Epcot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'utopico progetto di città del futuro, vedi Experimental Prototype Community of Tomorrow.
Epcot
Epcot logo 2019.svg
Epcot07.jpg
La Spaceship Earth divenuta il simbolo del parco
StatoStati Uniti Stati Uniti
LocalitàOrlando (Florida)
Temicultura, tecnologia
ProprietarioThe Walt Disney Company
Inaugurazione1º ottobre 1982
Estensione1,21 km² (121,41 ha)
Sito webEpcot

Coordinate: 28°22′15.6″N 81°33′00″W / 28.371°N 81.55°W28.371; -81.55

Epcot è il secondo dei quattro parchi a tema di proprietà della Disney Parks, Experiences and Products costruiti presso il Walt Disney World Resort a Bay Lake, Florida e ha aperto come EPCOT Center il 1º ottobre 1982. Il parco si estende su 1,21 k, più del doppio della dimensione del Magic Kingdom.[1] È dedicato alla celebrazione della realizzazione umana, della tecnologia, dell'innovazione e della cultura internazionale, ed è spesso definito come una "Esposizione Mondiale Permanente".[2][3] Nel 2018, il parco ha ospitato oltre 12 milioni di visitatori, diventando il settimo parco a tema più visitato al mondo.[4] Il parco è rappresentato da Spaceship Earth, una gigantesca sfera geodetica.

Il nome Epcot deriva dall'acronimo EPCOT (Experimental Prototype Community of Tomorrow), un'utopica città del futuro pianificata da Walt Disney a partire dagli anni sessanta, ma che nulla ha a che vedere col parco a tema.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Spaceship Earth illuminata di notte
Epcot ha molti fiori, laghi e alberi.

Il concetto iniziale di Walt Disney[modifica | modifica wikitesto]

EPCOT è l'acronimo di Experimental Prototype Community of Tomorrow; una città utopica del futuro progettata da Walt Disney, spesso scambiando "città" con "comunità". Nelle parole di Walt Disney[6]:

«EPCOT prenderà spunto dalle nuove idee e le nuove tecnologie che stanno ora emergendo dai centri creativi dell'industria americana. Sarà una comunità di domani, che non sarà mai completata, ma starà sempre rinnovando e testando, e mostrando nuovi materiali e nuovi sistemi. EPCOT sarà sempre una vetrina verso il mondo dell'ingegno e la fantasia della libera impresa americana.»

La sua visione originale era quella di una comunità modello che sarebbe stata la casa per ventimila residenti e un banco di prova per l'urbanistica nonché l'organizzazione cittadina. Doveva essere costruita a forma di cerchio con le imprese e le aree commerciali al centro, e gli edifici di comunità, scuole e complessi ricreativi intorno ad esso, mentre i quartieri residenziali sarebbero stati costruiti intorno al perimetro. I trasporti pubblici sarebbero stati forniti da monorotaie e PeopleMovers (come quello che sarà costruito in seguito a Tomorrowland nel Magic Kingdom), il traffico automobilistico sarebbe stato mantenuto sotterraneo, lasciando i pedoni al sicuro sul suolo. Il modello originale di EPCOT può ancora essere visto dai passeggeri a bordo dell'attrazione della Tomorrowland Transit Authority, nel parco Magic Kingdom; quando il PeopleMover entra nella stanza dedicata alla Grande fuga di Stitch!, la parte rimanente del modello è visibile sulla sinistra (guardando avanti) dietro a un vetro. Walt Disney non riuscì a ottenere finanziamenti e il permesso di iniziare a lavorare sulla sua proprietà in Florida fino a quando si accordò per costruire il primo Magic Kingdom. Morì quasi cinque anni prima dell'apertura del Magic Kingdom.

