Wells Fargo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Wells Fargo
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaPublic company
Borse valoriNYSE: WFC
ISINUS9497461015
Fondazione1852 a San Francisco
Fondata da
  • Henry Wells
  • William Fargo
Sede principaleSan Francisco
Persone chiave
SettoreBancaria
ProdottiServizi finanziari
FatturatoUSD 88,3 miliardi[1] (2017)
Utile nettoUSD 22,1 miliardi[1] (2017)
Dipendenti262.700[1] (2017)
Slogan«Together we'll go far (Insieme andremo lontano
Sito web

La Wells Fargo & Co è una multinazionale statunitense di servizi finanziari con sede a San Francisco, in California, e operante in tutto il mondo. Wells Fargo è una delle quattro più grandi banche degli Stati Uniti insieme a Bank of America, Citigroup e JP Morgan Chase. In particolare è la quarta banca per attività, la terza per capitalizzazione borsistica degli Stati Uniti.[2], la seconda per depositi, servizi ipotecari e carte di debito. Secondo Fortune 500 è classificata al 27° posto delle aziende più grandi negli Stati Uniti.

Wells Fargo nella sua forma attuale è il risultato di una fusione nel 1998 tra Wells Fargo & Company con sede a San Francisco e Norwest Corporation con sede a Minneapolis e la successiva acquisizione nel 2008 di Wachovia con sede a Charlotte. A seguito delle fusioni, la società ha trasferito la sede centrale nella sede di Wells Fargo a San Francisco. Nel dicembre 2017 ha 8.200 filiali al dettaglio e 13.000 sportelli automatici, opera in 35 paesi e ha oltre 70 milioni di clienti in tutto il mondo. A partire da ottobre 2015 la società ha un rating di AA-. Tuttavia, per un breve periodo nel 2007, la società è stata l'unica banca con rating AAA.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inserzione della Wells Fargo del 1914, con una cartina che mostra le zone servite

I trasporti di linea[modifica | modifica wikitesto]

La Wells, Fargo & Company è fondata a New York nel 1852 da Henry Wells e William Fargo, i quali, insieme a John Warren Butterfield, hanno fondato due anni prima la American Express. Butterfield, tuttavia, non è interessato a partecipare all'espansione dell'attività verso la California dove si sta svolgendo la corsa all'oro. La società si occupa sia di servizi bancari che di trasporti in diligenza.

Nel 1860 la Wells Fargo ottiene il controllo della Butterfield Overland Mail Company, che gestisce la parte occidentale del percorso del Pony Express. Sei anni più tardi, nel 1866, le compagnie di diligenze Wells Fargo, Holladay e Overland Mail si fondono sotto il nome di Wells Fargo.

Nel 1905 l'azienda separa le attività di trasporto da quelle bancarie: queste ultime si fusero con la Banca del Nevada, diretta da Isaias W. Hellman, che l'avrebbe ribattezzata Nevada National Bank nel 1898.

Nel 1918, come misura in tempo di guerra, le attività della Wells Fargo nel campo dei trasporti sono nazionalizzate insieme a quelle della Adams Express, della Southern Express e della American Express per formare la Railway Express Agency che poi viene privatizzata al termine della guerra. La banca si concentra sui mercati commerciali.

La banca[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1923 la Wells Fargo Nevada National Bank si unisce alla Union Trust Company per formare la Wells Fargo Bank & Union Trust Company. Nel 1929 è fondata la Northwest Bancorporation come associazione bancaria.

Nel 1954 la Wells Fargo & Union Trust abbrevia il proprio nome in Wells Fargo Bank. Nel 1960 la Wells Fargo si fonde con la American Trust Company, dando vita alla Wells Fargo Bank American Trust Company, che nel 1962 cambierà nome in Wells Fargo Bank.

Nel 1986 la Wells Fargo acquisisce la Crocker National, filiale della Midland Bank dal 1980: si tratta della più importante acquisizione bancaria degli Stati Uniti fino a quel momento. La Wells Fargo prevede di eliminare di conseguenza 5.000 posti di lavoro e 120 agenzie[3][4].

Cartina della presenza della Wells Fargo nel 2015

Nel 1996 la Banca acquisisce il controllo della First Interstate. Anche in questo caso si tratta della più grande acquisizione del settore bancario americano fino ad allora. L'operazione comporta l'eliminazione di 10.000 posti di lavoro[5].

Nel 1998 la California Wells Fargo & Co. si fonde con la Norwest Corporation dando vita alla attuale Wells Fargo. La nuova impresa decise di mantenere il nome Wells Fargo, per capitalizzare il marchio e la riconoscibilità sul mercato, e di avere sede a San Francisco anziché a Minneapolis dove era la sede della Northwest[6][7][8].

Nel 2007 è l'unica banca degli Stati Uniti a conservare una classificazione AAA per S&P,[9] classificazione poi ridotta a AA-[10] durante la grande recessione.

Nel 2008 la Wells Fargo acquisisce per 15 miliardi di dollari la Wachovia[11][12]. In seguito a questa acquisizione il gruppo ha una rete di 6.650 agenzie e 12.260 sportelli bancomat per 48 milioni di clienti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Wells Fargo & Company, Form 10-K, Annual Report, Filing Date Mar 1, 2018, in secdatabase.com. URL consultato il 13 maggio 2018.
  2. ^ (EN) Wells Fargo & Company - Google Finance, su google.com.
  3. ^ Crocker absorbed into Wells Fargo, Andrew Pollack, The New York Times, 31 maggio 1986
  4. ^ Wells Fargo Will Take Over 116-Year-Old Bank This Week : Crocker Nearly Gone but Not Forgotten, Los Angeles Times, 27 maggio 1986
  5. ^ Wells Fargo Wins Battle for First Interstate, Saul Hansell, The New York Times, 25 gennaio 1996
  6. ^ Wells Fargo And Norwest Plan Merger, Timothy L. O'Brien, The New York Times, 9 giugno 1998
  7. ^ Norwest, Wells Fargo Agree to Form Banking Giant in $31.4 Billion Pact, Matt Murray, The Wall Street Journal, 9 giugno 1998
  8. ^ Business: The Company File Wells Fargo, Norwest to merge, BBC, 8 giugno 1998
  9. ^ Browser Warning[collegamento interrotto]
  10. ^ S&P Downgrades Wells Fargo, U.S. Bancorp, Other Banks, BusinessWeek, 17 giugno 2009. URL consultato il 18 gennaio 2015.
  11. ^ Wells Fargo to Buy Wachovia in $15.1 Billion Deal, 3 ottobre 2008
  12. ^ Wachovia Chooses Wells Fargo, Spurns Citi, David Enrich e Dan Fitzpatrick, The Wall Steet Journal, 4 ottobre 2008
Una filiale di fine Ottocento ad Apache Junction, Arizona


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132150619 · ISNI (EN0000 0001 2229 8176