Maga Magò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maga Magò
MagaMagò 1.png
Universo Disney
Nome orig. Mad Madam Mim
Lingua orig. Inglese
Autori
Studio The Walt Disney Company
1ª app. 1963
1ª app. in La spada nella roccia
Voce orig. Martha Wentworth
Voce italiana Lydia Simoneschi
Specie Umana
Sesso Femmina
Professione Maga
Poteri

Maga Magò (mad Madam Mim) è un personaggio Disney che compare sia nel lungometraggio di animazione La spada nella roccia sia in numerose storie a fumetti. Il suo nome originale, mad Madam Mim, significa la matta signora[1] Mim.

Nei libri di T.H. White da cui è tratto il film, Maga Magò è presente solo nelle edizioni originali, mentre fu tagliata nelle stesure revisionate. Disney decise di recuperare il personaggio rendendolo più comico.

Maga Magò sullo schermo[modifica | modifica wikitesto]

« Merlino?! Oh, oh! Merlino: il più potente pasticcione del mondo! Ragazzo, ho più magia io nel mio dito mignolo!

Oh, oh! Non dirmi che non hai mai sentito parlare della meravigliosa Maga Magò?! »

(Celebre battuta di Magò, rivolta a Semola)

Maga Magò, principale antagonista del Classico Disney del 1963 La spada nella roccia (nonostante il suo corto ruolo), viene presentata come l'acerrima nemica di Mago Merlino, e quindi in contrasto anche con Artù (chiamato Semola nel film) e il gufo Anacleto.

Ha l'aspetto di una donna bassa (probabilmente affetta da nanismo), sovrappeso, apparentemente tra la mezza e la terza età, con la bocca sdentata, i capelli violetti a caschetto e gli occhi verdi, mentre il suo abbigliamento è costituito da un abito viola e rosa. Nonostante sembri una signora buffa e innocua, Magò è in realtà la maga più potente del mondo, e una persona malvagia, esuberante, sicura di sé e infida, con una passione sfrenata per giochi e scommesse, disposta a fare qualsiasi cosa per vincere, anche barare.

Merlino e Anacleto la conoscono già; difatti il gufo, spaventato, l'ha riconosciuta mentre questa parlava con Semola, mentre il mago (corso in aiuto del ragazzo) la chiama subito per nome con un tono di disdegno nei suoi confronti.

Inizialmente la vediamo nella sua abitazione, una casa di mattoni arredata con tipici mobili di legno e piazzata nella foresta (la stessa dove abitava Merlino all'inizio del film, ma da un'altra parte). Mentre questa aveva intenzione di uccidere Semola per gioco, Merlino giunge tempestivamente in soccorso del fanciullo e, minacciandosi a vicenda, i due maghi fanno un duello all'ultima magia in cui si trasformano in animali; infine, mentre Magò cerca di barare trasformandosi in un drago sputafuoco, Merlino la batte d'astuzia, mutandosi in un germe e facendola ammalare. Poi qui si scopre anche che Magò odia la luce del sole; i suoi occhi sono abituati all'oscurità e alla luce meno intensa.

Oltre che nella Spada nella roccia, Maga Magò compare talvolta in House of Mouse - Il Topoclub, come ospite di Topolino con altri personaggi della Disney e la si vede nella sfilata di cattivi all'interno del lungometraggio speciale Topolino e i Cattivi Disney dov'è disegnata coi capelli grigi anziché violetti.

Maga Magò nei fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Nei fumetti, Magò è rappresentata talvolta come una collega di stregonerie di Amelia; la va a trovare spesso sul Vesuvio, anche se i rapporti tra le due non sono dei migliori. Maga Magò è soprattutto interessata ai filtri d'amore di Amelia, che spera possano aiutarla a conquistare il suo amato Macchia Nera.

In altre storie Magà Magò non è personaggio negativo: compare come vicina di Nonna Papera, oppure interagisce con Topolino e Pippo, o ancora la si vede pazzamente innamorata di Archimede Pitagorico. Magò compare inoltre come vicina di Dinamite Bla, ed è accolta nell'associazione le "zitelle anonime", il cui unico scopo è quello di conquistare Dinamite; in cambio, le zitelle danno consigli alla maga su come conquistare Macchia Nera.

Graficamente la Magò dei fumetti è più alta della sua controparte animata ed ha i capelli biondi anziché violetti.

Magò è apparsa in numerosi fumetti prodotti negli Stati Uniti dalla Studio Program negli anni sessanta e settanta. La maggior parte delle storie sono state pubblicate in Europa e in Sud America. Tra gli artisti ci sono Jim Fletcher, Tony Strobl, Wolfgang Schäfer e Katja Schäfer. Sono stati introdotti diversi nuovi personaggi in queste storie, tra cui Civetto, un apprendista di Magò e Amelia.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il termine "Madame" può anche essere tradotto con Madama, appellativo che Merlino usa spesso quando si rivolge a lei
  2. ^ Samson Hex at the Inducks
Fumetti Portale Fumetti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fumetti