Minni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Minnie
Disney minnie mouse.jpg
Universo Disney
Nome orig. Minerva "Minnie" Mouse
Lingua orig. Inglese
Alter ego Minnie McMinny
Autori
Editore The Walt Disney Company
1ª app. 15 maggio 1928
1ª app. in Steamboat Willie
Voci orig.
Voci italiane
Specie Topo
Sesso Femmina

Minni (in inglese Minnie Mouse o, raramente, Minerva Mouse, erroneamente nota in Italia anche come Topolina) è un personaggio immaginario dei cartoni animati e dei fumetti creato da Walt Disney e Ub Iwerks nel 1928, esordendo nel cortometraggio L'aereo impazzito (Plane Crazy) e famosa per essere l'eterna fidanzata di Topolino.[1][2] Il personaggio è apparso come comprimario e, più raramente, come protagonista, in migliaia di storie a fumetti realizzate in vari paesi del mondo.[3]

Genesi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Walt Disney e Ub Iwerks nel 1928 creano Topolino in sostituzione del loro personaggio precedente, Oswald del quale non detenevano più i diritti e gli affiancarono una controparte femminile.[2][4] Graficamente è identica a Topolino del quale ha le stesse dimensioni e proporzioni mentre i tratti somatici sono resi femminili tramite lunghe ciglia, rossetto sulle labbra e abiti femminili,[2] con la parte superiore del corpo nuda e come unico vestito una gonna a pois. Un piccolo cambiamento avviene nel 1939 quando gli occhi vengono dotati di pupille.

Il personaggio di Oswald era caratterizzato anche da una costante ricerca di una compagna e dunque, affinché Topolino potesse emulare il suo predecessore nelle peripezie d'amore, qualcuno doveva prendere il posto dei tanti amori di Oswald. Questo rimpiazzamento in Miss Rabbit, Miss Cottontail, Fanny e un incerto numero di infermiere senza nome stava per dare origine a Minni.[senza fonte]

Il personaggio, ancora senza nome, era disegnata nei panni di una "flapper", una giovane irriverente nel vestire e decisamente fuori dagli schemi degli anni venti. Era probabilmente voluto che seguisse le mode della cultura giovanile di allora in modo da aumentare il suo indice di gradimento.[senza fonte]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Nella storia Topolino e il mistero delle collane (The Gleam, 1942) realizzata da Floyd Gottfredson e Merrill De Maris, le viene dato il nome completo di Minerva Mouse, nome comunque usato raramente; nella precedente storia a fumetti Topolino e il bel gagà (Mr. Slicker and the Egg Robbers, 1930) vengono introdotti i personaggi di suo padre Marcus Mouse e sua madre, del quale non venne specificato il nome, entrambi agricoltori; nella stessa storia compaiono fotografie dei suoi nonni Marshall Mouse e Matilda Mouse. Ha anche uno zio Mortimer e alcune nipoti, Millie e Melody Mouse. Da sempre fidanzata con Mickey Mouse, di professione è inizialmente casalinga ma in storie più moderne a volte fa l'impiegata; abita a Topolinia (Mouseton) in una villetta suburbana in legno.[1][2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1928 al 1930[modifica | modifica wikitesto]

Topolino e Minni debuttarono insieme nel cortometraggio L'aereo impazzito, un cartone animato del maggio 1928[2] nel quale i due fanno un volo su un aeroplano; nel secondo cortometraggio, Topolino gaucho, il terzo a essere distribuito nel 1928, Minni è una cameriera che balla il tango per Topolino gaucho e per Gambadilegno il fuorilegge, con entrambi le fanno la corte; quest'ultimo intende rapirla; tutti e tre i personaggi appaiono stranieri che si conoscono per la prima volta. Nel terzo corto, Steamboat Willie, il secondo a essere proiettato nel 1928, Gambadilegno è il capitano di un battello con Topolino come mozzo e Minni loro unica passeggera. Il corto fu un successo notevole e vennero prodotti altri dodici film con Topolino nel 1929 dei quali Minni compariva in sette e menzionata in un ottavo: il primo fu I due cavalieri di Minni (The Barn Dance), distribuito il 14 marzo con Minni al centro delle attenzioni di Topolino e Gambadilegno; segue The Opry House, distribuito il 28 marzo, che è stato il primo corto di Topolino senza Minni anche se in un manifesto viene menzionata; riapparve poi in Via il gatto, Topolino balla (When the Cat's Away), distribuito l'11 aprile, nel quale va a una festa con Topolino. Il corto mostrava una raffigurazione inusuale di Minni e Topolino, mostrando taglia e parti dei normali topi. Il normale uso prima e dopo questo corto fu di mostrarli con la taglia di un essere umano piuttosto basso.[non è chiaro] Il personaggio ritornò nel corto L'aratro di Topolino (The Plow Boy), distribuito il 9 maggio, nei panni di una contadina dove chiede a Topolino di mungere la mucca Clarabella, compare anche Orazio nei panni del cavallo di Minni e nel successivo The Karnival Kid (23 maggio) dove Topolino è un venditore di hot dog e Minni una danzatrice. Minni torna poi come una suonatrice di flauto in Il treno di Topolino (Mickey's Choo Choo, 26 giugno) e in Le follie di Topolino (Mickey's Follies, 26 giugno) corto significativo anche perché Topolino dedica a Minni una canzone che stabilisce che sono una coppia. La sua ultima apparizione per quell'anno fu in Topolino tra le foche (Wild Waves, 15 agosto) dove Minni trascorre una giornata alla spiaggia con Topolino.

