Hulu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Hulu
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione29 agosto 2007
Fondata da
  • Beth Comstock
  • Jason Kilar
Sede principaleLos Angeles
GruppoWalt Disney Direct-to-Consumer & International
Persone chiaveRandy Freer, AD
SettoreMedia
Fatturato1.000.000.000$ (2013)
Slogan«Watch your favorites. Anytime. For free.»
Sito webwww.hulu.com/

Hulu è una piattaforma streaming di video on demand statunitense operante nella distribuzione di film, serie televisive e altri contenuti d'intrattenimento.

È una delle più importanti società di streaming di film e serie TV insieme a Netflix, Prime Video, Disney+, HBO Max, Apple TV+, Peacock e NOW.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'iniziativa Hulu fu inizialmente annunciata nel marzo del 2007 con AOL, MSN, Myspace e Yahoo! inizialmente come partner distributivi. Jason Kilar, precedentemente ad Amazon.com, viene nominato amministratore delegato in giugno. Il nome Hulu viene scelto alla fine di agosto, quando il sito venne finalmente pubblicato con un solo annuncio al riguardo ma nessun contenuto. In ottobre Hulu inizia una fase di beta privata sia per gli utenti che avevano precedentemente lasciato il loro indirizzo di posta elettronica sia per i loro amici tramite un sistema ad inviti. Hulu lancia definitivamente il servizio il 12 marzo del 2008. Hulu, società di ventura tra NBC Universal e News Corp, ha ricevuto anche fondi da Providence Equity Partners per un importo pari a 100 milioni di dollari e il 10% di azionariato. Il nome Hulu viene da un proverbio cinese (宝葫芦) che significa "detentore di cose preziose". Letteralmente si riferisce in cinese alla zucca a fiasco.

Espansione territoriale[modifica | modifica wikitesto]

Ad oggi Hulu è accessibile in due soli Paesi: Stati Uniti e Giappone.[1] Originariamente presente solo negli States, nel 2010 il Financial Times rivelò per la prima volta la volontà da parte dell'azienda di intraprendere un'espansione territoriale, identificando nel Regno Unito e nel Giappone i primi potenziali mercati dove esportare Hulu più agevolmente.[2] Difatti, il 1º settembre 2011, il servizio è stato lanciato in Giappone.[3]

Dal 23 febbraio 2021 è integrato con il servizio Star (in America Latina Star+).[4][5]

Fornitore di contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Programmi televisivi di Hulu e Categoria:Film di Hulu

Hulu distribuisce i propri video attraverso sia il proprio sito sia altri siti che li ospitano. In aggiunta ai programmi di NBC e Fox, Hulu trasmette anche quelli da altri network come Comedy Central, PBS, USA Network, Bravo, Fuel TV, FX, SPEED Channel, Sci Fi, Style, Sundance, E!, G4, Versus e Oxygen.

Hulu offre episodi interi o parti di essi da oltre quattrocento trasmissioni televisive, alcune che non vengono più trasmesse, altre ospitate su diversi servizi video e la maggior parte di esse visibili solamente negli Stati Uniti. Inoltre Hulu permette agli utenti di condividere e modificare parti di tali video.

Dal 2011 Hulu realizza produzioni la cui distribuzione avviene anche in territorio internazionale.[6]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Hulu offre oltre cento produzioni cinematografiche, includendo sia i grandi classici sia i film più recenti. I contenuti cinematografici vengono forniti da case produttrici come Universal Pictures, 20th Century Studios, MGM, Lionsgate Entertainment e Sony Pictures. In aggiunta a questo, Hulu offre anticipazioni per i nuovi film e per quelli in uscita. I film con contenuto non adatto ad alcune fasce della popolazione sono visibili non censurati solo per gli utenti registrati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Why can't I use Hulu internationally?, su hulu.com, Hulu. URL consultato il 12 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Matthew Garrahan, Hulu eyes launching global pay platform, su The Financial Times, 8 luglio 2010.
  3. ^ (EN) Hulu to Launch in Japan, su The Hollywood Reporter, 1º settembre 2011.
  4. ^ Disney+: annunciato il nuovo servizio Star, su tomshw.it.
  5. ^ Star, la nuova piattaforma streaming di Disney, su fumettologica.it.
  6. ^ (EN) Hulu originals, su hulu.com, Hulu. URL consultato il 9 novembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]