc, 1975, ISBN 0-8109-0321-0.
  • (EN) Leonard Maltin, The Disney Films : 3rd Edition, New York, Hyperion Books, 1995, ISBN 0-7868-8137-2.
  • (EN) Bob Thomas, Disney's Art of Animation : From Mickey Mouse to Beauty and the Beast, New York, Hyperion Books, 1991, ISBN 1-56282-899-1.
  • (EN) Charles Solomon, The Disney That Never Was: The Stories and Art of Five Decades of Unproduced Animation, New yourk, Hyperion Books, 1995, ISBN 0-7868-6037-5.
  • (EN) Bob Thomas, Walt Disney, an american original, New York, Simon and Schuster, 1976, ISBN 0-671-22332-1.
  • (EN) Richard Holliss e Brian Sibley, The Disney Studio Story, New York, Octopus, 1990, ISBN 0-7064-3140-5.
  • (EN) Ollie Johnston e Frank Thomas, Walt Disney's Bambi: The Story and the Film, Stewart, Tabori & Chang, 1990, ISBN 1-55670-160-8.
  • (EN) Jimmy Johnson, Inside the Whimsy Works, University Press of Mississippi, 2014, ISBN 978-1-61703-930-0.
  • (EN) Neal Gabler, Walt Disney : The Triumph of the American Imagination, New York, Knopf, 2006, ISBN 0-679-43822-X.
  • (EN) Alex Wright e Walt Disney Imagineering, The Magic Kingdom At Walt Disney World - Updated!: An Imagineer's-Eye Tour, Disney Editions, 2009, ISBN 1-4231-2468-5.
  • (EN) Jeff Kurtti, Since the World began : Walt Disney World Resort, the first 25 years, New York, Hyperion, Disney Enterprises, 1996, ISBN 0-7868-8219-0.
  • (EN) Bill Cotter, The Wonderful World of Disney Television : A Complete History, New York, Hyperion Books, 1997, ISBN 0-7868-6359-5.
  • (EN) Jim Korkis, The Book of Mouse: A Celebration of Walt Disney's Mickey Mouse, Theme Park Press, ISBN 978-0-9843415-0-4.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN121982546 · ISNI (EN0000 0001 2149 6525 · LCCN (ENn86012698 · GND (DE4196621-1 · BNF (FRcb11868138t (data)