Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Doretta Doremì

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

« Non hai rubato il mio oro, ma temo proprio... che tu abbia rubato il mio cuore! »

(Paperone a Goldie nell'episodio 33 di Duck Tales, Ritorno al Klondike)
Doretta Doremì
Goldie.jpg
Goldie nell'episodio Le nozze di zio Paperone dalla serie animata Duck Tales
UniversoThe Walt Disney Company
Nome orig.Goldie O'Gilt
Lingua orig.Inglese
AutoreCarl Barks
EditoreThe Walt Disney Company
1ª app.marzo 1953
1ª app. inFour Color Comics n. 456, Zio Paperone e la Stella del Polo (Back to the Klondike)
Voci orig.
Voce italianaLudovica Modugno (Duck Tales)
SpeciePapera antropomorfa
SessoFemmina
Etniaamericana

Doretta Doremì (Goldie O'Glit o Glittering Goldie, letteralmente "Oro luccicante") è un personaggio dell'universo Disney, creato nel 1953 dal fumettista Carl Barks. Barks utilizzò il personaggio in solo una storia (Zio Paperone e la Stella del Polo), dalla quale si evince che all'epoca della corsa all'oro in Klondike Doretta e Paperone provarono reciproca attrazione; salvo qualche rara occasione, il personaggio non fu più utilizzato neanche da altri autori fino agli anni novanta del Novecento, quando Don Rosa lo riprese e sviluppò nella sua Saga.

Personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Fisicamente Doretta ha i capelli biondi mossi, raccolti in un'elegante acconciatura e fermati con una coroncina-pettine. Per descrivere i suoi occhi, azzurri ed abbaglianti come cristalli di ghiaccio, Paperone dice “I suoi occhi erano scintillanti come stelle”. Indossa un abito da ballo color verde acqua e le sue tonalità, con in fondo dei piccoli pon-pon vaporosi. Indossa scarpe da ballo, gialle col tacco, numerosi anelli, una collana di perle e due orecchini che sembrano di diamanti. Fu una vecchia fidanzata di Paperon de' Paperoni ai tempi in cui questi era cercatore d'oro in Klondike. Al loro primo incontro, Doretta, che lavorava nella sala da ballo Bolla D'oro, drogò Paperone per derubarlo. Una volta risvegliato e scoperto il raggiro, Paperone tornò infuriato alla sala da ballo, dove le fece firmare un pagherò, la rapì e la fece lavorare un mese nella sua concessione per mostrarle cosa vuol dire guadagnarsi da soli l'oro onestamente e col duro lavoro. In seguito i due si innamorarono.

Il personaggio di Doretta Doremì è stato approfondito dal famoso fumettista americano grande ammiratore di Barks Don Rosa (ispirandosi al personaggio realmente esistito Kathleen Rockwell detta "Klondike Kate" Rockwell) nella Saga di Paperon de Paperoni. Appare nel capitolo 8 L'argonauta del Fosso dell'Agonia Bianca e in seguito nel capitolo aggiuntivo alla Saga Cuori nello Yukon. Di recente è stato sviluppato sempre da Don Rosa un terzo capitolo che si colloca fra i due precedenti, La prigioniera del fosso dell'agonia bianca, il cui titolo è dedicato a Doretta stessa, in cui si narra che cosa c'è stato tra lei e Paperone. Doretta Doremì appare anche nella storia Zio Paperone in Qualcosa di veramente speciale, ancora dello stesso autore. In occasione del cinquantenario dell'arrivo di Paperone a Paperopoli, viene indetto un concorso per regalare qualcosa di speciale al papero che ha tutto. I nipotini riescono a regalargli qualcosa che il denaro non può comprare: organizzano una colletta per far giungere Doretta a Paperopoli: qui essa darà al ricco papero un appassionante bacio.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è stato utilizzato in Italia anche da Romano Scarpa, nella storia Arriva Paperetta Yè Yè, in cui si scopre che vive in un ospizio nel Midwest e che è nonna di una ragazza adolescente, Paperetta Ye Ye, che affiderà a Zio Paperone.

Sempre in Italia, nel 2005 è apparsa come "attrice" nella parodia Paperina di Rivondosa, interpretando la nonna del protagonista.

Da segnalare infine la storia del 1997 Zio Paperone e le grandi conquiste[1](scritta proprio in occasione dei cinquant'anni del papero più ricco del mondo e pubblicata su Topolino 2195) di Gianfranco Cordara e Andrea Ferraris. In questa storia una reporter decide d'intervistare le donne di Paperon de Paperoni (tra cui vi sono anche Amelia e Miss Paperett e un altro vecchio amore di Paperone creato da Giorgio Cavazzano, Molly McGold) dove Doretta appare come socia in affari di Paperone (possiede infatti molti pozzi di petrolio) e dà una versione diversa della sua storia con il vecchio papero, raccontando di averlo ridrogato la sera del suo compleanno per poter fuggire, prima di scegliere poi di rimanere con lui fino al termine dell'inverno.

Cartoni[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è stato utilizzato anche nella serie TV Duck Tales, nell'episodio 33 Ritorno al Klondike, ispirato alla storia di Carl Barks Zio Paperone e la stella del polo, rispetto alla quale presenta però varie differenze (come l'introduzione del rivale in amore di Paperone, Pericoloso Dan, che rubò l'oro di Paperone e Doretta per far sì che i due si lasciassero), nel 47 Cenerentolo (dove prende le vesti di una principessa nel sogno di Paperone) brevemente nel 65 Le nozze di zio Paperone (dove insegue l'amato col fucile perché stava per sposare la ricca Milionaria Vanderbucks, che l'ha corteggiato e sedotto per ottenere i suoi soldi), e nel 93 Lassù sui monti Paperi dove viene corteggiata sia da Paperone che da Cuordipietra per ottenere un suo terreno ricco d'oro. Inoltre appare anche come statua nell'episodio I predatori dell'arpa perduta e come statuetta nell'episodio Il cucciolo di Paperone.
Nella serie animata il suo nome è stato tradotto letteralmente, infatti viene chiamata nella prima serie La scintillante Goldie, mentre nella seconda Doretta Paperetta.

Il personaggio ritornerà anche nella serie DuckTales, in onda dal 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]