Cambio di progetto con la nuova gestione[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di Disney, The Walt Disney Company ha deciso che non voleva entrare nel business della gestione di una città, considerato troppo costoso e rischioso per la compagnia, preferendo costruire un parco a tema con lo stesso nome. Il modello di comunità di Celebration, in Florida, è stato comunque citato come una realizzazione della visione originale di Disney, ma Celebration si basa su concetti di new urbanism, che è radicalmente diversa dalla visione modernista e futurista di Disney. Tuttavia, l'idea di EPCOT è stata determinante nello spingere lo stato della Florida a creare il Reedy Creek Improvement District (RCID) e le città di Bay Lake e Reedy Creek (ora Lake Buena Vista), un meccanismo legislativo che consente alla Walt Disney Company di esercitare poteri governativi sul Walt Disney World. Il controllo sulla RCID spetta ai proprietari terrieri della zona, e la nascita di una città reale nel quartiere avrebbe significato che i poteri del RCID sarebbero stati distribuiti tra i proprietari terrieri di EPCOT. Poiché l'idea di EPCOT non è mai stata attuata, la Disney Corporation è rimasta quasi l'unico proprietario terriero nel quartiere, permettendo così di mantenere il controllo del RCID e le città di Bay Lake e Lake Buena Vista. Le idee urbanistiche di Walt Disney per l'originale progetto di EPCOT sono state utilizzate anche nella costruzione del parco a tema Magic Kingdom, con l'utilizzo dei tunnel sotterranei, chiamati utilidoors, utilizzati per la gestione del parco.[5]

I piani originali per il nuovo parco EPCOT Center mostravano indecisione sulle finalità: alcuni dei progettisti volevano rappresentare la punta di diamante della tecnologia, mentre altri volevano mostrare culture e costumi internazionali. A un certo punto, un modello di parco futuristico è stato spinto contro un modello internazionale di una Fiera Mondiale, e i due sono stati combinati. Il parco è stato originariamente chiamato EPCOT Center. È stato costruito per una cifra stimata tra 800 milioni e 1,4 miliardi di dollari e ci sono voluti tre anni, al momento il più grande progetto di costruzione sulla Terra.[7]

Inaugurazione[modifica | modifica wikitesto]

Il parco venne inaugurato il 1º ottobre 1982 con una cerimonia con bande musicali e ballerini seguiti dal rilascio di 15.000 palloncini e 1.000 colombe. I Sherman Brothers scrissero il tema The World Showcase March creato appositamente per la cerimonia di apertura che venne suonato dall'orchestra condotta da Irwin Kostal. Nonostante l'apertura ufficiale, il parco aveva già ufficiosamente aperto a selezionati ospiti Disney, tra cui i Cast Members, i progettisti, gli operai edili e le loro famiglie, nelle notti dal 28 settembre al 30 settembre. Alla sua apertura il costo di un biglietto giornaliero era di 15 dollari per un adulto e 12 per un bambino.[8]

Dedica[modifica | modifica wikitesto]

Sia Future World che World Showcase hanno avuto la propria cerimonia di inaugurazione con dedica, con la dedica ufficiale di Future World tenutasi il 22 ottobre 1982, World Showcase il 23 e l'intero EPCOT Center il 24[9][10]:

«A tutti coloro che vengono in questo luogo di gioia, speranza ed amicizia: benvenuti. Epcot Center è stato ispirato dal genio creativo di Walt Disney. Qui le conquiste umane sono celebrate attraverso l'immaginazione, le meraviglie dell'intraprendenza e i concetti di un futuro che promette nuovi ed entusiasmanti benefici per tutti. Che l'Epcot Center vi possa divertire, informare ed ispirare. E soprattutto instillare un nuovo senso di fiducia e orgoglio nella capacità dell'uomo di plasmare un mondo che offra speranza a tutte le persone.»

(E. Cardon Walker, 24 ottobre 1982)

Aree tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Epcot è diviso in due principali aree tematiche, Future World e World Showcase.

Future World[modifica | modifica wikitesto]

Piramidi di vetro di Imagination! con le fontane in primo piano

Future World è costituito da una serie di padiglioni che esplorano aspetti e applicazioni innovative tra cui la tecnologia e la scienza e serve anche come ingresso principale del parco e nel quale si trova il più iconico punto di riferimento del parco, la Spaceship Earth, una grande sfera geodetica che ospita un'attrazione a tema all'interno. In origine, ogni padiglione di Future World era caratterizzato da un particolare logo circolare che era visibile sulla segnaletica e le attrazioni stesse del parco. I loghi, compreso quello di Epcot stesso, sono stati eliminati negli ultimi anni, ma alcuni resti sono ancora sparsi in tutto il parco. I padiglioni sono ora invece identificati dal nome e dall'attrazione principale all'interno. I vari padiglioni situati in Future World sono i seguenti:

  • Spaceship Earth
  • Innoventions East
  • Innoventions West
  • Universe of Energy
  • Mission: SPACE
  • Test Track - Un'attrazione molto popolare a tema test automobilistico; durante la fila si segue un percorso tematico all'interno di un enorme locale dove si vedono esempi di tutti i test che vengono realmente effettuati su un'autovettura, si inizia da un esempio del primo car test effettuato con utensili antichi, si prosegue vedendo il test al motore, ai freni, alle gomme, la compatibilità elettromagnetica, la resistenza delle vernici alla corrosione, i test per i sedili e alcune dimostrazioni di airbag esplosi, al termine di questo percorso si entra in una sala per un piccolo pre-briefing al termine del quale si entra nelle macchine-test che sono l'attrazione vera e propria. In ogni macchina ci sono 6 posti e la macchina corre su un binario seguendo un percorso di 1 miglio attraverso il quale passa attraverso la simulazione di tutti i tipi di car-test; nella corsa nell'anello esterno si raggiungono i 65 mph.
  • The Seas with Nemo and Friends
  • The Land
  • Imagination!
  • Wonders of Life/Festival Center

Sponsorizzazioni aziendali[modifica | modifica wikitesto]

Ogni padiglione è stato inizialmente sponsorizzato da una società che ha contribuito a finanziare la sua costruzione e la manutenzione in cambio dell'esposizione dei loghi e di alcuni elementi di marketing in tutto il padiglione. Ad esempio Journey Into Imagination è stato sponsorizzato dalla Kodak (1982-2010)[9], Universe of Energy da Exxon (1982-2004), e The Land è stato sponsorizzato da Kraft (1982-1993), poi Nestlé (1993-2009). Ogni padiglione contiene un'"area VIP" privata per i suoi sponsor con uffici, sale, e zone di ricevimento nascoste ai regolari ospiti del parco. Mentre alcuni padiglioni conservano ancora sponsorizzazioni attive, in questi ultimi anni numerosi padiglioni hanno perso sponsorizzazioni a causa della mancanza di interesse delle aziende partner al rinnovo degli accordi in scadenza. Dopo che General Electric ha lasciato Horizons nel 1993, il padiglione ha chiuso per un paio d'anni, poi è stato riaperto temporaneamente mentre le vicine attrazioni Universe of Energy e World of Motion venivano rinnovate. Horizons ha chiuso definitivamente il 9 gennaio 1999 ed è stato demolito nell'estate del 2000 per fare spazio all'apertura di Mission: SPACE il 9 ottobre 2003. MetLife ha sponsorizzato Wonders of Life nel periodo 1989-2001, e successivamente la zona è stata chiusa. Tuttavia, il padiglione Wonders of Life è ancora in gran parte intatto e viene utilizzato sia per il Flower and Garden Festival che per il Food and Wine Festival. Le sponsorizzazioni attive correnti sono:

  • Test Track è attualmente sponsorizzato da Chevrolet.
  • Mission: Space è attualmente sponsorizzato da Hewlett-Packard.
  • Spaceship Earth è attualmente sponsorizzato da Siemens che sponsorizza anche lo spettacolo notturno IllumiNations: Reflections of Earth.
  • Living with the Land è attualmente sponsorizzato da Chiquita.
  • Le singole piccole attrazioni e mostre all'interno dei padiglioni Innoventions sono sponsorizzati da varie aziende tra cui IBM, Coca-Cola, Velcro e altri.

World Showcase[modifica | modifica wikitesto]

Una ricostruzione in scala ridotta di Piazza San Marco nel padiglione rappresentante l'Italia a World Showcase a Epcot.

World Showcase (letteralmente La vetrina mondiale) è una vasta area che ricorda una esposizione universale permanente contenente 11 padiglioni, ciascuno a tema e dedicato a rappresentare un Paese specifico con tanto di repliche di monumenti famosi in scala ridotta come la Tour Eiffel di Parigi o il Campanile di San Marco di Venezia. I padiglioni circondano la World Showcase Lagoon, un grande lago artificiale situato al centro della World Showcase su un'area di 1,9 km², e contengono negozi di souvenir che vendono prodotti del paese rappresentato e ristoranti che servono piatti dei rispettivi paesi. In una futura espansione alcuni di questi padiglioni avranno anche attrazioni a tema.[11] Ecco i padiglioni in senso orario:

  1. Padiglione Stati Uniti
  2. Padiglione Giappone
  3. Padiglione Marocco
  4. Padiglione Francia
  5. Padiglione Regno Unito
  6. Padiglione Canada
  7. Padiglione Messico
  8. Padiglione Norvegia
  9. Padiglione Cina
  10. Padiglione Germania
  11. Padiglione Italia

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 agosto 2019, all'Expo D23, i funzionari Disney hanno annunciato i piani per i miglioramenti di Epcot. Uno dei cambiamenti più significativi sarà la suddivisione di Future World in tre aree separate:

World Celebration

Descritta come la casa di "nuove esperienze che ci collegano l'un l'altro e il mondo che ci circonda", comprenderà l'ingresso principale rivisto del parco, una Spaceship Earth ridisegnata così come le aree della piazza oltre ad essa. Appena oltre Spaceship Earth ci sarà Dreamer's Point, che includerà una nuova statua di Walt Disney e un centro di festival a tre piani.[12]

World Nature

La parte occidentale di Future World sarà ribattezzata World Nature e si concentrerà sulla "comprensione e conservazione della bellezza, soggezione ed equilibrio del mondo naturale". The Land e The Seas with Nemo and Friends sarà incorporato in questa area, insieme a una nuova attrazione chiamata Journey of Water, che trae ispirazione dal film d'animazione Disney del 2016, Oceania.[12]

World Discovery

La parte orientale di Future World ospiterà le principali attrazioni da brivido Test Track, Mission: SPACE e Guardians of the Galaxy: Cosmic Rewind che rimpiazzerà Universe of Energy. Mission: SPACE verrà ampliato per includere un nuovo ristorante, lo Space 220, che simulerà i pasti a bordo di una stazione spaziale situata a 220 miglia sopra la Terra. Il padiglione Wonders of Life, attualmente chiuso, sarà rinnovato in Play! un'attrazione in cui gli ospiti interagiranno con personaggi Disney in varie attività.[12]

Entro il 50º anniversario del Walt Disney World Resort sono state annunciate altre novità per Epcot[13][11]:

  • un nuovo hotel a tema;
  • un'attrazione ispirata al film Pixar, Ratatouille, simile a quella di Disneyland Paris, che aprirà nella zona France Pavillion al World Showcase;
  • un'attrazione ispirata al film Mary Poppins in arrivo nel padiglione del Regno Unito;
  • Beauty and the Beast Sing-Along, un'attrazione ispirata al film La Bella e la Bestia, nel padiglione della Francia;
  • 360-degree Wondrous China experience in quello cinese;


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Disneyworld.disney.go.com
  2. ^ Epcot Origins (The World Showcase), in D23, 1º ottobre 2012. URL consultato il 22 novembre 2012.
  3. ^ News Update: EPCOT, AT&T Archives. URL consultato il 22 novembre 2012.
  4. ^ Themed Entertainment Association (TEA), TOP 25 AMUSEMENT/THEME PARKS WORLDWIDE (PDF), in TEA/AECOM 2018 Theme Index and Museum Index: The Global Attractions Attendance Report. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 23 maggio 2019).
  5. ^ a b Bob Thomas, Walt Disney: An American Original, Simon & Schuster, 1 ottobre 1976 (prima edizione),1994 (seconda edizione), ISBN 978-0671223328.
  6. ^ Youtube.com.
  7. ^ Jeff Kurtti, Since the World Began: Walt Disney World, The First 25 Years, New York, New York, Hyperion, 1996, p. 89, ISBN 0-7868-6248-3.
  8. ^ (EN) WDW Chronicles: 1982 Opening of Epcot Center, su AllEars.Net, 18 settembre 2012.
  9. ^ a b Official Grand Opening Ceremonies for EPCOT Center at Walt Disney World – D23, su d23.com.
  10. ^ 1982 Grand Opening of EPCOT Center. URL consultato il 28 agosto 2019.
  11. ^ a b (EN) Disney unveils 'historic transformation' of Epcot park in Walt Disney World at D23 Parks panel, su ABC7 Los Angeles, 25 agosto 2019.
  12. ^ a b c FOX, Major changes, new attractions coming to Epcot, Disney announces, su FOX13news, 25 agosto 2019. URL consultato il 28 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 27 agosto 2019).
  13. ^ (EN) Exciting Walt Disney Parks and Resorts Updates at D23 Expo 2017, su Disney Parks Blog, 15 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN226807712 · LCCN (ENsh85044248 · WorldCat Identities (EN226807712
Disney Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di disney