Nel 1930 compare nel corto Topolino vince il bandito (The Cactus Kid, 11 aprile) parodia di un film western ma è anche un remake di Topolino gaucho ambientato in Messico. Il corto è l'ultimo con Topolino e Minni a essere animato da Ub Iwerks. Seguirono Topolino ballerino (The Shindig, 11 luglio 1930) con Topolino, Orazio e Clarabella la quale è la protagonista. In Topolino pompiere (The Fire Fighters, 6 agosto 1930) Minni è intrappolata in un hotel che va a fuoco. Compare anche Orazio una mucca non nominata sullo sfondo. Minni ritorna in Topolino e il gorilla (1º ottobre 1930) con un gorilla che scappa dallo zoo e rapisce Minni. In Il picnic di Topolino (14 novembre), Minni presenta al suo fidanzato il suo nuovo cagnolino Rover: è la prima apparizione di Pluto. L'ultima apparizione del personaggio nel 1930 fu in Topolino e i pellerossi (10 dicembre 1930), dove lei e Topolino sono due pionieri nel far west.

Apparizioni successive[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà degli anni trenta, il personaggio riduce la sua presenza nei cortometraggi di Topolino a causa del successo di altri comprimari come Pippo, Paperino e Pluto. Dopo i cortometraggi degli anni trenta, il personaggio compare nel lungometraggio Pinocchio del 1940 e, nel corso degli anni quaranta torna ad avere ruolo da protagonista in alcuni cortometraggi con Pluto e Figaro. Il personaggio ricompare negli anni ottanta nel mediometraggio Canto di Natale di Topolino (Mickey's Christmas Carol, 1983) e, come protagonista, nello speciale televisivo della NBC Totally Minnie.[5] Nel 1999 compare nella serie di cartoni animati per la televisione Mickey Mouse Works. Successivamente torna nella serie animata televisiva House of Mouse - Il Topoclub dal 2001 al 2004 e nel lungometraggio Topolino Paperino Pippo: I Tre Moschettieri.

Minni viene spesso rappresentata come damigella in pericolo, anche spesso legata e imbavagliata, come in Topolino e il mondo che verrà.[senza fonte]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Strisce giornaliere[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1930 il distributore King Features Syndacate chiese a Disney e a Iwerks, i creatori di Topolino e Minni e già apparsi nei cortometraggi, di realizzare una striscia a fumetti giornaliera dedicata ai personaggi che esordì il 13 gennaio 1930 sui alcuni quotidiani statunitensi[6]. In questa prima storia (Mickey and Minnie Take to the Air)[2], sceneggiata da Disney e disegnata da Iwerks, Minni fa il suo debutto nelle storie a fumetti[7] decidendo di salire sull'aeroplano costruito dal suo fidanzato, salvo scendere dall'aeroplano in volo con le mutande utilizzate come paracadute. Minni fa la sua seconda apparizione nella storia Topolino nella valle infernale (Mickey Mouse In Death Valley, 1930, disegnata da Floyd Gottfredson)[8] in cui cerca insieme a Topolino la miniera di suo zio ricercata anche da Pietro Gambadilegno (alla sua prima apparizione) e Lupo. Nella storia successiva Minni fa disperare Topolino, che addirittura tenta il suicidio per amore. Gottfredson nel 1932 decide di rendere meno comiche e più avventurose le storie a fumetti e, coadiuvato da altri sceneggiatori come Merrill De Maris e Ted Osborne fa agire spesso Minni in coppia con Topolino in avventure di ampio respiro come Topolino contro il pirata (1933), Topolino nel paese dei califfi (1934), Topolino sosia di re Sorcio (1937-38) e Topolino e il gorilla Spettro (1936-37), Topolino e il boscaiolo (1941). Oltre a queste avventure di ampio respiro, il personaggio viene impiegato anche in avventure più quotidiane come Topolino e Piedidolci, Topolino e l'illusionista con il personaggio si Bubbo, molto simile a Topesio, con il quale fa ingelosire Topolino che però la ripaga fingendo di uscire con sua cugina Milli. Nel 1943 la sceneggiatura delle storie disney a strisce passa a Bill Walsh e il personaggio cambia diventando con il passare degli anni una donna pettegola, gelosa e dotata in questo di vari difetti delle donne secondo Walsh e così è anche nelle strisce autoconclusive successive al 1955 dove vengono presi in giro i suoi cappelli strambi dalle forme più disparate, i suoi manincaretti immangiabili, la sua incapacità al volante.

