Napster (servizio a pagamento)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napster
URL www.napster.com
Commerciale
Tipo di sito Distribuzione digitale
Registrazione obbligatoria
Proprietario Roxio, Inc
Creato da
Stato attuale attivo

Napster, Lcc (NASDAQ: NAPS) è un provider di musica online della Roxio, Inc che offre una varietà di metodi d'acquisto e di iscrizione. Le vendite modeste sono state confrontate al loro competitore più significativo (iTunes Store della Apple). Il nome dell'azienda e il logo derivano dall'omonimo servizio p2p, chiuso per una serie di azioni legali. Il marchio viene acquistato più tardi dalla Roxio per capitalizzare la popolarità del vecchio servizio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Roxio comprò gli asset del servizio originale nel 2002 e del servizio di musica online pressplay nel 2003, con l'intenzione di usarli per un nuovo servizio di musica legale che permette di rendere disponibili le canzoni con una sottoscrizione o con un prezzo di una canzone base. Il servizio fu chiamato Napster 2.0 in quanto l'ultima versione del peer2peer (proprio la 2.0) era rimasta in betatesting mai concluso a causa della chiusura del progetto. Fu rilasciata una versione beta a New York il 9 ottobre 2003 e entrò in produzione completa il 29 ottobre 2003. Napster 2.0 non è un servizio peer2peer, ma ha mantenuto il marchio del vecchio servizio e alcune funzioni. È il secondo servizio di file sharing ad avere una certa popolarità, lanciato 6 mesi dopo iTunes.

Il servizio di iscrizioni da pc è attualmente disponibile negli Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Germania e Giappone.

Il 27 ottobre 2003, 46 ore dopo il lancio di Napster, il sito posta un comunicato stampa in cui si annuncia che dal novembre 2003 sarà possibile acquistare le "gift card" (valore 14,85 $) presso SaveWay, Rite Aid, Compusa, BestBuy ed ExxonMobil. La carta ha una superficie da grattare che rivela un unico pin da usare per ottenere 15 crediti per il download permanente.

In un successivo comunicato. Microsoft annuncia la nuova versione di Windows XP Media Center Edition, che dal 2004 supporterà Napster 2.0. Nell'ottobre dello stesso anno, Napster, Lcc e Samsung annunciano il Samsung Napster Player, (disponibile esclusivamente negli Stati Uniti in grado di supportare tutti i formati audio, tranne quelli per iPod.

Uno dei primi movimenti è quello in cui ha coinvolto un affare con la Pennsylvania State University, che ha cominciato usando Napster per fornire un'alternativa legale a quella illegale per il download di musica.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Penn State and Napster team up to make legal tunes available to students

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Web Portale Web: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Web