Plottigat

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Plottigat
UniversoDisney
Nome orig.Portis
Lingua orig.Italiano
AutoreRomano Scarpa
EditoreArnoldo Mondadori Editore
1ª app. inTopolino e il Pippo-Lupo
app. it.9 gennaio 1977
Speciegatto antropomorfo
SessoMaschio
Professioneinventore

Plottigat (Portis), soprannominato anche Plotty, è un personaggio dei fumetti Disney creato da Romano Scarpa nella storia Topolino e il Pippo-Lupo del 1977. Nelle traduzioni americane delle storie viene ribattezzato Portis.

Cugino nonché complice di Pietro Gambadilegno, è egli stesso un gatto, dalla corporatura imponente simile a quella di Basettoni e Manetta ma meno corpulento. Il suo fisico da lottatore contrasta con il camice da scienziato con cui viene usualmente raffigurato.

Il personaggio infatti è stato introdotto per dare un sostegno "tecnologico" ai piani più arditi dell'arcinemico di Topolino, a cui fornisce di volta in volta gadget fantascientifici e ispirati ai macchinari delle saghe di 007 e consimili.

Nella prima apparizione, con una pozione trasforma Pippo in un uomo lupo per i suoi loschi scopi; infatti il Pippo mannaro rapisce i gatti di Topolinia e li porta a Plottigat. L'intenzione di Plottigat è di alterare i gatti con mezzi chimici in modo da spacciare le loro pellicce per quelle di animali pregiati quali visoni e zibellini. Alla fine però Topolino e Bruto/Gancetto, il figlio di Gancio il Dritto, sventano il piano.

Nel numero 3094 di Topolino, del marzo 2015, Plottigat è stato utilizzato per interpretare Billy Bones nella parodia de L'isola del tesoro, di Stefano Turconi e Teresa Radice, prendendo il nome di Plotty Bones, pirata con un particolare sogno nel cassetto: diventare alpinista e scalare il Monte Bianco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]