Comic book[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda le altre storie a fumetti diverse dalle strisce, Minni non gioca un ruolo di primo piano anche se sono state realizzate storie relative alla sua relazione con Topolino, pubblicate su Topolino.

Nei parchi a tema[modifica | modifica wikitesto]

Minni al Magic Kingdom

Nel parco a tema Disneyland in California, al Magic Kingdom in Florida e a Disneyland a Tokyo in Giappone Sci sono riproduzioni in scala reale della casa di Minnie.

Elenco dei cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi della serie Mickey Mouse, se non diversamente indicato

anni venti[modifica | modifica wikitesto]

1928[modifica | modifica wikitesto]

1929[modifica | modifica wikitesto]

anni trenta[modifica | modifica wikitesto]

1930[modifica | modifica wikitesto]

1931[modifica | modifica wikitesto]

  • The Birthday Party
  • Traffic Troubles
  • The Delivery Boy
  • Mickey Steps Out
  • Blue Rhythm
  • The Barnyard Broadcast
  • The Beach Party
  • Mickey Cuts Up
  • Mickey's Orphans

1932[modifica | modifica wikitesto]

  • The Grocery Boy
  • Barnyard Olympics
  • Mickey's Revue
  • Musical Farmer
  • Mickey in Arabia
  • Mickey's Nightmare
  • The Whoopee Party
  • Touchdown Mickey
  • The Wayward Canary
  • The Klondike Kid

1933[modifica | modifica wikitesto]

  • Building a Building
  • Mickey's Pal Pluto
  • Mickey's Mellerdrammer
  • Ye Olden Days
  • The Mail Pilot
  • Mickey's Mechanical Man
  • Mickey's Gala Premier
  • Puppy Love
  • The Steeplechase
  • The Pet Store

1934[modifica | modifica wikitesto]

  • Shanghaied
  • Camping Out
  • Mickey's Steamroller
  • Two-Gun Mickey

1935[modifica | modifica wikitesto]

  • On Ice

1936[modifica | modifica wikitesto]

  • Mickey's Rival

1937[modifica | modifica wikitesto]

  • Hawaiian Holiday

1938[modifica | modifica wikitesto]

  • Boat Builders
  • Brave Little Tailor

1939[modifica | modifica wikitesto]

Mickey's Surprise Party (in a commercial short)

anni quaranta[modifica | modifica wikitesto]

  • The Little Whirlwind (1941)
  • The Nifty Nineties (1941)
  • Mickey's Birthday Party (1942)
  • First Aiders (1944, della serie di Pluto)
  • Bath Day (1946, della serie di Figaro)
  • Figaro and Frankie (1947, della serie di Figaro)
  • Mickey's Delayed Date (1947)
  • Pluto's Sweater (1949, della serie di Pluto)

anni cinquanta[modifica | modifica wikitesto]

  • Pluto and the Gopher (1950, della serie di Pluto)
  • Crazy Over Daisy (1950, cameo nella serie di Donald Duck)
  • Pluto's Christmas Tree (1952)

anni ottanta[modifica | modifica wikitesto]

anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

2000[modifica | modifica wikitesto]

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Appare nella serie di videogiochi Kingdom Hearts come la Regina del Castello Disney, con Topolino che interpreta il Re suo marito. Dopo aver letto una lettera dello scomparso Re Topolino, manda Paperino e Pippo in missione per trovare Topolino e il custode del Keyblade. Nel secondo gioco della serie, Kingdom Hearts II, c'è una missione in cui i personaggi principali devono viaggiare attraverso il Castello Disney come guardie del corpo di Minnie. Durante questo periodo, Minnie mostra abilità di maga, facendo un incantesimo contro un Heartless che attacca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Topolino, su www.topolino.it. URL consultato il 26 giugno 2017.
  2. ^ a b c d e f Minni, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ (EN) Minnie Mouse, su coa.inducks.org. URL consultato il 26 giugno 2017.
  4. ^ (EN) Ub Iwerks, su lambiek.net. URL consultato il 22 giugno 2017.
  5. ^ Charles Solomon, Television Reviews `Disney's Totally Minnie': Live Action, Animation, in The Los Angeles Times, 25 marzo 1988. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  6. ^ FFF - MICKEY MOUSE, su www.lfb.it. URL consultato il 26 giugno 2017.
  7. ^ (EN) Lost on a Desert Island, su coa.inducks.org. URL consultato il 26 giugno 2017.
  8. ^ (EN) Mickey Mouse In Death Valley, su coa.inducks.org. URL consultato il 26 giugno 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]